Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

A SPASSO AL MUSEO DI CAPODIMONTE CON ADRIANA DRAGONI

Posted by on Mag 27, 2020

A SPASSO AL MUSEO DI CAPODIMONTE CON ADRIANA DRAGONI

Adriana Dragoni è un personaggio unico per le sue originali idee come storica dell’arte e come critica d’arte che fa del suo pensiero libero e alla mancata appartenenza al nutrito club degli studiosi salariati, il suo punto di forza.

Adriana si considera una napoletana doc e una fervente borbonica ma per la sua onesta intellettuale e per aver scritto il libro bomba “LO SPAZIO A 4 DIMENSIONI NELL’ARTE NAPOLETANA” è stimata e rispettata anche dagli ambienti liberal giacobini, composti dagli italiani nati a Napoli per intenderci.

Conosce a mena dito ogni pietra ed angolo dei Musei Storici Napoletani e le sue analisi, come i suoi studi, sugli autori e sulle mostre che si alternano di volta in volta a Napoli sono figlie della sua grande cultura nel mondo dell’arte e contengono aspetti antropologici e storici che rendono i suoi scritti unici, non convenzionali e non conformisti.

Non ha paura a relativizzare nomi di artisti altisonanti, se lo meritano, come quelli poco conosciuti, al contrario non lesina giudizi positivi senza risparmiarsi nella passionalità se l’artista, con le sue opere, l’ha emozionata particolarmente.

Adriana considera il Palazzo Reale di Capodimonte la sua seconda casa e non ci meraviglieremo se un giorno la troviamo insignita del titolo di Direttore Onorario del Museo per tutto quello che fa come divulgatrice e diffusione della Perla Borbonica a Napoli e nel mondo come si evince dai numerosi suoi articoli che ci permette di pubblicare, per questo la ringraziamo, e di come si mette a disposizione come guida quando c’è una mostra da vedere.

In una delle tante visite in cui Adriana s’è messa a disposizione in quella dedicata a Picasso su Napoli che abbiamo ripreso montando le sue spiegazioni in un docufilm, di seguito riportato e che, nonostante non sia professionale e pieno di imperfezioni, merita di essere visto.

Claudio Saltarelli

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.