Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria

QUANNO NASCETTE NINNO (Sant’Alfonso Maria De Liguori – 1754)

Posted by on Feb 19, 2017

QUANNO NASCETTE NINNO (Sant’Alfonso Maria De Liguori – 1754)

La melodia di questa canzone è alla base di “Tu scendi dalle stelle”, celebre canto natalizio. Fu scritto in napoletano nel dicembre 1754 a Deliceto (FG) da Sant’Alfonso Maria de’ Liguori, considerata la prima persona a usare il napoletano per canti religiosi. In particolare, questo si chiamava inizialmente “Per la nascita di Gesù”, titolo con il quale venne pubblicato nel 1816.

Quanno nascette Ninno, quanno nascette Ninno a Betlemme, era notte e pareva miezojuorno. Maje le stelle, lustre e belle, se vedèttero accussì. E ‘a cchiù lucente, jette a chiammà li Magge a ll’Uriente.

Maje le stelle, lustre e belle, se vedèttero accussì. Se vedèttero accussì.

De pressa se scetajeno, de pressa se scetajeno ll’aucielle, cantanno de na forma tutta nova. Pe’ nsi’ ‘agrille co’ li strille e zompanno ‘a ccà e ‘a llà. “E’ nato. E’ nato”, decévano, “lo Dio che nce ha criato”.

Pe’ nsi’ ‘agrille, co li strille e zompanno ‘a ccà e ‘a llà. E zompanno ‘a ccà e ‘a llà.
Co’ tutto ch’era vierno, co’ tutto ch’era vierno, Ninno bello, nascettero a migliara rose e sciure. Pe’ nsi’ ‘o ffieno sicco e tuosto, ca fuje puosto sott’a te, se ‘nfigliulette e de frunnelle e sciure se vestette.
Pe’ nsi’ ‘o ffieno, sicco e tuosto, ca fuje puosto sott’a te. Ca fuje puosto sott’a te.
A no paese che, a no paese che se chiamma Ngadde, sciurettero le vvigne e ascette ll’uva. Ninno mio sapuretiello, rappusciello d’uva si’ tu ca, tutt’ammore, faje doce ‘a vocca e po’ ‘mbriache ‘e core.
Ninno mio sapuretiello, rappusciello d’uva si’ tu. Rappusciello d’uva si’ tu.
Non c’erano nemice non c’erano nemice pe’ la terra. La pecora pasceva co’ ‘o lione. Co’ ‘o capretto, se vedette ‘o liupardo pazzeà. Ll’urzo e ‘o vetiello e, co’ lo lupo, ‘mpace ‘o pecoriello.
Co’ ‘o capretto, se vedette ‘o liupardo pazzeà. ‘O liupardo pazzeà.
S’arrevotaje ‘nsomma, s’arrevotaje ‘nsomma tutt’ ‘o munno, lo cielo, ‘a terra, ‘o mare e tutt’ ‘e ggente. Chi dormeva, se senteva ‘mpiett’ ‘o core pazzeà pe’ la prejezza. E se sonnava pace e contentezza.
Chi dormeva, se senteva ‘mpiett’ ‘o core pazzeà. ‘Mpiett’ ‘o core pazzeà.
Guardavano le ppecore, guardavano le ppecore ‘e Pasture. E n’Angelo, sbrennente cchiù d’ ‘o sole, comparette e lle decette: “Non ve spaventate, no. Contento e riso, la terra è addeventata Paraviso”.
Comparette e lle decette: “Non ve spaventate, no”. “Non ve spaventate, no”.
A vuje è nato ogge, a vuje è nato ogge, a Bettalemme, d’ ‘o munno, ll’aspettato Sarvatore. Dint’ ‘e panne ‘o trovarrite, non potite maje sgarrà, arravogliato e dint’a lu Presebbio corecato.
Dint’ ‘e panne ‘o trovarrite, non potite maje sgarrà. Non potite maje sgarrà.
A meliune ll’Angiule, a meliune ll’Angiule calaro, co’ chiste se mettettero a cantare: “Gloria a Dio, pace ‘nterra. Nu’ cchiù guerra, è nato già lo rre d’ammore che dà prejezza e pace a ogne core”.
“Gloria a Dio, pace ‘nterra. Nu’ cchiù guerra, è nato già”. “Nu’ cchiù guerra, è nato già”.
Sbatteva ‘o core ‘mpietto, sbatteva ‘o core ‘mpietto a sti Pasture e ll’uno po’ deceva ‘nfacci’a ll’ato: “Ché tardammo? Priesto, jammo ca mme sento ascevolì pe’ lo golìo ca tengo de vedé stu Ninno Dio”.
“Ché tardammo? Priesto, jammo ca mme sento ascevolì”. Ca mme sento ascevolì.
Zompanno comm’a ciévere, zompanno comm’a ciévere ferute, jettero li pasture a la capanna. Llà trovajeno a Maria co’ Giusepe e ‘a Gioja mia. E ‘nchillo Viso provajeno no muorzo ‘e Paraviso.
Llà trovajeno a Maria co’ Giusepe e ‘a Gioja mia. Co’ Giusepe e ‘a Gioja mia.
Restajeno ‘ncantate, restajeno ‘ncantate e voccapierte pe’ tantu tiempo senza di’ parola. Po’ jettanno, lacremanno, no sospiro pe’ sfogà. Da dint’ ‘o core, cacciajeno, a migliara, atte d’ammore.
Po’ jettanno, lacremanno, no sospiro pe’ sfogà. No sospiro pe’ sfogà.
C’ ‘a scusa de donare, c’ ‘a scusa de donare li presiente se jettero azzeccanno chiano chiano. Ninno no’ li rifiutaje, ll’azzettaje, comm’a che, po’ lle mettette la mano ‘ncapa e li benedicette.
Ninno no’ li rifiutaje ll’azzettaje, comm’a che. Ll’azzettaje, comm’a che.
Piglianno confedenzia, piglianno confedenzia a poco a poco, cercajeno lecenzia a la Madonna. Se magnajeno li pedille co vasille ‘mprimma e po’ chelle mmanelle, a ll’urdemo, lo musso e ‘e mascarielle.
Se magnajeno li pedille co vasille, ‘mprimma e po’. Co vasille, ‘mprimma e po’.
Po’ assieme se mettettero, po’ assieme se mettettero a sonare e a cantà co’ ll’Angiule e Maria co’ na voce accossì doce, ca Gesù facette”Aaaah hà” e po’ chiudette chill’uocchie aggraziate e s’addurmette.
Co’ na voce, accossì doce, ca Gesù facette”Aaaah hà”. Ca Gesù facette”Aaaah hà”.
La nonna che cantajeno, la nonna che cantajeno a me mme pare ch’avett’ ‘a èsse’ chella ca mo dico. Ma ‘nfrattanto io la canto, ‘mmaggenateve de stà co li pasture vicino a Ninno bello vuje pure.
Ma ‘nfrattanto io la canto, ‘mmaggenateve de stà. ‘Mmaggenateve de stà.
Viene suonno da lu cielo, viene adduorme a sto Nennillo, pe’ pietà ch’è piccerillo, viene suonno e nun tardà.
Gioja bella de sto core, vorrìa suonno addeventare, doce doce pe’ te fare st’uocchie belle addormentà.
Ma si Tu, p’essere amato, te si’ fatto Bammeniello, sulo Ammore è ‘o sonnariello che dormire te pò fà.
Ment’è chesto puó’ fà nonna, pe’ te st’arma è arza e bona. T’amo t’a’. Uh, ‘sta canzona già t’ha fatto addobbecà. T’amo Dio, bello mio, t’amo Gioja, t’amo, t’a’.
Cantanno po’ e sonanno, cantanno po’ e sonanno, li Pasture, tornajeno a le mantre n’ata vota. Ma che vuó’ che cchiù arrecietto non trovajeno ‘int’a lo pietto. A ‘o caro Bene, facevano ogne poco ‘o va’ e biene.
Ma che vuó’ che cchiù arrecietto non trovajeno ‘int’a lo pietto. Non trovajeno ‘int’a lo pietto.
Lo ‘nfierno solamente, lo ‘nfierno solamente e ‘e peccature ‘ncocciuse comm’a isso e ostinate se mettettero appaura, pecché a ‘o scuro vonno stà li spurtagliune, fujenno da lu sole, li briccune.
Se mettettero appaura, pecché a ‘o scuro vonno stà. Pecché a ‘o scuro vonno stà.
Io pure sóngo niro io pure sóngo niro peccatore, ma non boglio èsse’ cuoccio e ostinato. Io non boglio cchiù peccare, voglio amare, voglio stà co’ Ninno bello comme nce sta lo voje e ll’aseniello.
Io non boglio cchiù peccare, voglio amare, voglio stà. Voglio amare, voglio stà.
Nennillo mio Tu si’, Nennillo mio Tu si’ sole d’ammore. Faje luce e scarfe pure ‘o peccatore. Quanno è tutto niro e brutto comm’a pece, tanno cchiù lo tiene mente e ‘o faje addeventà bello e sbrennente.
Quanno è tutto niro e brutto comm’a pece, tanno cchiù. Comm’a pece, tanno cchiù.
Ma tu mme diciarraje, ma tu mme diciarraje ca chiagniste, acciò chiagnesse pure ‘o peccatore. Aggio tuorto. Ahje, fosse muorto n’ora primma de peccà. Tu mm’haje amato e io, pe’ paga, t’aggio maltrattato.
Aggio tuorto. Ahje, fosse muorto n’ora primma de peccà. N’ora primma de peccà.
E vuje uocchie mieje e vuje uocchie mieje, doje fontane avit’ ‘a fà, de lacreme, chiagnenno, pe’ lavare, pe’ scarfare, li pedille de Giesù. chisà, placato, decesse: “Via, ca t’aggio perdonato”.
Pe’ lavare, pe’ scarfare, li pedille de Giesù. Li pedille de Giesù.
Viato a me si aggio, viato a me si aggio ‘sta fortuna. Che maje potesse cchiù desiderare? O Maria, speranza mia mentr’io chiagno, prega tu. Penza ca pure si’ fatta mamma de li peccature.

O Maria, speranza mia mentr’io chiagno, prega tu. Mentr’io chiagno, prega tu.

Traduzione in Italiano, ma è un altra cosa

Quando nacque Gesù Bambino, quando nacque Gesù Bambino a Betlemme, era notte e sembrava mezzogiorno. Mai le stelle, lustre e belle, si videro così. E la più splendente andò a chiamare i Magi dall’Oriente.
Mai le stelle, lustre e belle, si videro così. Si videro così.
Di fretta si svegliarono, di fretta si svegliarono gli uccelli, cantando in una forma tutta nuova. Perfino i grilli con gli strilli e saltando qua e là. “E’ nato. E’ nato”, dicevano, “il Dio che ci ha creato”.
Perfino i grilli con gli strilli e saltando qua e là. E saltando qua e là.
Nonostante fosse inverno, nonostante fosse inverno, Bambino bello, nacquero a migliaia rose e fiori. Perfino il fieno secco e duro, che fu posto sotto di te, fiorì e di foglie e fiori si vestì.
Perfino il fieno secco e duro, che fu posto sotto di te. Che fu posto sotto di te.
In un paese, in un paese che si chiama Engaddi, fiorirono le vigne e uscì l’uva. Bambino mio saporito, ramoscello d’uva sei tu che, tutto amore, rendi dolce la bocca e poi ubriachi i cuori.
Bambino mio saporito, ramoscello d’uva sei tu. Ramoscello d’uva sei tu.
Non c’erano nemici, non c’erano nemici per la terra. La pecora nasceva con il leone. Col capretto, si vide il leopardo giocare. L’orso e il vitello e, con il lupo, in pace il vitello.
Col capretto, si vide il leopardo giocare. Il leopardo giocare.
Si sconvolse insomma, si sconvolse insomma tutto il mondo, il cielo, la terra, il mare e tutte le genti. Chi dormiva si sentiva in petto il cuore giocare per l’allegria. E sognava pace e contentezza.
Chi dormiva si sentiva in petto il cuore giocare. In petto il cuore giocare.
Guardavano le pecore, guardavano le pecore i pastori. E un Angelo, splendente più del sole, comparve e disse loro: “Non vi spaventate, no. Felicità e riso, la terra è diventata un paradiso”.
Comparve e disse loro: “Non vi spaventate, no”. “Non vi spaventate, no”.
Da voi è nato oggi, da voi è nato oggi, a Betlemme, l’atteso Salvatore del mondo. Tra le fasce lo troverete, non potrete sbagliare, avvolto e nel Presepio coricato.
In fasce lo troverete, non potrete sbagliare. Non potrete sbagliare.
A milioni gli Angeli, a milioni gli Angeli scesero, con questi si misero a cantare: “Gloria a Dio, pace in terra. Non più guerra, è nato già il re dell’amore che dà allegria e pace a ogni cuore”.
“Gloria a Dio, pace in terra. Non più guerra, è nato già”. “Non più guerra, è nato già”.
Sbatteva il cuore nel petto, sbatteva il cuore nel petto di questi pastori e uno poi diceva di fronte all’altro: “Perchè tardiamo? presto, andiamo che mi sento venir meno per il desiderio che ho di vedere questo Dio Bambino”.
“Perchè tardiamo? presto, andiamo che mi sento venir meno”. “Che mi sento venir meno”.
Saltando come cervi, saltando come cervi feriti, i pastori andarono alla capanna. Là trovarono Maria con Giuseppe e la Gioia mia. E in quel Viso provarono un morso di Paradiso.
Là trovarono Maria con Giuseppe e la Gioia mia. Con Giuseppe e la Gioia mia.
Rimasero incantati, rimasero incantati e a bocca aperta per tanto tempo senza dire parola. Poi gettarono, lacrimarono, un sospiro per sfogarsi. Dal cuore tirarono fuori, a migliaia, atti d’amore.
Poi gettarono, lacrimarono, un sospiro per sfogarsi. Un sospiro per sfogarsi.
Con la scusa di donare, con la scusa di donare i regali si avvicinarono piano piano. Ninno non li rifiutò, li accettò, come non so cosa, poi mise loro la mano sul capo e li benedì.
Ninno non li rifiutò, li accettò, come non so cosa. Li accettò, come non so cosa.
Prendendo confidenza, prendendo confidenza a poco a poco, chiesero il permesso alla Madonna. Si mangiarono i piedini con bacini prima e poi quelle manine, per ultimo, il viso e le gote.
Si mangiarono i piedini con bacini prima e dopo. Con bacini prima e dopo.
Poi insieme si misero, poi insieme si misero a suonare e a cantare con gli Angeli e Maria con una voce così dolce che Gesù fece “Aaaah hà” e poi chiuse gli occhi aggraziati e si addormentò.
Con una voce così dolce che Gesù fece “Aaaah hà”. Che Gesù fece “Aaaah hà”.
La ninna nanna che cantarono, la ninna nanna che cantarono a me sembra che dovesse essere quella che ora dico. Ma intanto io la canto, immaginatevi di essere con i pastori vicino al Bimbo bello anche voi.
Ma intanto io la canto, immaginatevi di essere. Immaginatevi di essere.
Vieni sonno dal cielo, vieni ad addormentare questo Bambino, per pietà che è piccolino, vieni sonno e non tardare.
Gioia bella di questo cuore, vorrei diventare sonno, per farti dolcemente questi occhi belli addormentare.
Ma se Tu, per essere amato, ti sei fatto Bambinello, solo Amore è il sonno che ti può far dormire.
Tutto questo può fare la ninna nanna, per te quest’anima è arsa e buona. Ti amo, ti amo. Uh, questa canzone già ti ha fatto addormentare. Ti amo Dio, bello mio, ti amo Gioia, ti amo, ti amo.
Cantando poi e suonando, cantando poi e suonando, i Pastori, tornarono alle mandrie un’altra volta. Ma cosa vuoi che più riposo non trovarono nel petto. Al caro Bene facevano spesso va e vieni.
Ma cosa vuoi che più riposo non trovarono nel petto. Non trovarono nel petto.
L’inferno soltanto, l’inferno soltanto e i peccatori incalliti come lui e ostinati ebbero paura, perchè nell’oscurità vogliono stare i pipistrelli, fuggendo dal sole, i bricconi.
Ebbero paura, perchè nell’oscurità vogliono stare. Perchè nell’oscurità vogliono stare.
Anche io sono nero, anche io sono nero peccatore, ma non voglio essere rigido e ostinato. Io non voglio più peccare, voglio amare, voglio stare col Bambino bello come ci stanno il bue e l’asinello.
Io non voglio più peccare, voglio amare, voglio stare. Voglio amare, voglio stare.
Bambino mio tu sei, bambino mio tu sei sole d’amore. Fai luce e riscaldi anche i peccatori. Quando è tutto nero e brutto come la pece, allora più lo guardi e lo fai diventare bello e splendente.
Quando è tutto nero e brutto Come la pece, allora più. Come la pece, allora più.
Ma tu mi dirai, ma tu mi dirai che piangesti, perciò piange anche il peccatore. Ho torto. Ah, fossi morto un’ora prima di peccare. Tu mi hai amato e io, come risposta, ti ho maltrattato.
Ho torto. Ah, fossi morto un’ora prima di peccare. Un’ora prima di peccare.
E voi occhi miei, e voi occhi miei, due fontane dovete diventare, di lacrime, piangendo, per lavare, per scaldare, i piedini di Gesù. Chissà, calmo, direbbe: “Via, che ti ho perdonato”.
Per lavare, per scaldare, i piedini di Gesù. I piedini di Gesù.
Beato me se avrò, beato me se avrò questa fortuna. Cosa mai potrei più desiderare? O Maria, speranza mia mentre io piango, prega tu. Pensa che anche sei mamma dei peccatori.
O Maria, speranza mia mentre io piango, prega tu. Mentre io piango, prega tu.

 

fonte napoligrafia.it

 

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*