Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

Usura ed usurai

Posted by on Giu 1, 2017

Usura ed usurai

Il più delle volte, i vocaboli della nostra lingua vengono utilizzati meccanicamente, cioè senza conoscerne l’effettivo significato lessicale. Qualora effettuassimo un sondaggio in materia, probabilmente verificheremmo che un’elevata percentuale di persone intervistate fornirebbe risposte sbagliate o, nel migliore dei modi, incomplete e niente affatto esaustive.

Read More

PERCHÉ NON BISOGNA CELEBRARE GARIBALDI

Posted by on Mar 27, 2017

PERCHÉ NON BISOGNA CELEBRARE GARIBALDI

 Nel corso dei festeggiamenti che ebbero luogo nel 2011, per il 150° anniversario dell’Unità d’Italia, Giuseppe Garibaldi fu diffusamente celebrato quale «padre della patria», in piena sintonia con la vulgata risorgimentalista che lo ha qualificato come «eroe dei due mondi».

Read More

La medicina omeopatica nel Regno delle Due Sicilie

Posted by on Feb 27, 2017

La medicina omeopatica nel Regno delle Due Sicilie

 I primi veri studi clinici sull’omeopatia – termine composto dai vocaboli greci ómoios (simile) e pàthos (malattia) – furono condotti precocemente ed, alquanto sorprendentemente, alcuni di essi ebbero luogo in Italia. Infatti, la medicina omeopatica fu introdotta per la prima volta a Napoli nel 1821, soprattutto grazie agli studi ed all’opera del dottor Francesco Romani (abruzzese, nato il 24 settembre 1769 a Vasto d’Aimone, in provincia di Chieti e morto a Napoli il 24 novembre 1852), medico di Corte del re Ferdinando I di Borbone (1751-1825). Questo fatto è annoverato fra i moltissimi primati (se ne contano più di cento) raggiunti nel Regno delle Due Sicilie durante il governo borbonico (1734-1860).

Read More

La Giustizia penale nel Sud, prima e dopo l’unità d’Italia

Posted by on Dic 15, 2016

La Giustizia penale nel Sud, prima e dopo l’unità d’Italia

Oggi, allorquando in Italia qualcosa nella pubblica Amministrazione o nella macchina dello Stato non va, se una legge appare ingiusta, meschina, pignola, tormentatrice del cittadino, chi scrive su riviste o quotidiani se ne viene fuori con il luogo comune: «leggi borboniche», dando a questa dizione un significato negativo a trecentosessanta gradi. Ma c’è di più: se sfogliamo un vocabolario della lingua italiana, constatiamo che all’aggettivo “borbonico” è stato dato un significato totalmente dispregiativo. Esso infatti, riferito al ramo della famiglia che regnò su Napoli e l’Italia meridionale dal 1734 al 1860, ha oramai acquisito l’accezione denigratoria di: “retrogrado”, “oscurantista”, “reazionario”, “repressivo”, “ottuso”, “ingiusto”, “antiquato”, “inefficiente” e chi più ne ha più ne metta!

Read More