Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria

“BRIGANTI TRA MUSICHE E STORIE” CON I CONTRORA E RAIMONDO ROTONDI

Posted by on Ago 16, 2018

“BRIGANTI TRA MUSICHE E STORIE” CON I CONTRORA E RAIMONDO ROTONDI

Certe volte pensi ma perché accadono certe cose? Perché si susseguono i fatti in un certo modo per arrivare ad un qualcosa di veramente speciale? è il pensiero che ci attanaglia dopo la sera del 2 di agosto e che è meglio liberarcene il prima possibile lasciando spazio alle emozione che sono rimaste scolpite nel nostro animo.
Normalmente dopo ogni evento dedichiamo le prime righe ai ringraziamenti per i protagonisti ma questa volta nonostante in tanti meriterebbero delle menzioni speciali per la creazione e per la riuscita della serata, citiamo soltanto i “Controra” e Raimondo Rotondi che hanno rappresentato per la prima volta uno spettacolo che replicheremo il 7 di settembre a San Lorenzello.

La più vera protagonista della serata comunque è stata la “Madonna S. Maria in Grotta” che ha voluto che si tenesse la serata nella sua casa infatti non solo ci ha guidati nella sua creazione ma ha permesso che si realizzasse. Fino a qualche minuto prima tutta la zona è stata interessata da un violento temporale tranne il pezzettino di terra dove c’è la chiesa e dove s’è tenuta la serata. Da tutta la Terra di Lavoro e dal Regno sono venuti ad ammirarla e a vivere le emozioni che potrete ammirare nei video di seguito pubblicati in ordine cronologico. Non vedrete la recitazione di Raimondo su Cosimo Giordano perché il file è danneggiato ma pubblicheremo il testo scritto anche se ovviamente non trasmetterà le stesse emozioni.

Potrete ammirare anche le foto scattate da Maya Tedesco dopo quelle gia pubblicate da Fiorentino Bevilacqua.

 

 

 

FOTO DI MAYA TEDESCO DELLA CHIESA RUPESTRE DI SANTA MARIA IN GROTTA DI RONGOLISE

Cosimo Giordano non in video

Seppucce y glie Bregante Coseme Capurale

 

Cumme me chiame? Eusebio Tacinelli stà scritte alle carte, ma iécche me chiamene Seppucce, y so’ Seppucce ra chiù re quarant’anne. A veré ne sò già viste tante y mó, che tutte chélle che st’a succère, ne stò a veré ancora ne mare.

Una ve la tiénghe pruopia raccunta’.

So’ ne zappatèrra, chést’è la vita méa. M’arrizze ch’è ancora scure y m’abbìe pe Palladine addó tiénghe na lènza re tèrra che m’è rate chélla bonanema re Ré Ferdenande Nuostre, che possa sta’ ‘ngloria ‘glie Pat’Atèrne. Glie vularrime bène nu’ a Ré Ferdenande. Quanne vénne qua, era glie 1852, faciémme na fèsta c’ancora se la recordene tutte quanta. Na persona cumm’a chélla quanne renasce? C’è rejalate la tèrra y pure co’ solde. Che vuo’ re chiù?

Chisse ch’ènne arrevate mó nen ce so’ buone. Stann’a fa’ n’accesaglia y è tutte ne fréga fréga. Chisse so’ anemale pazze, ma pazze alle buone. Ènne schianate du’ paise y chisà quanta n’ènne accise. Puo’ s’ènne ite pur’a vénne l’ore fregate aglie muorte. Po’ èsse gènte bona?  Haglie paura pure pe sta cica re tèrra. Iésse cò juorne t’arriva cocune re chisse nuove y te rice: “Chést’è ròbba méa y zitta!”. È già succiése. Chiglie ch’èrene fatiate la tèrra, ra glie tiémpe re glie nonne re glie nonne, se n’ènnuta i’ che na mane annanze y na mane arrète. Chiglie ch’ènne pruvat’a parla’ gli’ènne fatte sicche, mettènne scusa ch’èrene Bregante. Famiglie sane sane, ciérte vòte. Nen ce so’ buone, pruopia pe niènte.

Y tutte chésse légge ch’ènne misse? Nen me faciate parla’ pe niènte. Po’ èsse maie ca ì me tiènga partì pe fatia’ na jurnata sènza manche ne mucceche re pane appriésse, perché hanne paura che port’a magna’ aglie Bregante? Me tocca fatia’ all’addejune perché glie suldate so’ capace r’accirete pe ne tuozze re pane. Prima qua a Palladine tenéva na paglièra re stramma y, co’ vota, me ce pure addurméva quanne me se facéva truoppe scure pe rejì alla casa. Mo’ me l’ènne fatta spalla’ y, se me se fa tarde, me tiénga abbia’ a scure a scure, a rische re repetunnarme attèrra a co’ fuosse.

Ma tutte chéste vu’ già le sapéte. Chélle che ne sapéte è ca ne juorne glie so’ viste pruopia glie Bregante, chiglie vére, chiglie che revulissene glie Ré re prima. Y quanne revè, puzzate sta’ buone?

Ne juorne stév’a zappa’ a Palladine, cumm’a sèmpe, quanne sentive juste ne sfricceche, quanta ca me l’addunive. Me ìv’a regera’ y ce stévene co’ vinte uommene a cavaglie, tutte che ciérte scuppettune che mettévene paura sul’a uardaglie. Vulésse sape’ cumm’èrene fatte p’arreva’ allescì zitta zitta sènza farese adduna’. Marònna Santa: glie Bregante! Reventive ghianche cumm’a ne lenzuole passat’a la lescivia. Me stéva quasce a muri’ re paura quann’une parlètte y résse: “So’ Coseme glie Capurale. Nen avé paura ca nen te facce niènte. Me tiéra fa’ sule ne servizie. Tiéra ì ‘ncim’a la Banca y tiéra rice a chigli’anemale ‘glie uardiane che me manna cinche presutte y diéce pagnotte re pane. Va’ y sbrighete.”.

La Banca, tenata sape’, è ne fonde ruosse c’apparte’ a na cuntéssa che, me sa, nen c’è venuta maie a passa’. Cummanna ne uardiane ch’è pruopia n’anemale y chiane chiane se st’a frega’ tutte.

Loche me mannètte glie Bregante Capurale y loche ive. Glie uardiane, che te le riche a fa’, resicce cumm’è me rètte sule du’ presuttiéglie y cinche piézze re pane. Coseme Capurale, cumme verètte chélla poca robba, s’encazzètte cumm’a na bèstia y me résse: “Reva’ a chiglie y diglie ca se nen me manna n’ate diéce presutte y vinte pagnotte re pane vaglie loche y glie scanne, a isse y a chélla zoccula che ce sta ‘nsiémmera”.

Allescì facive. Ce vuliénne n’ate tré persone pe caria’ tutta chélla robba. Coseme, però, remanètte cuntiénte. Me rejalètte pure ne presutte y du’ biéglie piézze re pane. Alla fine, nen sacce cumme faciénne, re botta nen ce stévene chiù, viste y nen viste, sènza manche ne sfricceche.

Ì me ne ive alla casa che chiglie biéglie presutte y, na vòta tante, magniémme buone. Può rice ca glie Bregante so’ cattive.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: