Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria

“Parlènne che na francése” poesia in lingua Laborina di Raimondo Rotondi

Posted by on Nov 18, 2019

“Parlènne che na francése” poesia in lingua Laborina di Raimondo Rotondi

Bonjour, uagliò, comment  se passe?

on y va tous les deux avec glie citre a spasse.

Mó a te le rappeler me pare pure brutte,

te recuorde chéll’été c’assiéme siéme strutte?

Le rire! Tous le deux ensemble glie mois d’aùste,

chélla scì ch’éra une longue vacance de guste!

Ancora te mantié ma quant’ire bèlla!

Na fille doce, ruìzzeca y screccarèlla

y chélla vulìa re jouer toujours

quanta me ‘ncènne re nen tenélla chiù!

Chélle che gli’annammurate fanne

le chiamive “jouer au zizi pan pan”

y na séra aglie Vagne a fà les brochettes,

fu la vòta che se gioche se pruopia giuchètte.

Ancora rire y te lampene gli’uocchie

ma ce uardame y siéme chiù viécchie,

apuò te sò vista c’une che ‘nce cride

ma tè pruopia la faccia ra marite,

pur’i ne tiénghe una ‘ncuoglie

che rice sèmpe ca m’è moglie.

Se dù uagliune che tename appecciate

nen glie siéme ancora manche presentate,

une è Felippe y chéll’ata è Nadià

y s’ènne misse assiéme a pazzià.

Chi le sa… pazziènne pazziènne,

cò été re chésse che viénne…

 

Raimondo Rotondi

 

traduzione alla lettera (in questa poesia al dialetto è mescolata qualche parola in francese)

 

Parlando con una francese

 

Bongiorno, ragazza, come te la passi?/ Andiamo tutti e due con i bambini a spasso./ Adesso a ricordartelo mi sembra anche brutto,/ ricordi quell’estate che abbiamo passato insieme?/ Le risate, tutti e due insieme il mese d’agosto/ quella si che era una bella vacanza estiva!/ Ancora ti mantieni, ma quant’eri bella!/ Una ragazza dolce, sveglia e fresca di gioventù/ e quella voglia di giocare sempre/ sapessi quanto mi dà fastidio non averla più!/ Quello che gli innamorati fanno/ lo chiamavi “jouer au zizi pan pan”/ e una sera ai Vagni a fare gli spiedini/ fu la volta che questo gioco si proprio giocò./ Ancora ridi e ti lampeggiano gli occhi

ma ci guardiamo e siamo più vecchi,/ e poi ti ho vista con uno che, non ci crederai,/ ha proprio la faccia da marito/ ed anch’io ne ho una intorno/ che dice sempre di essere mia moglie./ Questi due bambini che teniamo per mano/ non li abbiamo ancora neanche presentati,/  uno è Filippo e l’altra è Nadia/ e si sono messi a giocare insieme./ Chi lo sa…  giocando giocando,/ qualche estate di quelle che verranno…

 

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: