Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria

Ancora poesie di Ferdinando Russo

Posted by on Mag 25, 2018

Ancora poesie di Ferdinando Russo

Per il rincaro del Pane

— In verità, mio caro don Girmelo,
stu Municipio nostro è nu mistero !
E giallo ? E verde ? E russo ? E bianco ? E nero
E stammo nterra, o pure stammo in cielo ?

Se ci stess* io, te lo squarciassi, il velo !
Non fo per dire, sono un uomo intero !
Saccio addò vaco ! Penzo col penziero !
Ma co sta ggente qua ? Si butta il fielo !
Mò che ognuno vi aspetta ogni momento,
pel rincaro del pane, e il fatto è grave,
apritevi ! Mostrate l’argomento !..
Ma nient’ affatto ! E mmiezo a ttanta mbruoglie,
il sindaco, che tiene ambo le chiave,
sta facenno me cuoglie e nun me a toglie !
So’ cose forte ! Io ti domando e dico :
tu con chi stai? Sei prete, o sei soldato?
Tu stai allerto, o vuò restà assettato?
Me vuò trattà da amico o da nemico?
L’interpellate, e chillo vota vico !
Credete d’acchiapparlo, e s’è squagliato!
Sol’ io, credo d’averlo indovinato :
se lui parlasse, addio piede di fico !
Caro mio, qua la bussola si è perza!
Si vogliono servi’ troppi patroni!
Io mi faccio le croci a manosmerza !
E se poi sferro ? ’A dico, o cruda o cotta t ?
Vorrei sapè da sti galantomoni
se si tratta di pane o… di pagnotta!..

 

e’ comme è brutta la vecchiaia

 

Addio fremiti palpiti della mia giovinezza.
Addio soavi smanie della passata ebbrezza .
Oh , come gli anni volano!
Tutto nel mondo invecchia.
Ed or anche quell’organo
s’è fatto na pellecchia!
Passa la bionda vergine,
io stendo a lei le braccia,
ella, con piglio ironico,
guarda e me ride ‘nfaccia!
Poi dice, compiangendomi:
“smetti la folla idea, o vecchio mio,
rassegnati, tutto te pennolea!
A quell’insulto caustico
mi si ribella il core,
e cerco , allora, con impeto
l’antico mio bollore!
Ma trovo, inesorabile
sempre la stessa angoscia,
mi sento sempre tremulo,
me volle la paposcia.
Oh, dove sei, o riorida
alba di primavera?
Cantava e rispondeami
la vispa capinera.
E’ fatta anch’essa mutola
e la mia vita istessa
e sonnolento e languido
m’addormo ‘ncoppa ‘a fessa!

ad un amico:nun c’è parola p’o paragona’

utt’e mmaleparole ca ce stanno
nce l’aggio tutte ditte , ma che ssa’
me pare ca nisciuna e lloro fanno
chill’effetto ca pure avesse fa.
L’aggio ditte si’ strunzo, nun vaie niente
si na mappata e pirete augliuse,
ch’he mise a coppa e chiaveche e ‘e fetiente,
ca si pure nu poco defettuse
cu ‘e rrecchie beninteso, ma che saccio, tutte
sti ccose pare ca so zero,
me sforzo inutilmente e che ne caccio?

Nun ce riesco e nun me pare ‘o vero…
Mo’ sa che faccio?Scrivo a qualche autore,
o scrivo a chi saccio a Montecitorio,
lle dico:ve lo chiedo per favore,
tenisseve qualcosa in repertorio:
na parola cchiu sporca c’arrivasse
almeno in parte p’o paragona’?
E a risposta è venuta:”fanne passo”
Nun o perdere ‘o tiempo, nun ce sta!

 

fonte

https://pulcinella291.forumfree.it/

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: