Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria

Fra’ Diavolo – – Poemetto in ottava rima – di Ettore De Mura prima edizione Ediz. Bideri, Napoli, 1961 (IV)

Posted by on Dic 14, 2019

Fra’ Diavolo – – Poemetto in ottava rima – di Ettore De Mura prima edizione Ediz. Bideri, Napoli, 1961 (IV)

VII

‘O CARDINALE RUFFO

arrow

‘A Russia e ll’Inghilterra, pe nu patto
firmato ‘a lloro nzieme a Re Nasone (7),
cchiù ‘e nu prugetto avevano già fatto
pe sistemà sta situazione.

Naturalmente, ‘a firma d”o cuntratto
fuje ‘o primmo smacco pe Napulione,
ca mo ve dico comme chianu chiano
restasse cu na vranca ‘e mosche ‘n mano.

Forte pe chisto patto, ‘o Rre facette
nu cunziglio ‘e ministre straordinario
e doppo ‘o «si» ch’ognuno rispunette,
a Ruffo (8) dette ‘a nomina ‘e Vicario.
E ‘o Cardinale Ruffo se mettette
a ‘o cumanno ‘e nu corpo volontario.
Tutt”a Calabria, senza nu signale,
lassa ‘o paese e va c”o Cardinale.

A Napule ‘a Repubblica era nata
c”o sango ardente d”e napulitane …
E ‘a truppa ‘e Ruffo appena fuje avvistata,
facette n’ata vota menà ‘e mmane.
‘Ato sango, ‘ata gente massacrata;
chello ca succedeva, manco ‘e cane!
Case distrutte, muorte, incendie e strazie
cumpletavano ‘a rosa d”e disgrazie.


VIII

‘O RITORNO D”O RRE

Michele Pezza a ‘o Ponte a’ Matalena,
c”o Cardinale Ruffo s’era visto.
Mmiez”a battaglia se fermajeno appena,
però giurajeno ncopp’a Giesù Cristo
pe Napule ‘e spezzà chella catena
che ll’era miso stu nemico tristo.
E fuje signato subbeto ‘o destino:
nun se vedette cchiù nu giacubbino!

E cadette ‘a repubblica. ‘E francise
scappavano mparanza d”a città;
c’erano state poco chiù ‘e sei mise
e ‘e presso mo ll’avevano lassà …
Ma quante ‘e lloro muorte songo stise!
Dinto Gaeta – fuje necessità –
pe fa’ na resistenza e scanzà ‘a morte,
‘e corsa se nzerrajeno dint”o forte.

P”e stanà, chi credite ca ce jette?
– Vedimmo si sapite anduvinà?! –
Chi jette cu ‘e cannune e cu ‘e scuppette
sott”e mure ‘e Gaeta? … Jammo … Fra’ …?
Fra’ Diavolo! … che subbeto currette
nzieme cu ‘e truppe soje pe nn”e caccià …
– Lassate ‘o forte ca ‘o tturreno volle! … –
E po’ … quante ne vuò ca so’ cepolle!

Dicette Ferdinando: – So’ cuntento,
è venuto ‘o mumento cchiù prupizio
pe ripiglià cumbattimento!
Amice miei, m’avite levà ‘o sfizio:
mettenno in armi n’ato reggimento
nuje mannammo ‘e francise a precipizio,
ma Roma me ll’avita conquistà,
è n’anno ca ce penzo; ‘a tengo ccà!

Screvette a Fra’ Diavolo: «Fratello,
chello ca ‘e fatto nun m”o scordo cchiù!
Ma voglio che cuntinua stu duello:
Roma s’hadda levà sta schiavitù!
Perciò, te dongo ‘o grado ‘e colonnello
e, caro Fra’ Diavolo, fa tu!»
.
E ‘o colonello, c”a divisa nova,
‘e fedeltà lle dette n’ata prova.

E cunquistaje Velletri dint’a niente,
Marino, Albano … E addò se presentava
menava sciure e ll’acclamava ‘a ggente:
«Evviva Fra’ Diavolo!» alluccava.
Ah, che belli ghiurnate! Che mumente!
Roma, c’ajuto ‘e Dio, nun è cchiù schiava!
Pe tanta gioia, ‘o Rre pareva pazzo
e riturnaje a Napule, a Palazzo.


IX

N’ATA CARNEFICINA

Turnanno Ferdinando dint”o Regno,
dispenza grazie e titole a ppalate,
ma lle fuje presentato nu disegno
pe nun fa’ da’ cchiù grazie a ‘e carcerate.
‘E libberale!? … E ‘o Rre nfucato ‘e sdegno,
vulette quase tutte cundannate.
E accummenciaje n’ata carneficina;
jeveno bello ‘a forca e ‘a ghigliottina!

Doppo ‘a tempesta d”o nuvantanove,
stu regno senza pace respiraje
ancora vivo doppo tanta prove …
E don Michele Pezza se spusaje.
Quanno esce ‘o sole è segno ca nun chiove,
si torna ‘a pace so’ fernute ‘e guaje …
E Michele c”a sposa e poche amice
diceva:- Mo’ so’ ll’ommo cchiù felice!

Riconoscente, ‘o Rre, ll’aveva dato
ricchezza e onore. E si, pe nu suspetto,
‘e vvote qualche dubbio c’era stato,
mo, invece, era ll’amico prediletto:
buono, sincero e disinteressato,
se mmeretava overo tanto affetto.
Ma ‘o bbuono e ‘o malamente ‘a sciorta ntrezza:
e … quanto po’ durà na cuntentezza?!

‘E francise turnajeno ‘a chesti pparte
dinto febbraio ‘e ll’ottuciento e ssei.
‘O Rre lassanno ‘o Regno se ne parte
e … v”e cchiagnite vuje ‘e guaje miej …
Ce dettero pe rre nu Bonaparte (9)
ca facette venì n’ata Pompei …
È bella ‘a storia nosta: ccà sbarcava
ogne tanto uno ca ce liberava!

fonte http://lazzaronapoletano.it/category/0003/0003-0003/page/2/

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: