Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria

GARIBALDI IN SUD AMERICA PERCHE’ FUGGì IN BRASILE ?

Posted by on Ott 23, 2019

GARIBALDI IN SUD AMERICA PERCHE’ FUGGì IN BRASILE ?

La condanna a morte del 1834 per i fatti di Genova spinse G. a fuggire dall’Europa e rifugiarsi in terra lontana e più sicura, distante dalle polizie Piemontesi e Francesi che lo ricercavano senza sosta. L’occasione gli fu data, come abbiamo detto, dal capitano BOUREGARD che gli offrì un posto da marinaio sul suo brigantino , il NAUTONNIER ,
( sotto nella foto ) che da Marsiglia salpava per RIO in BRASILE.
L’America Latina , all’epoca, rappresentava un rifugio ideale per i ricercati dalla giustizia . Dopo la restaurazione dei Sovrani assoluti del 1815 ed il fallimento dei moti rivoluzionari del 1820-21 e del 1831, migliaia di italiani fuggirono in questa terra o esuli politici o semplicemente emigrati ,speranzosi di farsi una nuova vita.
Perlopiù si stabilirono nel bacino del RIO DE LA PLATA, in ARGENTINA e in URUGUAY.
Qui lavoravano , commerciavano,propagandavano le loro idee liberali e oziavano , nella speranza di tornare in Patria. Molti di loro richiamarono i parenti in Europa , tanti avevano formato una famiglia in loco, sicuri che in queste lontane lande nessuno li avrebbe inseguito, cercato o incarcerato.
Gli esuli politici e i criminali sfuggiti alla giustizia, speravano in un’amnistia , spesso promulgata al cambio dei Sovrani , che potesse cancellare i propri delitti.
Perchè proprio in America Latina, dunque, così lontano dall’Europa ? Molte sono le ipotesi. La prima è sicuramente dettata dal fatto che tra il REGNO SARDO ed il BRASILE vi era un intenso scambio commerciale con un eccezionale e notevole via vai di navi mercantili che solcavano l’Oceano in entrambe le direzioni.Basti pensare , per averne idea, che nel 1836 nel porto di RIO, approdarono ben 68 navi SARDE .
Nel 1837 i bastimenti SARDI furono 53 contro gli 11 AUSTRIACI ed una proveniente dal REGNO DI NAPOLI ( a dimostrazione, anche, che tra i paesi europei non eravamo proprio gli ultimi ).Quindi, era facile raggiungere le sponde latine. E si raggiungevano anche in un tempo ragionevole ,per l’epoca, circa 60 giorni di navigazione. Per queste ragioni era possibile un frequente scambio di notizie e informazioni sulla situazione politica e sociale della madre Patria e sulla loro evoluzione, di cui erano portatori centinaia di commercianti e marinai che mensilmente giungevano dalla Liguria e dall’Italia. Qualsiasi altra parte del mondo ( medioriente,africa ecc..) non avrebbe consentito di mantenere un legame così intenso con la propria terra,soprattutto da parte di chi voleva ritornare, al più presto, sul suolo natio.
E poi l’AMERICA DEL SUD rappresentava una nuova speranza che offriva concrete possibilità di vivere decentemente. Una nuova meta che continuò ad esserlo anche dopo il 1860, quando tanti meridionali furono costretti ad emigrare per sfuggire alla morte ed alla povertà in cui li ridussero falsi eroi e finti liberatori.

Pasquala Santagata

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: