Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria

A don Michele D’Urso: poesia spudorata del Marchese di Caccavone

Posted by on Set 26, 2019

A don Michele D’Urso: poesia spudorata del Marchese di Caccavone

Ohi don Michè, si lo Rre cremente

t’ha fatto colonnello e cavaliere,

io, che sto da lontano e tengo mente,

n’aggio nu sacci e mmiezo de piacere.

Pero’ quann’ire schitto nu tenente,

avive chello che non puo’ cchiu’ avere:

pecchè allora ire chiammato da la gente

lo capaddozio de li puttaniere.

‘Na dragona de cchiu’ t’egne le sacche,

pero’ non da’ forza e nun te ‘ntosta

chello che serve a sfuconà lli pacche!

Ne’ le ffigliole , ohi do Miche’, so ciucce,

a chisto munno, pe disgrazia nosta,

vanno truvanno cazze e no fettucce.

Raffaele Petra Marchese di Caccavone.

fonte https://pulcinella291.forumfree.it/?t=76984672

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: