Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria

“Le Vezzoghe” poesia in lingua Laborina di Raimondo Rotondi

Posted by on Nov 19, 2019

“Le Vezzoghe” poesia in lingua Laborina di Raimondo Rotondi

Le vezzoghe só na dannazione

só rannera, sécca y mala stagione

ne frattone re uaddìa chiante y gnégne

che pinceca chiù re le spine vulepégne.

  A verélle, parissene brave persone

ma tiénne na léngua che porta ‘nfezione

chiagnene j muorte, accirene j vive

y tiénne glie munne tutt’a currive.

‘Nse sa cumm’è, c’ènne sèmpe state,

stéssa vocca che spara scuppettate

y pure glie nonne re glie nonne re glie nonne

nen sapévene cumme fa pe levaresélle attorne.

Rice ca partévene ca qua ce stéva puoche

ma scappavene pure ralle truoppe vezzoghe

y quanne revenévene, che cò solde rammeriate

s’èrene morte chélle y ce stévene l’ate.

Apuó ògge, che la ròbba mudèrna,

ènne reventate pruopia n’enfiérne.

Cunfunnene sentì rì, rumanze y telvesióne

y ci’ammischiene chélle che virene aj balcone

ajontene le trasentì ra mèse sorde

y ammassene carechènne alle stuorte,

può se mittene ch’j telefune ‘mmane

y arruinene na fréga crestiane.

Ma pènsa tu, quanne stame stennute,

c’adduprarranne pur’j compiùte.

Se iarrà pruopia aglie sprefunne

che le vezzoghe a navegà p’j munne.

Raimondo Rotondi

traduzione alla lettera

Le Vezzoghe *

Le vezzoghe sono una condanna/ sono grandine, siccità e cattiva stagione/ un frattone di “oh Dio”, pianti e leziosità/ che punge più delle spine dei pruni./ A vederle sembrerebbero brave persone/ ma hanno una lingua che porta infezione/ piangono i morti, ammazzano i vivi/ ed hanno il mondo intero per nemico./ Non si sa com’è, ci sono sempre state/ stessa bocca che spara fucilate/ ed anche i nonni dei nonni dei nonni/ non sapevano come fare per togliersele di torno./ Si dice che partivano perché qui c’era poco,/ ma scappavano anche dalle troppe vezzoghe/ e quando tornavano con qualche soldo rimediato erano morte quelle e c’erano le altre. Poi oggi, con le cose moderne/ sono diventate proprio un inferno./ Confondono sentir dire, romanzi e televisione/ e ci mischiano quello che vedono dal balcone/ aggiungono il trasentire da mezze sorde/ ed impastano aggiungendo cattiveria/ poi si mettono col telefono in mano/ e rovinano tante persone./ E pensa tu, quando saremo distesi (morti)/ che useranno anche il computer!/ Si finirà proprio allo sprofondo/ con le vezzoghe a navigare per il mondo.

“bizzocchere”, “bigotte” (in senso traslato “pettegole”)

1 Comment

  1. sin da ragazzo adolescente scriveva poesie e poemetti ed aveva sempre con se un quaderno dove prendere appunti per spunti futuri Paolo Scappaticci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: