Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

Mai perdere la propria Identità

Posted by on Dic 7, 2019

Mai perdere la propria Identità

Mi piacciono le contaminazioni, la buona globalizzazione, le fusion, amo i matrimoni misti, guardo con curiosità alla nouvelle cuisine (che non mi piace) e a quella etnica,adoro viaggiare , conoscere culture,colture ,storie e beni architettonici, ma…

Ma io non voglio perdere la mia IDENTITA’, la mia LINGUA ,la mia STORIA , le mie TRADIZIONI.
Non voglio perdere il mio cibo, il ricordo di come mia nonna lo cucinava e lo tramandava a mia madre…Vorrei poter avere cento figli ed insegnare loro ciò che la maturità dei miei anni ha consentito di recuperare quello che gli anni della ribellione inducevano a non ascoltare.
Io voglio fare il pane in casa, il fusillo col ferretto,voglio la pizza napoletana nel forno a legna, voglio sentire scoppiettare il ceppo di quercia nel camino, voglio il caffè nella moka e l’odore che mi inonda la casa, voglio veder lievitare un ciambellone per la colazione la mattina. Voglio raccontare quanto sia bella la mia Terra nonostante lo stupro compiuto e reiterato negli anni per colpa di una classe politica meridionale e dirigenziale nordista criminale.
Vorrei poterla raccontare anche a quegli esseri ignobili che pur nascendo in questo suolo nobile l’hanno massacrata, vituperata, sfruttata, tradita.
Rivoglio le mie colture senza Monsanto, i miei pomodori, il mio grano, il mio olio.
Rivoglio te Sud in grado di recuperare la tua grande forza e la tua immensa dignità. Io non voglio andare via. Noi non vogliamo andare via.
Ah, tutto questo viene demonizzato ignobilmente dalla sinistra marcia, dalle sardine europeiste. Tutto quello che “loro” chiamano “sovranismo”, io lo chiamo semplicemente amor patrio nel rispetto delle culture ed etnie altrui.

Patrizia Stabile

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.