Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

Comitato per la tutela del complesso Pio Monte di Pietà

Posted by on Apr 30, 2021

Comitato per la tutela del complesso Pio Monte di Pietà

LETTERA APERTA 

Egr. dott. Dario Franceschini
Ministro dei beni Culturali

Egr. Dott. Vincenzo De Luca
Presidente della Regione Campania

Napoli 26 aprile 2021

I sottoscritti Pier Francesco del Mercato, Giuseppe Serroni e Francesco Di Liello in data 19 aprile 2021 hanno avuto delega dal Comitato per la tutela del complesso Pio Monte di Pietà, del quale si acclude in copia l’atto costitutivo, di agire affinché il palazzo, sede storica del Monte di Pietà, rimanga ad uso pubblico e sia quindi sottratto a destinazioni privatistiche che ne snaturerebbero l’importanza nel contesto della storia e della vita napoletana.

Il Comitato, che ha già raccolto migliaia di firme di cittadini a sostegno dell’iniziativa, auspica che il palazzo del Pio Monte sia destinato, con la partecipazione delle associazioni rappresentative del centro storico, a 

  1. Polo archivistico”, con la partecipazione dell’Archivio di Stato e della Fondazione Banco Napoli, dedicato specificamente all’economia napoletana, con riferimento a tutte le attività economiche comunque connesse alla cultura napoletana ed al suo artigianato artistico,
  2. Casa-museo” delle antiche Arti e Mestieri e centro di formazione e promozione, finalizzato a convegni, concerti e mostre, anche itineranti, per valorizzare tali tipicità anche a livello nazionale ed estero, utilizzandole per creare un collegamento con le comunità italiane all’estero.

La tipicità delle produzioni, la loro evoluzione ed il loro radicamento sul territorio nascono soprattutto da indagini storiche, e quindi archivistiche, che ne stabiliscano le origini ed i disciplinari dando loro quell’impronta di

Comitato per la tutela del complesso Pio Monte di Pietà

unicità che le rende irripetibili e che possono essere recuperate ai fini della tutela del Patrimonio Culturale Intangibile,  rispondendo alle previsioni delle Convenzioni UNESCO, come l’Arte Presepiale, l’Arte della Liuteria a plettro, l’Arte Sartoriale, le Arti del Restauro delle opere artigianali ed artistiche per le quali è possibile recuperare negli archivi le modalità di esecuzione.

È questo un valore aggiunto troppo spesso dimenticato nel Meridione d’Italia, ma che in altre regioni e all’estero viene sempre fatto valere. E questo non vale solo per le produzioni artigianali, per le quali si conservano spesso le norme che ne regolavano l’attività, ma anche per le attività agricole e di trasformazione dei prodotti agricoli. Da cui l’opportunità di elaborare specifici disciplinari.

Offrire all’imprenditoria campana un servizio di questo genere, collegandolo anche a quelle scuole che operano in questi settori, vuol dire fornire ai piccoli imprenditori ed a coloro che iniziano una attività quel supporto di cui hanno bisogno e quegli strumenti operativi per inserirsi da subito in un mercato più vasto.

Per questi motivi 

C H I E D O N O

che in merito alla compravendita in corso, tra attuale proprietario e acquirente, così come si apprende da fonti giornalistiche, le Istituzioni in indirizzo facciano valere il DIRITTO DI PRELAZIONE, restando questo Comitato a disposizione per la proposta della redazione di un progetto anche tecnico di recupero di uso del Bene.

Per il Comitato per la tutela del complesso Pio Monte di Pietà 

Pier Francesco del Mercato
Giuseppe Serroni              
Francesco di Liello

Piazzetta del Grande Archivio, 5 – 80138 Napoli
e-mail: comitatomontedipieta@libero.it

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.