Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria

UNA VERGOGNA MONDIALE

Posted by on Dic 3, 2019

UNA VERGOGNA MONDIALE

I beni culturali sono il nostro petrolio, ma a partire dalla cosiddetta unità d’Italia ci hanno bruciato i pozzi.

Napoli, fino all’invasione del 1860, era una delle grandi capitali culturali d’Europa, con un patrimonio storico e artistico senza eguali nel continente, per l’ampiezza dell’arco temporale abbracciato e rappresentato senza soluzione di continuità.
Perciò contro di essa fu adottata la strategia della distruzione: cancellare per svuotare la forte identità del suo popolo e per fare emergere turisticamente aree meno provvedute del nuovo malaugurato paese.

Le chiese, in particolare, costituivano un caratteristico tesoro di grande valore e Napoli fu soprannominata “la città delle cinquecento cupole”, dal numero approssimativo di esse. Oggi ne sopravvivono circa 450, ma 200 circa sono in stato di degrado o di profonda fatiscenza, spesso chiuse da tempo o addirittura murate.

Ne ho scelte dieci (appena 10 su 200) per mostrare fino a che punto lo Stato italiano abbia abbandonato Napoli al suo destino: qualsiasi paese civile e veramente unito, avrebbe tutelato questa perla preziosa. L’Italia no, aveva bisogno di annientarla insieme al resto delle Due Sicilie, per sopravvivere nella sua mediocrità nordcentrica.

Ecco 10 chiese negate, ripetiamolo: 10 su 200 nelle medesime condizioni.
Una vergogna mondiale, come ha lasciato intendere l’UNESCO nei suoi interventi su Napoli.

Per ciascuna chiesa che ho fotografato, ho scritto tra parentesi il secolo di fondazione.

1) San Nicola dei Caserti (1200)
2) San Pietro in Vinculis (1400)
3) Santa Maria delle Grazie a Caponapoli (1400)
4) Presentazione di Maria al Tempio della Scorziata (1500)
5) San Gennaro a Sedil Capuano (1500)
6) Santissima Trinità alla Cesarea (1600)
7) San Giuseppe delle Scalze (1600)
8) Gesù Bambino all’Olivella (1600)
9) Santa Maria e Sant’Andrea dei Gattoli (1600)
10) San Pantaleone (1600)

Antonio Lombardi da SudExit

segnalato da

Lucio Castrese Schiano

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: