Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria

LETTERA DEL CONTE DI SIRACUSA AL NIPOTE FRANCESCO II

Posted by on Feb 13, 2019

LETTERA DEL CONTE DI SIRACUSA AL NIPOTE FRANCESCO II

Intanto lo spirito pubblico si commuoveva vieppiù; non pochi delusi nella loro aspettativa, dubitavano della lealtà del Principe; gli atti del governo erano continua prova di mal consiglio; si lavorava operosamente a vantaggio della rivoluzione, pronta ad irrompere ad un primo cenno che venisse dall’Italia del Nord: insomma si aspettava Garibaldi.

Essendo le cose a tal punto, che facilmente facevano prevedere prossimi avvenimenti, sorse la voce di un personaggio della Reale Dinastia, che si fece udire dal giovane Monarca. Era la voce dello Zio di lui, il conte di Siracusa. Questo Principe che aveva legami d’intimità ed amicizia con molti uomini del partito liberale, scrisse il 3 Aprile 1860 una lettera al Re, nella quale mentre gli additava i mezzi per salvare la Monarchia, in verità, altro non faceva che tramare contro di essa. Noi qui ne registriamo il testo.

Sire
«Il mio affetto per voi, oggi augusto capo della nostra famiglia; la più lunga esperienza degli uomini e delle cose che ne circondano; l’amore del paese, mi danno abbastanza il dritto presso V. M. nei supremi momenti in cui volgiamo, di deporre ai piedi del trono devote insinuazioni sui futuri destini politici del Reame, animato dal medesimo principio, che lega voi o Sire alla fortuna dei popoli.
Il principio della nazionalità italiana, rimasto per secoli nel campo delle idee, oggi è disceso vigorosamente in quello dell’azione. Sconoscere noi soli questo fatto, sarebbe cecità delirante, quando vediamo in Europa, altri aiutarlo potentemente, altri accettarlo, altri subirlo come suprema necessità dei tempi.
Il Piemonte per la sua giacitura e per dinastiche tradizioni, stringendo nelle mani le sorti dei popoli subalpini e facendosi iniziatore del novello principio, rigettate le antiche idee municipali, oggi usufruita di questo politico concetto e respinge le sue frontiere sino alla bassa valle del Pò. Ma questo principio nazionale ora nel suo svolgimento, com’è naturale cosa, direttamente reagisce in Europa e verso chi l’aiuta e verso chi lo accetta e chi lo subisce.
La Francia dee volere che non vada perduta l’opera sua protettrice e sarà sempre sollecita a crescere d’influenza in Italia e con ogni modo per non perdere il frutto del sangue sparso, dell’oro prodigato e della importanza conceduta al vicino Piemonte; Nizza e Savoia lo dicono apertamente. L’Inghilterra, che pure accettando lo sviluppo nazionale d’Italia, dee però controporsi all’influenza Francese, per vie diplomatiche si adopera…..In tanto conflitto di politica influenza, qual’è l’interesse vero del popolo di V. M. e quello della sua dinastia?
Sire, la Francia e l’Inghilterra per neutralizzarsi a vicenda, riuscirebbero per esercitare qui una vigorosa azione, e scuotere fortemente la quiete del paese ed i diritti del trono. L’Austria cui manca il potere di riafferrare la perduta preponderanza e che vorrebbe rendere solidale il governo di V. M. col suo, più dell’Inghilterra stessa e della Francia, tornerebbe a noi fatale; avendo a fronte l’avversità nazionale, gli eserciti di Napoleone III e del Piemonte, la indifferenza Brittannica,
Quale via dunque rimane a salvare il paese e la dinastia minacciati da cosi gravi pericoli?
Una sola. La politica nazionale, che riposando sopra i veri interessi dello stato, porta naturalmente il Reame
Anteporremo noi alla politica nazionale uno sconsigliato isolamento municipale? — L’isolamento municipale non ci espone solo alla pressione straniera, ma peggio ancora; ché abbandonando il paese alle interne discordie, lo renderà facile preda dei partiti. Allora sarà suprema legge la forza; ma l’animo di V. M. certo rifugge alla idea di contener solo col potere delle armi quelle passioni che la lealtà d’un giovane Re può moderare invece e volgere al bene, opponendo ai rancori. l’obblio: stringendo amica la destra al Re dell’altra parte d’Italia e consolidando il trono di Carlo III sopra basi, che la civile Europa, o possiede, o domanda.
Si degni la M. V. accogliere queste leali parole con alta benignità, per quanto sincero ed affettuoso è l’animo mio nel dichiararmi novellamente.
di V. M.
Napoli 3 Aprile 1860.
Affezionatissimo Zio
Leopoldo Conte Di Siracusa.

Fu giudizio di non pochi questa lettera non essere del tutto intempestiva e poter giovare ancora agl’interessi della dinastia; la quale opinione molti e i più schivi di cose liberali reputarono non essere senza fondamento, quantunque gli unitari, per le loro arti, avessero fatto sì grandi passi che difflcil cosa era di rattenerli nel loro cammino. Nondimeno sembrava che restasse ancor qualche speranza in favore della Real dinastia, se si fossero posti in opera provvidi espedienti, analoghi alla condizione dei tempi, per togliere ogni pretesto alla rivoluzione.
Ma ciò non poteva andare a sangue di chi con ipocrisia consigliava il Re in privato, mentre cospirava alla rovina del suo Signore, che avevalo arricchito e ricolmato dì favori e distinzioni d’ogni sorta.
Il linguaggio dunque del Conte di Siracusa, fu censurato ed Egli poco poi lasciava i domini del suo Augusto Zio per istanziarsi altrove.

Read More

Garibaldi e la Legione Ungherese

Posted by on Feb 11, 2019

Garibaldi e la Legione Ungherese

Con il decreto n° 100 del 16 luglio 1860, Giuseppe Garibaldi, comandante in capo delle Forze Nazionali in Sicilia, autorizza sè stesso a costituire una Legione Ungherese composta di fanteria e cavalleria affinchè partecipasse attivamente alla “conquista” del Regno delle Due Sicilie.

Il brigante Alessandro Arena ci fornisce copia del decreto  n° 100 del 16 luglio 1860 che potete visionare in allegato.

Riportiamo, inoltre, i riferimenti di alcuni tra i soldati che combatterono in questa legione.

La legione Ungherese fu coinvolta nelle peggiori atrocità commesse durante l’invasione del Regno delle Due Sicilie; ebbe parte attiva nelle stragi di Auletta, di Montemiletto e Montefalcione e fu utilizzata per incendiare paesi e fucilare all’istante chi veniva trovato con le armi in pugno.

I soldati della Legione Ungherese, per le atrocità commesse nella risalita del Regno, possono essere paragonati ai contingenti marocchini durante la seconda guerra mondiale.

Questo brano è scritto ad uso e consumo di chi crede ancora che l’Unità d’Italia sia stata fatta grazie all’avanzata pacifica ed indisturbata di 1000 valorosi in camicia rossa guidati dal generale alto biondo e dal bianco destriero.

Francesca Di Pascale – Briganti 

fonte http://briganti.info/garibaldi-e-la-legione-ungherese/

Read More

11 Maggio 1860, mille avanzi di galera, comandati da un bandito, sbarcarono a Marsala – 158 anni fa iniziava lo sterminio del popolo Duosiciliano!

Posted by on Feb 11, 2019

11 Maggio 1860, mille avanzi di galera, comandati da un bandito, sbarcarono a Marsala – 158 anni fa iniziava lo sterminio del popolo Duosiciliano!

Un genocidio che nessuno commemora – 11 Maggio 1860, mille avanzi di galera, comandati da un bandito, sbarcarono a Marsala – 158 anni fa iniziava lo sterminio del popolo Duosiciliano!

154 ANNI FA INIZIAVA LO STERMINIO DEL POPOLO DUOSICILIANO

11 Maggio 1860 – Mille avanzi di galera sbarcarono a Marsala.

Non erano neanche mille, ma 702 e per di più… Violenti e malfamati!…

Ma non erano affatto soli!… e neanche isolati !…

Anzi, proprio al contrario, erano molto ben protetti militarmente dalla flotta inglese, finanziati, assistiti e guidati dalla massoneria mondiale ebraica e il loro mandante era niente di meno che Rothschild!

Ancora oggi, dopo 158 anni, le cose non sono cambiate, Rothschild, la massoneria mondiale ebraica, ed oltre a quella inglese, anche la flotta Usa, la Nato, Israele, etc. sono i potenissimi mandanti, finanziatori e protettori diretti ed indiretti di terroristi, tagliatori di teste e cannibali come quelli dell’Isis, di Al Qaeda, di Boko Haram ed altri ancora che, seppur

apparentemente pochi, con l’appoggio perfino di portaerei, e delle forze aere e missilistiche di Israele, Usa, Francia, Inghilterra, Italia, etc. hanno invaso, abbattuto e conquistato tutto o parte di Stati come la Libia. la Siria, l’Iraq, l’Afghanistan, il Mali, etc.

Quegli avventurieri di allora, sostenuti dalle maggiori potenze mondiali di allora, avevano a capo un Criminale di nome Giuseppe Garibaldi, ladro di cavalli, a cui avevano mozzato le orecchie in Argentina perché beccato in flagranza di reato.

Ma allora, oltre ad essi che avanzavano da sud, subito dopo, a scoccorrerli ulteriormente, un’orda barbarica, dunque, scese dal Piemonte. “Parlavano una strana lingua e bestemmiavano in continuazione! Donne stuprate, uomini e bambini uccisi e trucidati! Interi paesi bruciati e rasi al suolo!

Come oggi negli Stati sopraccennati, allora nell’Italia del Sud, ogni ricchezza venne saccheggiata…” i crimini commessi da detta legione straniera dei massonici ebraici rothschildiani avventurieri provenienti dal Piemonte, dalla Lombardia, ma anche da Inghilterra, Francia, Ungheria, Polonia, Stati Uniti, Canadà e perfino Turchia, contro il popolo meridionale, sono INENARRABILI: e furono talmente EFFERATI che ancora oggi vengono taciuti.

Altro che fratelli d’Itaglia!… Fisicamente e soprattutto moralmente, sia i nostri antenati e sia noi, non siamo nemmeno parenti alla lontana con simili canaglie.

Quante menzogne, quanti massacri… e quanto sangue e quante lacrime hanno versato i nostri antenati ed i nostri padri, le nostre madri e quante ne stiamo versando ancora oggi per questa “Italia” falsa, bugiarda e criminale, che è completamente all’opposto della vera nostra Italia.

Tu che conosci la verità sei pregato di divulgarla, e di farla conoscere a tutti.

Cerca le verità sepolte e riportale alla luce e falle rivivere nella mente e nel cuore tuo e di tutti i tuoi cari.

Divulgale a chi le ignora.

Il Regno delle due Sicilie era il terzo Stato più ricco ed avanzato al mondo.

L’Unità massonica ebraica rothschildiana d’Italia distrusse la vera e migliore Italianità ed il buon rapporto fra tutti gli stessi Italiani di buona volontà.

Prima di detta falsa Unità, da noi vi era il miglior tenore di vita del mondo e la migliore qualità di vita del mondo, proprio perchè si abitava in quelle terre che per la dolcezza del loro clima, per l’amenità e bellezza dei paesaggi e per la fertilità dei suoli… ed in quelle incantate città che per i loro splendidi palazzi, per le loro magnificenti chiese e per le svariate e meravigliose opere dell’arte: della musica, della pittura, dell’architettura e della cultrura in generale, ed anche dei cibi, dell’ospitalità, dell’equità, moderazione e giustizia delle istituzioni e per il fascino delle usanze popolari… erano di fatto riconosciute come le più belle, salutari, accoglienti ed amabili del mondo in assoluto ed erano conosciute, visitate, ammirate, esaltate ed invidiate da tutta Europa e dal mondo intero!

Francesco II di Borbone profetizzò che non ci sarebbero rimasti neanche gli occhi per piangere.

Infatti è stato, è e sarà così finché durerà questa maledetta falsa Unità, per i nostri avi, per noi e per le generazioni a venire.

Il Regno delle Due Sicilie e la Serenissima Repubblica di Venezia, distrutti nel 1861, insieme alla Sardegna. La Dalmazia e l’Istria distrutte alla fine del secondo conflitto mondiale, l’italianissima Corsica data in pasto alla ferocia degli aguzzini

massonici ebraici rothschildiani francesi, Briga e Tenda e la Contea di Nizza cedute alla stessa Francia. L’isola di Malta assoggettata alla massoneria ebraica inglese. Tutto ciò dimostra che la classe dirigente massonica, ebraica rothschildiana, in Italia, come in Inghilterra, come in Francia e come in tutto il resto del mondo, allora come adesso e come sempre, ha seminato, semina e seminerà solo morte e desolazione. Fece, fa e farà sempre versare tanto sangue innocente per i suoi malvagi e criminali interessi.

A suo tempo, l’Invasione armata distruttrice, la conquista militare violenta e lo sfruttamento coloniale e schiavistico portarono al disastro ed allo sterminio la buona parte del Popolo Duosiciliano:

Infatti, su quasi 7,5 milioni di abitanti di allora:

– Dal 1860 al 1875, quasi 50.000 giovani e forti, la meglio gioventù del Sud, militari del Regio Esercito del Regno delle Due Siicilie, furono sterminati non soltanto sui campi di battaglia, ma, ancor più numerosi, nei feroci campi di concentramento e sterminio come Fenestrelle, e tantissimi altri situati per lo più in Piemonte, ma sparsi anche per tutto il resto d’Italia!

– Inoltre, dal 1860 al 1980, nel giro di 20 anni, con la guerra al brigantaggio furono massacrati, passandoli per le armi e carcerandoli brutalmente più di 100.000 civili.

Complessivamente fu sterminato 1,2 milioni di persone, per fame, freddo, malattie e persecuzioni causate soprattutto con:

– La legge marziale, che spesso veniva proclamata per intere regioni, e che impediva alla gente di uscire anche solo per procurarsi da vivere e, o recarsi al lavoro fuori paese o anche solo fuori casa.

– La legge Pica, tirannica e sanguinaria, che istigava ad uccidere anche per semplici sospetti, contadini, pastori, vecchi, donne e bambini, impedendo loro di recarsi liberamente a procurarsi da vivere lavorando nelle campagne o sulle montagne. Non si poteva più andare fuori casa portando armi, anche insignificanti, come coltelli da cucina per tagliare il pane, falci, tridenti ed altri arnesi simili da lavoro. Era vietato perfino portare con sé anche cibo. Chi veniva sorpreso con vivande al seguito, veniva fucilato senza processo, col pretesto che detto cibo fosse per i briganti. I boscaioli, ad esempio, non potevano usare neanche asce e accette per i loro soliti lavori

– La coscrizione militare obbligatoria che aveva sottratto, al sostentamento delle famiglie, i giovani che erano indispensabili per i lavori di ogni genere nei campi e nelle officine, costringendoli a 5 e 10 anni di ferma sotto le armi, tenendoli semincarcerati nelle caserme o impegnati sul terreno nella barbara guerra senza fine contro i propri conterranei che si erano dati al brigantaggio. e facendo morire tanti e tanti giovani del Sud a decine di migliaia nelle varie guerre e controguerre irredentiste, imperialiste e coloniali in Italia e dappertutto nel resto del mondo.

– La criminale ed affamatrice “tassa sul macinato” che aveva portato i prezzi delle granaglie e delle altre derrate alimentari più popolari, come il pane, a livelli proibitivi per la popolazione sempre più artificiosamente impoverita e ridotta in miseria ed alla fame vera e propria.

– Tutto l’oro e l’argento del Banco di Stato di Napoli e del Banco di Stato di Sicilia, che per un valore di circa 450 milioni di ducati d’oro e d’argento, fu confiscato, razziato senza rimborso, portato ed utilizzato solo per gli interessi dei boss massoni ebrei rothschildiani nel triangolo industriale di Torino,Milano-Genova, creato “ex novo” nel nord Italia, dove prima non c’era assolutamente nessunissima attività economica industriale ed avanzata

– Le industrie di stato minerarie, estrattive, siderurgiche e militari di Mongiana, Ferdinandea e Bivongi, le industrie di stato meccaniche e ferroviarie di Pietrarsa, le industrie dei cantieri navali statali di Castellammare di Stabia, furono chiuse, smontate, rubate, razziate, portate via per essere poi rimontate più a Nord, specie a Terni, La Spezia, Genova, Torino, Milano, Brescia e Bergamo sempre nell’interesse dei pochissimi che se ne erano impossessati con la prepotenza e l’inganno.

– I beni della chiesa che ammontavano allora a circa due terzi di tutti i beni immobili del paese, furono confiscati e svenduti ad una borghesia avida e senza scrupoli, che a differenza della chiesa stessa che si accontentava al massimo di piccole decime, sfruttava invece i contadini ed i pastori fino al midollo, senza neanche dar loro la possibilità di avere di che mangiare per sè e per la propria famiglia.

– La maggior parte del popolo, che lavorava la terra, da proprietario divenne colono e schiavo, proletarizzato dal nuovo dittatoriale Stato tirannico, che si chiamava Regno d’Italia, ma che era, ed è ancora adesso, il principale nemico del Popolo Italiano, in particolare del Popolo dell’Italia del Sud.

– In sostanza di fronte a tanta miseria, a tante morti, a tante persecuzioni ed odiose angherie, la scelta che il nuovo e tirannico Stato massonico ebraico rothschildiano, in accordo criminale con la massoneria ebraica rothschildiana globale, diede al Popolo Duosiciliano fu solo questa scelta: << o Brigante!… o Emigrante!…>> per cui…

– Dal 1860 fino al 1875 andarono via dalla nostra terra 4 milioni di persone.

– Dal 1860 fino al 1914 ne andarono via 18 milioni.

– Dal 1860 fino ai nostri giorni ne sono andate via 36 milioni. e stanno continuando ad essere costrette da politiche volutamente antipopolari ad emigrare ancora adesso a centinaia di migliaia ogni anno,

Si tenga presente che la popolazione meridionale attuale ammonta a 35 milioni in Italia, di cui una parte notevole vive anche al nord.

In conclusione, questa particolare Unità d’Italia, voluta nell’esclusivo e fazioso interesse di una classe dirigente massonica, ebraica, rothschildiana, criminale, usuraia, estorsiva, razzista, assassina e nemica del Popolo Italiano in generale e del Popolo Italiano Meridionale in particolare, è stata un vero e proprio crimine contro l’umanità, tale e quale come l’attuale Unione Europea che, guarda caso, viene portata avanti a presente proprio dalle stesse identiche forze massoniche, ebraiche rothschildiane del 1860 e di quasi tutti i periodi successivi e di tutto il mondo che arrivano fino ai nostri giorni ed intrigano e complottano in tutto il mondo con gli stessi metodi diabolici e criminali suoi caratteristi di ieri, di oggi e di sempre.

La lotta contro l’attuale dittatura e tirannia antipopolare massonica ebraica rothschildiana che adesso si spaccia per “europea”, tale quale come una volta si spacciava per “italiana”, è in realtà una lotta contro lo stesso nemico principale di sempre dei nostri antenati e di tutti i popoli d’Europa e del mondo intero, ad eccezione, ovviamente, dell’unico e solo “divino popolo eletto” del satanico Rothschild!

Vi è quindi un’importantissima ed essenziale continuità di identità culturale, sociale, etnica e storica massonica, ebraica e rothschildiana tra la classe dirigente che oppresse e sterminò i nostri padri ed i nostri antenati dal 1860 in poi e quella classe dirigente attuale, contro cui dobbiamo fare i conti ancora adesso proprio noi, perché anche a presente essa di nuovo vuole invadere con nuove e peggiori orde barbariche, opprimere e sterminare non solo noi stessi, ma anche i nostri figli, nipoti e pronipoti per tenere il mondo tutto per sé e per la propria “divina eletta progenie”.

Questa cognizione allora, della lotta senza tregua che si è svolta e si svolge e si svolgerà sempre di generazione in generazione tra noi ed i nostri tradizionali talmudici e diabolici nemici principali di sempre, deve spingerci ad essere più preparati idealmente e materialmente per potere resistere e contrattaccare in maniera più adeguata contro il nemico principale di sempre, senza più commettere le ingenuità e gli errori dei nostri pur amatissimi padri ed antenati, onde potere finalmente vincere e ribaltare positivamente e completamente una volta per tutte, o per lo meno per un bel pezzo, la nostra situazione e quella del nostro popolo nel suo complesso.

(salvatore brosal – duccio mallamaci)

Qualche ricordo:

Angelina Romano, nata il 5 novembre 1853, morta fucilata il 3 gennaio del 1862 a Castellamare del Golfo, perché accusata di brigantaggio. Vittima innocente della repressione sabauda. Questo è quanto risulta dall’archivio storico militare. Questo e tanto altro ancora la “storia ufficiale” non ha mai raccontato. Angelina era una bambina siciliana, che camminava scalza per le vie del suo paese. Aveva un faccino bello e pulito. La sua vita fu interrotta perché così vollero i predoni di quell’orda barbarica, che scese dal Piemonte per devastare, massacrare, violentare, rapinare, distruggere…  

La bella Michelina De Cesare fu stuprata, seviziata, violentata dai piemontesi il 30 agosto 1868. Fu tanto impavida quanto bella, con il suo formidabile intuito riuscì più volte a prevenire attacchi ed imboscate dei piemontesi. Il 30 agosto 1868 la banda del Guerra fu massacrata e Michelina ne seguì la stessa sorte. Il suo corpo fu spogliato ed esposto nella piazza del paese suscitando ire, risentimenti e scandalo. Dopo la sconfitta della squadra di cui faceva parte, Michelina De Cesare fu catturata dai piemontesi e sottoposta a tortura. Morta a causa delle atroci sevizie subite, fu spogliata ed esposta nella piazza del paese come monito alle popolazioni “liberate”. Ma l’effetto sulla gente inorridita dall’efferata vendetta fu opposto a quanto sperato dalle truppe d’occupazione: infatti l’accaduto generò nuovi risentimenti che rivitalizzarono l’affievolita reazione armata antiunitaria. Michelina De Cesare nacque a Caspoli, frazione del comune di Mignano, il 28 ottobre 1841.  

Ninco Nanco, all’anagrafe Giuseppe Nicola Summa, nacque ad Avigliano 12 aprile 1833, fu ammazzato a tradimento dai piemontesi a Frusci il 13 marzo 1864. Dopo essere stato ammazzato fu anche sadicamente fotografato.

Le reali Ferriere ed Officine di Mongiana (Calabria) furono distrutte dal nuovo Stato unitario – Regno d’Italia – nel 1881. – Le industrie di stato minerarie, estrattive, siderurgiche e militari di Mongiana, Ferdinandea e Bivongi, le industrie di stato meccaniche e ferroviarie di Pietrarsa, i cantieri navali statali di Castellammare di Stabia, furono chiuse, smontate, rubate, razziate, portate via per essere rimontate più a Nord, specie a Terni, La Spezia, Genova, Torino, Milano, Brescia e Bergamo sempre nell’interesse dei pochissimi che se ne erano impossessati con la prepotenza e l’inganno.

Tratto da: http://ondasud.blogspot.it/2015/05/11-maggio-1860-inizia-lo-sterminio-del.html

fonte http://www.complottisti.info/11-maggio-1860-mille-avanzi-di-galera-comandati-da-un-bandito-sbarcarono-a-marsala-158-anni-fa-iniziava-lo-sterminio-del-popolo-duosiciliano/?fbclid=IwAR0dFK-HjzHyqs6FEIM41U3NC-7mewLvg6I-RHTBiKOupX-emfe_Z5d0b3c

Read More

Spunta la prova a Londra: Garibaldi prese Napoli coi maneggi degli inglesi

Posted by on Feb 10, 2019

Spunta la prova a Londra: Garibaldi prese Napoli coi maneggi degli inglesi

Lo sbarco dei Mille a Marsala, l’11 maggio 1860, venne immediatamente considerato da tutte le Potenze europee come me un fattore di grave destabilizzazione dello status quo internazionale.
Non solo Austria, Prussia, Russia furono fermamente contrarie a un’impresa che rischiava di creare un focolaio rivoluzionario nel Mediterraneo .Anche l’Inghilterra nutrì forti perplessità per una vicenda dai contorni indefiniti e dagli esiti incerti e si dichiarò disposta a collaborare con la Francia di Napoleone III per negoziare una tregua tra il governo napoletano e gli insorti, con l’obiettivo di arrestare l’irresistibile avanzata delle camicie rosse.

Il 4 giugno Cavour prendeva atto che il Regno Unito
«pur dimostrandosi prodigo di simpatie platoniche per la causa italiana non è disposto a muovere neanche un pollice per venirci in aiuto e che anzi la sua azione è volta a conservare la Sicilia ai Borboni e a ostacolare l’annessione del Mezzogiorno al Regno di Sardegna».
La posizione di Londra mutava radicalmente, il 12 giugno, con l’avvento del gabinetto liberale guidato da Palmerston.

Il 26 luglio, quando Garibaldi, impadronitosi dell’isola, si preparava a passare lo stretto di Messina, il ministro degli Esteri Lord Russell inviava un dispaccio (ora conservato nei National Archives di Londra) all’ambasciatore a Parigi, comunicandogli il rifiuto di aderire alla proposta francese di attuare un blocco navale congiunto per impedire il passaggio dei volontari sul continente.

Un’azione militare avrebbe, infatti, contraddetto
«quel principio generale del non intervento che il Governo di Sua Maestà era deciso a non abbandonare».
Con grande ipocrisia, Russell, pur sapendo che gli alti comandi della marina delle Due Sicilie si erano venduti agli agenti piemontesi, aggiungeva
«che se la flotta, l’esercito e il popolo napoletano fossero restati fedeli al loro re, Garibaldi sarebbe stato sconfitto senza difficoltà, ma se al contrario si
fossero dimostrati disposti ad accoglierlo il nostro intervento avrebbe costituito un’interferenza negli affari interni del Regno di Francesco II».

La linea politica decisa da Palmerston e Russell non era però condivisa dalla Regina Vittoria animata da una personale antipatia per Garibaldi da lei definito una specie di «gangster sudamericano».
A superare l’ostilità della sovrana, interveniva un’abile e spregiudicata manovra di Cavour, verosimilmente concordata con il governo inglese.

Ai primi di agosto, Russell riceveva e faceva prontamente tradurre una lettera di Garibaldi inviata, il 27 luglio, a Vittorio Emanuele (anch’essa depositata negli archivi del Foreign Office).

In quello scritto il generale, mentre ribadiva la sua intenzione di raggiungere la Calabria, dichiarava che al termine della sua missione, egli avrebbe abbandonato i poteri provvisoriamente assunti per deporli ai piedi del monarca sabaudo. In realtà quel messaggio era stato personalmente dettato da Cavour, il quale aveva ordinato ai suoi emissari di fare scrivere all’Eroe dei due Mondi che
«egli pieno di devozione e di reverenza per il Re avrebbe voluto seguire i suoi consigli di non abbandonare le coste siciliane ma che i suoi doveri verso l’Italia non gli permettevano di impegnarsi a non soccorrere i napoletani».

Con queste poche parole la spedizione dei Mille perdeva i suoi connotali di avventura rivoluzionaria e rientrava nell’alveo del programma moderato, liberale, costituzionale perseguito da Cavour che era grado di dissipare i timori di Buckingham Palace.

Il 18 agosto Garibaldi poteva così approdare indisturbato nei pressi di Reggio Calabria e iniziare la sua travolgente marcia verso Napoli, grazie alle dichiarazioni di Palmerston dove si rendeva noto che un intervento ostile della squadra francese sarebbe stato considerato un attentato contro gli interessi strategici inglesi. In questo modo l’Italia compiva la sua unificazione da Torino a Palermo.

Londra si assicurava, invece, un vero e proprio protettorato sul nuovo Stato mediterraneo che, da quel momento, per l’estensione stessa delle sue coste, sarebbe restato esposto al ricatto della potenza navale britannica.

Eugenio Di Rienzo

Read More

Terra d’Otranto 1800 – Feudalesimo mai terminato all’ombra dei Borbone

Posted by on Feb 9, 2019

Terra d’Otranto 1800 – Feudalesimo mai terminato all’ombra dei Borbone

altro non era che una elite aristocratica (meridionale) che da parecchie generazioni impersonificava un feudalesimo stagnante, ossia una “casta” (si direbbe oggi) costituita da “non veri” rappresentanti della dinastia borbonica.

Dopo alcuni anni di studio sull’epoca borbonica, pare sempre più verosimile avallare (è una mia ipotesi) che, a differenza di quanto avveniva nel resto del Regno delle Due Sicilie, l’elite locale del Salento di inizi ‘800 abbia mantenuto uno stile parassitario ai danni delle comunità locali; un feudalesimo mai terminato che si è perpetuato all’ombra dei re di Napoli. Questa ipotesi può essere una chiave di lettura (nuova per alcuni) per spiegare il sorgere e il dilagare delle sette segrete e carbonare della Terra d’Otranto, nate l’indomani la sconfitta di Napoleone a Waterloo e il Congresso di Vienna (1815) e in seguito al conseguente avvio della Restaurazione dell’Ancien Régime; con quest’ultimo si avviava la ricostituzione del vecchio ordine feudale, riportando sul trono gli stessi sovrani spodestati da Napoleone. Essi vollero ripristinare gli antichi diritti – quelli dell’Ancien règime appunto. Concluso il Congresso di Vienna, si ricostituì il “Regno borbonico” in “Regno Delle Due Sicilie” (9 maggio 1815). Il re si fece nominare Ferdinando I.

Ma con il ritorno al potere delle antiche dinastie regnanti e delle precedenti leggi, costumi, guardie nazionali (…), nella Terra d’Otranto la popolazione paventava un ritorno a quello stile simil feudale con il quale le aristocrazie meridionali avevano oppresso le genti sino ad allora. Infatti nel tacco d’Italia e sulla scia del onda di libertà dell’esempio francese, si diffusero i nuovi fermenti rivoluzionari e non casualmente si costituirono le società segrete, le quali ebbero il favore di molti elementi della borghesia cittadina (come artigiani e mercanti), che non avevano perdonato al sovrano borbonico la sua politica favorevole ai grandi proprietari terrieri.

In questa chiave di lettura, direi che nel sud (e anche nel Salento) l’opposizione all’Ancien Regime era indirizzata genericamente alla dinastia dei Borbone, ma concretamente era rivolta ai loro rappresentanti locali; ossia quella elite aristocratica meridionale che da parecchie generazioni impersonificava un feudalesimo stagnante. Quindi una “casta” si direbbe oggi (costituita da “non veri” rappresentanti della dinastia borbonica), la quale tornava a tormentare e ad opprimere le poveri genti. Lo scontro e la reazione diveniva irreparabile. Ecco quindi una lettura del perchè particolarmente nel Salento di inizio Ottocento, dilagarono sette segrete e carbonare.

Già sin dal 1700 il governo dei Borbone aveva posto attenzione al problema del Feudalesimo in Terra d’Otranto. In quel secolo studiosi come il Giuseppe Palmieri e altri, con la concezione Illuministica dello Stato, avevano tentato di opporsi al regime del baronaggio feudale, che perdurava ancora nel XVIII sec. Questo regime (feudale) fu inteso come “regime mostruoso e il più opposto all’armonia sociale”. Cfr : V. Valsecchi L’Italia nel Settecento (1714.1788), vol VII, 1° ed. Milano 1959, pag 760-761. Difatti il baronaggio del 1700, conservava delle prerogative che “usurpavano il potere allo Stato, che facevano del feudo un piccolo stato nello stato. Rimane il diritto di esercitare la giustizia e di esigere tributi, che sottopone i sudditi all’arbitrio del feudatario. Tutti residui di una concezione politica e sociale ormai superata, che andavano eliminati”.

E’ sorprendente e anche “illuminante” (…) dare una consapevole rilettura al volume più noto di David Winspeare, la Storia degli abusi feudali del 1811, notizie sul feudalesimo in Terra d’Otranto, nel quale si ha un’ampia e dettagliata documentazione; il questo volume si stabilì che in poco meno di tre anni, vi furono ben 1.395 vertenze in ordine ai diritti feudali, oltre a quelli di cui godeva in tutto il regno, cioè i diritti sulle persone e sulle proprietà private. Qui è anche efficacemente delineata la storia e la struttura del sistema feudale, il quale, a detta dell’autore, aveva promosso all’interno della società e in tutte le parti dell’ordinamento statuale un’accesa e deleteria rivalità. E, soprattutto nel contesto del Regno di Napoli, esso si era sviluppato in modo artificioso, non spontaneo, passando di dinastia in dinastia, per provare «l’esperimento dei mali di tutte le nazioni», generando guerre intestine, rozzezza nei costumi e nella cultura, nonché contrasto alla giustizia. Il sistema feudale per Winspeare era «semplicemente come un “mostro”, uscito dalle foreste dei barbari ed allevato dalla ignoranza e dagli errori di tredici secoli», che era stato sconfitto solo con l’avvento dell’Illuminismo.

Non a caso già nel 1817 i Borbone inviarono in Terra d’Otranto il marchese di Pietracatella Giuseppe Ceva Grimaldi, nella qualità di “Intendente della Provincia”, nel suo “viaggio dell’Intendente borbonico da Napoli a Santa Maria di Leuca“, col delicato compito di conoscere ed eventualmente sedare le azioni violente di gruppi di carbonari e di briganti.

Ma quello del feudalesimo era un problema che si trainava di dinastia in dinastia e che aveva generato decenni di povertà e pressione tali da esplodere con la Restaurazione dell’Ancien Régime quando, a mio avviso, sfociò la rabbia repressa negli anni precedenti dalla maggior parte della popolazione meridionale (e salentina); e questa rabbia trovava sfogo nel grido di libertà offerto dai moti rivoluzionari di inizio del XIX secolo quando, tra la fine degli anni ’10 e gli inizi degli anni ’20, sorsero per l’appunto le svariate sette carbonare e massoniche della Terra d’Otranto, nelle quali confluivano varie correnti; non solo esponenti del popolo (gente dal basso), ma anche aristocratici (sia filo-borbonici, sia anti-borbonici), ma anche gente del clero (sia filo-borbonici, sia anti-borbo nici), o la classe borghe­se … ma anche confluirono in queste sette “vili ladri di galline” diranno alcune cronache contemporanee.  Con l’esempio dei moti carbonari francesi quindi, nel Salento sorse in quel peridodo di inizio ‘800, la coscienza della necessità di crerare un progetto carbonaro fra le province, quale unica soluzione per togliersi dal giogo oppressivo imposto dalla maggior parte delle aristocrazie locali (…) lontane fisicamente e ideologicamente dai Borbone in Napoli. Nella Terra d’Otranto queste sette carbonare videro l’adesione di masse contadine e non solo; tutti volevano un nuovo governo e riforme radicali; pretendevano la distribuzione delle terre e la riduzione delle tasse, come quella sul sale. La necessità di rivendicare i diritti basilari era divenuta la priorità. Il quadro complessivo pertanto, era abbastanza frastagliato. La ricerca della libertà e dell’autonomia portò all’aggregazione in sette di professionisti, artigiani, commer­cianti, ufficiali dell’esercito, rappresentanti del basso clero, e dei piccoli proprietari terrieri. I borghesi (la nuova classe dirigente di quei tempi) erano contro la vecchia aristocrazia feu­dale; e ad esempio la nascente società segreta dei Filadelfi si batteva per la Costituzione ma anche per l’instaurazione della Re­pubblica rivendicando la riforma agraria, l’abolizione della proprietà privata delle terre e la loro distribuzione ai contadini.

Ad esempio la setta dei Filadelfi ad Andrano (Le) del 1821. Se da un lato questa setta si opponeva ai ricchi possidenti locali, dall’altro essa riuscì anche a intimorire anche l’intera popolazione.

Altro sulle SETTE CARBONARE E LIBERALI DI TERRA D’OTRANTO

Altro su SISTEMA FEUDALE IN TERRA D’OTRANTO

Ricerche a cura del dott Giovanni Greco;
dott in Conservazione dei Beni Culturali, con laurea in archeologia industriale, è studioso e autore di numerose ricerche sul Salento, Erasmus in Germania nel 1996, ha viaggiato per venti anni in Italia e in Europa, ha lavorato un anno in direzione vendite Alitalia nell’aeroporto internazionale di Francoforte, ha diretto per cinque anni la sezione web di un giornale settimanale cartaceo italiano a Londra, libero professionista, videomaker, artista raku, poeta, webmaster, blogger, ambientalista, presentatore, art director, graphic designer, speaker radio, giornalista freelance Internazionale iscritto presso l’agenzia GNS Press tedesca, collabora come freelance con diverse realtà sul web e sul territorio locale. Dal 1998 è direttore responsabile della rivista on line “BelSalento.com – arte, storia, ambiente, politica e cultura della Terra dei Due Mari – Servizi di Fruizione Culturale”.

Giovanni Greco

fonte http://belsalento.altervista.org/terra-dotranto-1800-feudalesimo-mai-terminato-allombra-dei-borbone/

Read More

SBARCO DEI MILLE A MARSALA di GIUSEPPE BUTTA’….Cappellano dell’esercito borbonico

Posted by on Feb 7, 2019

SBARCO DEI MILLE A MARSALA di  GIUSEPPE BUTTA’….Cappellano dell’esercito borbonico

L’epoca seconda di queste memorie non sarà creduta da’ posteri. Io racconterò fatti incredibili, ma veri.
Ora cominciano le diserzioni dei soldati e degli uffiziali, la viltà e le inesplicabili ritirate de’ Generali, ove non si vogliano chiamare vergognosissimi tradimenti.

Un’anima nobile e dignitosa rifugge da queste rimembranze: è troppo tristo ricordare come una prode armata di circa 100,000 uomini fosse stata distrutta non già dal nemico, ma da varii dei capi stessi, i quali disonorarono il proprio paese, e quella divisa gallonata, che con tanta burbanza indossavano.

La striscia di sangue che bagnò la via da Boccadifalco a Gaeta sgorgò solamente dalle vene de’ soldati, i figli del popolo, e dell’ufficialità subalterna e se non fosse stato per questi, l’onor militare del disgraziato Regno di Napoli sarebbe rotolato nel fango.

Gli scrittori garibaldini descrissero pugne omeriche; ma la storia imparziale dirà, che le bande garibaldine sarebbero valse meno delle bande siciliane, se non fosse stata l’ignavia, la viltà, e il tradimento di alcuni duci napoletani. I fatti che racconterò saranno una splendida prova del mio asserto.

Dopo le vicende guerresche di aprile, la truppa era rientrata ne’ quartieri, e riprendea le sue abitudini, e tutto sembrava quieto.
Il 13 maggio, corse voce, che Garibaldi fosse sbarcato in Marsala con 600 uomini di truppa piemontese.

Questa notizia fu tenuta per una favoletta, una spiritosa invenzione. Tutti dicevano: l’hanno detta assai grossa.

Conciosiachè le relazioni diplomatiche tra Torino e Napoli fossero cordiali, e quindi non era da supporre che quel Governo volesse tentare un’invasione in un Regno amico, senza alcuna ragione, almeno apparente, e senza intimazione di guerra, come si usa ne’ paesi civili.

Tuttavia la sera di quel giorno 13, la notizia venne confermata ufficialmente, ma corretta in questo modo: che Garibaldi fosse sbarcato in Marsala con più di 1000 volontari vestiti con camicia rossa: che i legni di guerra napoletani, cioè la fregata Partenope, e i due vapori Stromboli, e Capri, non avessero potuto impedire lo sbarco di quei volontari, perché protetti da due legni di guerra inglesi, l’Intrepido e l’Argo, partiti due giorni prima dalla rada di Palermo: che Garibaldi non venisse in Sicilia a far la guerra per ordine del Governo Sardo, ma per aiutare la rivoluzione siciliana.

Queste notizie furono accolte con entusiasmo dalla truppa; tutti desideravano essere condotti a Marsala per combattere Carlobardi, così i soldati chiamavano Garibaldi farsi onore ed ottenere decorazioni e gradi militari. Vi era pure un certo dispetto, che uno straniero si venisse ad immischiare nelle nostre lotte politiche.

Garibaldi, in Marsala, non trovò cordiale accoglienza. Il Municipio andò via, i marsalesi agiati fuggirono, le vie erano deserte. Di che fortemente indignato fece occupare le porte della città dai suoi volontarii, e dichiarò lo stato di assedio.

È necessario qui notare, che Garibaldi appena toccata la terra siciliana, che dovea redimere dalla schiavitù, per primo atto del suo inqualificabile potere dichiarò lo stato di assedio in una città non ostile, ma riservata e indifferente alla libertà e redenzione che volea largirle.

Il 14 maggio, Garibaldi ed i suoi volontarii partirono per Salemi, paese 20 miglia dentro l’isola, ove fu incontrato dal celebre padre Pantaleo di Castelvetrano, frate de’ Minori osservanti, oggi ammogliato e libero pensatore.

Alcuni duci gallonati di Palermo invece di attendere ed arrestare la marcia di Garibaldi, si bisticciavano tra loro: aveano perduta la bussola prima di mettersi in mare. Nondimeno dovendosi decidere a qualche cosa, si decisero pessimamente, cioè mandarono il generale Landi a combattere Garibaldi. Il Landi era stato comandante del 9° cacciatori, ed io non avea inteso buone notizie intorno alla sua delicatezza amministrativa e capacità militare.

Landi partì per Alcamo; il 14 maggio radunò in quella piccola città più di 3000 uomini di truppa scelta, avidissima di battersi: avea cannoni, cavalleria, e tutto quello che fa di bisogno ad un piccolo corpo di esercito in campagna. Il contenersi del Generale in Alcamo era come se si trattasse di una passeggiata o parata militare, in che riuscivano mediocri non poca parte de’ duci napoletani. Landi non prendeva alcuna precauzione, non dava quegli ordini che si richiedevano, avendo il nemico quasi di fronte: stava inoperoso.

Spinto dagli ordini urgenti del Luogotenente Castelcicala, si partì d’Alcamo per Calatafimi. Il 15 maggio anche Garibaldi con i suoi volontari, e le squadre siciliane, che avea raccolte, si spinse verso Calatafimi.

BATTAGLIA DI CALATAFIMI

Garibaldi si fermò prima di giungere a Calatafimi, e sembrava incerto di ciò che si dovesse risolvere. Vedendo la truppa di fronte, cercò scansarla; lasciò la via e prese i monti.
Landi per mostrare di far qualche cosa, prima che comparisse Garibaldi, avea spinto verso Salemi il maggiore Sforza comandante l’8° cacciatori, ma con quattro sole compagnie, per fare una ricognizione militare, e se attaccato, ritirarsi.

Giunto lo Sforza non più lungi di un tiro di fucile da’ garibaldini, vide che lasciavano la via e prendevano i monti per evitare un combattimento. A questo i soldati non si contennero e si diedero a gridare che volevano battersi ad ogni costo. Il comandante Sforza protestò che avea altri ordini dal Generale, ma lo scambio delle fucilate cominciava, e lo Sforza finì di secondare il desiderio de’ suoi soldati, spingendosi alla loro testa ed attaccò vigorosamente i garibaldini.

La mischia fu terribile: i garibaldini si erano appiattati a terra, ed in quellaposizione facevano un fuoco ben nutrito. Prevalse però la bravura e disciplina delle quattro compagnie, e le bande rosse furono sgominate ed inseguite.

Menotti Garibaldi che portava una magnifica bandiera tricolore, venne ferito ad un braccio, ed obbligato di consegnarla ad uno de’ suoi compagni. Questi fu ucciso da un soldato napoletano di nome Angelo de Vito, il quale s’impadronì della bandiera che poi fu portata a Palermo. Era certa la disfatta di Garibaldi; de’ suoi, chi fuggiva, chi combatteva in disordine.

Il Landi, che certamente tutto vedea ed osservava da lungi, invece di spingere altri battaglioni che avea disponibili per compiere la non dubbia vittoria, diede l’ordine della ritirata, e cominciò a retrocedere verso Alcamo, senza avvertire il maggiore Sforza, il quale inseguiva i garibaldini. Costui avvertito che la colonna si ritirava verso Alcamo, non volle crederlo; quando poi si accertò con i suoi propri occhi, credè prudente anch’egli di ritirarsi, chè già cominciava a difettare di munizioni.

I garibaldini vedendo quella inesplicabile ed inattesa ritirata della colonna Landi, presero animo: coadiuvati dalle squadre siciliane che non aveano preso parte in quel combattimento, diedero addosso a’ regii, e la scena cambiò totalmente.
In quella disordinatissima ritirata della truppa cadde una mula che portava un obice. I soldati lo buttarono in un burrone, e di colà fu poi raccolto da’ garibaldini che ne menarono gran vanto.

Nella ritirata di Landi fu grandissima confusione. I battaglioni disorganizzati marciavano alla ventura, mischiati con carri, artiglieria o cavalleria: vi era un caos! Giunti ad Alcamo furono attaccati da’ ribelli che tiravano fucilate dalle finestre e da’ balconi: i soldati risposero con incendiare molte di quelle case ove si facea fuoco vivissimo. Lo stesso avvenne al passaggio di Partinico.

Il Landi fuggiva alla testa di quella truppa che avea disorganizzata, e demoralizzata, e cambiava strada appena avea notizia di qualche piccola banda che lo inseguiva.
Fu il primo ad arrivare a Palermo, ove fu seguito poi dalla sua colonna in massimo disordine ed affamata.

Garibaldi a Calatafimi perdette centodieci volontari. Se le sole compagnie dell’8° Cacciatori, equivalenti a meno di cinquecento uomini, lo sbaragliarono e gli fecero quel danno, qual sarebbe stata la fine della temeraria impresa del futuro dittatore delle Due Sicilie, se Landi si fosse battuto con tutti i suoi?

Ma Garibaldi avea forse certezza che il duce napoletano si sarebbe condotto come realmente si condusse, ove si volesse ammettere come vera la notizia non mai smentita, e che io come semplice cronista riporterò: cioè che Landi avesse ricevuto da Garibaldi per prezzo della sua condotta, una fede di credito di quattordicimila ducati, che il Banco di Napoli trovò poi falsa, cioè, era di soli ducati quattordici; e che ne morì di dolore sorpreso da un colpo apoplettico.

Il fatto d’armi di Calatafimi segnò la caduta della Dinastia delle Due Sicilie; imperocchè il generale Landi non fu chiamato a dar conto della sua vergognosissima condotta, ed inesplicabile ritirata; ma quello che fa più meraviglia si è, che rimase al comando della brigata che avea disorganizzata e demoralizzata. Questo esempio incoraggiò i duci, o vili o traditori, a tradire impunemente.

INSEGUIMENTO DI GARIBALDI

Dopo Calatafimi, Garibaldi ingrossando sempre le sua bande di nuovi rivoluzionari, marciò per Alcamo, Partinico, e fece alto in un piccolo villaggio detto il Pioppo, tre miglia incirca sopra Monreale, meno di sette da Palermo, ove si trovavano ventimila uomini di buona truppa, e benissimo equipaggiata.

Dopo il fatto d’armi di Calatafimi il Luogotenente Castelcicala si dimise dall’alta sua carica e partì per Napoli. Corse voce nell’armata che si sarebbe recato a Palermo con l’alter ego il Conte generale Giuseppe Statella. Questa notizia fu accolta con entusiasmo, dapoichè il nome degli Statella era popolarissimo in tutta l’armata.

Quel Generale nato da una famiglia assai distinta, e di una antichissima aristocrazia siciliana, oltre di essere sufficientemente istruito, avea quelle qualità che si richiedevano alle condizioni dell’Isola: fedeltà incrollabile a’ Borboni, ereditaria nella famiglia Statella, un coraggio da reggere a qualunque prova, attivissimo, una fermezza di carattere ammirabile, severissimo per la disciplina militare: del resto uomo semplice e cordiale.

Era un uomo che non sarebbe venuto meno in qualsiasi difficoltà militare o diplomatica, perché in que’ casi avrebbe operato sempre alla soldatesca; oso affermare che avrebbe disubbidito al proprio Sovrano, se costui gli avesse dato un ordine da compromettere la Dinastia, o la dignità militare. Lo Statella si sarebbe fatto condannare da un alto consiglio di guerra anzichè eseguire un ordine pregiudizievole al Regno, alla sua dignità di gentiluomo e di Generale.

Oh! se il generale Statella fosse andato a comandare l’armata di Sicilia con pieni poteri, oggi Garibaldi non si chiamerebbe da’ suoi ammiratori liberatore e redentore dell’Italia Meridionale. Ma la setta che circondava il giovine sovrano, invece di mandare in Sicilia uno de’ pochissimi Generali che avrebbe salvata la Dinastia e il Regno, scelse il generale Lanza, che finì di uccidere l’armata di Palermo.

Il 20 maggio giunse in Monreale il colonnello Won Meckel col 3° cacciatori esteri, detti svizzeri, ma erano un’accozzaglia di svizzeri, francesi, boemi e bavaresi, de’ quali molti aveano combattuto sotto Garibaldi nel Varese.

Giunsero altri battaglioni e si formò una brigata sotto il comando di Meckel con i seguenti battaglioni: 3° esteri, 2° cacciatori, comandato dal maggiore Murgante, 9° cacciatori comandato dal maggiore Bosco, quattro compagnie del 5° di linea comandate dal maggiore Marra, quattro cannoni di montagna, pochi cacciatori a cavallo, e la compagnia d’armi di Palermo comandata dal capitano Chinnici. Tutti incirca quattromila uomini. In Monreale rimasero altri tre battaglioni sotto il comando del colonnello Buonanno.

Il 21 maggio la brigata Meckel marciò sul Pioppo. Sopra la Casina di Buarra trovammo gli avamposti di Garibaldi, erano bande siciliane. Appena cominciò il fuoco coteste bande si ritirarono sopra la montagna. Io vidi due soldati esteri che conducevano, anzi strascinavano un prigioniero, un’uomo già disarmato, e tra loro vi era un diverbio animatissimo.

Temendo che quel prigioniero patisse qualche sinistro, chiamai due soldati napoletani e corsi ad incontrare que’ tre. Il malcapitato era un uomo su’ 30 anni, senza cappello, in gran disordine. Gli aveano strappato il fucile, e se l’avea preso uno dei soldati esteri:gridava come un energumeno, dicendo: vili satelliti della tirannide, lasciate libero un cittadino che combatte per la libertà della sua patria, ed altre parole diceva, contro i soldati e contro il Sovrano.

Fortuna per lui che i soldati esteri neppure intendevano l’italiano, sebbene i due soldati napoletani capivano benissimo il dialetto siciliano, ed uno di questi alzò il fucile per darlo in testa al prigioniero: io lo contenni. Seppi che quel prigioniero faceva la professione di notaio in un paese vicino, ebbi a pregarlo e minacciarlo perché tacesse. Egli cercava di convertire i soldati e me con essi: io gli dissi di nuovo di tacere, altrimenti l’avrei abbandonato al suo destino, perché i soldati napoletani cominciavano a mormorare contro di me. Persuasi i soldati esteri a cedermi il prigioniero, lo ricondussi alla retroguardia raccomandandolo ad un uffiziale mio amico. Forse altri direbbe, quel notaio prigioniero essere un gran patriota, ed io affermo ch’era un gran fanatico, un gran pazzo da catena.

La brigata Meckel si avanzava baldanzosa contro il Pioppo. Una compagnia di cacciatori, comandata dal capitano Giudice, spiegata da fiancheggiatori, era giunta sopra l’alta collina che domina il Pioppo. Io vidi che i garibaldini fuggivano in disordine verso Partinico, e vidi che più di 50 carri di equipaggi aveano presa la stessa via. In quella sento la nostra tromba battere a ritirata. Io non volea credere né ai miei occhi, né a’ miei orecchi. Ritirata…! e perché? Vedo venire Bosco con una faccia che mettea paura: martirizzava il cavallo su cui montava, era al colmo dell’irritazione. Io che non era soggetto alla disciplina militare quanto erano soggetti gli uffiziali, ed avendo molto confidenza col Bosco, gli dissi: ritirarci, e perché? mi rispose con parole sdegnose ed inintellegibili e passò via.

Non ho avuto mai sicura certezza della vera causa di quella inesplicabile ritirata. Il Meckel non potea esser sospetto né di viltà né di tradimento; quindi non si parlò che di un ordine superiore venuto da Palermo, cui tutti attribuivamo quella ritirata che sembrava inesplicabile.

Intanto i soldati mormoravano e cominciavano a profferire la parola tradimento, e non si faticò poco a farli ritornare alla volta di Monreale.

Il capitano del Giudice mi dicea: dal sommo della collina, ove mi trovavo, avrei potuto distruggere la metà de’ garibaldini, facendo scorrere delle grosse pietre sopra di loro, ed avrei potuto benissimo tagliar la ritirata sopra Palermo: ma fu necessità ubbidire e ritirarmi.

Si giunse in Monreale; e lasciato tranquillo il nemico più pericoloso, che ormai avevamo nelle mani, si risolvette di mandare il capitano del Giudice con la sua compagnia a sorvegliare la valle di S. Martino ch’è dietro i monti di Monreale al Nord-Est. Costui giunto in quella valle fu assalito da una moltitudine di bande siciliane guidate da Rosolino Pilo, il quale fu ucciso in quel conflitto.

Garibaldi al Pioppo aspettava la rivoluzione di Palermo, e vedendo che non iscoppiava, come gli aveano promesso, trovandosi seriamente minacciato da’ regii, la notte del 21 maggio, riunì i suoi già dispersi per la paura che aveano avuta del tentato attacco della colonna Meckel, prese la via de’ monti a destra e marciò versoParco, piccolo paese fabbricato a metà della costa di una gran montagna, dirimpetto Monreale dalla parte del Nord-Est.

Fece una divisione in due colonne, una comandata da lui accampò sull’alta montagna in un luogo detto Pizzodelfico, l’altra comandata dall’ungarese Turr occupò Parco.
In Monreale era molta truppa e stava in ozio, perché si attendeano gli ordini da Palermo. Intanto i soldati erano condannati a stare a bracciarmi in quella che vedeano i garibaldini a Parco o su la montagna, occupati pacificamente alle manovre militari.

Le mormorazioni de’ soldati cominciavano ad inquietarci, e non avvenne una rivolta militare perché né Bosco, né Meckel poteano cadere in sospetto di tradimento. Questa condizione di cose durò tre lunghi giorni. Se quello fu un tempo prezioso per Garibaldi, io lo lascio pensare a quelli che conoscono i raggiri della setta, e l’attività del duce nizzardo.

ENTRATA AL PIOPPO E IN PARCO

Finalmente la sera del 23 venne l’ordine da Palermo di attaccare i garibaldini. La brigata Meckel marciò la mattina seguente per la via di Renna per prendere i garibaldini di rovescio. Il generale Colonna partì da Palermo con un’altra brigata per attaccarli di fronte. Verso le 6 del mattino i soldati di Meckel avevano raggiunto Pizzodelfico, e si scagliarono contro i garibaldini, ma questi non opposero che piccola resistenza, e fuggirono inseguiti sulla cima della montagna, ove soffersero non poco danno a causa de’ luoghi alpestri e scoscesi: i soldati erano avvezzi a quelle marce, vantaggio che non aveano i nemici.

Un grosso distaccamento entrò in Parco dalla parte dell’ovest: Turr e i suoi fuggirono sulla montagna. Il generale Colonna era intanto alle mani con le bande siciliane fortificate nella semipianura sotto Parco, dalla parte di Palermo; dopo di avere fugate quelle masse di gente armata che combattea da dentro le case di quella campagna, si avanzò su Parco, ove non trovò più nemici da combattere.

In cambio d’inseguire un nemico che fuggiva in disordine, e tanto più che le bande siciliane cominciavano a sciogliersi, e dar la volta verso i loro paesi, si diede ordine che la truppa restasse lì ove era; e così il nemico ebbe il tempo di riaversi e riordinarsi. Si vide che il generale Lanza che comandava da Palermo non volea far davvero.

Io entrai in Parco, e trovai che il paese era stato manomesso da’ garibaldini e dalle bande siciliane. La maggior parte degli abitanti erano fuggiti all’arrivo de’ garibaldini. Le povere donne e i fanciulli rimasti si erano rifugiati nelle Chiesa madre, altre donne e fanciulli nell’unico monastero che vi era in quel paese.

Mi diressi a quelle poche persone che incontrai, e seppi ove si erano rifugiate le donne ed i fanciulli. Mi recai alla Chiesa, trovai uno spettacolo tristo: il sacro tempio era gremito di quegli infelici spaventati e piangenti. Io feci di tutto per confortarli, e li persuasi a seguirmi, assicurando loro che li avrei ricondotti nelle proprie abitazioni. In fatti mi convenne far molti viaggi per condurli in diversi punti del paese. Le povere monache mandarono una persona a pregarmi che mi recassi subito al monastero, ove trovai un’altra scena desolante. La maggior parte di quelle donne, riparatesi nel monastero, erano ammalate, quali svenute, tutte spaventate.

Molte di quelle donne mi seguirono, ed io le condussi alle proprie case. Però le derelitte monache stavano sempre in gran paura, perché la sera precedente si era tentato scalare le alte mura del monastero. Io a volerle difendere da qualunque aggressione, me ne andai subito a pregare il comandante Bosco che mi assegnasse un distaccamento di soldati da me scelti per guardare quel monastero, per quietare la paura delle monache. Il Bosco non se lo fece dire, mi diede subito 30 soldati, ed un sergente di mia fiducia, i quali si posero a far la guardia intorno al monastero.

Ne’ tre giorni che i garibaldini dimorarono in Parco, furono scassinati non pochi magazzini, in particolarità quelli che conteneano vino, e tutto era stato messo a saccheggio. Ladri del paese, garibaldini e squadre siciliane, tutti aveano saccheggiato, chi più chi meno.

Qui debbo avvertire che i soldati della brigata Colonna, i quali rimasero nel paese commisero azioni indegne non solo di chi veste una divisa militare, ma di chi è nato in paesi civili. Quei soldati istigati da’ ladri del paese, e sommamente digiuni, perché la truppa tante fiate restava digiuna per la incuria de’ comandanti, finirono di saccheggiare magazzini già saccheggiati, e ne saccheggiarono altri.

Alcuni compagni d’armi rubavano pure nelle case deserte de’ proprietarii. La sera del 24 maggio il Parco era un disordine indescrivibile. I soldati della brigata Colonna erano quasi tutti ubbriachi, e non sentivano più né preghiere né minacce. Io mi rivolsi a molti uffiziali perché mi aiutassero a mettere a dovere i soldati, ma nulla ottennero. Il male lo fecero i duci, i quali lasciarono così affamata la truppa in un paese mezzo saccheggiato. Io non credo di errare se dico, che alcuni duci napoletani fomentassero indirettamente que’ disordini per disonorare la causa del proprio sovrano, che fingevano di difendere.

Fortuna per le povere monache che il distaccamento datomi da Bosco, vegliò intorno al monastero per tutta quella infausta notte.
Io addolorato e vergognoso di que’ disordini che vedea, e che non potea impedire, uscì dal paese salì un poco la montagna, e mi recai al Camposanto, ov’era accampato il 9° cacciatori, ed ivi passai la notte coricato sopra le sepolture.

La mattina del 25 di buon’ora battè la generale, e tutti partimmo per la piana de’ Greci. La truppa si riunì tutta sulla montagna, cioè tra le due brigate di Meckel e l’altra di Colonna, e da lì marciò in ordine di battaglia.

Read More
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: