Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria

Quando la Calabria era la Detroit del Sud

Posted by on Gen 19, 2020

Quando la Calabria era la Detroit del Sud

Accanto a quei settori produttivi che potevano svilupparsi sulla trasformazione di materie prime agricole o della pesca, nell’Ottocento i calabresi tentarono anche la strada dell’industrialesimo staccato dalle vocazioni del territorio. Si avviò con un promettente settore industriale di pura trasformazione di materia prima anche importata. Ed e’ questo il caso delle concerie. L’edificio a quattro piani, i cui due superiori sono chiaramente aggiunti, ora destinato ad Istituto religioso, e’ quanto resta della fabbrica per concia di cuoio e pelli, fondata a Tropea, nel 1825, dall’imprenditore Mazzitelli. Realizzata alla marina, vicino al porto, ed alimentata da due ruscelli, la fabbrica entrò in produzione nel 1827. La spesa iniziale ammontò alla somma cospicua di 40.000 ducati, che comunque nei quasi trenta anni di attività, si rivelarono un ottimo investimento.

Read More

I FATTI DI PONTELANDOLFO DEL 1861

Posted by on Gen 17, 2020

I FATTI DI PONTELANDOLFO DEL 1861

Ho letto l’articolo sulla infelice vicenda di Pontelandolfo e Casalduni del 1861 di Sergio Boschiero su “Storia in Rete” di novembre scorso e la replica del sig.Gaetano Marabello sul numero di dicembre della rivista.
Mi è parso, per un verso, che la ricostruzione di quei tragici eventi sia storicamente e documentalmente imprecisa, dall’altro che gli interlocutori non siano del tutto sereni ed equanimi rispetto a quegli eventi storici.
Penso che sia giunto il momento di fare un po’ di chiarezza sull’accaduto “sine ira et studio”, ma seguendo con pacatezza ed obiettività le numerose tracce documentali e bibliografiche esistenti.
Succintamente possiamo ricostruire i fatti nel modo che segue:

Read More

La pianificazione della conquista sabauda dell’Italia

Posted by on Gen 16, 2020

La pianificazione della conquista sabauda dell’Italia

Dopo la guerra di Crimea del 1853-6, Cavour era riuscito a portare sul tavolo internazionale del Congresso di Parigi del 1856 la sua (massonica) visione della “questione italiana” per cui, oltre all’effettiva occupazione militare sicula da parte degli inglesi, il Regno di Federico II acquisisce anche ufficialmente un nuovo nemico dichiarato, il Regno di Sardegna. Sempre in questo congresso i potenti d’Europa decisero tra l’altro che la Francia avrebbe dovuto aiutare il Piemonte per la “liberazione” dell’Italia (ovviamente con congruo compenso economico e territoriale), la strada era quindi già segnata.

Read More

Viva ‘o Rre! Qua’ Re?..’nu Rre!

Posted by on Gen 16, 2020

Viva ‘o Rre! Qua’ Re?..’nu Rre!

Morbosamente immaginando il prossimo sbarco a Napoli del prodigo sabaudo

Le zandraglie dei quartieri spagnoli e le vajasse funnachère d’abbascio ‘o puorto, tutte ingioiellate di lucenti ex voto della Madonna dell’Arco, tentennanti sui tacchi a spillo delle decolletè Valentino-“origginali”, trucidamente leopardate e zebrate in uno sfavillio di pizzi e merletti, con gerani parigini pendenti dai reggisenoni a balconcino, si apprestavano a lasciare il Tempio delle Sangiovannare, per correre ad intascarsi i 10 euro a testa, per la comparsata organizzata dal circolo nautico Savoja, nell’imminenza dello sbarco di Vittorio Emanuello e prole.

Read More
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: