Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria

FERDINANDO RUSSO, …………QUALCHE POESIA

Posted by on Mag 20, 2018

FERDINANDO RUSSO, …………QUALCHE POESIA

fonte

https://pulcinella291.forumfree.it/?t=75651526

 

‘A lazzarella

Chesta cca? Nun voglia Dio
vuje nu pizzeco lle date!
Site muorte e sutterrate,
nun putite pazzïà!

Chesta cca? Pare na gatta!
Sempe pronta a zumpà ‘ncuollo!
Nficca ll’ogne dint’’o muollo
e pirciò lassate stà!

Nun vedite che presenza?
Nun vedite che guardate?
So’ guardate o cultellate?
‘A vulisseve ncujetà!

Quanno tene? ..Tridice anne!
A vint’anne siente ‘o bello!
Si lle date nu curtiello,
‘a chianchera sape ffà !!

 

L’Angelo d’Oro

Che fui? Nu suonno ‘e st’anema assetata?
Fui na fattura? Fui na cosa overa?
Songo sti bracce, ca t’hanno abbracciata?

Certo, m’accumpariste, chella sera,
comm’a n’angelo d’oro! ‘E ttrezze d’oro
erano ‘e ragge ‘e tutt’ ‘a primmavera.

L’uocchie culore ‘e mare, nu tesoro
parevano, d’ammore e sentimento…
Tiempo ne passarrà, ma me ne moro!

Che fui, cella jurnata? Nu mumento!
Na vulata ‘e palomme c’accumpare,
e pò luntana s’a trasporta ‘o viento..

Doppo tant’anne ‘e patemiente amare,
doppo tant’anne de jurnate triste
e de nuttate eterne, chiare chiare,

Core d’ ‘o core mio, m’accumpariste…
E fuste proprio tu?… Nun è nu nganno?
E te parlai? E tu, me rispunniste?

È già nu mese! Ma me pare n’anno!
Vista, e nun vista cchiù! St’uocchie abbruciate
se so’ stancate ‘e chiagnere ll’affanno!

Te ne ricuorde? Stevamo assettate
vicino ‘o mare. Me tremmava ‘a voce…
P’ ‘a freva ‘e mmane s’erano avvampate!

Da quanto tiempo, chisto pietto coce?
Da quanno tu, stennennome ‘a manella
me t’arrubbaste ‘o core, doce doce!…

E me parlaste. E pïatosa e bella,
guardannome cu tutt’ ‘a passione,
m’ ‘a vuliste menà, na parulella!

Nun è nu suonno, nun è ‘llusione,
nun è fattura, no! T’aggio vasata!
E sento ‘o ffuoco ardente ‘e nu ggravone

ncopp’a sta vocca tanto avvelenata…

 

Sciascillo

‘O cchiù cuieto. Riccio ‘e capellera,
doie spalluzzelle secche e scontrafatte,
nu mustacciello a pile ‘e spiche. Nera
‘a petena d’ ‘a faccia e ll’uocchie ‘e gatte.
Dorme ‘a matina, ma fatica ‘a sera:
t’ ‘o vire arrivà ‘ncuollo a ll’intrasatte…
Nun s’appicceca mai, nun ammenaccia,
ma quanno mena ‘e mmane int’a n’aggrisso,
tene ‘o pàccaro nzisto, a ntorzafaccia.

 

Le Superstizioni

 

— Sarà ! Ma ci si crede, don Cicci!

Io ci tengo, sapete ? Enormemente !

Un cappello sul letto !… — E che vo’ di’ ?

— Vo’ di’ che può venirvi un accidente ! !

— Io so’ materialista, don Cami’ !

— E fate male !… — Sono indipendente !

— E che perciò ? Faciteme capì !

Quando una cosa è certa ed evidente !

Il cappello sul letto è jettatura !

Vo’ di’ che in casa ci sarà un malato !

— Me parite che sso’, na criatura l

— Perchè mori mia moglie ? E’ presto detto

Il medico, nel tempo della cura,
appoggiava ’o cappiello ncopp’ ’o lietto !

lo, mo’ mce vo’, conosco queste cose !
Aprite, per esempio, ’o mbrello in casa !
Meglio ca ve buttate inte a na vrasa!
Succedono disgrazie spaventose !

Mia cognata-cugina, ‘a Benincasa,

che soffrì sempre malattie nervose,

pe n’ ombrellino aperto nc è rummasa !

E cionca !… Glielo dissi, e non rispose !

— « Cuncettì, tu fai male, cu st’ ombrello !.
Lei si schiattò di risa, e volse il dorso !…
E ’a famosa condanna del fratello ?

Come ! Tu ti decidi, don Cicci,
a rubare la Cassa di Soccorso,
e te ne fuggi giusto ’e venerdì ! !…

Incontrando a nu prete per la via,
cercate sempe de nu scartellato
cu nu cavallo bianco e nu suldato !

Regola generale, anima mia

Vi viene tutto bene!… E scioccheria?!
Non ci credete?… Ebbene, io l’ho provato!
Sa’ quante volte ’ ho sperimentato ?

E appena vedo un prete, io faccio ’a spia !

Perchè il prete, vedete, (io non offendo

il sacro sacerdotio che rispetto,)
è luttuoso… ed io non me lo scendo !

Cosicché, col gobbetto che gli è dietro,
è temperato un po’ stu brutt’ effetto,
ed io… completo ’a fraveca ’e San Pietro

E se no, caro mio, dentr’ ’a giornata,
tu non accocchi mai niente di buono !
Voi vi segnate, quando scoppia il tuono

o l’ elettricità si è scaricata ?

Fatelo, don Cicci ! Cosa provata !

Come pure : credete a Sant’ Antuono ?
Quella, una casa, è presta incendiata
quando voi trascurate il suo patrono !

Neh che ve costa a voi, na fìgurella?
Voi l’incollate all’uscio dell’entrata!

Nun appicciate manco ’a lampetella !

Così, mentre sparambii, tu che fai ?
Onori il santo !… ’A stampa colorata
si vende a San Biaggio dei Librai….

Ecco: se vostra moglie tene ’a rogna…

— (’A tene sempe sòreta!) —… che fate?

Ricorrete alle solite pomate

fatte de zolfo, de pasticci e nzogna?

Soltanto se si sape, è una vergogna!
Non solo! Ma ca voi la medicate ?
Diciteme mo’ a me: che ne cacciate ?
Quella rimarrà sempre una «rogna!

Invece, un abitino benedetto,
quello di Santo Lazzaro, cosi,
gliel’applicate e vi farà l’effetto !

A me quel… guaio… come se n’andò ?
Folte con le mignatte, don Cicci ?

Feci il voto a San Ciro, e mi passò!

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: