Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria

Gli olivi non graditi allo Stato e la Sicilia vincente con Igp

Posted by on Apr 28, 2016

Gli olivi non graditi allo Stato e la Sicilia vincente con Igp

identità, tradizione, agricoltura, elementi che si tengono per mano e spesso vedrete su questo blog, realtà di campagna identitaria e la difesa di essa. L’esperto della nostra associazione è il vicepresidente Fiorentino Bevilacqua che ha qui una pagina dedicata ma ho da poco conosciuto l’Enologo Domenico Tagliente, regnicolo da Taranto che vive ormai nell’alto frusinate, la vecchia prov. di Campagna, che mi ha inviato delle informazioni importanti di seguito articoli sugli ulivi e olive.

Gli olivi non graditi allo Stato3263-lista

L’Italia non è un Paese normale. Un razionale dibattito sull’importanza delle biotecnologie non è mai nato, né sul metodo né sul merito. Si è dato spazio solo alle voci più sconvenienti. L’immobilismo, la distruzione delle conoscenze e il porre veti ovunque impediscono di trovare una via di crescita e, nel contempo, accelerano il declino culturale ed economico. Ecco le ragioni per le quali è necessario sviluppare la ricerca sulle piante transgeniche di olivo

                           articolo intero

 

 

Sicilia olearia vincente con l’Igp 3266-pag

E’ la terza regione d’Italia per produzione, dopo Puglia e Calabria, ma la sua tenacia e professionalità ha permsso di giungere all’ambito traguardo di veder riconosciuta con una attestazione di origine regionale l’intero territorio olivetato. Ciò consente di ottenere un maggiore consenso, dal momento che ovunque nel mondo conoscono il nome dell’isola > Luigi Caricato

articolo intero

 

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: