Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria

“SETE” DI UMBERTO PICANO

Posted by on Ott 5, 2018

“SETE” DI UMBERTO PICANO

” Carissimi amici e amiche, ricordate la sorgente che buttava acqua dietro la Chiesa Madre A Cassino? C’è l’acqua o ancora è secca?
Io ho voluto dedicare a quella fonte che sgorgava dove anteguerra sorgeva la chiesa di Santa Maria delle Cinque Torri che da noi veniva chiamata Chiesa del Riparo, queste poche righe. Leggetela bene e fatemi sapere se ha ripreso a sgorgare l’acqua o ancora è secca.


 


Ando’ è fenuta chella surgente
che steva arret’alla Chiesa Madre.
Chella surgente che steva andò,
prima re la uerra,se spicchiava
l’antica Chiesa re gliù Riparo.
Chella surgente che cacciava n’acqua
limpida e fresca che, spicialmente cu’ la
calura r’agosto, rev’a beve a tutti gli
viandanti?
Ra ‘nu mument’e nato è sparita!
L’acqua nun esce chiù.
E’ stata la siccità. Riceno.
Ma io nun ce crere pecchè cu’ tutta
l’acqua c’ha fatto e che cuntinua a fà,
chella surgente teneva recumincià a piscià.
Ma l’acqua nun se vere!
Chell’acqua chiara, limpida e fresca,
che gurguglienno cantava e
cunnuliava schiavune e cannelle,
nun se vere chiù.
Vuò verè che caccrune ha appilato la via
naturale che purtava l’acqua a chi teneva sete?
Nun ce voglio crere! Ma se accusì fusse,
luvasse subbeto l’impedimento e arrennesse
l’acqua a chi tè sete, a chi cu ‘nu
bicchiere o cu le mane a coppa
raccuglieva la fresca acqua pe’ se
luvà la seta.
umberto picano

Ando’ è fenuta chella surgente
che steva arret’alla Chiesa Madre.
Chella surgente che steva andò,
prima re la uerra,se spicchiava
l’antica Chiesa re gliù Riparo.
Chella surgente che cacciava n’acqua
limpida e fresca che, spicialmente cu’ la
calura r’agosto, rev’a beve a tutti gli
viandanti?
Ra ‘nu mument’e nato è sparita!
L’acqua nun esce chiù.
E’ stata la siccità. Riceno.
Ma io nun ce crere pecchè cu’ tutta
l’acqua c’ha fatto e che cuntinua a fà,
chella surgente teneva recumincià a piscià.
Ma l’acqua nun se vere!
Chell’acqua chiara, limpida e fresca,
che gurguglienno cantava e
cunnuliava schiavune e cannelle,
nun se vere chiù.
Vuò verè che caccrune ha appilato la via
naturale che purtava l’acqua a chi teneva sete?
Nun ce voglio crere! Ma se accusì fusse,
luvasse subbeto l’impedimento e arrennesse
l’acqua a chi tè sete, a chi cu ‘nu
bicchiere o cu le mane a coppa
raccuglieva la fresca acqua pe’ se
luvà la seta.


umberto picano


Ando’ è fenuta chella surgente
che steva arret’alla Chiesa Madre.
Chella surgente che steva andò,
prima re la uerra,se spicchiava
l’antica Chiesa re gliù Riparo.
Chella surgente che cacciava n’acqua
limpida e fresca che, spicialmente cu’ la
calura r’agosto, rev’a beve a tutti gli
viandanti?
Ra ‘nu mument’e nato è sparita!
L’acqua nun esce chiù.
E’ stata la siccità. Riceno.
Ma io nun ce crere pecchè cu’ tutta
l’acqua c’ha fatto e che cuntinua a fà,
chella surgente teneva recumincià a piscià.
Ma l’acqua nun se vere!
Chell’acqua chiara, limpida e fresca,
che gurguglienno cantava e
cunnuliava schiavune e cannelle,
nun se vere chiù.
Vuò verè che caccrune ha appilato la via
naturale che purtava l’acqua a chi teneva sete?
Nun ce voglio crere! Ma se accusì fusse,
luvasse subbeto l’impedimento e arrennesse
l’acqua a chi tè sete, a chi cu ‘nu
bicchiere o cu le mane a coppa
raccuglieva la fresca acqua pe’ se
luvà la seta.
umberto picano

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: