Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria

L’illustre storia dei Borbone ed il significato di “borbonico” ieri ed oggi

Posted by on Ago 7, 2017

L’illustre storia dei Borbone ed il significato di “borbonico” ieri ed oggi

Quando sentiamo parlare dei Borbone le prime cose che ci vengono in mente sono Napoli e il Regno delle Due Sicilie, ma molti ignorano il fatto che la famiglia dei Borbone è una delle più antiche ed importanti casate d’Europa.

Di origini francesi, è un ramo cadetto della dinastia dei Capetingi (fondata nel X secolo da Ugo Capeto dopo la morte dell’ultimo re carolingio) che ereditò il trono di Francia nel 1589. Il nome “Borbone” deriva dal feudo di Bourbon-l’Archambault che il capostipite della famiglia, Roberto di Clermont, incorporò sposando nel 1279 Beatrice, figlia dell’ultima feudataria di quella regione. Insieme a quella degli Asburgo d’Austria, con la quale fu spesso in lotta, è stata una delle principali casate reali d’Europa dal Cinquecento in poi. Inoltre è stato il regno più esteso, dato che i suoi esponenti hanno occupato vari troni, da quello di Francia a quello di Spagna, Navarra, il Regno delle Due Sicilie, i Granducati di Toscana e Parma.

A questa famiglia appartennero alcuni sovrani d’eccezione e che influenzarono di più le vicende storiche dei loro paesi. Come dimenticare il celebre Re Sole, Luigi XIV di Francia? E poi Enrico IV, Filippo V di Spagna, Carlo III e Ferdinando II. Tutt’ora i Borbone occupano il regno di Spagna e del Lussemburgo.

Oggi il termine “borbonico” non sta ad indicare solo ciò che ha a che fare con la famiglia dei Borbone, ma viene usato in senso dispregiativo, denigratorio. Tale aggettivo fu coniato più di cent’anni fa per celare le crudeltà belliche e le malefatte politiche fatte ai danni del popolo meridionale, nonché l’inefficacia della pubblica amministrazione della neonata Italia. L’aggettivo borbonico viene usato per indicare i lati peggiori della burocrazia, sinonimo di “farraginoso, inefficiente, indolente, gerarchico“. Ma non tutti sanno che prima dell’unificazione dell’Italia era proprio il Regno delle Due Sicilie ad avere i migliori ordinamenti amministrativi, lo stesso vale per quelli finanziari, per la procedura penale, per la pubblica istruzione e per la beneficenza.

Inoltre i ministri della Tesoreria borbonica non saltarono mai alle cronache per aver causato imbrogli, addirittura gli amministratori delle province uscivano dalla carica poveri, mentre è opportuno ricordare che furono proprio i ministri dell’Italia Unita ad inciampare nei primi scandali bancari.

Claudia Ausilio

fonte

vesuviolive.it

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: