Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

AUGURI DI BUON NATALE 2021

Posted by on Dic 25, 2021

AUGURI DI BUON NATALE 2021

A NATALE NASCE GESU BAMBINO PARTORITO IN UNA GROTTA DA UNA DONNINA UMILE E SOBRIA. NOSTRO SIGNORE DECIDE DI MANDARE SULLA TERRA SUO FIGLIO E IN UN ERA IN CUI L’UOMO HA DECISO CHE PRIMA O POI DIVENTERA’ UN DIO NON DOBBIAMO DIMENTICARE CHE FINO AD ORA L’UNICO GRANDE E VERO MIRACOLO E CHE DIO S’E’ FATTO UOMO. AUGURI A TUTTI E PUBBLICHIAMO ALCUNI DEGLI AUGURI ARRIVATI IN REDAZIONE.

’O VIECCHIO ZAMPUGNARO:poesia bellissima di Rocco Galdieri

O viecchio zampugnaro,
cu’ sittanta natale ncopp’ ’e spalle,
comme vedette ’e pprimme fronne gialle
cade ’nnanze ’o pagliaro,
dicette: E sissignore!

Tu scendi dalla stelle, o Redentore!

Po’ s asciuttale na lacrema cu e ddeta
e suspiraie: ll Zampogna, te saluto.
Mo’ si nisciuno cchiù t’ abboffa e sceta,
vienetenne cu’ mmico ’int’ ’o tavuto… !
Chiù arrasso, ’o neputiello, c arrunava
quatto castagne ’nterra a serva nfosa

senteva o viecchio… e comme ausiliava:
” Vienetenne cu mico…
p’o desiderio e riscifrà sta cosa…
Ma stesso ’o viecchio so chiammaje vicino
’ Siente, sa’ che vuo’ fa’? Dice a tatillo
ca nun partesse cchiù…
E Natale, gnorsì…nasce ‘o Bammino
tu si piccerillo meglio ca nce ‘o dice tu!
O bardasciello— nlaccia ’e sidece anne —
rummanette accussi…
S’ aveva appriparate pure ’e panne
pe parti…
E s’ aveva mparata a ciaramella
c’ ’o meglio nun ce steva p ’e mmuntagne.
Napule! E Ile dicevano ’e cumpagne
ch’ era nu suonno tanto ch’ era bella!
Vule va vede Napule, c’ o mare
ca nun sapeva ancora chello ch’era
E accumminciaie c’ o sisco e primmavera,
fernenno ’o meglio d’ ’e ciaramellare,
pe’ chesto… pe’ parti!..
Dice a tatillo
ca nun partesse… Tu sì piccerillo;
meglio c’ ’o ddice tu—ca nce ’o ddico io.
Che parte a fa? Mo’, populo e signure,
nun credono cchiù a Dio!
E sti nnuvene nun ’e vvonno cchiù!…
Mo’, che te pienze?…
’O pasturalo nun fa cchiù pasture…
’O spezziale nun venne cchiù ’ncienze!
Chella notte nun vide ’nu bengale…
Nun se sparano botte…
E’ fernuto Natale! E cu’ Natale
se no so’ gghiute tanta cose belle!…
Mo’ chi canta, a viggilia, a mezzanotte:
” Tu scendi dalle stelle — o Redentore “?

Manco e guagliune
Ca mo fanno ammore
vonno sentere ’a Nuvena!
Pirciò stateve cca… Ca i’ nu, me sbaglio
o ninno… ’n ‘gotta!.. Penza a Filumena
l’aveva promettuto nu sciuquaglio!

Read More

Il Natale con Sant’Alfonso Maria de’ Liguori

Posted by on Dic 24, 2021

Il Natale con Sant’Alfonso Maria de’ Liguori

I “successi” della Chiesa contemporanea e dell’Italia secolarizzata sono davanti al mondo intero: nessuno entrerà nel Seminario della diocesi di Firenze nel 2021, come ha dichiarato l’arcivescovo Giuseppe Betori al TGR Toscana, intanto l’Istat registra un record negativo per natalità in Italia: nel 2019 sono 420.084 nuovi bimbi venuti alla luce, quasi 20 mila in meno rispetto all’anno precedente e oltre 156 mila in meno nel confronto con il 2008.

Read More

Una lezione dalla peste del passato

Posted by on Dic 7, 2021

Una lezione dalla peste del passato

“Quando la peste bubbonica colpì Ginevra nel 1530, tutto era già pronto. Hanno persino aperto un intero ospedale per gli appestati. Con medici, paramedici e infermieri. I commercianti contribuivano, il magistrato dava sovvenzioni ogni mese. I pazienti davano sempre soldi, e se uno di loro moriva da solo, tutti i beni andavano all’ospedale.

Read More