Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

Costantino cattolico? Un pregiudizio illuminista

Posted by on Mar 29, 2019

Costantino cattolico? Un pregiudizio illuminista

L’imperatore Costantino è spesso presentato come un cattolico tradizionalista ante litteram. Dopo aver concesso la libertà di culto ai cristiani, si prodigò per sostenere politicamente e economicamente la Chiesa Cattolica a danno di tutte le altre religioni dell’impero. Purtroppo, ed è un dato evidente a tutti, la storiografia antica è pregna di pregiudizi successivi (spesso illuministi), che hanno alterato alle volte la ricostruzione degli eventi.

Dopo la battaglia di Ponte Milvio, il 28 ottobre 312, la storia intraprese un nuovo corso. Costantino aveva vinto il suo rivale Massenzio ed entrava da vincitore a Roma. L’anno successivo, insieme a Licinio, imperatore romano d’Oriente, promulgò l’editto di Milano: con questo atto si riconosceva la libertà di culto a tutte le religioni. Da quel momento, i cristiani furono liberi di professare la propria fede e di diffondere il Vangelo alle genti.

Siamo abituati agli strali post-illuministi che biasimano la (presunta) politica filo-cattolica di Costantino. Nei pressi dell’Anfiteatro Flavio o Colosseo, a Roma, vi è un arco di trionfo. Venne fatto costruire dall’imperatore dopo aver sconfitto Massenzio, ma se lo studiamo da vicino e con attenzione ci accorgeremo di un particolare: nelle scene che raccontano la battaglia di Ponte Milvio non c’è nessun simbolo cristiano. La divinità è anonima. Molti hanno sollevato il dubbio sulla veridicità della visione costantiniana, ma il senso di questa scelta va ricercato nella politica religiosa dell’imperatore. Pur sostenendo la nascita della Chiesa Cattolica, non prese mai una netta posizione a favore dei cattolici: dovendo governare un impero ancora multireligioso, sarebbe stato azzardato dichiarare pubblicamente la propria fede causando ulteriori tensioni. Ciò spiega l’assenza di riferimenti cristiani nei bassorilievi dell’arco di trionfo di Costantino. Inoltre, come racconta il suo biografo, il vescovo ariano Eusebio di Cesarea, pur professandosi cristiano non accettò il battesimo per tutto il suo regno. Si fece battezzare in punto di morte per mano di Eusedio nel 394, entrando nei fatti nella chiesa ariana. Un Costantinino tutt’altro che fanatico cattolico!

Bibliografia:

P. Veyne, Quando l’Europa divenne cristiana (312 – 394). Costantino, la conversione, l’impero, Garzanti, 2008

fonte http://www.altrastoria.it/2018/03/05/costantino-cattolico-un-pregiudizio-illuminista/

1 Comment

  1. Costantino cattolico? mi sembra un po’ una forzatura perché non è da lui che si è battezzato solo in punto di morte che può derivare la definizione di una religione che nasce “cristiana”…argomento da approfondire, perché magari ha a che fare con tutte le deviazioni in sette successive, o moltiplicazione di riti che magari riprendevano concetti sacrali dei vari popoli, pensiamo agli ortodossi, ai copti tutti cristiani, e alla fine gli anglicani e i protestanti… forse “cattolico” è quello che si è codificato a Roma, dato che era ancora fino al 400 capitale unica dell’impero…e poi è rimasto come attribuzione del Papa come successore di Pietro, che del cristianesimo è il depositario e custode supremo…. oggi mi sembra che si tende a dire cattolico con un senso spregiativo, specie da tutti quelli che della religione se ne fregano ritenendola una cosa d’altri tempi… caterina ossi

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.