Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

Un po di Ferdinando Russo

Posted by on Ott 3, 2019

Un po di Ferdinando Russo

‘O CUNGEDATO DELL’AFRICA

Adua

Gnernò, gnernò, nun state a senti ‘a ggente!

Che fa? Spàrano justo comm_ a nuje?

Io sò stato a Dogale… Ero sergente,

e saccio si se more o si se fuie!

Chille spòntano primma a duie a duie,

da sotto _e pprete!… A muzzo, a reggimente!

Apprufittano _e tutto! E mentre vuie

fate a lavante, sguigliano _a punente!

Pare na vermenara, e nun fernesce!

Tutto _o deserto, attuorno, se fa nire!

E stu nnire va nnanza, e cresce, e cresce……

Avite voglia _e sparà dinto _o mmuollo!

Ne so_ cadute ciente?… E che te crire?

N’atu migliaro già te zompa ncuollo!

II.

Io vedette cadè tutte _e cumpagne,

e chiagnevo e sparavo. _E mmane? Nere!

Vedevo russo… Nun sentevo _e lagne,

e sti denocchie mieie, erano doje vrasere!

E scennevano _a copp_ _a li mmuntagne

alluccanno, _e nemice, a schiere a schiere_….

Me parette ‘e capì, mmiezo _e ccampagne,

na retirata de nu trumbettiere….

Faceva notte, o _o nniro d’e nemice

me faceva vedèi tutto oscurato?

Io nun o saccio dì! Ma chi v’o ddice?

Cadette. E nun me só cchiù llicurdato

comm’ è ca doppo me truvaie c’ amìce,

sotto a na tenna _e campo, mmedecato.

Veneno nnanza? E fosse _o Pat_ Eterno!

Tu l’_e vvide cadè da tute ‘e late!…

Che ssa_!… Te pare ca s_ è apierto _o nfierno,

e si peccate ‘e fatte, l’_e scuntate!

«All_assalto, figlioli! Caricate!…»

E tu te mine nnanza a piglia _o temo!…

Che ssà! Nc_ eramo tutte mbriacate….

S_ ha da muri ì E munimmo _zempitemo!

_O ppoco _e mpressione ca nun manca!

_o cumpagno ferito e scarpesato,

_a puzza, _e strille… E _a faccia se fa janca…

Tu tanno t’allicuorde _e tanta cose!…

Mammeta sola… pateto malato….

E _o core se fa tanto!…

E nun so_ rose.

IV.

_e scuppettate ca tu spare e spare,

‘e ramazzate cu _e cuozze d__e fucile!…

Doppo _o primmo mumente, a tte te pare

ca si pienze _a famiglia, si_ nu vile!

E te mine a cumbattere, e nun bare

ca si_ ferito cu na ponta _e stile,

ca na langia l’artica, e ca tu care

jettanno sango e spireto, a varrile!

No, no! Tu nun ce pienze! Tu t’arragge

ca te vide cadè ll’amice attuorno,

ca te vide affucà, da sti salvagge

Viva l’Italia! Allucche. E dint’all_ uocchie

_e llacreme te spòntano p’o scuorno!

E già te siente rutto int’e ddenocchie!

Ma chi cade, cadenno se strascina

pe mmiezo o sango, addò vede _a bannera!

E te pare na stella d__a matina

ca luce ncopp_ a chella massa nera!

Llà tutt_ _a folla! Llà tutt_ ‘ammaina!…

Llà vide dente facce comm_ _a cera!

Llà ciento mane allerta!… E n_arruvina

de strille e botte… Llà sta _a guerra vera!

Che fa si attuorno tiene mille muorte?

Che fa si jiette sango _a ciento parte?

Llà! Curre Lla! D’o riesto che te mpuorte?

Llà, sempe llà, spiranno tu vuò ji!…

Llà, llà sultanto, tu vuò fa scannarle!

Llà ssotto… e tu llà ssotto vuò muri!!

“Primmavera

Te voglio mettere na schiocca ‘e rose
mmiezo a sti ttrezze d’oro filato !
Dint’a na musica, nu munno ‘e ccose
t’aggia fà ntennere cchiù belle ‘e te!
Qua’ core giovane, qua’ nnammurato,
se po’ pretennere cchiù ardente ‘e me ?

Te voglio dicere che è primmavera
cu na canzona che maje nun more!
Parole e musica, sciure d’ammore,
rose che schioppano pe te vasà!
Qua’ voce d’anema cchiù appassiunata,
che ‘a vocca d’angelo t’ ’a po’ cantà ?

Te voglio dicere ca, mmiezo ê stelle
una cchiù bella, no, nun se trova!
Parole e musica, canzona nova,
si sempe ‘a cantano nun more cchiù !
Tu si’ sta musica, bella, cu ‘a prova!
Si’ nu miraculo… chesto si’ tu !

fonte https://pulcinella291.forumfree.it/?t=77002086

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.