Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria

Il VELARDINIELLO primo cantante napoletano

Posted by on Giu 26, 2017

Il VELARDINIELLO primo cantante napoletano

Il Velardiniello e le sue villanelle
Boccuccia de ‘no pierzeco apreturo (vill. 1537) E’ La più famosa e primitiva delle villanelle ricordate anche dal Basile

Il Velardiniello fu un purificatore della nostra poesia dialettale, e riusci ad introdurre le sue villanelle nella canzone, potremmo dire che fu il primo artefice della canzone napoletana; ai sui tempi era stimato “museco nfra li buone e nfra li mastre” e lancio’ la ciaccona ed il torniello

Ma chi era costui?
Molti studiosi concordano sull’ipotesi che Velardiniello sia una copertura, un nome fasullo dietro il quale si nascondeva un personaggio noto.

A Napoli intorno al sec. XIV con la dominazione spagnola
nascono le Villanelle che, con “Voccuccia de nu pierzeco apreturo”, esprimono una fondamentale caratteristica – il recitar cantando – che resterà tra le massime espressioni artistiche della cultura napoletana.

Il successo di questa canzone fu grandissimo, “il Velardiniello appare “or plateale, or guappo, or petrarcheggiante, come un Cariteo del secolo decimonono; mentre e’ modernissimo la’ dove sente la postrema giovinezza ed e’ nel ventesimo secolo. Or impreca or sorride, ora minaccia, ora scongiura,
ora disprezza. E par quasi che l’artista non fatichi a mettere insieme le strofe, tanto gli endecasillibi son fluidi, ricchi di assonanze, vermigli di calore, facili dispezzature di accenti.” (cfr. Ferdinanso Russo, Villanelle napoletane, Ed. Alfredo Guida, Napoli s.d., p. xv)

Boccuccia de ‘no pierzeco apreturo
mussillo da na fica lattarola
s’io t’aggio sola ‘int’a chess’uorto
‘nce resto muorto
si tutte ’sse cerase non te furo.
Tanto m’affacciarraggio pe’ ’sse mura
finché me dice intra nella scola.
S’io t’aggio sola ‘int’a chess’uorto
‘nce resto muorto
si tutte ’sse cerase nun te furo.
E si ‘ce saglie ‘coppa de ’ssa noce
tutta la scogno pe’ sta santa croce.
Ahimé ca coce, te farraggio dire
e resentire te putarraje
ma nun auzà la voce.

Davide Brandi

 

 

 

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*