Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

A T T O R N O  A L  B R A C I E R E, i racconti  della nostra infanzia

Posted by on Mar 29, 2022

A T T O R N O  A L  B R A C I E R E, i racconti  della nostra infanzia

                             P R E M E S S A

     Il fine che si propongono le varie aggregazioni “identitarie” è quello di recuperare tutto quanto possa servire affinché chi, per i motivi più diversi, non ha avuto la possibilità di conoscere il proprio passato, fagocitato dagli incalzanti ritmi dei tempi moderni, possa venirne a conoscenza ed eventualmente trovare motivi per amare la terra che gli ha dato i natali, la sua storia, la sua cultura, i suoi usi, i suoi costumi, ecc.

Read More

Le insorgenze cilentane del 1799 andato in onda il 18 febbraio 2022

Posted by on Feb 22, 2022

Le insorgenze cilentane del 1799 andato in onda il 18 febbraio 2022

     Anche nell’intervista al professor Vincenzo Abramo avente ad oggetto le insorgenze verificatesi nel Cilento all’indomani della proclamazione della Repubblica Napoletana è emerso nettamente che le condizioni di oggi (politiche, sociali, economiche) – vantaggiose per alcuni e svantaggiose per altri –  sono figlie dirette del violento cambiamento che alcuni esaltati vollero imprimere negli usi, nei costumi, nella religione, nella storia e nella cultura di popolazioni che, a motivo della plurimillenaria stratificazione della loro storia, non ne avvertivano alcun bisogno, tanto che – ad innovazione avvenuta – la rivoluzione giacobina dovette amaramente registrare la totale assenza del popolo, il quale, anzi, le si rivoltò contro pur sapendo di non poter opporre nient’altro che il proprio coraggio e qualche arma sicuramente inefficace per far paura ad agguerriti, organizzati e famelici eserciti.

Read More

13 febbraio 2022 – Intervista al dottor Francesco Maurizio Di Giovine

Posted by on Feb 16, 2022

13 febbraio 2022 – Intervista al dottor Francesco Maurizio Di Giovine

     Nel collegamento del giorno 13 u. s. ho avuto l’impressione che il relatore cercasse di evitare in ogni modo che per il comportamento del generale Giuseppe Salvatore Pianell venisse usato il termine “tradimento” e che lo stesso venisse accomunato ai tanti altri che disonorarono la loro patria [Alessandro Nunziante, Ernesto Pianell (fratello di G. Salvatore), Landi, Anguissola, Vacca, Romano (Liborio), Clary, ecc.]

     Il tradimento si può estrinsecare nei modi più diversi, anche con l’ignavia, e può riguardare un’idea, una o più persone o anche un territorio, il quale ultimo può essere addirittura la propria patria.

     Non ci sono scuse di sorta per difendere o giustificare il tradimento, che, tra le azioni umane, è la più ignobile. Essa allontana anni luce il traditore dal resto della società relegandolo nei più bassi gironi infernali.

    Forse, accanto ai cippi e ai monumenti funerari che riportano i nomi degli eroi sarebbe il caso di aggiungere anche i nomi dei traditori, in modo che i posteri sapessero, alcuni, chi ringraziare per le proprie fortune, ed altri chi maledire per le proprie disgrazie.

Castrese Lucio Schiano – 15.02.2022

Read More

Una considerazione sui motivi alla base della reazione di alcune classi sociali all’ordine costituito

Posted by on Gen 10, 2022

Una considerazione sui motivi alla base della reazione di alcune classi sociali all’ordine costituito

La storia è ricca di episodi che vedono molto spesso l’aristocrazia e la cosiddetta intellighenzia, insieme o separatamente, tramare per abbattere i regnanti di turno.  Queste due classi sociali sono: la prima, la più vicina a quello che, della nobiltà e dell’aristocrazia, è il primo interlocutore e il massimo punto di riferimento; la seconda, la classe che quasi sempre deve il proprio tenore di vita alle occasioni che le vengono fornite proprio dall’istituzione che si accinge ad abbattere.

Read More

Il Risorgimento secondo i protagonisti, i simpatizzanti e i sostenitori

Posted by on Dic 17, 2021

Il Risorgimento secondo i protagonisti, i simpatizzanti e i sostenitori

     In queste pagine – un vero e proprio mosaico – il mio contributo è molto relativo, riducendosi, alla fine,  solo ad un’opera di collegamento delle varie tessere (cioè le affermazioni fatte esclusivamente dagli attori principali del cosiddetto Risorgimento, dai comprimari e dai loro amici, e  relative ai vari episodi trattati di volta in volta). Una sola deroga mi sono concessa: l’annotazione di alcuni resoconti riportati dalla rivista “Civiltà Cattolica”.

Read More