Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria

Pompeo De Chiara commenta Fiorentino Bevilacqua

Posted by on Ago 21, 2019

Pompeo De Chiara commenta Fiorentino Bevilacqua

Interessante riflessione di Bevilacqua sulla iniziativa di Pino Aprile di costituire (Si è convinto finalmente!) necessariamente un Partito che sappia essere tutore degli interessi del Sud Italia e difensore della sua Memoria. A differenza di tanti altri giudizi negativi espressi impropriamente da tuttologi ed “ignoranti” del tribolato lungo percorso che ha dovuto affrontare, anch’io mi associo per un giudizio positivo dell’iniziativa da me caldeggiata personalmente da diversi anni ma inascoltata per diverse ragioni. Ma alcune considerazioni sono necessarie: Speravo ed ero convinto che la nascita di un Partito così importante si organizzasse almeno un mese prima, a Napoli con una chiamata alle armi generale che avesse radunato tantissima gente in qualche sala congressuale. Si poteva approfittare di qualche festività entro dicembre (l’8 sarebbe stato ideale) e ci sarebbe stato tutto il tempo per organizzarsi e venire a Napoli da tutta Italia. Un evento di tale portata storica, nel quale, addirittura, si vuole costituire un Partito, darci un nome, un simbolo e finanche dei candidati, non si può organizzare in brevissimo tempo, senza nemmeno una bozza di Statuto in mezzo ad un bosco che per arrivarci ti devi fare il segno della croce e con un servizio di vitto e alloggio lasciato ad un agriturismo familiare. Sinceramente la fondazione di un Partito sudista non merita un luogo simile ad un’area pic nic in cui si improvvisano Statuti, ruoli, denominazione e bandiera. Tanti di noi che lottiamo da decenni, probabilmente, avremmo preferito un percorso di costruzione diverso. Basta con le solite cose “vediamoci e parliamo”. Avevo già risposto sotto un altro post che a mio avviso si dovevano scegliere 12 saggi/attivisti tra coloro che negli ultimi 20-30 anni hanno contribuito alla diffusione di una coscienza identitaria sudista e ad una critica professionale delle attuali condizioni socio-economiche della nostra terra. Costoro avrebbero dovuto, secondo la mia umile considerazione, stilare una Bozza di Carta Costituente aperta, informata di principi condivisi e soprattutto espressione di SINTESI delle varie anime meridionaliste ed un PROGETTO chiaro e sintetico di una decina di punti al massimo. Nell’ambito della Adunata Generale in NAPOLI capitale, si approvavano le varie norme statutarie. Tutta l’organizzazione dell’importantissimo e vitale EVENTO dovrebbe essere affidata a soggetti già esperti. Ma una cosa, per me, e soprattutto, tanti altri, (tantissimi altri) sarebbe IMPRESCINDIBILE: La presenza massiccia della nostra BANDIERA STORICA DI STATO nella quale ormai ci ricononosciamo TUTTI e di cui non possiamo né DOBBIAMO più avere vergogna! Darebbe un fortissimo segnale di inclusione e di spirito IDENTITARIO. Se, al contrario si vuole ripetere il percorso costruttivo partitico di UM-MO e simile alle liste-civetta del PD, faranno a meno della mia presenza.

Pompeo De Chiara

1 Comment

  1. Da osservatrice esterna, innamorata dell’ ex Regno delle Due Sicilie, sono assolutamente d’accordo con quanto scrive e saggiamente suggerisce Pompeo De Chiara…caterina

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: