Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria

Generale Joaquín Murat. Mi chiamo Francisco Alcalá, e sono spagnolo! Sei pronto…

Posted by on Dic 13, 2018

Generale Joaquín Murat. Mi chiamo Francisco Alcalá, e sono spagnolo! Sei pronto…

La storia del Murat, specialmente la parte finale: sbarco, cattura, fucilazione e sepoltura, è stata falsificata, cambiata ed omessa dai giacobini di ieri e di oggi. Un passaggio molto importante, quasi nessun libro in Italia lo riporta, mentre in Spagna si studia nelle scuole. Famosa in questo Nazione è la frase che pronuncia l’Alcalà prima che il Murat fosse giustiziato. Questo storico passaggio risulta nell’importante relazione che l’Alcalà ha inviato alla Casa d’ Aragona in Spagna.

Dopo il processo e la condanna alla pena capitale, spetta a Don Francisco Alcalá, rappresentante del Duca dell’Infantando, ad accompagnare Murat e a portarlo davanti al plotone di esecuzione. È il 13 ottobre 1815. Nel farlo, ricordando le esecuzioni ordinate da Murat a Madrid 1808 (Il genocidio), Alcalà si presentò dicendo:

Generale Joaquín Murat, mi chiamo Francisco Alcalá, e sono spagnolo! Sei pronto a morire?

In questa semplice frase “sono Spagnolo” racchiude tutto il dramma e il dolore di questo popolo, e il compimento di una Giustizia Divina.

Storica incisione spagnola dell’epoca, in cui si contrappongono due esecuzioni, quella in basso del “dos de Mayo”, detta anche la Montagna del principe Pio a Madrid, e quella in alto, la fucilazione di Joachim Murat a Pizzo nel Regno delle Due Sicilie . Il titolo di questa acquaforte è “Quien à cuchillo mata, à cuchillo muere”.

( Traduzione: Chi con coltello uccide, con il coltello muore).

Notiamo l’immagine superiore dove c’è Murat. Prende tre quarti dell’incisione, come per evidenziare l’importanza dell’evento e dare un significato altamente spirituale, “il compimento di una Giustizia Divina”.

Poesia riportata sotto dell’incisione

A Madrid llenò de pena,

en el dia dos de Mayo,

el mismo a quien hoy condena

la ley a ser fusilado.

De su eniquidad halló

Ya Murat el yusto pagò;

asi al Cielo castigò

el furor di este tirano

Traduzione:

Un Madrid pieno di tristezza.

Il giorno del due di Maggio,

lo stesso che oggi condanna

la legge, ad esser fucilato.

Della sua iniquità trovò

li Murat il giusto pagò;

così il cielo castigò

il furore di questo tiranno.

El Bando de Murat

Come risultato della rivolta che si è verificata il 2 Maggio 1808 contro l’occupazione militare della penisola, per parte del Cabochard, il suo viceré in Spagna, il vile Murat mette in atto una campagna repressiva crudelissima, che giorni dopo sarà pubblicata attraverso una bando infame, che non è altro una dichiarazione di uno stato d’assedio.

José Blas Molina Soriano

Los Cantores del Dos de Mayo

I cantori del due di Maggio

Così erano definiti tutti gli scrittori e poeti che hanno narrato quei tragici avvenimenti. Molti erano gli autori, che hanno sviluppato una copiosa letteratura tra di essi vi erano personaggi illustri.

SONETO

A LA MUERTE DE JOAQUÍN MURAT

Ese que yace en la sangrienta arena

espantoso cadáver destrozado

fue siervo obscuro intrépido sold[ado]

caudillo de las águilas del Sena.

Por él la gran Madrid de horrores [llena]

su celo y su valor vio castigado

cuando ministro de un feroz malvado

los nudos de amistad trocó en cadena.

Rey se llamó en Parténope, su intento

fue del Apóstol trastornar la silla

y alcanzar de los Césares victoria.

Vedle añadir al mundo un escarmiento,

ved como el cielo su soberbia humilla

y confunde en oprobio su memoria.

Leandro Fernández de Moratín

Traduzione:

Sonetto

ALLA MORTE DI JOAQUÍN MURAT

Quello che giace nell’insanguinata arena

spaventoso cadaver lacerato

fu servo oscuro e intrepido sol[ado] (assoldato)

capo delle aquile della Senna.

Per lui la grande Madrid degli orrori [piena]

il suo zelo e suo valore vide castigato

quando ministro di un feroce malvagio

i nodi dell’amicizia cambiò in catena.

Re fu chiamato in Partenope, il suo tentativo

fu dall’apostolo sconvolgere la sedia

e raggiungere la vittoria di Cesare.

Vide aggiungere una lezione al mondo,

guarda come il ciel la sua superbia umilia

e confonde in obbrobrio la sua memoria.

Leandro Fernández de Moratín

EL DOS DE MAYO DE 1808

HIMNO

Día terrible lleno de gloria

lleno de sangre, lleno de horrores

nunca te ocultes a la memoria

de los que tengan patria y honor.

Este es el día que con voz tirana

Ya sois esclavos la ambición gritó;

y el noble pueblo, que lo oyó indignado,

Muertos sí, dijo, pero esclavos no.

El hueco bronce, asolador del mundo,

al vil decreto se escuchó tronar:

mas el puñal que a los tiranos turba

aun mas tremendo comenzó a brilla

Ay como viste tus alegres calles,

tus anchas plazas, infeliz Madrid,

en fuego y humo parecer volcanes

y hacerse campos de sangrienta lid

La lealtad, y la perfidia armada,

se vio aquel día con furor luchar;

volviendo el pueblo generosa guerra

por la que aleve le asaltó en su hogar

¿Y a quién afrentas proponéis, tiranos?

¿a quién al miedo imagináis rendir?

¿al fiel Daoíz, al leal Velarde,

que nunca saben sin honor vivir?

El mundo aplaude su respuesta hermosa:

tender el brazo al tronador metal,

morir hollando sus contrarios muertos,

y ser de gloria a su nación señal.

Temblando vimos al francés impío,

que en cien batallas no turbó la faz,

de tanto jóven, que sin armas fiero,

entre las filas se le arroja audaz.

Víctimas buscan sus airadas manos

pero el error les arrancó el puñal;

y ¡ay! que si el día fue funesto y duro,

aun más la noche se enlutó fatal.

Noche terrible, al angustiado padre

buscando el hijo que en su hogar faltó,

noche cruel para la tierna esposa

que yermo el lecho de su amor se halló,

noche fatal, en que preguntan todos,

y a todos llanto por respuesta dan,

noche en que frena de la Parca el fallo,

y ¡ay! dicen todos, ¡quiénes morirán!

Sensibles hijas de la hermosa Iberia,

pues sois modelos de filial piedad,

los ojos, llenos de ternura y gracia,

volved en llanto a la infeliz ciudad:

Ved a la muerte nuestros caros hijos

entre verdugos el traidor llevar;

y el odio preste a vuestros ojos rayos,

si de dolor ya no podéis llorar.

Esos que veis, que maniatados llevan

al bello Prado, que el placer formó,

son los primeros corazones grandes

en que su fuego libertad prendió:

Vedlos cuan firmes a la muerte marchan,

y el noble ejemplo de morir nos dan;

sus cuerpos yacen en sangrienta pira,

sus almas libres al Empíreo van.

Por mil heridas sus abiertos pechos

oid cual gritan con horrenda voz:

«Venganza hermanos: y la madre España

nunca sea presa del francés feroz».

Entre las sombras de tan triste noche

este gemido se escuchó vagar,

gozad en paz ¡oh, del suplicio gloria!

Que aun brazos quedan que os sabrán vengar.

¡Noche terrible, llena de gloria,

llena de sangre, llena de horror,

nunca te ocultes a la memoria

de los que tengan patria y honor!

Juan Bautista de Arriaza y Superviela

Traduzione:

IL DUE DI MAGGIO DEL 1808

Inno

Giorno terribile piena di gloria

pieno di sangue, pieno di orrori

non nascondere mai dalla memoria

di coloro che hanno una patria e onore

Questo è il giorno che con la voce del tiranno.

Sei già schiavo, l’ambizione gridò

e il nobile popolo, che lo ascoltò indignato,

morto sì, disse, però schiavo no!

Il cavo di bronzo, devastatore del mondo,

Il vile decreto fu sentito tuonare:

la folla di più il pugnale quello per i tiranni,

ancora più tremendi cominciarono a brillare.

Oh come hai visto le tue strade felici,

le tue ampie piazze, infelice Madrid,

nel fuoco e nel fumo assomigliano ai vulcano

a fare campo a questa sanguinosa disputa.

Lealtà, a perfidia armata,

quel giorno fu visto con accesi scontri;

donando alla gente una guerra generosa

perchi con tradimento assaltò la sua casa

E chi stai insultando, tiranno?

A chi teme immagini di rendere?

Il fedele Daoíz, il fedele Velarde,

Chi non sa mai senza onore vivere?

Il mondo applaude la tua bellissima risposta:

tendere il braccio al tuonante metallo,

muori calpestando i tuoi nemici morti,

ed essere di gloria al segno della tua nazione.

Tremando abbiamo visto l’empio francese,

che in cento battaglie non turbò la faccia,

di tanti giovani, che senza armi feroci,

tra le file è audacemente lanciati.

Le vittime cercano con le loro mani arrabbiate

ma l’errore strappò loro il pugnale; e

oh! Che se il giorno era brutto e duro,

ancora più la notte piangeva fatalmente.

Una notte terribile, angosciato il padre

cercando il figlio che mancava nella sua casa,

notte crudele per la tenera moglie

che ha sprecato il letto del suo amore trovato,

notte fatale, in cui tutti chiedono,

e a tutti i pianti per la risposta che danno,

notte quando il fallimento della morte si ferma,

e oh! dicono tutti, chi morirà!

Figli sensibili della bella Iberia,

perché tu sei un modello di pietà filiale,

gli occhi, pieni di tenerezza e grazia,

ritorna in lacrime alla città infelice:

Guarda i nostri cari figli morte

tra i carnefici che il traditore deve portare;

e l’odio presta ai tuoi occhi i raggi,

Se dal dolor non puoi piangere

Quelli che vedi, quelli ammanettati portano

al bel prato, quale piacere si è formato,

sono i primi grandi cuori

in cui ha preso fuoco la sua libertà:

Guarda come sono decisi a morire,

e il nobile esempio di morire ci danno;

i loro corpi giacciono nella pira sanguinante,

vai le tue anime libere all’Empireo.

Per mille ferite i nel suo aperto petto

ascolta quelli che piangono con una voce orribile:

«Fratelli della vendetta: e la madre Spagna

mai essere preda del feroce francese ».

Tra le ombre di una notte così triste

questo gemito si udì vagare,

rallegrati nella pace, oh, della gloria del tormento!

Rimangono anche le braccia che sapranno vendicarti.

Notte terribile, piena di gloria,

pieno di sangue, pieno di orrore,

non nascondere mai dalla memoria

di quelli che hanno una patria e onore!

Juan Bautista de Arriaza y Superviela

Oda al Dos de Mayo (1866)

“Oigo, patria, tu aflicción,

y escucho el triste concierto

que forman, tocando a muerto,

la campana y el cañón…

Traduzione:

Ode al due maggio (1866)

“Ho sentito, la patria, la tua afflizione,

e sento il triste concerto

quella forma, toccando a morto,

la campana e il cannone….

Bernardo López García

Redatto da:

Luca Sartori José Blas Molina Soriano – Il gruppo La Fedessima

La Fedelissima – gruppo

Read More

La vera storia di Luisa Sanfelice e dei suoi compagni

Posted by on Dic 7, 2018

La vera storia di Luisa Sanfelice e dei suoi compagni

di Roberto Maria Selvaggi

Nel 1847 un decreto reale comunicava al paese che il Ministro delle Finanze Ferdinando Ferri era stato ritirato e sostituito con il Cavalier Giustino Fortunato. Il decreto in questione chiudeva la lunga, sorprendente e disinvolta carriera di un personaggio che fu protagonista, nella sua vita, di importanti avvenimenti storici.

Read More

Card. Ruffo i Sanfedisti e Fernando Riccardi ad Atina

Posted by on Nov 26, 2018

Card. Ruffo i Sanfedisti e Fernando Riccardi ad Atina

L’ Ass. Id. Alta Terra di Lavoro in collaborazione con la Biblioteca comunale di Atina e con il patrocinio del Comune di Atina ha presentato il libro sull’epica impresa della marcia dei Sanfedisti guidata dal Card. Ruffo nel 1799 scritto da D. Petromasi nel 1801. Relatore unico e autore del saggio introduttivo, è stato lo storico Laborino Fernando Riccardi, di seguito i video integrali della sua relazione.

Read More

Un’altra occasione per parlare di Fra Diavolo

Posted by on Nov 18, 2018

Un’altra occasione per parlare di Fra Diavolo

I documenti originali sulla esecuzione e sui funerali di Fra Diavolo, la cui riproduzione è qui riportata, sono conservati nell’Archivio Diocesano di Napoli e sono (finalmente!) consultabili dai ricercatori e dagli amanti della Storia. Una volta non era così: erano secretati e solo qualche “figlio della gallina bianca” vi poteva accedere.

Read More
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: