Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria

Clima: mala tempora currunt! Di Fiorentino Bevilacqua

Posted by on Nov 14, 2019

Clima: mala tempora currunt!                                      Di Fiorentino Bevilacqua

Giorni fa è balzata agli onori della cronaca la notizia che “oltre 11000 scienziati da tutto il mondo si sono uniti” e hanno dichiarato “chiaramente e inequivocabilmente che la Terra è di fronte a una emergenza climatica1.

“…sulla base di alcuni indici inequivocabili” (dei quali, evidentemente, non fanno parte, per esempio, questi2, questi3 e questi4, “ben 11258 scienziati e scienziate di 153 nazioni” hanno sottoscritto il solenne monito1.

A leggere la notizia giornalistica, anche chi ha dei dubbi sia sul reale aumento globale della temperatura che sulla sua origine, ascritta alla CO2 di origine antropica, viene colto da qualche perplessità sulle sue convinzioni: se ben 11.000 e passa scienziati che hanno a che fare col clima sostengono che c’è un allarme climatico, un qualche allarme climatico ci dovrà pur essere…

Quelle 11.000 firme, infatti, finiscono per rafforzare, nell’immaginario collettivo, la posizione di coloro che sostengono la veridicità del riscaldamento globale o cambiamento climatico che dir si voglia.

Siccome, però, bisogna andare sempre alla fonte, ecco che, scorrendo l’elenco5 di “scienziati e scienziate” che hanno sottoscritto il documento, le perplessità di cui sopra scompaiono … Anche perché questa del clima, e quella della scienza in generale, non è una partita di calcio in cui vince chi segna di più. Uno a zero o, in questo caso, 11.258 a x (con x<11.258) non significano assolutamente nulla.

Sappiamo tutti, infatti, che Copernico era pressoché da solo nel sostenere la sua tesi; eppure, sulla posizione del Sole, aveva ragione lui.

Scorrendo, dunque, l’elenco di oltre 11.000 “scienziati” che hanno dato forza e sostegno (…!?) all’allarme, non solo si scopre che i meteorologi, i climatologi e i fisici dell’atmosfera sono una esigua minoranza, ma anche che tra i firmatari che non hanno nulla a che vedere con studi diretti  di climatologia, vi sono psicologi, naturopati, botanici, microbiologi, ipnotizzatori, designer industriali, analisti di affari commerciali, dirigenti d’azienda, antropologi, esperti di management, studenti di informatica, medici, ingegneri elettrotecnici, economisti, studenti di sociologia, veterinari, docenti di Psychology and Business, etologi, erpetologi, consulenti in ecoturismo, virologi,  responsabili di politiche e ricerche sui pesci, ricercatori sul cancro, archeologi, farmacologi, docenti di informatica, nutrizionisti, consulenti di pianificazione urbana, esperti di disegno industriale, studenti di pedagogia e persino docenti di diritto costituzionale comparato …

Non sono, dunque, tutti climatologi e nemmeno tutti scienziati. 

La firma di costoro, sotto quel documento, ha, quindi, lo stesso valore, lo stesso peso che avrebbe la mia sotto un documento scientifico che attribuisse la costruzione della piramide di Cheope alla V dinastia anziché alla IV: nessuno.

Inoltre, i primi che hanno letto l’elenco dei firmatari, hanno notato la presenza in esso anche di tale …  Albus Silente (noto personaggio della saga di Harry Potter!) e quella del chiarissimo … Prof. Micky Mouse del Micky Mouse Institute for The Blind, della Namibia… (questi ultimi due, assieme ad altri 32, sono stati poi tolti dall’elenco dopo le prime critiche, alcune delle quali si possono leggere qui6).

La cosa grave è che scienziati di livello universitario avevano allegato all’articolo … “Allarme di scienziati mondiali sull’emergenza climatica”, pubblicato sulla rivista BioScience, un elenco presentato in modo che si potesse pensare che fosse composto da tutti scienziati che avevano a che fare col clima.  

Non è una bella cosa; oltretutto ne risente la credibilità e l’immagine della scienza.

Ma oggi, purtroppo, funziona così: il potere dei media è così grande che lo si usa (chi sa farlo) anche a sproposito.

Un politico, un’istituzione non fa ciò che deve ma, se della mancanza se ne occupano trasmissioni televisive che hanno un grosso impatto sul pubblico, si crea un movimento d’opinione che spinge chi di dovere ad agire.

Probabilmente i sostenitori del riscaldamento globale hanno pensato di applicare lo stesso metodo nella questione del “Global Worming”.

Ciò trova sostegno anche nel contenuto di una delle mail carpite da hacker agli esperti dell’IPCC. In esso, infatti, ci si augurava che, i contrari all’idea del riscaldamento globale, perdessero la battaglia dei media per la conquista del consenso dell’opinione pubblica: “La cosa importante è essere sicuri che (gli scettici) stiano perdendo la battaglia delle pubbliche relazioni” (Michael E. Mann, climatologo statunitense autore della curva della temperatura detta a mazza da hockey)7.

Ecco dunque che, in questa ottica, 11.000 a 500 ha un suo valore.

Come ha un suo valore il fatto che gli scienziati che sostenevano il GW, si impegnavano ad agire di comune accordo, come si legge in altre mail, per screditare sia i colleghi che producevano ricerche che sconfessassero il GW, sia le riviste che pubblicavano tali lavori8,9

Ma ha un valore, negativo, anche il modo in cui sono stati raccolti, parzialmente presentati o non presentati i dati delle temperature10 poi inseriti nei modelli (definiti dal climatologo Prodi “troppo rozzi e inadeguati3) usati per fare le previsioni circa il clima futuro.

Il clima attraversa un brutto momento e la scienza, probabilmente, non è stata mai portata ad un livello così basso! A sostegno di ciò, anche una sorta di confessione del climatologo britannico Peter Thorne, collaboratore dell’IPCC (Gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico – Intergovernmental Panel on Climate Change – IPCC): “Penso che la scienza sia stata manipolata a fini politici7.    

Per fortuna, i veri climatologi continuano a lavorare, qualunque cosa decida la politica e qualsiasi cosa facciano le masse. Avranno forse meno finanziamenti dei climatologi che operano nel campo del GW, ma potranno ancora fare ricerche serie nel campo della Climatologia, ricerche che potranno gettare una luce chiarificatrice sulla questione del clima che sarà.

Noi, su queste basi, siamo ancora liberi di dubitare.

Un po’ meno di esprimere le nostre perplessità.

Fiorentino Bevilacqua

13.11.19

P.S. Un articolo, a commento della farsa, lo si trova qui11.

…………………………………

  1. https://www.repubblica.it/ambiente/2019/11/05/news/allarme_di_11000_scienziati_da_tutto_il_mondo_non_c_e_dubbio_e_un_emergenza_climatica_-240303228/?refresh_ce Articolo di Repubblica
  2. http://www.climatemonitor.it/?p=51811  Copertura nuvolosa e temperatura globale
  3. https://www.attivitasolare.com/non-e-soltanto-colpa-delluomo/?fbclid=IwAR11q6FRsCaKzCoWKsyjcSysl7Piu9-7sN1T8spphB_dyIiABG_m5qiRUbM Intervista al climatologo Franco Prodi
  4. https://www.attivitasolare.com/quel-che-conta-in-fisica-sono-le-misure/?fbclid=IwAR2B7-FRLqzqYQfMvHUNEImpAquLdkdvurd-ORsz5XkMUmI7RVeDEWChJSg Un po’ di scienza…
  5.  https://oup.silverchair-cdn.com/oup/backfile/Content_public/Journal/bioscience/PAP/10.1093_biosci_biz088/2/biz088_supplemental_file_s1.pdf?Expires=1576157419&Signature=wGaK-OVKOOk7m1WuXs~sGiIjtgdL6J39XT9Okf0FP6wcrlbmSbimGumsMTuhi4uYxc-bNzyc4T1Ej6bdoqSZzHMxaAe1DEj4WYDcCt-NG5~Eno6b4mgP3DKfejDD625c53Ymo~tjX~XbUd7Goxq~r-rrvDnAfrOTXIzpPoCavrHrijoZjz2Adz2dPharB0Kg0onKbWkcrcb7WSgGS1U0wCFvymU5hr0Weh8trYJWsQci4XIfvrih8-IL9sZCN3C4kXda2SKkeImrStK0nFN5I1oFf7hBBP0egFAcOwa4WD0q0Fn3N6WErqG6a4LfN45NwGLQeSsZyhVqeLCPnFjyaw__&Key-Pair-Id=APKAIE5G5CRDK6RD3PGA L’elenco dei firmatari
  6. https://www.cbc.ca/news/technology/climate-emergency-names-1.5350570 Alcune osservazioni critiche all’elenco dei firmatari
  7. https://www.astronomia.com/2011/12/02/il-secondo-e-forse-definitivo-scandalo-investe-l%E2%80%99ipcc/ Alcune mail dell’IPCC
  8. https://rightnation.it/2009/12/02/climategate-rotolano-le-prime-teste/ Altre mail…
  9. https://www.nogeoingegneria.com/tecnologie/carbon-capture/la-storia-oscura-dietro-il-global-warming-alias-cambiamento-climatico/ “scientificità” di alcuni dati
  10. https://www.attivitasolare.com/il-colonnello-ernani-poca-chiarezza-sui-dati-relativi-alla-temperatura-media-della-terra/ Poca chiarezza sui dati relativi alla temperatura media della Terra
  11. http://www.climatemonitor.it/?p=51823  Il Clima non è più a ovest di Paperino

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: