Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

A scienza:poesia divertente di Ugo Azzolino

Posted by on Ago 30, 2021

A scienza:poesia divertente di Ugo Azzolino

A cerevella ‘e ll”ommo è na putenza!
I’ quanno penzo ‘a radio e alla Ti Vvù,
me dico: “Hi che t’ha fatto chesta scienza!
Mò nun me meraviglio ‘e niente cchiù”.
A e’ vvote guardo ‘int’ ‘o televisore
chillu cungegno tutto cumplicato,
cu ffile, valvole, cundenzatore…
me sento scímunito, stupetiato.


Eppure, addò me fisso a sbarià
fra tanti piezze d’ ‘o televisore?
Vicin’ ‘o tasto p`appiccià e stutà,
comme si chiamma… già, l’interruttore!

Sicondo mè è ‘a cosa cchiù importante.
Vuie nun sapite ‘a suddisfazione
ca provo, quann’ ‘e vvote, nu cantante
se sturcia, strilla, nguaia na canzone.

O quanno fanno quacche cunferenza,
Ministre, Senatore, Deputate,
nu Presidente, nu grand’ommo ‘e scienza.
Appena sento che m’hanno ammuscíate,
basta nu dito appena p’ ‘a stutà,
tocco stu tasto e subbito, a l’ístante,
me piglio ‘o sfizio, senza me sfurzà,
‘e fà stà zitto ‘a ggente cchiù importante!

Ma cu mia moglie, nun ce stanno Sante!
L’uníco ‘tasto’ pe’ nn’ ‘a fa parlà,
so’ ‘e ccarte ‘e mille líre! Ma abbundante!
P’ ‘a fa stà zitta… ‘o tiempo pe’ cuntà

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.