Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria

Il Sud di Pino Aprile. Programma Meridionale di Fiorentino Bevilacqua

Posted by on Ago 25, 2019

Il Sud di Pino Aprile. Programma Meridionale      di Fiorentino Bevilacqua

Non sono andato al Parco della Grangia oggi, all’incontro per la posa della prima pietra di un’azione politica meridionale.

Lì si raccoglievano le idee, si faceva il punto circa il programma da stilare, sulle cose da fare per la salvezza del nostro Sud e, prima ancora, sulle “regole” da seguire.

Se fossi andato avrei detto ciò che, ora, di seguito, scrivo.

Innanzi tutto avrei messo, al centro dell’iniziativa, il “Sud” (un giorno avremo un nome “proprio”) e il Popolo del Meridione. Non ne avrei fatto un corollario del principio dell’equità.

Questo principio può anche rendere più accettabile, persino condivisibile, al popolo del Nord, la nostra lotta per gli eguali diritti tra Nord e Sud Italia; ma non trarrebbe in inganno i nostri competitors del Nord, ai quali l’idea di un Sud che si risveglia e pensa a se stesso, fa venire l’orticaria perché non ne trarrebbero beneficio i loro bilanci, per comunali, regionali, aziendali o bancari che siano.

Non lo sacrificherei, il Popolo meridionale, sull’altare delle necessità dettate dal calcolo politico, se tali sono le motivazioni alla base della scelta operata da Pino Aprile.

Non lo sacrificherei a prescindere.

Interessi del Popolo meridionale, dunque, al centro del programma ed in chiaro. Senza bizantinismi di sorta.

Darebbe consapevolezza al nostro Popolo che, così, si sentirebbe chiamato in causa in prima persona non per un principio dalla cui affermazione e dal cui rispetto discenderebbe, poi, il suo bene, ma per la realizzazione di suoi legittimi interessi che, appunto perché tali, non devono essere nascosti.

Troppo a lungo, per 150 e più anni, questo Popolo e i suoi interessi sono stati dimenticati e non li si può tenere celati oggi, nella fase di rinascita.

A questo proposito ricordo che, nel suo discorso di insediamento, John Fitzgerald Kennedy ebbe a dire: … concittadini americani, non chiedete cosa il vostro paese può fare per voi, chiedete cosa potete fare voi per il vostro paese1 … e, dunque, per voi stessi!

Il Popolo partecipe delle azioni della propria rinascita e non del rispetto di un principio “etico”, generale, magari sentito lontano e astratto. Sarà sempre necessario un soggetto – partito o movimento che sia – che, nei luoghi deputati e nei momenti stabiliti, operi concretamente per legiferare, decidere, trattare con altre Istituzioni, Paesi, Entità sovranazionali; ma non in nome di un Principio, bensì nel nome di un Popolo, di una Nazione… una Macroregione o altro.  Quel Popolo, in questo modo, si sentirà investito di una parte della responsabilità necessaria per la realizzazione di quel progetto; non sarà un passivo, attendista, futuro fruitore dei frutti che sono da venire. Deve sentirsi, ed essere, anch’esso nel ruolo di artefice del raggiungimento di quegli agognati frutti.

Insomma, parafrasando Gandhi: dobbiamo essere noi il cambiamento che vogliamo vedere realizzato per noi stessi, non per il rispetto di un principio generale, valido per chicchessia.

Io preferisco questa seconda impostazione.

Salvaguardia, quindi, degli interessi del Popolo Meridionale attraverso la tutela e il potenziamento di…

  1. Industria
  2. agricoltura
  3. turismo
  4. servizi
  5. giustizia
  6. ambiente

L’ordine (1-…-6) non è un ordine di priorità; può essere cambiato, dunque, ma sempre in un’ottica complessiva, non settoriale, di sistema, di lungo respiro, adottando, per esempio, i parametri, già in vigore presso altri Paesi, o altri ancora di nostra ideazione, che permettano di monitorare i risultati in funzione degli obiettivi prefissati e delle iniziative messe in campo per raggiungerli.

Passi preliminari/ prerequisiti / linee guida … “regole”

  1. Sacrifici

Non perdersi in differenziazioni e puntualizzazioni che è meglio affrontare in un momento successivo: è più importante la realizzazione di un ponte, una ferrovia, una strada, una fabbrica, un depuratore, un’azienda, la gestione di una possibile criticità, la salvaguardia delle coste, la messa in sicurezza di un costone, una adeguata politica agricola etc che il credo politico/ religioso/ etico di chi scende in campo per attuare ciò.

Anzi: in una prima fase, questo credo non conta nulla.

Dunque: sacrificio temporaneo di quei valori personali, di gruppo, che, altrimenti, risulterebbero divisivi e potenzialmente in grado di far naufragare ogni iniziativa.

E’ quasi come quando si sta insieme, in un gruppo, accomunati dalla passione per uno stesso passatempo: non si scende, saggiamente, in questioni politiche, non si fa riferimento neanche al lavoro svolto o alla posizione sociale occupata perché non è necessario farlo e, se lo si facesse, si rischierebbe l’integrità e la sopravvivenza stessa del gruppo.

Vale per tutti…

  • Priorità.

Un soggetto colpito da arresto cardiaco che non risponde più al massaggio cardiaco, al pallone che gli insuffla aria nei polmoni etc, può essere anche trattato a terra, in mezzo al fango dove è eventualmente caduto, perché occorre salvargli la vita; poi, e solo poi, se risponde, si pensa a metterlo sulla lettiga e nell’ambulanza nel rispetto di quegli altri principi della buona medicina ai quali però, in quelle condizioni estremamente critiche, si è dovuto anteporre il massaggio cardiaco salvavita.

  • Forza.

A noi “meridionali” (pessima locuzione) occorrerà toglierci di dosso ogni orpello che inquina, avvelena, distorce; e ce ne sono parecchi e di diversi tipi; per fare questo ci vuole forza, la forza di mettere in campo iniziative e risorse opportune.

  • Questioni di metodologia.

Realismo. Esistono competenze diverse, conoscenze varie: il pollice non può fare ciò che fa l’indice e viceversa; in una mano funzionante sono necessari entrambi, assieme alle altre tre dita. Ma non sono equipollenti. Uno non vale uno. Non siamo in Meccanica quantistica o nel campo della Relatività: qui, il realismo (per locale o meno che sia) vale ancora.

Storia del Movimento revisionista: il movimento ha, ormai e meno male, una sua storia: non può essere ignorata.

  • Coraggio

Occorre anche il coraggio della verità, non solo storica: potremo anche aver sviscerato tutto quello che c’è da sapere realmente sulle vicende storiche del Risorgimento del Nord preunitario; potremo anche venirci a trovare nella condizione in cui il revisionismo storico non abbia più nulla da svelare ridotto, come potrebbe essere, ad un filone ormai concluso…ma se ci ritrovassimo con tutti gli altri mali di oggi, interni ed esogeni, staremmo come ora anzi, peggio: non avremmo più, in quel caso, nemmeno la speranza che, capito come sono andate veramente le cose, potremmo migliorarle.

La revisione storica è l’inizio, l’inevitabile, indispensabile inizio: ci dà radici, dignità, orgoglio risvegliandoci nella nostra consapevolezza storica di Popolo. Ma questa consapevolezza, poi, dovrà diventare attuale…basata sulle realizzazioni positive messe in atto.

Il nome di questo Popolo verrà dopo, quando le disquisizioni, i distinguo tra Regno di Napoli, Regno di Sicilia, delle Due Sicilie, Napolitani, Federico II, Ruggero II etc. non potranno fare più male tanto forte sarà, ormai, la coscienza di noi e la nostra autostima collettiva basata, come al tempo dei Borbone, sulle realizzazioni pratiche attuate.

Affrontare oggi questioni simili, quando ancora sta nascendo una coscienza comune che è perciò ancora fragile, incerta, insicura, significa correre il rischio di far naufragare un grande, necessario progetto per questioni di non indispensabile importanza.

E, d’altra parte, noi lo abbiamo già vissuto quando, alcuni dei nostri (anche strumentalizzati dall’esterno), prima del 1860, in nome di principi e libertà astratte, mettevano in discussione uno Stato che creava, concretamente, le condizioni per poter vivere senza dover emigrare, senza indebitarci come invece facevano altri Stati preunitari e, cosa non da poco, per essere orgogliosi di noi come Popolo, come Nazione e, allora, come Monarchia.

Si dice che la storia è maestra di vita: che lo sia anche per noi, oggi.

Io la penso così.

Fiorentino Bevilacqua

24.08.19

…..

  1. http://webcache.googleusercontent.com/search?q=cache:XnoJyIlo1bQJ:www.minotariccoinforma.it/cgi-bin/news/J.F.K..pdf+&cd=2&hl=it&ct=clnk&gl=it
Read More

Pompeo De Chiara commenta Fiorentino Bevilacqua

Posted by on Ago 21, 2019

Pompeo De Chiara commenta Fiorentino Bevilacqua

Interessante riflessione di Bevilacqua sulla iniziativa di Pino Aprile di costituire (Si è convinto finalmente!) necessariamente un Partito che sappia essere tutore degli interessi del Sud Italia e difensore della sua Memoria. A differenza di tanti altri giudizi negativi espressi impropriamente da tuttologi ed “ignoranti” del tribolato lungo percorso che ha dovuto affrontare, anch’io mi associo per un giudizio positivo dell’iniziativa da me caldeggiata personalmente da diversi anni ma inascoltata per diverse ragioni. Ma alcune considerazioni sono necessarie: Speravo ed ero convinto che la nascita di un Partito così importante si organizzasse almeno un mese prima, a Napoli con una chiamata alle armi generale che avesse radunato tantissima gente in qualche sala congressuale. Si poteva approfittare di qualche festività entro dicembre (l’8 sarebbe stato ideale) e ci sarebbe stato tutto il tempo per organizzarsi e venire a Napoli da tutta Italia. Un evento di tale portata storica, nel quale, addirittura, si vuole costituire un Partito, darci un nome, un simbolo e finanche dei candidati, non si può organizzare in brevissimo tempo, senza nemmeno una bozza di Statuto in mezzo ad un bosco che per arrivarci ti devi fare il segno della croce e con un servizio di vitto e alloggio lasciato ad un agriturismo familiare. Sinceramente la fondazione di un Partito sudista non merita un luogo simile ad un’area pic nic in cui si improvvisano Statuti, ruoli, denominazione e bandiera. Tanti di noi che lottiamo da decenni, probabilmente, avremmo preferito un percorso di costruzione diverso. Basta con le solite cose “vediamoci e parliamo”. Avevo già risposto sotto un altro post che a mio avviso si dovevano scegliere 12 saggi/attivisti tra coloro che negli ultimi 20-30 anni hanno contribuito alla diffusione di una coscienza identitaria sudista e ad una critica professionale delle attuali condizioni socio-economiche della nostra terra. Costoro avrebbero dovuto, secondo la mia umile considerazione, stilare una Bozza di Carta Costituente aperta, informata di principi condivisi e soprattutto espressione di SINTESI delle varie anime meridionaliste ed un PROGETTO chiaro e sintetico di una decina di punti al massimo. Nell’ambito della Adunata Generale in NAPOLI capitale, si approvavano le varie norme statutarie. Tutta l’organizzazione dell’importantissimo e vitale EVENTO dovrebbe essere affidata a soggetti già esperti. Ma una cosa, per me, e soprattutto, tanti altri, (tantissimi altri) sarebbe IMPRESCINDIBILE: La presenza massiccia della nostra BANDIERA STORICA DI STATO nella quale ormai ci ricononosciamo TUTTI e di cui non possiamo né DOBBIAMO più avere vergogna! Darebbe un fortissimo segnale di inclusione e di spirito IDENTITARIO. Se, al contrario si vuole ripetere il percorso costruttivo partitico di UM-MO e simile alle liste-civetta del PD, faranno a meno della mia presenza.

Pompeo De Chiara

Read More

Il Sud di Pino Aprile di Fiorentino Bevilacqua

Posted by on Ago 18, 2019

Il Sud di Pino Aprile                di Fiorentino Bevilacqua

L’iniziativa di Pino Aprile, di far partire un’Azione politica meridionale, non è che l’ultima di una lunga serie1 .

Penso che la prima sia stata la pubblicazione di Terroni, libro che ha fatto uscire dall’ambito geografico e culturale “locale”, la questione del Sud maltrattato e vittima necessaria (e perciò predestinata) della cosiddetta Unità.

Grazie ad esso al Sud, ma anche al Nord, persone e personaggi del tutto all’oscuro della vera origine della Questione meridionale, hanno cominciato a guardarla con occhi diversi perché diverse, più veritiere e complete, erano le informazioni di cui ora disponevano.

Non che mancassero pubblicazioni e scritti analoghi, anche più approfonditi, specialistici e con diverso taglio, ma rimanevano sempre in una cerchia, per forza di cose, ancora ristretta. Terroni, ha rotto quel cerchio andando oltre i confini del Sud e della sensibilità fino a quel momento sviluppata in una cerchia solida, sicura ma ancora non molto ampia.

Ora, dopo l’iniziativa dei bar devenetizzati, arriva questa dell’Azione politica meridionale che cerca di raccogliere, intorno ad un progetto comune, chiunque lo voglia, anche quelli che si stanno battendo da tempo per la presa di coscienza del Sud.

Pino frequenta ed è parte integrante del mondo del revisionismo che si occupa del cosiddetto Risorgimento.

Lo conosce bene, perciò.

Sa, quindi, quanto esso sia composito, formato com’è da tanti “gruppi”, alcuni dei quali nati da poco, altri sulla scena da decenni; alcuni piccoli, altri numerosi; ognuno, comunque, con la sua visione e la sua via da seguire per arrivare all’obbiettivo della rinascita del Sud.

La persistenza e la gravità dei problemi del Meridione, il fatto che ci siano meridionali (quando potremo liberarci di questo nome!?) consapevoli della verità storica a fronte di una maggioranza che la ignora, mi fa venire in mente il “Discorso ai quadri di base” di Malcom X: «Quello che ci occorre, a me e a voi, è imparare a dimenticare ciò che ci divide. Quando siamo insieme non è perché siamo battisti o metodisti. […] Non ci tocca questo inferno perché siamo battisti o perché siamo metodisti, né perché siamo democratici o repubblicani. […] Siamo qui in quest’inferno perché siamo neri. Voi vivete nell’inferno, tutti noi viviamo nell’inferno perché siamo neri.»2

Per la verità, apro un inciso, mi pare di ricordare che anche qualcun altro, S.M Francesco II, ci aveva esortati a non farci trovare disuniti quando sarebbe venuto il momento, perché, ammoniva, nessuna usurpazione è eterna3. Non so se questo è quel momento, ma l’essere uniti dà l’idea, a chi si ha di fronte, di una maggiore forza.

Mi sembra, comunque, che ci troviamo in una condizione simile a quella evocata nel discorso ai quadri. Abbiamo ancora (non me ne voglia nessuno: lungi da me l’idea di offendere qualcuno) molti, moltissimi nella condizione dei giulivi, inconsapevoli negri da cortile e ancora pochi (in proporzione) in quella dei consapevoli, recalcitranti negri dei campi.

Qui, forse, nasce una prima divergenza con l’iniziativa di Pino Aprile: alcuni gruppi revisionisti, preferirebbero dare la precedenza alla trasformazione dei primi nei secondi; poi, in qualche modo, verrebbe l’impegno politico. Ma i problemi ci sono e si saranno sempre: opportunisti, convertiti all’ultimo minuto al “credo” revisionista, volenterosi che corrono in soccorso etc.

Relativamente alle differenze esistenti fra i vari gruppi e tra questi e Pino Aprile, differenze che potrebbero diventare ostative di qualsiasi forma di contatto, ricordo che, in genere, di fronte ad un comune nemico le differenze passano in secondo piano, tanto nella società umana, quanto fra gli animali: un cardellino e un fringuello, pur avendo livree diverse e regimi alimentari non uguali (sono specie diverse anche per altri caratteri), fanno, in qualche modo, fronte comune nei confronti di un predatore dei loro nidiacei.

Personalmente, ritornando ai “gruppi”, ho sempre pensato che più ce ne fossero, in una certa fase, meglio si riusciva a “coprire” il Territorio e l’intera, complessa “questione” del Napolitano trasformato in meridionale.

Ma ero e rimango dell’idea che accelerare i tempi espone a rischi: pochi pionieri in un ambiente ancora largamente ignaro e, per questo, forse anche ostile, farebbero concretamente poco.

Però, nel quadro della situazione attuale che vede certe forze del Nord cercare di inserirsi al Sud, sono favorevole all’ultima iniziativa di Pino Aprile. Può servire a smuovere ancora di più le acque di un Sud che altri vorrebbero mantenere calme, stagnanti, putrescenti tanto da cercare, per raggiungere questo scopo, di proiettarsi qui, di inserirsi e radicarsi politicamente qui con effetti negativi difficilmente prevedibili.

Probabilmente non si andrà al governo di qualcosa dopodomani, ma gli altri, quelli lì (ma anche i nostri, qui), capiranno ancora di più che il Sud non è più quello di una volta.

Intanto, si continuerà a lavorare (ed è indispensabile che lo si faccia) sul 1799, il 1860, il depauperamento post unitario delle risorse duosiciliane, la Legge Pica, il cosiddetto Brigantaggio, l’emigrazione post unitaria, l’identità e così via. Questo lavoro, più calmo, più lento, genererà una seconda ondata che crescerà fino a diventare, essa sì, veramente inarrestabile.

È come l’evoluzione di certe stelle che, ad un certo stadio della loro vita, espellono gas: relativamente poco ma a grande velocità in una fase; molto di più, ma più lentamente, in un’altra. Questi eventi mettono a nudo il nucleo caldissimo della stella che così riscalda e “illumina” il gas espulso. Il risultato è uno degli oggetti celesti più belli: una splendida nebulosa planetaria4, 5 alla formazione della quale hanno necessariamente contribuito entrambi gli eventi, anche se fra loro diversi e avvenuti in “momenti” separati.

Spero che accada lo stesso anche a noi.

Personalmente, auguro buona fortuna all’iniziativa di Pino Aprile, una buona continuazione di lavoro ai Revisionisti e un buon “viaggio” al “SUD”, ormai da tempo in cammino.

Fiorentino Bevilacqua

16.08.19

  1. https://pinoaprile.me/il-24-agosto-alla-grancia-nasce-lazione-politica-meridionale/?fbclid=IwAR1HZSJ_VfVFOW3Kz9QTfzecr6W1XU2QWY70zTHcmMCFYVk5DiJr1nBL5Io
  2. https://it.wikipedia.org/wiki/Discorso_ai_quadri_di_base
  3. http://www.ilportaledelsud.org/francesco%20II.htm
  4. https://it.wikipedia.org/wiki/Nebulosa_planetaria
Read More

L’ombra di Lombroso allo Juventus Stadium di Fiorentino Bevilacqua

Posted by on Ago 10, 2019

L’ombra di Lombroso allo Juventus Stadium                    di Fiorentino Bevilacqua

Cesare Lombroso è stato un antropologo vissuto a cavallo tra diciannovesimo e ventesimo secolo1.

Ma cosa c’entra un antropologo con la Juventus?

Il 31 agosto ci sarà, allo Juventus Stadium di Torino, l’incontro di calcio Juventus – Napoli.

Come ormai tutti sanno, la squadra torinese ha annunciato delle restrizioni alla vendita on line dei biglietti per la partita: non potranno acquistarli né i residenti in Campania né, tanto meno, i nati in Campania 2.

Probabilmente c’è il timore che i campani, per residenza e nascita, possano scatenare tafferugli e dare luogo a comportamenti violenti (!?).

Ma perché c’è questo timore?

Innanzi tutto, a nutrirlo è soltanto la Juventus. La Questura di Torino, infatti, “non ha mai concordato tale decisione con la società sportiva” e da essa prende anche le distanze visto che “non intende condividerla3.

Ma, allora, se quelli che hanno “il compito primario di assicurare il mantenimento dell’ordine pubblico”, appunto il Questore e i suoi sottoposti, non si preoccupano dell’arrivo dei Campani allo stadio, di che e perché si impensierisce la Juventus?

Analizziamo l’esclusione.

Due sono le tipologie di persone alle quali non si possono vendere biglietti: i residenti in Campania e i nati in quella regione.

I primi, avranno pensato coloro che hanno deciso l’esclusione, potrebbero essere tifosi accesissimi; potrebbero non essere nati in Campania, ma comunque potrebbero mettere in atto, spinti dalla passione per la squadra partenopea, comportamenti violenti. La decisione sembra comunque non giustificata ma, ob torto collo, ci si può anche stare.

Per la seconda categoria di esclusi, i nati in Campania, la ragione si capisce ancora di meno: uno potrebbe essere nato in Campania ed essere tifoso dell’Inter, del Milan o della stessa Juventus e, quindi, potrebbe spostarsi a Torino per assistere ad una bella partita di calcio o per tifare Juve.

La cosa, perciò, non si spiega a meno che… a meno che non la si guardi alla luce delle teorie dell’antropologo, medico, giurista e sociologo Marco Ezechia Lombroso, detto Cesare, e delle vicende storiche fin qui accadute nella Penisola negli ultimi 159 anni.

Per Lombroso si era “criminali per nascita”; l’inclinazione al crimine, che si abbinava a determinate caratteristiche anatomiche primitive, era ereditaria.

I crani dei cosiddetti briganti (che qui venivano uccisi e decapitati dopo il 1860), avevano questi tratti somatici primitivi? Bene, secondo Lombroso, questo spiegava anche il comportamento violento, da brigante appunto, che quei soggetti avevano manifestato.

Non gli passava neanche per la testa (che evidentemente doveva avere tutte le suture al posto giusto) che quei crani erano magari appartenuti a padri di famiglia che, dopo la conquista piemontese del Regno delle Due Sicilie, dopo la chiusura delle fabbriche che qui avevamo (e il trasferimento di macchinari e commesse al Nord) avevano perso il posto di lavoro e la possibilità di sostentare la famiglia, di sfamare e crescere i figli; non gli passava neanche per la mente che quei crani potevano essere appartenuti ad ex militari del disciolto Esercito borbonico che non avevano voluto giurare fedeltà al nuovo re perché, dicevano, Uno Dio, uno Re…un modo elegante e forte per dire no all’usurpatore.

Dunque, se nei crani provenienti dalla Campania, ma anche da tutto il Sud, erano riscontrabili tratti somatici primitivi, atavici, che si accompagnano a comportamenti violenti tipici degli animali inferiori voleva dire che, qui nel Sud, in Campania, c’erano quelle caratteristiche, primitive ed ereditarie.

Dunque, io potrei essere vissuto a Londra, a Miami, a Parigi, in Lapponia, nelle Isole del Sud o presso monaci tibetani sin dal primo giorno della mia vita ma, essendo nato in Campania, potrei avere la potenzialità, diremmo oggi geneticamente determinata, di manifestare un comportamento primitivo, ancestrale, atavico e, quindi, violento… secondo la teoria di Lombroso.

Per il solo fatto di essere nato qui, nella Campania una volta felix, potrei sviluppare comportamenti violenti da animale inferiore (e se non è razzismo questo…).

Questo, quindi, consiglierebbe, ai responsabili della Juve, di non farmi entrare allo Juventus Stadium il 31 agosto prossimo venturo.

Fortunatamente la genetica ci ha insegnato che così non è: i geni (inclusi quelli dell’atavismo lombrosiano qualora esistenti) non possono determinare tutto da soli, in quanto molto dipende dall’interazione con l’ambiente.

Questa cosa era evidente già allora, proprio nelle vicende del Regno delle Due Sicilie, ma deve essere sfuggita al Lombroso: il Popolo napolitano non era “brigante” (… e poi emigrante) prima dell’arrivo dei piemontesi; lo è diventato dopo.

Prima del 1860, per saldate o meno che fossero le ossa del loro cranio, i Napolitani non erano violenti; molti di loro lo sono diventati dopo l’arrivo dei “salvatori” piemontesi, dopo la distruzione del tessuto sociale ed economico del Regno, dopo l’arrivo della miseria della disperazione della fame.

Ma una simile osservazione, forse, non era politicamente corretta.

Dunque, con buona pace di Lombroso, nel soma, ma anche nello sviluppo neuropsichico4, la genetica conta fino ad un certo punto ed un campano, quindi, potrebbe ben entrare nello stadio di Torino per tifare Napoli.

Lombroso fu radiato dalla Società Italiana di Antropologia ma pare che le sue idee non abbiano subito la stessa sorte: sono ben vive ed operative (oggi come da poco dopo il 1860) nella mente di certi non richiesti “fratelli” del Nord.

L’importante, per noi, è cominciare a prenderne coscienza.

“Grazie, Juve”.

Fiorentino Bevilacqua

08.08.2019

—–

  1. https://it.wikipedia.org/wiki/Cesare_Lombroso
  2. Nel momento in cui questo articolo viene pubblicato, questa parte del divieto è stata eliminata.
  3. https://sport.ilmattino.it/sscnapoli/trasferta_vietata_allo_stadium_sito_juve_non_vende_ai_napoletani-4665665.html
  4. La traiettoria della vita umana è influenzata da eredità genetiche, epigenetiche e intrauterine, da esposizioni ambientali, da nutrite relazioni familiari e sociali, da scelte comportamentali, da norme sociali e da opportunità che vengono offerte alle generazioni future, e dal contesto storico, culturale e strutturale …Mentre i tratti ereditari sono importanti, la nuova ricerca mostra che i fattori di stress ambientali durante lo sviluppo intrauterino svolgono un ruolo chiave nel determinare lo sviluppo funzionale e futuri rischi di malattie . L’azione deve pertanto concentrarsi sul periodo preconcezionale, sulla gravidanza , sullo sviluppo del feto e sulle fasi della vita più vulnerabili”… da  https://www.epicentro.iss.it/allattamento/pdf/Battilomo.pdf
Read More

Se riparte il Sud di Fiorentino Bevilacqua

Posted by on Ago 5, 2019

Se riparte il Sud                       di Fiorentino Bevilacqua

Se riparte il Sud – si sente alla radio, in TV, sui giornali, nel web – riparte il Paese”.

Almeno una volta nella vita lo hanno detto tutti: politici, economisti, commentatori, giornalisti.

Siccome la frase non è di questi giorni, ma va in giro da molti lustri, viene da chiedersi come mai il Sud non sia già ripartito…

E’ quasi come dire… “Se prendo l’aspirina, mi passa il mal di testa”; ma l’aspirina non la prendo e quindi il mal di testa mi rimane. Perché non prendo l’aspirina? Semplice: non la assumo perché sono allergico ad essa.

Allora, perché il paese Italia non prende l’aspirina della ripartenza del Sud? C’è forse qualche forma di…allergia?

Si potrebbe anche pensare che la colpa sia della politica che, capace di trovare le soluzioni giuste, è poi incapace di attuarle. Oppure che, come nel caso dell’aspirina, ci sia qualche controindicazione, qualche effetto collaterale, un “costo”, insomma, in termini economici e politici, che ne sconsiglia l’ “assunzione”.

Quale può essere questo “costo” e chi, eventualmente, lo pagherebbe?

Analizziamo quella affermazione…

Che vuol dire che riparte il Sud?

Vuol dire che il Sud dovrebbe avere un apparato produttivo, in termini di piccola, media ma anche grande impresa, pari, almeno, a quello del Nord: un “diffuso” apparato di “opifici”, come quello che aveva prima del 1860, prima dell’arrivo dei Garibaldesi-Piemontesi1; vorrebbe dire anche che il Sud dovrebbe avere, nei rapporti commerciali tra il paese Italia e l’estero, quelle stesse facilitazioni e corsie preferenziali riservate, dagli ultimi accordi, per il 99%, alle attività produttive del Nord.

Ma se questo fosse attuato, se il Sud fosse capace di prodursi gran parte di quello che gli serve, sicuramente ne trarrebbe beneficio: avrebbe più posti di lavoro, più introiti, molte più infrastrutture e così via.

Ma tutto ciò potrebbe avere un costo, un ritorno negativo per qualcun altro?

Per rispondere a questa domanda bisogna vedere come stanno oggi le cose, da dove vengono quei prodotti che il Sud oggi acquista da “fuori Sud” e un domani si produrrebbe nel suo territorio (magari esportandoli in parte altrove).

Questo ci aiuterebbe ad individuare chi sarebbe penalizzato dalla rinascita del Sud e, quindi, chi svilupperebbe una sorta di “allergia” nei confronti di essa.

Tenuto conto, per esempio, che nel periodo 1995-2005 il 60% del PIL della Lombardia è stato generato dal prodotti da questa regione venduti al Sud (e che lo stesso può dirsi, sia pure con percentuali diverse, del Veneto e di altre regioni), tenuto conto dei fondi europei destinati al Sud e finiti al Nord; dell’assassinio delle Banche del Sud – a fronte dell’inverecondo salvataggio di cadaveri di banche del nord-nord est – e che questo consente, a banche del Nord, di drenare il risparmio del Sud e di investirlo soprattutto o totalmente al Nord (cosa questa iniziata appena dopo il 1860), si capisce che il mal di testa del Paese è, in realtà, il mal di testa del Sud e che l’aspirina della ripartenza farebbe bene al Sud ma causerebbe un’orticaria economica, politica e sociale al Nord.

Dunque, la “controindicazione”, l’effetto collaterale che impedisce al Sud di guarire è l’effetto che questa guarigione avrebbe sul Nord.

Se riparte il Sud, in questa Italia nata male, il prezzo lo paga il Nord.

In fondo, a rileggere bene la storia, l’Italia una per questo è nata. Per far ripartire chi, allora, era sull’orlo del baratro economico (il Regno di Sardegna) a spese e a danno di chi, avendo attuato una politica non guerrafondaia, più accorta e lungimirante, aveva meno debiti, più riserve e un “PIL” migliore: quel Regno delle due Sicilie che diventerà “Sud” a partire dal 1860, ma che già prima lo era nelle idee e nelle intenzioni di coloro che questo progettavano: <<Napoli starà peggio, ma noi staremo meglio>> si sentì dire Francesco Proto, a Firenze, prima dei fatti unitari2.

Nata così, col “mal di testa” generatore dell’Italia fintamente unita, questo malessere non poteva che diventare costituzionale, essenziale e, perciò, permanente: se salta, salta l’Italia “unita” così come l’abbiamo conosciuta finora.

Fino ad adesso, per generare (contro il volere dei nostri avi di allora) e tenere in piedi questa Italia falsamente “una”, il prezzo lo abbiamo pagato noi del Sud, ex Regno delle Due Sicilie (trasformati, oltretutto, in una massa di inconsapevoli, funzionali, negri da cortile, nella quale, fino a pochi anni fa,pochi, pochissimi, conservavano accesa la fiammella della conoscenza e della speranza).

Ma è lecito dubitare che il Nord sia disposto a pagare la sua quota di sofferenza economica, sociale e politica per costruire, oggi, un’Italia veramente unita.

Quest’ultima ha, dunque, il suo vero nemico non nei revisionisti del Sud, non nel Sud che reagisce, che vuole ciò che è suo, ma nel Nord attaccato alle sue prerogative molto poco unitarie.    

Come se ne esce allora?

Forse serve una generazione di politici nostri, espressi dai nostri territori, che, formata alla verità storica, quella che emerge delle riletture dei tanto ostracizzati revisionisti (marxisti, neoborbonici, borbonici, legittimisti, insorgenti, identitari etc.) abbia a cuore le sorti dei Territori che rappresenta e non sia disposta a svenderli agli interessi del Nord né a nessun altro interesse spurio, anche locale, anche di “gruppo”.

Questi politici potrebbero non essere mai passati nella fila di questi movimenti revisionisti; l’importante è che siano passati per la cultura che dal revisionismo emerge, traendo da essa spunto e fondamento.

Non è facile; ma nemmeno è impossibile.

Fiorentino Bevilacqua

04.08.19

 ——————–

  1. De Crescenzo, G., Le industrie del regno di Napoli, Grimaldi & C., 2012
  2. Proto, F., La mozione d’inchiesta per le province Napoletane. Al Primo parlamento d’Italia, Napoli, Alessandro Polidoro, 2015
Read More

Il Ritratto di Dorian Gray di Fiorentino Bevilacqua

Posted by on Lug 28, 2019

Il Ritratto di Dorian Gray di Fiorentino Bevilacqua

Le notizie di questi ultimi tempi mi hanno fatto venire in mente Dorian Gray, personaggio di fantasia uscito dalla penna di Oscar Wilde.

Dorian Gray è un tipo molto fortunato: non invecchia mai. Ad invecchiare al suo posto è la sua immagine, ritratta in un dipinto che gli è stato regalato. Gli anni passano, infatti, ma le rughe, e gli altri segni del trascorrere del tempo, non compaiono sul volto e nel fisico del Dorian in carne ed ossa, bensì in quello del Dorian del dipinto.

Anche le emozioni spiacevoli, i morsi della coscienza che Dorian dovrebbe provare su di sé per via delle azioni che compie, vengono “vissuti” dal Dorian dipinto.

Sembra, quindi, che il Dorian del dipinto sia Dorian in tutto e per tutto: soma e coscienza.

Il corpo di Dorian subisce le ingiurie del tempo nel soma del Dorian del ritratto; la coscienza di Dorian non fa una piega, qualunque cosa egli faccia, perché a reagire è la coscienza del Dorian dipinto…

Questo, per Dorian, è una lasciapassare che gli dà grande libertà d’azione: può commettere qualunque nefandezza, perché la coscienza non rimorderà a lui, ma al suo ritratto.  

Ma perché mi è venuta in mente quest’opera di Oscar Wilde in questi giorni?

In queste ultime settimane si è fatta più pressante la questione dell’autonomia di tre “virtuose” regioni del Nord che, a loro dire, e semplificando “a beneficio” del grande pubblico (delle semplificazioni bisogna sempre diffidare), non ce la fanno più a sostenere, generosamente e disinteressatamente il Sud che, come un figlio bamboccione, non vorrebbe staccarsi, sempre secondo questa loro chiave di lettura, dal Nord che farebbe da genitore.

Abbiamo anche assistito ad un moltiplicarsi di “rivelazioni” e “scoperte” (o riscoperte) di segno opposto circa le attività economiche, sociali etc di quelle tre regioni e, in generale, di tutto il Nord.

Queste due cose (se vogliamo, risapute) richiamano alla mente, per la loro dinamica sociale, interna al Paese, la vicenda del giovane Dorian Gray.

Abbiamo sempre “saputo” che al Nord, il nord post unitario, ci fossero lavoratori indefessi che pagavano le tasse fino all’ultimo centesimo. È di questi giorni lo strombazzamento della notizia che il grosso dell’evasione è, invece, proprio lì, al Nord.

Ci hanno sempre detto che le auto che qui circolano senza assicurazione sono in numero di gran lunga superiore a quelle che, nella stessa condizione, si muovono sulle strade del virtuoso Nord. E’ di questi giorni la notizia che a Milano, moltissimi automobilisti non pagano l’RC auto.

“Sapevamo” che soldi li spendono bene al Nord (vedi MOSE etc); al Sud, invece, li sprecano…

Ci avevano detto che al Nord sanno organizzare bene le cose (basta soltanto, per sostenere questa tesi, nascondere i fallimenti organizzativi del Nord e certi successi del Sud)…Etc. etc.

E’ come se il Sud post unitario, che “vive” (langue…sarebbe più corretto) la condizione unitaria, questa condizione unitaria, il Sud una volta Stato autonomo e non semplice espressione geografica senza più identità storica, sociale, culturale e senza più amore per sé, fosse il ritratto di Dorian Gray del Nord Italia.

E’ come se gli effetti delle nefandezze politiche di una classe dirigente che si muove rispettando i due paradigmi unitari (“Prima e solo il Nord”, “Al sud quel tanto che basta per poter attuare il primo paradigma”), venissero scaricate, anche per quanto riguarda la loro coscienza e consapevolezza, sul Sud che non solo le patisce, ma se ne deve far carico addossandosene la responsabilità e pensando, così, male di se stesso.

Ma Dorian Gray morì, proprio a causa dell’estremo oltraggio che volle portare, questa volta direttamente, al Dorian dipinto che tornò alle giovanili fattezze con cui era stato dipinto.

Le similitudini finiscono qui, almeno oggi, al presente: il Dorian del dipinto era passivo; non poteva far altro che “registrare” ciò che sarebbe dovuto accadere al Dorian in carne ed ossa.

Il Dorian-Sud, invece, può, deve continuare a prendere coscienza di sé e della situazione generale (e costruire, ricostruire, partendo da questo, quanto aveva prima del 1860 e che con l’Unificazione doveva perdere): solo così, l’estremo colpo che Dorian-Nord cerca di infliggergli potrà rappresentare per lui una catarsi salvifica.

Potrebbe esserlo, catarsi salvifica, anche per il Dorian-Nord; ma, in casi come questi, chi ha da perdere i privilegi goduti si avviluppa in una spirale sempre più misera e meschina.

È chi non ha nulla più da perdere che ha il colpo di tallone che può portarlo fuori dal gorgo.

In questa fase “Il ritratto di Dorian Gray”, di Oscar Wilde, non calza più.

Meglio così.

Fiorentino Bevilacqua

27.7.19

Read More
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: