Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria

FRA DIAVOLO, SCHERZO A CARNEVALE di RINO RELLI (12)

Posted by on Mar 18, 2019

FRA DIAVOLO, SCHERZO A CARNEVALE di RINO RELLI  (12)

1

Le maschere escono (13) ballando. (Sull’aria della Carmen)

Coro:                      Viva, viva Carnevale, cantiam tutti con amor

Viva il nume del liquore che ci fa sempre cantar.

Onori rendiamo a te Carnevale

Con blande canzoni le danze tue intrecciamo.

Con tazze e bicchieri, con te noi brindiam.

Gran nume del piacere te solo adoriam.

Lui con l’orgia e con il riso ci trasporta in paradiso.

Bis°.

Oh Carneval giocondo quando passi tu

Ride il cielo, ride il mare, gaio di gioventù

Piedimonte e una canzone che noi qui canterem

È una malia è una follia

Per noi bella è l’allegria e ci infischiam del mondo intero.

È Carnevale. Questo si fa.

Signora:                             Si sente bussare alla porta, ma non diamogli retta, cantiamo.

[Coro]                                Tutti i dolori per noi niente son. Inneggiamo cantiamo

                                           L’ eterne tue canzon

                                           Per noi bella è l’allegria e vogliamo sempre cantar

                                           È Carnevale, vogliam cantar.

Sig.ra:                                 Di nuovo si sente bussare alla porta, vediamo

                                            chi è questo volgare insultatore che insiste di

                                            entrare  qui a rompere la nostra compagnia.,

                                            lo facciamo entrare? 

Tutti:                                   Si, si, facciamolo entrare.

2-

Uno:                                  Avanti, entrate.                                                                                                                                                               

Spagnolo:                          C’è permesso?

Tutti:                                  Avanti.

Spagnolo:                          Sono entrato qui attratto da questo rumoroso baccano

                                           E vedo che proprio voi ne siete gli autori

                                           Mi permettete che vi esprima il mio giudizio ?

Tutti:                                  Avanti, spiegatevi.

Spagnolo:                          Voi inneggiate ad un dio falso e bugiardo il quale è questo

                                           Carnevale, mito a me sconosciuto. Inneggiate piuttosto ad un

                                           Uomo che fra poco lo vedremo giungere in mezzo a noi

                                           Per chiedervi un po’ di ospitalità.

Uno:                                   E chi è costui ?

Spagnolo:                           È Fra Diavolo, amici, evviva Fra Diavolo.

                                           O bella, nessuno mi risponde? Ebbene, fra poco lo vedrete

                                           E imparerete ad amarlo.

(rullano i tamburi)

Fra Diavolo:                     Tremate, tremate. Spalancate gli abissi. Sono io che sorgo

                                           Dal regno delle pene. Tremate, tremate.

(Si balla)                             ………………………………………………

Capo sala:                         Oggi mi sembra giornata delle meraviglie, ora col C’è permesso ?”

                                           Ora col “Tremate”. Signore, a nome di tutti vi dico: Chi siete e che

                                           Cosa Volete ?”

Fra Diavolo:                      Appunto. In poche parole vi spiego tutto. Il nome mio è noto a tutti

                                           Ed eccomi pure in mezzo a voi per un istante a festeggiare  questo

                                           Carnevale che non è stato festeggiato [mai] con tanto splendore come

                                            [in] questo anno. Da elegantissime maschere mi vedo circondato

                                            E vorrei per sempre restare in mezzo a voi, ma, ahi sorte crudele

                                            Che mi perseguita, è che io nel più bello della mia vita debbo

                                            Abbandonarvi per procedere per altre regioni, ma prima che io

                                            Vi abbandoni ascoltate con attenzione la mia parola. Io voglio 

                                            Cantarvi il mio carme, il mio preferito madrigale.

3-

(Canta Fra Diavolo)

                                           Quell’uom dal fiero aspetto guardate sul cammino               Re m.

                                           Lo stocco ed il moschetto ho sempre a me vicin,

                                           Guardate il fiocco rosso che io porto sul cappello

                                           E di velluto indosso ricchissimo mantel.

                                           Tremate, fin dal sentir del tuono                                             La.

                                           Che dell’eco viene il suono. Diavolo, Diavolo, Diavolo…

Si balla.                              ………………………………………………..

Fra Diavolo:                       Se do minaccia spesso a chi guerra mi fa

                                            Di me verso il bel sesso un più gentil non v’è…

                                            Più di una che io sorpresi la Nina lo può dire

                                            Tornata al suo paese col cuor pien di sospir.

Nina:                                   Tremate, dinanzi a lui sapete

                                            Quel che ognun di noi ripete Diavolo, Diavolo, Diavolo…

Un Cavaliere:                      Amici, ora che abbiamo conosciuto il caro Fra Diavolo,

                                             Cantiamoci inni, e brindiamo alla sua dipartita.

Tutti:                                     Si, si facciamoci brinnisi…

                                              Si,  facciamoci brinnisi.

Una donna:                          Attenzione ai bicchieri !

Tutti in coro: (sul motivo di piccolo vagabondo )

                                           Viva viva Fra Diavolo, Uomo pieno di conforto

 Prima che lo abbandoniamo  vogliamo a lui brindare

 Con l’orge e l’allegria cantiam le sue canzoni

 Viva viva Fra Diavolo ed il suo buon umore

 Viva il bandito Fra Diavolo, uomo sempre spensierato

 Cosa importa che sei bandito? Tu sollevi i nostri affanni

 Siamo nati per morire, con te vivere beato

 E felice per mille anni, per mille anni

 Tu ci trasformi(14) con ebbrezza, la tua eterna contentezza,

 Tu ci trasformi con ebbrezza, la tua eterna contentezza.

Balletto                                            ………………………………………………..

Tutti in coro:                      Tu ridoni ai nostri cuori,tu ridoni ai nostri cuori

 La dolcezza e l’esultanza, la dolcezza e l’esultanza,

 Ravvivi i nostri amori, con la fe’, con la speranza

 Tu col dolce tuo sorriso, ci trasporti in paradiso …           Bis

4-

(Quartetto della Lucia di Lammermoor)

(Canta Fra Diavolo)    

                                           Grazie, grazie a voi pure, miei seguaci spensierati,

                                           Degli elogi che voi fate, a me nume, a me nume del piacere.

                                           Viva le maschere,

                                           Amici evviva, evviva l’armonia, amici evviva, evviva il buon umore

                                           Viva il buon umore.

Tutti:                                  Viva il liquor, Viva viva l’amor

                                           Noi non siamo le maschere Tal proprio segnate,

                                           Siamo esse ammirate sul suolo e sul mare…

(Brinneso)

Fra Diavolo:                       Viva, viva il liquor,  viva l’amor…

Tutti in coro:                       Per questo bel signore nostro compagnone maschere allegre

                                            Siamo, Beviam, beviam, beviam,

                                            I calici ricolmi di questo bel liquore                                    Fa mg.

                                            Tutto d’un fiato vogliam tracannar

                                            Evviva Fra Diavolo.

Solo fra Diavolo:                Evviva voi tutti, lo sapete, perché no?

                                            Perché col bel liquore previen l’orgia e cantare

                                            Maschere allegre siamo beviam, beviam, beviam.

Tutti:                                   Perché col bel liquore previen l’orgia e cantare

                                            Maschere allegre siamo beviam, beviam, beviam.                                                                                                                                                              5-

                                             Con i liquori belli, belli e scintillanti

                                             Che nelle coppe limpide, limpide e brillanti

                                             Evviva, evviva l’armonia, l’allegria, il buonumor

                                             Evviva, evviva l’allegria, l’armonia, il buonumor.                (Bis)

                                             Or che noi siamo in buon umore, in buon umore

                                             Ti salutiamo Fra Diavolo con cuore

                                             Evviva, evviva , evviva il Fra Diavolo, il Fra Diavolo, il Fra Diavolo.

                                             Or che siamo in buonumore, evviva il liquore

                                             E di casa il buon padrone.

                                             E a questo eccelso nume facciamogli onor.

Quadriglie                           ……………………………………

                                                                                                                    Firma indecifrabile.

————–

1- Cfr. O. Casale –a cura di– Canti carnascialeschi napoletani, Roma, Bulzoni, 1977. 2- Da G. Miranda, Breve storia del Carnevale a Napoli, Napoli, 1893, in AA. VV., Monumenti e miti della Campania, Felix. Le feste, Napoli, Pierro, 1996, pp. 63-76)   3- Cfr. P. Toschi, Le origini del teatro italiano, Torino, Boringhieri, 1976. A. Rossi, R. De Simone, carnevale si chiamava vicienzo, Roma, De Luca, 1977. 4- D. Marrocco, Piedimonte. Storia – Attualità, Napoli, Treves, 1961, pp. 404 e 406-7. 5- Cfr. documenti in F. Barra, Cronache del brigantaggio meridionale. 1806-1815, Napoli, SEM, 1981, pp. 297-301 e in P. Pecchia, Il Colonnello Michele Pezza,( fra Diavolo), Fondi, Kolbe, 2005, pp. 21-91. 6- R. Di Lello, Briganti in Irpinia al tempo dei Borbone, in “Otto pagine”, Avellino, L’Approdo Ed., XIII (2007) 222, p. 19;  228, p. 7;  235, p. 7; 242, p. 9. 7- Cfr. documenti in P. Pecchia, pp. 226,228 e 231. Cfr. altresì B. Amante, Fra Diavolo e il suo tempo, Firenze 1904 – Napoli, ABE, 1974, pp. 370-372. 8 Cfr. P. Pecchia, pp. 181-191. Id., Cimeli di frà Diavolo. Memorie del bicentenario della morte di Michele Pezza (1806-2006) Fondi, Kolbe, 2009, p.70. 9  Cfr. G. Dauli, Fra Diavolo, Milano, Aurora, 1934,  p. 174) 10- Cfr. AA.VV., Brigantaggio Lealismo Repressione, s.l., Macchiaroli, 1984, pp. 302-303, n. 622;  307, n. 631; 308-309, nn. 633-635; 310, n. 640. 11- Fornitomi in fotocopia con le musiche, per la pubblicazione, dalla professoressa Netta Antonucci da Piedimonte, la quale l’ebbe, quando prese parte a una recita, nel 1967. 12- Pseudonimo di Gennarino Caprarelli. 13- Modo di dire che allude all’uscita sulla scena. 14- Forse da leggere: trasfondi, anche nel verso seguente.

fonte http://www.visitaitri.it/rosario_di_lello.htm

Read More

FRA DIAVOLO IN UNO SCHERZO A CARNEVALE

Posted by on Mar 14, 2019

FRA DIAVOLO IN UNO SCHERZO A CARNEVALE

Origine e implicazioni antropologiche a parte, il Carnevale ha inizio il 17 gennaio giorno di Sant’Antonio, e ha termine nella Quaresima, periodo di quaranta giorni, liturgico e a carattere penitenziale; anche per questo, in Piedimonte Matese – provincia di Caserta – viene considerato ancora, così come altrove in regione Campania, tempo di festa e di tripudio.

   Già nel XVII secolo furono comuni e sempre più numerosi i canti carnascialeschi napoletani nella capitale del Mezzogiorno. Composti in lingua o in vernacolo da poeti letterati, venivano stampati sopra i cartelli ossia fogli volanti e distribuiti al popolo. (1) Coi Borboni, il Carnevale diventò, a Napoli, più ricco; anzi, anche per mezzo delle cuccagne che offrivano ogni ben di Dio, di genere commestibile, al “saccheggio” degli indigenti affamati, acquistò “carattere maestoso”; gli spassi e l’allegria duravano per tutto il periodo e si divertivano tanto i ricchi quanto il popolino. Al tempo di re Ferdinando IV, passò alla storia una sfilata di carri allegorici per via Toledo, sopra uno dei quali stava, con altri nobili, don Onorato Gaetani, feudatario di Piedimonte; intanto, una “ondata di maschere si agitava al suono di una marcia ottomana suonata dalla banda”. Quella magnificenza durò fino agli ultimi anni del XVIII secolo. “Poi andò man mano declinando”. (2)

   Sempre in Campania e, per quel che ci riguarda più da vicino, in provincia di Caserta, il Carnevale si è caratterizzato, ancora nella seconda metà del Novecento, per rituali popolari quali i “fuochi di S. Antonio Abate”, le “mascherate”, le “danze processionali” e il “bellintrezzo”; per pezzi teatrali come “la canzone di Zeza” e la “rappresentazione dei dodici mesi”; per raffigurazioni allegoriche quali “la morte di Carnevale” con relativa “lamentazione funebre”, tutte, è ovvio, in numerose varianti. (3)

   Per quanto, ancor più nel dettaglio, attiene a Piedimonte, il Marrocco ha scritto: “Gioia dei monelli del passato” erano “i falò innanzi alle chiese nelle sere delle feste invernali (S. Lucia, S. Antonio ab) […] Il Carnevale conserva ancora qualcosa. C’è l’annegamento nel Torano del fantoccio di Carnevale, seguito attraverso il paese dalla marmaglia ululante che un tempo recitava con finto dispiacere: – Carnevale, pecché si mortu […] Fra le principali rappresentazioni ricordiamo alcune tratte dal ridicolo o da simbolismi, importate quasi tutte, ma che hanno subìto adattamenti locali: Zeza, Brunetta, Ricco e povero, Dodici figli, Sette pianeti, Dodici mesi, Spagnoletta, Il Cavaliere e la Morte, e qualcosa che rappresenta fatti più recenti e poco castigati, come Fra Ciavolino e Pettitonna” Quanto ai giochi di Carnevale: “Rottura della pignatta, ‹ óvu ‘mpisu ›[…] finirono tutti nell’800, quando si osservava rigorosamente il digiuno, e perciò un po’ prima si impazzava” (4) Mi viene da pensare che quei giochi siano stati l’ultimo, pallido rimasuglio delle cuccagne napoletane.

   Ciò premesso, resta da dire, sempre per Piedimonte, di una composizione, carnevalesca appunto, la quale fa riferimento a Fra Diavolo.

   Al riguardo, conviene ricordare che questi – il colonnello Michele Pezza da Itri – forse il più rinomato briganteitaliano di tutti i tempi, si era fatto conoscere come partigiano borbonico allorquando, nel 1799, soldati della Repubblica francese invasero il regno di Napoli e vi instaurarono la Repubblica. Si mise in evidenzauna seconda volta in Terra di Lavoro quando, a sette anni di distanza, sempre i Francesi, ma dell’imperatore Napoleone, ritornarono da invasori e instaurarono una nuova monarchia. (5)

   In seguito alla disfatta subita, a metà ottobre 1806, alle falde molisane del Matese e da truppa agli ordini del colonnello Hugo, il guerrigliero si portò in  Irpinia, con lo scopo di raggiungere o il Salernitano o la Calabria e imbarcarsi per la Sicilia. Un quotidiano scrisse: “Fra Diavolo è comparso sulle montagne di Montevergine. Il generale Colonna ne ebbe avviso e spedì subito in tracce di lui”. Il risultato fu deludente. Di li a poco, avendo fatto appello alla propria rinomata astuzia, riuscì a eludere anche il controllo di una pattuglia francese in perlustrazione: aveva ordinato ai gregari di farsi passare per gendarmi, di legarlo e di maltrattarlo come si fa con un manigoldo trascinato in carcere. Sul far della sera, Michele Pezza e i suoistavano già fuori il territorio irpino, in Principato Citeriore. (6) Venne fermato a Baronissi e alla cattura prese parte il commissario Monglas; era l’alba del 1 novembre. Fu impiccato sopra Piazza Mercato, a Napoli, il martedì 11 dello stesso mese. (7)

   Di Fra Diavolo si sono interessate la cronaca del tempo, l’arte figurativa, la storia, la musica lirica, la cinematografia, la tematica museale, la televisione, la promozione turistica, la poesia napoletana in dialetto, (8) e la  popolare patriottica (9) nonché la narrativa, italiana e straniera (10)

   La composizione, cui ho fatto cenno e che verrà riportata qui di seguito, è unica, pare, per quanto attiene al soggetto e risulta inedita, allo stato della ricerca, per quanto riguarda il testo. La scrisse, si dice, tra gli ultimi anni Quaranta e primi anni Cinquanta del secolo scorso, Gennarino Caprarelli, da Piedimonte, il quale, uomo del popolo, già era solito mettere in scena, per la circostanza, le rappresentazioni cui s’è fatto cenno. Egli la definì scherzo a Carnevale, ma più propriamente è una messinscena, a ritmo, direi, incalzante nella prima parte consacrata a Carnevale, più controllato nella seconda dedicata a Fra Diavolo. Attori dilettanti del posto, di solito sempre gli stessi, vi si esibivano nei giorni che precedono la Quaresima, di rione in rione, di piazza in piazza e, se si tiene conto del penultimo verso, anche in abitazioni private. Da alcuni anni se n’è ripresa la recita.

   Al testo originale, (11) dattiloscritto tutto in maiuscolo su cinque facciate formato protocollo, sono state aggiunte, manoscritte, le relative indicazioni e poche altre battute. Quanto alla musica, essa è costituita da undici brani editi, più o meno conosciuti, riadattati dal compositore Errico Caruso di Piedimonte,nipote del famoso tenore.

   Il testo del documento verrà riproposto in carattere minuscolo, tranne l’intestazione, e con, in corsivo, le aggiunte e le ininfluenti correzioni di alcuni refusi.

Rosario Di Lello

fonte http://www.visitaitri.it/rosario_di_lello.htm

segnalato da Alfredo Saccoccio

Read More

GLI EREDI DI FRA DIAVOLO RISPONDONO AD ALESSANDRO PANIGUTTI

Posted by on Gen 19, 2019

GLI EREDI DI FRA DIAVOLO RISPONDONO AD ALESSANDRO PANIGUTTI

GENTILE DIRETTORE,

Ci scusi se La importuniamo, ma dopo aver letto, con stupore e rammarico, l’articolo apparso sul giornale da Lei diretto, in cui si metteva in relazione il latitante Cesare Battisti, recentemente incarcerato, con Michele Pezza, detto Fra Diavolo, nostro avo, ci siamo sentiti in obbligo di scriverLe la presente missiva.

Usi come siamo a separare i fatti dalle opinioni, Le riportiamo di seguito una serie di episodi acclarati e documentati, come da bibliografia allegata in calce, lasciando ai primi, ai fatti, il compito di chiarificare le seconde, le opinioni.

EPISODIO N. 1

IL 20.1.1798 VIENE ACCOLTA LA SUA DOMANDA PER COMMUTARE LA PENA INFLITTAGLI PER «I DUE OMICIDI IMPUTATIGLI E ACCADUTI IN RISSA» DEL 1796 (OMICIDI AVVENUTI IN RISSA E QUINDI PER DIFENDERSI NON DURANTE UNA RAPINA IN GIOIELLIERIA COME IL BATTISTI).

FRA DIAVOLO FU ASSEGNATO ALL’ANTICO REGGIMENTO MESSAPIA (NON FUGGENDO ALLA SUA PENA CONTRARIAMENTE AL BATTISTI) E VI PRESTAVA ANCORA SERVIZIO, POCHI MESI DOPO, QUANDO L’ARMATA NAPOLEONICA SBARAGLIAVA TROPPO FACILMENTE L’INETTO GENERALE MACK COMANDANTE DELL’ESERCITO BORBONICO; ED IL RE IGNOMIGNOSAMENTE FUGGITO LASCIAVA IL REGNO IN BALIA D’UN NEMICO TRACOTANTE.

IN TALE SITUAZIONE FRA DIAVOLO ORMAI LIBERO DA OGNI VINCOLO AVREBBE POTUTO TORNARSENE IN FAMIGLIA. EGLI PERO’ NON LO FECE. SENTI’ IL RICHIAMO DELLA PATRIA IN PERICOLO ED ORGANIZZO’ UN ‘ EROICA RESISTENZA

EPISODIO N 2

RE FERDINANDO, FUGGITO DA ROMA IL 7 DICEMBRE 1798, OSSESSIONATO DAL SOSPETTO DEL TRADIMENTO, LASCIO’ NAPOLI IL 21 DICEMBRE   E SCORTATO DALLA FLOTTA DI NELSON RIPARO’ CON TUTTA LA FAMIGLIA A PALERMO.

NAPOLI FU ABBANDONATA A SE’ STESSA. IL VICARIO DEL RE PRINCIPE PIGNATELLI, TRATTO’ LA RESA. ACCUSATO DALL’IRA POPOLARE FUGGI’ ANCH’EGLI A PALERMO. IL MACK GENERALE COMANDANTE DELL’ARMATA NAPOLETANA SI CONSEGNO’ AI FRANCESI.

IN TANTA VILTA’ GENERALE, SOLTANTO IL POPOLO INSORSE A DIFESA DELLA PROPRIA FEDE E DEL PROPRIO PAESE.

NELL’EROICA DISPERATA INSERRUZIONE POPOLARE FRA DIAVOLO FU «IL PIU’ FORMIDABILE CAPO DEGLI INSORTI NAPOLETANI DEL NOVANTANOVE» (DE KOCH)

EPISODIO N.3

AL GOVERNO, CHE NEL 1799 SI MOSTRAVA SORDO A PAGARE LE CONTRIBUZIONI DI GUERRA E LE REQUISIZIONI DI ANIMALI E GENERI ALIMENTARI RICEVUTE NEL NOME DEL RE  RILASCIANDO REGOLARE RICEVUTA, IL COLONNELLO PEZZA CHIESE NELLA PERSONA DEL TENENTE COLONNELLO FEDERICO SALOMONE , DI VENDERE PARZIALMENTE LA SUA PENSIONE PER PAGARE CON IL RICAVATO, DI TASCA PROPRIA, I CREDITORI « PREFERENDO MEGLIO PATIR LUI E LA SUA FAMIGLIA CHE COMPARIR IMPUNTUALE E SENTIRSI RIMPROVERARE DI ESSERE DIVENUTO COLONNELLO CON GLI AIUTI E CO’ SOCCORSI ESATTI DA ESSI CREDITORI» (Archivio di Stato di Napoli, Guerra, X, 602, I Conti del Colonnello Pezza, pp25 e 29; B. Amante, Fradiavolo e il suo tempo, p 337)

A QUESTA RICHIESTA CON ORDINANZA DEL 4 LUGLIO 1802 SI RISPONDEVA “ IL RE CUI HO FATTO DOMANDA DEL PEZZA  COMANDE CHE DELLE SPESE …NON DEBBA TENERSENE CONTO..”.

 DA QUESTI DOCUMENTI SI DENOTA LA NOBILTA’ E L’ABNEGAZIONE DEL PEZZA.

EPISODIO N.4

IL 26 DICEMBRE 1805, NAPOLEONE, ORMAI PADRONE DELL’EUROPA EMANA UN PROCLAMA CHE DICEVA FRA L’ALTRO CHE “LA DINASTIA DI NAPOLI HA CESSATO DI ESISTERE.”. GLI ALLEATI, INGLESI E RUSSI SI RIUNIRONO A TEANO E DECISERO DI RITIRARSI

PERTANTO IL 15 FEBBRAIO 1806 NAPOLEONE ENTRO’ IN NAPOLI SENZA COLPO FERIRE. IN TANTA VILTÀ SOLO GAETA NON VOLLE ARRENDERSI E L’INVASORE TROVO’ IL PRINCIPE D’ ASSIA PHILIPPSTATD E FRA DIAVOLO BEN DECISI A DIFENDERLA. CI FURONO VIOLENTI SCONTRI A ROCCAGUGLIELMA E A S. OLIVA

FU IN QUESTO PERIODO CHE SI VERIFICO’ UN SIMPATICO EPISODIO NARRATO DA JALLONGHI. VERSO LA METÀ DI APRILE UN GRUPPO DI DAME FRANCESI IN VIAGGIO DA ROMA A NAPOLI PER RAGGIUNGERE I MARITI, UFFICIALI IN SERVIZIO, FU CATTURATO DAGLI INSORTI E CONDOTTO ALLA PRESENZA DI FRA DIAVOLO ED IL GIORNO APPRESSO, DOPO AVER CONCESSO LORO LA PIU’ RISPETTOSA OSPITALITÀ, EGLI LE FECE ACCOMPAGNARE A CAPUA.

IL COMANDANTE DI QUELLA PIAZZA SPEDI’ A FRA DIAVOLO UNA LETTERA DI RINGRAZIAMENTO PER IL CAVALLERESCO COMPORTAMENTO, LETTERA CHE FU RITROVATA TRA LE CARTE DEL GUERRIGLIERO QUANDO FU CATTURATO (Memorial militaire du Colonel Castillon pp339-340   30 giugno 1902)

EPISODIO N.5

IL 10 NOVEMBRE 1806 ALLE ORE 10 DI MATTINA , FU CELEBRATO A CASTEL CAPUANO IL PROCESSO DINANZI AL TRIBUNALE STRAORDINARIO DI NAPOLI.MICHELE PEZZA EBBE COME DIFENSORE DI SUA FIDUCIA UNO DEI PRINCIPI DEL FORO PARTENOPEO, FRANCESCO LAURIA, FILOFRANCESE.

PRIMA DI MORIRE , IL MINISTRO DI POLIZIA , CRISTOPHE SALICETI, USANDO BLANDIZIE, PROMESSE E MINACCE, CERCÒ DI INDURLO A COMPROMETTENTI CONFESSIONI PER I BORBONI. GLI SI PROPOSE DI COLLABORARE CON I FRANCESI, MA EGLI RIFIUTO’ SDEGNOSAMENTE DI CHIEDERE LA GRAZIA SOVRANA ( Archivio di Stato Torino , Due Sicilie, marzo 41, 14 agosto 1798)

IL SALICETI INFATTI GLI PROPOSE DI “SERVIRE NELL’ARMATA FRANCESE, CONSERVANDO IL GRADO DI COLONNELLO DI GENDARMERIA, TITOLI, PENSIONI ED OGNI ALTRA COSA GIÀ CONCESSA  DA RE FERDINANDO, OBBLIGANDOSI SOLO A MANTENERE L’INTERNA TRANQUILLITÀ DEL REGNO” . FRADIAVOLO RISPOSE CHE “ PRIMA MILLE MORTI, AVREBBE DESIDERATO CHE MANCARE ALLA FEDE DATA AL PROPRIO SOVRANO, IL QUALE PER NIUNA CAUSA AVREBBE TRADITO” (A. Dumas, I Borboni di Napoli, VI, pp337-339; De Nicola, Diario p 229-302G. Marulli, Ragguagli, II, p.404 )

RICORDIAMO CHE FRADIAVOLO ALL’EPOCA DELLA MORTE ERA UN GIOVANE PADRE DI FAMIGLIA CON DUE FIGLI PICCOLI.

῀῀῀῀῀

A questo punto siamo sicuri che anche a Lei, Direttore, da persona seria quale sicuramente è, i fatti citati avranno permesso di meglio comprendere quali enormi differenze, in termini di spessore etico-morale, senso di responsabilità, coraggio, lealtà e coscienza civica, come si direbbe oggi, sussistano fra un criminale latitante, quale è il Battisti, e la figura di Michele Pezza, Fra Diavolo.

Unica “colpa” di Fra Diavolo fu l’esser schierato con i vinti, con la parte soccombente. E la Storia, si sa, la scrivono i vincitori.

Ma Michele Pezza, in realtà, si schierò contro gli invasori della sua Patria, si oppose ad essi, con vigore e lealtà, fino al tragico epilogo della sua vita. E questo per noi, Direttore, non è colpa ma merito.

E’ per questo che non possiamo non dirci fieri di essere suoi discendenti.

Certi dell’accoglienza di queste righe, tutte o in parte, sul suo prestigioso giornale,

La ringraziamo dell’attenzione prestataci e le auguriamo buon lavoro.

                                                                       Benevento 18 gennaio 2019

Dr. Michele Pezza (di Gianni)

Dr. Michele Pezza (di Enrico)

Dr. Michele Pezza (di Brunello)

Avv. Michele Pezza (di Sergio)

Read More

ERMINIO DE BIASE RISPONDE AD ALESSANDRO PANIGUTTI SU FRA DIAVOLO

Posted by on Gen 17, 2019

ERMINIO DE BIASE RISPONDE AD ALESSANDRO PANIGUTTI SU FRA DIAVOLO

ad

Alessandro Panigutti

c/o REDAZIONE LATINA OGGI

Pur avendo letto più di una volta l’incipit (sa cosa significa incipit, vero?) del suo articolo del 14 gennaio u. s. riguardante la cattura di Cesare Battisti, mi è rimasto un dubbio: non sono riuscito a capire bene se lei è più ignorante che dissociato mentale. Molto probabilmente, ambedue.

Solo uno che non sa nemmeno cosa sia la documentazione storica, infatti, riesce a confondere un delinquente con un eroe; a paragonare un bieco assassino con un fulgido patriota; ad associare i crimini di un bandito con le gesta di un genio della guerriglia antifrancese.

Allora, dico io, visto che lei non sa nemmeno lontanamente chi sia stato Michele Pezza, alias Fra Diavolo, non farebbe più bella figura a pulirsi la bocca, pardon la penna, prima di mettere nero su bianco?!? Ne guadagnerebbe in dignità professionale, in onestà intellettuale.

La verità è che lei doveva scrivere qualcosa sull’argomento ma, non sapendo come mettervi mano, ha cacciato fuori la prima castroneria che le è venuta in testa, magari per sentito dire, tanto per pubblicare qualcosa, qualsiasi cosa. In pratica, lei ha fatto come il suonatore di piatti di una scalcagnata banda di paese che, non sapendo mai qual è il momento giusto in cui intervenire, spinge ogni tanto l’uno contro l’altro i due cerchi di ottone pensando: “Mo ‘nce ‘a dongo ‘na botta!”. Sì, proprio così, garantito.

Voglia, infine, prendere buona nota che Fra Diavolo si scrive senza accento: lo esige la grammatica della nostra lingua. Ergo (e così chiudiamo in bellezza!)  lei oltre alla storia non conosce neppure l’Italiano. Ora, quindi, non ci sono più dubbi: lei pende più verso l’ignoranza, una totale, crassa ignoranza.

Erminio de Biase

Read More

Un’altra occasione per parlare di Fra Diavolo

Posted by on Nov 18, 2018

Un’altra occasione per parlare di Fra Diavolo

I documenti originali sulla esecuzione e sui funerali di Fra Diavolo, la cui riproduzione è qui riportata, sono conservati nell’Archivio Diocesano di Napoli e sono (finalmente!) consultabili dai ricercatori e dagli amanti della Storia. Una volta non era così: erano secretati e solo qualche “figlio della gallina bianca” vi poteva accedere.

Read More

11 novembre 2018 Michele Pezza ricorda Michele Pezza alias Fra’ Diavolo (IV Parte)

Posted by on Nov 14, 2018

11 novembre 2018 Michele Pezza ricorda Michele Pezza alias Fra’ Diavolo (IV Parte)

Oggi concludiamo la serie dei relatori che sono intervenuti domenica mattina agli “Incurabili” al convegno dedicato a Fra Diavolo pubblicando l’intervento di un erede diretto del mitico eroe Laborino di Itri che porta il suo stesso nome, Michele Pezza. L’emozione è stata forte nell’ascoltare il Dr. Pezza e se a distanza di 2 secoli il suo nome ancora riecheggia nei cieli del Regno di Napoli è soprattutto per merito della famiglia Pezza che con orgoglio, amore e passione tengono sempre viva la fiamma sacra che tiene vivo la figura di Fra Diavolo.

Read More
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: