Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria

Sessa Aurunca – Laila: la Madonna del Mirteto ha salvato mia figlia. E la madre islamica diventa cristiana. Ieri ha ricevuto i sacramenti (il video)

Posted by on Mag 7, 2018

Sessa Aurunca – Laila: la Madonna del Mirteto ha salvato mia figlia. E la madre islamica diventa cristiana. Ieri ha ricevuto i sacramenti (il video)

Dopo sei ore di intervento chirurgico i medici si arresero. Per loro quella bimba era morta. Dopo molti minuti, miracolosamente, il battito del piccolo cuore ripartì da solo.

Ora quella bimba sta bene e cresce normalmente.  La madonna della chiesa di Santa Maria a Valogno compì un miracolo ridando la vita alla bimba di pochi mesi, data per morta durante un delicatissimo intervento chirurgico. Lo afferma con  certezza assoluta la madre  (clicca qui per il video con il racconto della madre).
Laiala, donna matura proveniente dal Marocco, da anni residente a Sessa Aurunca, vissuta sin dalla nascita in una normale famiglia islamica, ora ha scelto di entrare nella grande famiglia della religione cattolica, di abbracciare la fede cristiana. Ieri sera, alla presenza del vescovo di Sessa Aurunca, Laila ha ricevuto il battesimo, la comunione e la cresima diventando cristiana. Un’adesione che non può prescindere da quel miracolo che ha ridato la vita alla sua unica creatura. (guarda il video, ascolta il racconto di Laila)
Il viso della donna è stato offuscato per garantire la sua sicurezza, perché purtroppo ancora oggi, in diversi casi, la libertà di culto può scatenare odio e tensioni.

Il Santuario della Vergine del Mirteto, nella piccola frazione di Santa Maria a Valogno è ricco di storia e di miracoli. Del resto anche la piccola fonte che sgorga ai piedi del santuario stesso è ritenuta da molti fedeli miracolosa. Ogni anno, esattamente il 16 febbraio, recandosi in pellegrinaggio in quella chiesa, è possibile ricevere l’indulgenza plenaria che fu concessa da Papa Innocenzo II. Lo stesso papa, nel 1139, dopo una sconfitta in battaglia contro i normanni, si rifugiò con il resto dell’esercito presso il parroco di Santa Maria a Valogno. Tornato  a  Roma – grato per la ospitalità ricevuta e colpito dalla forte devozione che i parrocchiani di quel piccolo villaggio mostravano verso la Madonna –  decise di premiare la parrocchia con una bolla papale che concesse Indulgenza per il 16 febbraio. Così, ancora oggi, sono numerosi i fedeli che ogni 16 febbraio arrivano a Santa Maria a Valogno per ottenere indulgenza.

Sessa Aurunca

di Giovanna Cestrone

fonte

http://www.paesenews.it/?p=121594

segnalato da

Fiorentino Bevilacqua

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: