Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

Ferdinando IV di Borbone,un re di Napoli che aveva naso

Posted by on Nov 6, 2019

Ferdinando IV di Borbone,un re di Napoli che aveva naso

“C’era una volta….” “Un re !” diranno subito i miei piccoli lettori. “No, ragazzi, avete sbagliato. C’era una volta un pezzo di legno….” Così inizia il libro di Pinocchio, e invece no, c’era una volta proprio un re con un lungo naso detto Re Nasone, Ferdinando IV di Napoli(1751-1825).

Un re molto discusso che discendeva nietemeno che dal re di Francia Luigi XIV detto il Re Sole, e in questo si intonava con la canzone “O sole mio”, ed aveva sposato la sorella di Maria Antonietta, Carolina D’Asburgo.

Quando nacque non era predestinato al trono essendo il terzo figlio maschio, poi , per una serie di cause divenne re. Un re anticonformista che si compiaceva di frequentare i quartieri poveri dei “lazzaroni”  e di osservare come vivevano. In particolare aveva notato il loro cibo, una focaccia circolare guarnita con pomodoro e formaggio, venduta sulle bancarelle, la pizza, cioè la schiacciata.

Gli piaceva così tanto che la introdusse nella cucina di corte, anche se la regina Carolina, aristocratica viennese non condivideva gli slanci gastronomico- proletari del coniuge, ma poi si adattò. Utilizzò i forni destinati alla cottura delle famose porcellane di Capodimonte , famose in tutta Europa per la loro bellezza e la raffinatezza delle figure, ( vedi sotto) per cuocere le pizze, poi in un secondo tempo, nel giardino della reggia vennero costruiti dei forni  appositi ove venivano cotte pizze offerte gratuitamente ai meno abbienti.

Il re Nasone aveva avuto fiuto, questo cibo semplice, sano, appetitoso divenne la caratteristica gastronomica di Napoli e da lì si diffuse in tutto il mondo, si dice aver naso. Aveva capito che il re, che chi sta sta al vertice si deve collegare con la base e viceversa, per sostenersi a vicenda. Come è  scritto nelle famosa Tavola Smeraldina, testo sapienziale del Medio Evo, ciò che sta in alto , sta in basso.

Quando, più di un secolo dopo ,il regno di Napoli venne conquistato dai Savoia,toccò all’avvenente regina Margherita di conquistare la pizza,altro che Garibaldi!

Un pizzaiolo venne invitato a preparare una pizza per i sovrani e , per onorare i colori della bandiera italiana, guarnì la pizza col pomodoro,la mozzarella e il basilico, rosso , bianco e verde, e la chiamò Pizza Margherita. Il nome è rimasto anche oggi nell’Italia repubblicana, per un senso di cavalleresco rispetto nei confronti della ex-regina.Così anche la napoletanissima pizza, gloria dei Borboni e della loro illuminata politica populista, divenne italiana.I coraggiosi emigranti italiani portarono la pizza negli Stati Uniti e la pizza mutò in parte e divenne la Chigago Pizza Style.

fonte https://fazzolettodicleopatra.wordpress.com/tag/lazzaroni-ferdinando-i-re-delle-due-sicilie/

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.