Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria

Quella tarantella che piaceva anche a Ferdinando IV di Borbone

Posted by on Dic 5, 2018

Quella tarantella che piaceva anche a Ferdinando IV di Borbone

Il tarantismo o tarantolismo è considerato un fenomeno isterico convulsivo. In base a credenze ampiamente diffuse in antichità nell’area mediterranea ed in epoca più recente nel sud Italia, sarebbe…

Il tarantismo o tarantolismo è considerato un fenomeno isterico convulsivo. In base a credenze ampiamente diffuse in antichità nell’area mediterranea ed in epoca più recente nel sud Italia, sarebbe provocato dal morso di ragni.

Il risultato del morso sarebbe un quadro psicopatologico caratterizzato da una condizione di malessere generale e da una sintomatologia psichiatrica vagamente assimilabile all’epilessia o all’isteria. I sintomi sarebbero offuscamento dello stato di coscienza e turbe emotive. Secondo la leggenda la tarantola con il suo morso provocherebbe crisi isteriche. La tradizione popolare ritiene che alcuni musicanti fossero in grado, con la musica, di guarire o almeno lenire lo stato di “pizzicata”.

Attraverso una suonata, che poteva durare anche giorni, cercavano di trovare la combinazione di vibrazioni con le note dei loro strumenti. Venivano utilizzati diversi strumenti, in particolare il tamburello. La prima fonte scritta sulla pizzica risale al 20 aprile 1797 e si riferisce alla serata da ballo che la nobiltà tarantina offrì al re Ferdinando IV di Borbone in occasione della sua visita diplomatica nella città. Il testo parla di “pizzica pizzica” come di una “nobbilitata tarantella”. Già dal XIX secolo la pizzica si è legata alle pratiche terapeutiche coreomusicali del tarantismo, ma è accertato che dal XIV secolo in poi musici e tarantolati hanno adoperato per curare e curarsi dal veleno di tarantole e scorpioni le danze locali del periodo, che si sono alternate, succedute, o adattate, lungo il corso dei secoli.

Alcune di queste danze (moresca, spallata, catena, pastorale, ecc.) hanno avuto un’ampia circolazione ben oltre l’area pugliese e lucana, si ritrovano presenti in altre regioni europee. La pizzica pizzica, dunque, era una danza ludica dei momenti di festa e di convivialità sociale, ma veniva praticata durante i rituali terapeutici dai morsicati (veri o presunti) dalla tarantola Lycosa tarantula. Nella stessa area della pizzica pizzica si è continuata a praticare anche la tarantella, tanto che oggi è difficile anche da parte degli anziani percepire la differenza tra le due danze.

fonte

https://www.iltempo.it/cronache/2014/08/23/news/quella-tarantella-che-piaceva-anche-a-ferdinando-iv-di-borbone-951752/

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: