Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria

“IL DIVORZIO” e “A ZEPPULAIOLA” di FERDINANDO RUSSO

Posted by on Mag 13, 2018

“IL DIVORZIO” e “A ZEPPULAIOLA” di FERDINANDO RUSSO

Come! La santità della famiglia
m’ ‘a vulite distruggere accussì?
Voi primma sulingate alla mia figlia,
‘a jate appriesso, m’ ‘a fate ammalì,

po’ v’ ‘a spusate; e doppo, che vo’ di’?
Voi me l’arriducete una moniglia!
L’abbandonate, e poi… chi se la piglia?
Sti nfamità nun l’arrivo a capì!

Ched’è? Nu bello giorno nun te sona,
e tu te sparte?… Sei nu scellerato!
Primma era bona, e mo’ nun è cchiù bona?

Questa mi pare una furfanteria,
consequenza del mondo svergognato!
Giesù, Giuseppe, Sant’Anna e Maria!

.Già, quello il quale ha avuto sta penzata,
dev’essere un diavolo! Un ossesso!
Ma del resto la legge s’è arrenata…
—E Giusso?… — Ha fatto buono! S’è dimesso!…

— Se fossi in lui, avrei fatto lo stesso!
— Si capisce! Coscienza intemerata!
Io nun pozzo appruvà sta canagliata,
quest’altro frutto del vostro progresso!

Scusate: a mo’ d’esempio, pe sapè:
voi primma ve mangiate ‘a frittatina,
e po’ ‘a tiella m’ ‘a restate a me?

Io piglio e vi consegno una zitella,
voi me la sguangïate, ‘a poverina,
e poi mi rimandate la tiella!?

Zi-prete nostro, nun ce po’ passà!
S’è appiccecato cu nu deputato,
poi s’è costituito in comitato,
e po’ ha stampato sulla Libertà

n’articolo di fondo assai salato,
che ha fatto molto chiasso, ‘a verità!
Figurateve, neh! L’ha intitolato…
— L’ho letto! Vade retro! Eccolo cquà!

Nce sta nu brano dove lui si scaglia
contro l’andazzo dell’opportunismo…!
Che ingegno neh! Che penna di battaglia!

— Ah! Quello lì! Se era un secolaro,
e si sarebbe dato al giornalismo,
mo’ fosse overo un polimisto raro!

Dicimmola comm’è! A lui gli cuoce,
pecchè, cu ‘o matrimmonio d’ ‘a nipote
che portò pure una cospicua dote,
non è andato col musso dentro al doce!

Il marito, nu certo Della Croce,
che ll’ha battuta nu zuffunno ‘e vote,
(e queste cose sono troppo note!)
lle cumbinai nu piattino atroce!

Neh, quello prima se mangiò ogni cosa,
poi fece lega con una furastiera,
na cantanta scomposta, na nguacchiosa,

e poi spedì a zì-preveto un biglietto,
che lui si divideva d’ ‘a mugliera
perchè runfava troppo dentro ‘o letto!..

 

“A ZEPPULAIOLA”

Tant’anne fa, quann’era viva ’a nonna,
Cannetella era ancora ’a capa nenna !
Teneva na faccella tonna tonna,
era cchiù bella e leggia de na penna.
Pareva na rusella ncopp’ ’a na fronna,
cu nu cunfietto faceva marenna;
mo si ’a vedite, mannaggia ’a culonna !
pare ngrassata cu cucozza e vrenna.
Culetta ’a Chiatta m’ ’a mettite ’e parte :
Cannetella è tre vote a Sandunato !
Venne ’o baccalà fritto dint’ ’a carta.
Ha truvato a nu tale e s’ha spusato;
’a sera ’o vatte : fanno sempe un’arta!
Ma a tutt’ ’e dduie ’e vvatte ’o nnammurato

 

Ferdinando Russo 

fonte testo e foto

blog. le stronzate di pulcinella

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: