Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

Dante…….‘N Paraviso

Posted by on Mag 9, 2022

Dante…….‘N Paraviso

‘O PALLONE

Nce so’ ghiuto int’ ‘o pallone
e pirciò ve saccio a di’
tutto chello ca vedette,
e v’ ‘o ppozzo fa capì.

Me mettette int’ ‘a canesta
mmiezo ‘a folla ca guardava:
quaccheduno cumpateva,
quaccheduno cuffiava,

e nce fui cchiù de n’amico
che dicette: – Ferdinà,
saglietenne allegramente,
jammo ! E nun t’ appaurà !

Io tenevo ‘a faccia janca,
v’ ‘o ccunfesso, sissignore;
ma però ve l’ aggia dicere
ca nun era pe’ ttimore !

Me credevo ‘avé paura;
ma, guardanno ‘o capitane,
alluccai: – Saglimmoncenne !
Stammo ‘a mo fino a dimane!

Belli ccose ! Nun v”e ddico,
pecché nun se ponno di’!
Pe’ n’avé n’ infanzia bona
jate, si nce vulit’ ì’ !

Basta, jette. A mille metre
dint’ ‘e rrecchie me fiscava;
ma che fa ? Chillo spettàculo
a pparola mia, ncantava !

Cielo e nuvole. E da sotto
‘a città che scumpareva,
e na tana de furmicole
ogne cosa me pareva.

Ditto nfatto, ‘o ppoco ‘e luce
se cagnai, po’ scumparette …
Era notte, e, abbascio, ‘e strate
me parevano merlette

puntiate ‘e ponte ‘e fuoco …
Tutto Napule, allummato,
deve idea de nu tappeto
d’oro e argiento arricamato.

Ncapo a nui redeva ‘a luna,
quacche stella zenniava ;
mmiezo a Il’ aria doce e fina
‘o pallone sciasciava …

– Addò jammo? Addò scennimmo?
Capità? – Ma ‘o capitane
da sta recchia nun senteva !
Cu nu litro ‘e rumma mmane

s’ ‘o veveva a surzo d’acqua;
po’ pigliai nu sacco ‘arena,
I’ abbuccaie, ‘o sbacantaie,
e, cu ‘a vocca ancora chiena

de na coscia ‘e pullo friddo,
s’ avutai vicino a me
e dicette : – Andiamo in cielo!
Visitiamo il Re dei Re!

Nun fui cosa meza detta,
ca, che ssa’, chiudenno Il’ uocchie,
(nun redite, e nun dicite
Ferdinà, tu che ‘mpapuocchie!)

‘o ccert’ è ca me truvai
mmiezo ‘e nnuvole fermato …
‘O pallone, ‘o capitane,
ogne cosa era sfumato.

– Addò sto? Mannaggia ‘o ciuccio!
Addò vaco? Addò m’ avoto? …
Cammenammo?… E si sprufonno?
Si me vene quacche mmoto?

Faccio un’ anema e curaggio
e m’avvio chiano chianillo …
Nnanz’ a me, passai, vulanno
comm’ ‘a quaglia, n’ angiulillo …

– Va; nce simmo! io murmurai;
già se vede quacche cosa …
Voto Il’ uocchie e veco ‘o cielo
puntiato ‘e fronne ‘e rosa.

Voto ‘e spalle, e tutt’ attuorno
veco nuvole rusate;
po’ na specie e murmurio
sento, e doppo, allummenate

veco ‘e mmure ‘o Paraviso
cchiù de Il’ oro e cchiù d’ ‘o ffuoco …
Me faccio anema e curaggio
e m’accosto a poco a poco …

Pe’ ttramente sbariavo
nfaccia ‘o mezzo pe’ ttrasì,
sento a uno ca me chiamma:
– Che ffai lloco? Tu chi si’?

Uh, Sant’ Anna, e che splennore !
Era proprio ‘o Pat’ Eterno
che dicette: – Torna ‘nterra
ca si no… vai all’ Inferno !

Nun fa’ troppo ‘o capuzziello,
Pecché, ‘o ssa’! Povero a tte!
– lo nun faccio – rispunnette –
niente ‘e male, Pat’ Etè !

E chi si’? … – So’ Tale ‘e Tale …
E che fai? – So’ nu scrittore …
«Ferdinando arreto ‘a Posta? »
Te cunosco, sissignore!

Si’ nu bello mbriacone,
si nun sbaglio, Ferdinà !
Tu fai dint’ ‘a capa ‘e morta
e po’ curre a predecà !

– Pat’ Etè, state in errore!
Io nun songo già stu tale !
Songo Ferdinando Russo,
‘o pueta dialettale …

– Uh mannaggia ‘o dialetto !
Pure ccà me vuò zucà?
Comme fosse a Piedigrotta?
Che nce si’ venuto a fa’?

Vuò parlà d’ ‘o Paraviso? …
Va dicenno: che vuò di’?
Io te saccio buono piro !. ..
‘O rispette, piccerì …

– Ma guardate … ma sentite …
– russo russo io rispunnette
Si nne parlo, se capisce
ca nne parlo cu rispette …

‘O Signore me guardava !
Po’ dicette: Si’ ttenace !
E cu st’ anema ‘e faccetta,
piccerì, tu. .. me piace !

Mpertinente cumm’ a chisto
mai nisciuno è capitato ! …
lo so’ sempe ‘o stesso viecchio,
ma llà ‘o munno s’è cagnato !

E redeva sott’ ‘a barba
chiano chiano, ‘o vicchiariello;
po’ appujannose ‘o bastone:
– Jammo, miettete ‘o cappiello!

– me dicette – Si’ vvenuto?
quacche cosa ‘o bbuù vedé?
E va be’, sarai servito!
Viene sempe appriesso a me !


‘O GUARDAPORTA

Io trasette pe’ na porta
de cristallo affaccettato,
e vutanno Il’ uocchie attuorno
rummanette affatturato !

Che lustrore ! Che grannezze !
Che culore ! E quanta cose !
Ncoppa, sotto, a dritta, a manca,
giglie d’oro e fronne ‘e rose …

Tuorno tuorno all’ aria vanno
‘e cculonne argiento e oro.
‘E cristalle d’ ‘e fieneste
so’ ‘e brillante … Che tesoro!

– Ferdinà, nce si’ trasuto?
– me dicette ‘o Pat’ Eterno –
e si’ ‘o primmo da ch’ è munno !
‘E pigliàto chistu terno !

Ecco l’atrio ‘e tutt’ ‘e Sante!
passa nnanza, cumparié !
Ma ched’è? Te si’ ncantato?
Viene sempe appriesso a me!

‘A vutata ‘e na culonna
veco a uno cu na chiave …
– È San Pietro ? .. . – ‘E nduvinato !
‘O talento ‘o tiene! Brave!

‘O chiammai: – Pié, vide a chiste?
Pat’ Etè, nun so’ cecato …
Embè, puortalo giranno
ca chist’ è n’ alletterato !

Io sto stracquo e me ne vaco,
pe’ me fa’ mez’ ora ‘e suonno !
Nun fìscà cu ‘o portavoce,
pecché dormo e nun risponno !

– Portavoce ? dicett’ io ;
è ‘o telefono, San Pié?
– Nuie ccà stammo ancora arreto,
figlio mio, che vuò sapé !

Nuie mancammo ‘e tanta cose!
Nuie marciammo ali’ uso antico …
Manco ‘o gasso è mmiso ancora !
Siente e vide che te dico !

Ncunfìdenzia, si nun fosse
pe’ sti qquatto stelletelle,
uno ccà sarrìa suggetto
d’ appicciarse ‘e llanternelle !

Quanta vote aggio alluccato:
« Chisto è seculo ‘e prugresso !
Si facessemo quaccosa ? »
Nonzignore ! Sempe ‘o stesso!

Sempe Il’ angele cu ‘e scelle,
senza cuorpo e senza niente !
Sempe ‘e nnùvole, e stu ncienso
ca nce dà chisti fumiente !

Aggio fatto nu prugetto
pe’ nu muorzo ‘e Gallaria …
Nun ce songo riuscito …
Stamme arreto, gioia mia !

Vuie vevite acqua ‘e Serino?
LI’ acqua nosta è salimasta !
Vuie tenite ‘e trammuasse?
Ccà nu scuorteco nce abbasta !

Vuie tenite l’Arduomòbbile,
‘a carrozza che va sola ?
E te cride ca ‘o ppuò dicere?
Seh, stai lustro! È na parola!

Vuie tenite ‘o velucìcolo?
Ccà vaie pede-catapede !
Nun so’ ccose ca te scòcciano?
Si se conta, nun se crede!

Si tu pienze meza cosa,
nonzignore, nonzignore !
Ma sa’ quante sagliarrìano
si mettesse l’ ascensore?

Embè niente ! Nun è cosa !
Chestu ccà nun ‘o vvo’ fa’!
Si si’ lieggio e mena viento,
sulo tanno puo’ sperà !

Penzai pure a nu triato
pe’ nce fa’ cantà a Gajarre …
Nun putette spuntà niente !
Po’ se dice c’uno sgarre !

Songo stato amico Suio
da guaglione, e che vo’ di’?
Nun so’ manco cavaliere!
Vide mo c’ aggia suffrì !

Ogne ghiuorno, core mio,
po’ aggia fa’ nu tiritosto,
cu sta gente che m’arriva!
Che te pare? È buono ‘o posto?

Purtinaro ! ‘E ditto niente !
Tengo ancora ‘o manto russo,
chesta chiave dint’ ‘e scianche
e sta barba sott’ ‘o musso!

E na vrenzola ‘e livrera?
Chi t’ ‘o ddà! Faceva nguacchio,
si ce deva ‘o pumo ‘attone
e ‘o cappiello c’ ‘o pennacchio!

Che te pare ? Aggio raggione ?
Siente appriesso: lucre, niente !
Ccà nun pavano campagna,
songo ‘a scumma d’ ‘e pezziente !

Ne’ è San Giorgio ch’ è nu zero,
e ogne sera mprufumato,
allustrato e arricamato
va facenno ‘o nnammurato;

embè, cride ca turnanno
mette mano a’ sacca e dà?
Trase, ride, e po’ me dice:
– Miette a ccunto, purtinà!

Nce sta Santo Rafaele
ca prutegge ‘e ppiccerelle,
e va sempe trafecanno
cu na chiorma ‘e sfacciatelle;

embè, cride ca na vota
te facesse na crianza ?
Bello mio, so’ cacciuttielle,
ca m’abbaiano int’ ‘a panza!

È na vita ca, te dico,
‘o cchiù santo ‘e tutt’ ‘e sante
primma ‘e farla pe’ mez’ ora
se mettesse a fa’ ‘o brigante!

Trase a chisto, caccia a chillo,
mparulèate cu chill’ ato,
chiamma ‘appello ogne matina …
Io, te giuro, sto malato!

Quant’è cara ‘a vista ‘e ll’ uocchie,
sto malato ! È nu murì !
E pe’ ghionta, Isso s’ addorme …
e aggia fa’ tuttecos’ i’!


‘O CHIANCHIERE

Na dummeneca d’ agusto,
era nfaccia a vintun’ ore,
nu chianchiere ch’ era muorto
jette ncielo add’ ‘o Signore.

Fora ‘e mmure ‘o Paraviso,
cu nu sole ca scuttava,
steva quase nu migliare
tutto ‘e gente c’aspettava.

Chi, assettato, ‘e fatte ‘e casa
se cuntava nnanza ‘e pporte;
nu guaglione mbraccio a’ mamma
picciàva forte forte,

e nu monaco cercante
smicciava a na nennella,
ca cu n’ aco arrepezzava
nu pertuso a la vunnella.

Nu pezzente ‘e San Gennaro
se chiagneva ‘a tabbacchera
ca !assai sott’ ‘o cuscino
zeppa zeppa chella sera;

nu cecato, sulo sulo,
se fumava nu mezzone
appuiato capa e mane
ncopp’ ‘o pumo d’ ‘o bastone;

e na chiorma ‘e sartulelle,
cu ‘e ffrangette e ‘e vveste corte,
se cuntavano redenno
comme va ch’ erano morte …

A la vista de San Pietro,
ch’ affacciato ‘o spurtellino
se metteva a chiammà ‘appello
cu San Paolo vicino,

tuttuquante, zitto zitto,
s’ agghiustàjeno a ffìlere,
comm’ a nnanza ‘o capitano
‘e suldate int’ ‘o quartiere.

– Bona ggè, tenite a mente:
chi nun dice ‘a verità,
quant’è certa chesta chiave,
de trasì s’ ‘o ppò scurdà !

E accussl dicenno, ‘o Santo
Guardaporta, se pigliaie
da San Paolo ‘o riggistro,
e l’appello accumminciaie.

– Peppenella ‘a ‘Nzalatara !
– Eccuccà, songo prisente !
– Fatte nnanza! ‘Onna Rusina
‘a mugliera d’ ‘o sargente!

– So’ prisente ! – rispunneva
n’ ata voce, e doppo n’ ata.
– ‘Onn’ Alfredo Scognamillo
‘o marito ‘a Pezzecata !

– So’ prisente! –

A poco a poco
se passaie ‘o centenaro.
Nce trasette na mudista,
‘o cecato, nu craparo,

o guaglione che chiagneva,
na capera, nu fochista,
‘a famiglia ‘e n’ ugliararo,
nu scrivano e nu marmista.

‘O chianchiere, che pareva
nu tantillo malandrino,
cu ‘e ddoi mane annascunnute
sotta sott’ ‘o mantesino,

ogne tanto aizava ‘a capa
aspettannose ‘a chiammata
e guardannose a San Pietro
cu na mossa ammartenata.

E sentenno finalmente,
doppo n’ ato paro d’ore,
da San Pietro ‘o nomme suio :
– Nu chianchiere ! Salvatore !

chiano chiano s’ accustaie
mazzecanno : – Eccome ccà !
Tanto tiempo ce vuleva?
So’ prisente, Santità!

– Ma che rùseche nucelle?
Ma ched’ è, faie ‘o bruttone?
Leva ‘e mmane ‘a lloco ssotto,
scrianzato lazzarone!

Basta, va, chi t’ha mannato?
– E pecché chest’ addimanna?
Tuttuquante so’ trasute,
e a me sulo, chi me manna?

So’ venuto ca me spetta,
quant’è certo ‘o mese ‘Austo!
Va te nforma! lo ncopp’ ‘o munno
aggio dato ‘o piso justo!

Tu chi si’, famme capace?
Fusse cchiù ‘e nu guardaporta?
Te si’ mmiso c’ ‘o cumanno,
ma cu mme fai palla corta!

Che m’ assigne a parlà sparo
‘a dereto ‘o fenestiello?
Te vulesse int’ ‘a zumpata
pietto a pietto, c’ ‘o curtiello!

Scinne abbascio ! …

A Santo Pietro
le sbatteva ‘o core mpietto,
ma penzaie: Si mo nun scengo
ccà me pèrdeno ‘e rispetto!

E nzerranno ‘o fenestiello,
cu duie zumpe aprette ‘a mosta ;
ma vedenno mmano a chillo
na curtella ‘e chesta posta,

pigliai tale fuiarella
ca starrà fuienno ancora!
‘O chianchiere ‘o secutava,
e accussì pe’ cchiù de n’ ora!

Chesto mo, venimmoncenne,
jette a’ recchia ‘o Pat’ Eterno,
ca parlava cu San Marco
assettato a nu pepierno.

Ditto nfatto, cumannaie
ca San Marco fosse juto
fora ‘e mmura, addu San Pietro,
pe’ vedé de darle aiuto.

Ma San Marco, appaurato,
rispunnette: – Comm’ ‘e ditto?
Che nce stongo sultant’ io?
Manna a Ciro, a Beneditto,

a Pascale Baylonne,
a San Giorgio, a Sant’ Antuono …
}usto a me te si’ diretto?
Pat’ Etè, quanto si’ bbuono !

Chesta vota nun me cuoglie !
T’ ‘e scurdata ‘a storia vecchia ?
Io po’ vaco, faccio ‘o guappo,
e nce perdo n’ ata recchia !


SANT’ ANTONIO

Accussì chiacchiarianno
nui ggiràvamo p’ ‘o cielo.
– Tutto chesto ca te dico,
sta sicuro, ch’ è Vangelo!

Viene ‘a ccà, scinne sti ggrade,
jammoncenne int’ ‘o ciardino:
nce assettammo sott’ ‘o ffrisco …
Vuo’ nu miezo litro ‘e vino?

Va dicenno, te piacesse
cchiù na presa ‘e marzaletta?
Nfaccia a chesto, stammo bbuone !
Ccà nc’ è robba ca se ietta!

lo, c’ acalo sempe ‘a capa
nnanza ‘a rrobba pe’ mangià,
rispunnette : – ‘A marennella
me garbizza, Santo Pa’ !

Bravo mo! Accussì te voglio!
E, franchezza pe’ franchezza,
si m’ aspiette tre minute
me farrai na gentilezza;

viene, assèttate nu poco,
ch’ io mo torno, saglio e scengo;
pe’ ttramente ca t’ ‘o ddico
corro ncoppa, vaco e vengo!

E me rummanette sulo
miezo ‘e ffrasche, sott’ ‘e mmura.
Io, ntramente me guardavo
‘a bellezza d’ ‘a verdura,

sento, arreto a cierti ffrasche
poche passe nnanza a me,
nu remmore. M’ avutaie
chiano chiano, pe’ vedé.

Nu purciello chiatto chiatto
mbruscenànnose, veneva,
e cchiù appriesso nu Rumito
s’ ‘o guardava e s’ ‘a redeva.

Era ‘o puorco ‘e chillo Santo
ca se chiamma Sant’ Antonio,
che facette magnà a mmorze
‘e ddenocchie d’ ‘o demmonio.

Me susette, e c’ ‘o cappiello
Ile facette nu saluto.
‘O Rumito me guardaie;
po’ dicette: – ‘A do’ si’ asciuto?

Comm’ ‘e fatto stu penziero?
Figlio mio, va, tornatenne!
Trova a n’ angelo, e dincello
ca te mpresta quatto penne …

– Sant’ Antò, ma i’ so’ venuto
pe’ vedé, no pe’ restà !
Quanno moro, arrassusia,
me vedite ‘e riturnà …

– E sperammo ca stu juorno
fosse propeto luntano !
Nui ccà ncoppa nce seccammo
de restà cu ‘e mmane mmano!

Si sapisse, amico caro,
comme stammo affiatate ! …
Vai pe’ di’ meza parola,
e so’ ciento scuppettate !

È na vernia ! Chillo ngrogna,
chillo arraglia, chillo abboffa,
chi bbuttizza, chi mmezzéa,
chi te mbroglia e chi te scoffa !

Po’ … Na mmidia, na schiattiglia,
ch’ è na cosa da crepà !
Ccà so’ tutte cape allerte!
Vonno tutte cumannà !

Santa Chiara mena zeppe
contro a Santa Catarina ;
Sant’Agnese furfìcéa,
Santa Rosa se stingina;

Santu Gnàzio ‘o giesuvito,
nun t’ ‘o puozze mai sunnà !
Nun parlà de Santu Vito,
pecché chillo… fa abballà !

– Cosicché… ccà è tale e quale
comme abbascio? .. . – dicett’ io.
– Tiene sale int’ ‘a cucozza!
Tale e quale, figlio mio!

Che te cride ca sultanto
ncopp’ ‘a terra addò stai tu
se cumbinano sti ccose?
Uh, Giesù, Giesù, Giesù !

Tu mo sai ca tengo ‘o puorco,
se pò di’ da che sso’ nnato?
Embè, siente, si me cride:
nun avevano tentato

de luvarme l’ animale ?
Neh, ched’ è? Ca deva mpicce !
S’ avutaie Santo Nicola:
– Va, facimmone sacicce !

Llà fui tutto Santo Rocco,
ca pecché nun tene ‘o cane,
va adderitto add’ ‘o Signore
pe’ Ile fa tuccà cu ‘e mmane

l’ingiustizia che nce steva !
Pecché ‘o puorco e ‘o cane no?
Ma si ‘o cane s’ arraggiava?
Aggio tuorto, neh, guagliò?

Siente appriesso ! ‘A preferenza,
tuttaquanta ! ( chesto è forte ! )
l’ha da ave’ Santa Cecilia
pecché sona ‘o pianefforte!

Te figure, int’ ‘a cuntrora,
quanno ‘e sante vicchiarielle
se vurriano, a nnomme ‘e Dio,
fa’ nu muorzo ‘e sunnariello?

Proprio tanno, chella pazza
accummencia a zulfìggià
cu ‘a puntella ‘e Traviata,
cu ‘o murzillo ‘e Ruy-Blà !

Pe’ ttramente po’ te cride
ch’ ha fernuto, che rrobb’ è?
Bu-bu-bu ! … tta-tta !. .. T’ accide
cu nu vàlzero ‘e Sciopè !

Tu vai ncopp’ add”o Signore?
Nce l’ avvise? E chella, peggio! …
« È figliola, àve raggione,
tene ‘o ggenio, ‘o core lieggio,

a la fine a chi fa male?
Accussi se pò spassà … »
E va bbuone, votta lloco !
Vo’ sunà? Falla sunà !

Meno male, frate mio,
ca fernesce ‘o scassa-scassa
pecché ncopp’ ‘o pianefforte
mo ce mettono na tassa !

Jammo appriesso : Sant’ Ivone,
prutettore d’ ‘e pagliette?
Uh, fratiello mio carnale,
che mbruglione! Mà a ppanette!

Sempe mmiezo, affacennato,
se ntrumette e parla sempe !
Pe’ te fa’ nu pasticciotto
nun te lassa manco ‘o tiempe

ca tu dice : Avummaria !
T’ ha parlato? e t’ ha mbrugliato !
Uh, che naso muscariello !
E se sape!, È n’ avvucato!

Chesto è niente ! San Clemente
è geluso ‘e San Pascale,
Sant’ Eliggio è nu canzirro,
Sant’ Emilio è n’animale …

– Chiano chiano ! dicett’ io,
vui che càncaro accucchiate !
Site sante tuttuquante,
e sti fforme ve tirate ? !

– Chesti fforme? Peggio ancora!
Ccà se tratta ‘e menà ‘e mmane !
E si no, sciascione mio,
è na vita manco ‘e cane!

‘A Madonna, sultant’ Essa,
va e se mette contro ‘a legge !
Essa sola è bona ‘e core,
te dà luce e te prutegge !

Tutt’ ‘e ggrazie ca Ile cirche
t’ ‘e ffa tutte e Il’ aute ancora!
Essa sola è comm’ ‘o sole,
te rischiara e t’ accalora!

Dice buono ‘o ditto ‘e vascio,
quando parla della donna!
Una bona, nce ne steva,
e ‘a facetteno Madonna !

LI’ auto riesto, caro mio,
ne può fa’ nu bello fascio !
Quann’ è doppo, o l’ abbruciammo,
o ‘e mmenammo ‘a copp’ abbascio! …

Si sapisse ‘e fattarielle
ca succedono ! ‘E ppalate !
Comme va ca Santo Pietro
nun ancora t’ ‘ha cuntate?

– Chillo non ha avuto tiempo,
ma si torna, l’ aggia di’
ca dicesse quacche cosa …
– Mo, si aspiette, accummenc’ i’!


‘E FATTARIELLE

S’ assettai vicino ‘o puorco,
e già steva accummincianno,
quanno arriva ‘o Guardaporta
cu ‘a marenna int’ a nu panno.

– Vino, pane, ‘a fellatella ..
Serve pe’ spuzzulià …
E vedenno a Sant’ Antonio:
Gué, Totò! … Tu pure ccà?

– Sto cuntanno a stu signore
quacche fatto d’ ‘o paese …
Viene, assèttate tu pure,
jammoncenne ! A grand’ imprese !

E accussi, na vota ognuno,
sbacantanno ‘e bbicchierielle,
tra nu muorzo e na resata
me cuntaino ‘e fattarielle.


‘A MADONNA D’ ‘E MANDARINE

Quanno ncielo n’ angiulillo
nun fa chello c’ ha da fa’,
‘o Signore int’ a na cella
scura scura ‘o fa nzerrà.

Po’ se vota a n’ ato e dice:
– Fa venì San Pietro ccà !
E San Pietro cumparisce :
Neh, Signò, che nuvità?

Dint’ ‘a cella scura scura
n’ angiulillo sta nzerrato:
miettammillo a pane e acqua
pecché ha fatto nu peccato !

E San Pietro acala ‘a capa
e risponne: – Sissignore!
Dice Dio: – Ma st’ attiento
ch’ ha da sta’ vintiquatt’ ore!

L’ angiulillo, da llà dinto,
fa sentì tanta lamiente …
– Meh, Signò, dice San Pietro,
pe’ sta vota … nun fa niente …

– Nonzignore ! Accussl voglio!
Statte zitto ! dice Dio;
si no ognuno se ne piglia!
‘N paraviso cumann’ io!

E San Pietro avota ‘e spalle.
Da la cella scura scura
l’ angiulillo chiagne e sbatte,
dice ‘e metterse paura!

Ma ‘a Madonna, quanno ognuno
sta durmenno a suonne chine,
annascuso ‘e tuttequante
va e lle porta ‘e mandatine!


SAN CRISPINO

San Crispino ‘o ntussecuso
tu già sai ca fa ‘o scarparo !
È nu piezzo ‘artigliaria
ca nun c’ è chi le sta a paro!

Ogne ghiuorno fa na storia
mo pe’ chesto e mo pe’ chello,
e, nfuscato, afferra ‘a suglia,
‘o bisecolo, ‘o martiello …

Na matina, ‘o Pat’ Eterno
le mannai, p’ ‘e ffa’ accuncià,
na pareglia ‘e meze-cape.
Corre n’ angiulo, e Ile fa:

– San Crispì, dice ‘o Signore
ca Ile miette ‘e mmeze-sole !
Vo’ na cosa acconcia acconcia …
– Ma che songo sti pparole ?

Saie ca parle cu n’ artista
e nun già cu nu schiappino?
Ma comm’ è, te si’ scurdato
ca me chiammo San Crispino?

Posa ‘e scarpe e va vattenne,
pecché ‘o riesto nce penz’ io ! …
– No, serveva pe’ te dicere
ca sti scarpe songo ‘e Dio …

– N’ ata vota mo! Vattenne,
ca t’ avvio na forma appriesso !
Siano ‘e scarpe ‘e chi se sia,
ca pe’ me so’ tutt’ ‘o stesso!

Doppo n’ ora l’ angiulillo
torna tutto appaurato.
– Viene ‘a ccà, pòrtale ‘e scarpe!
Tanto ‘e pressa t’ha mannato?

E dincello: « Vo’ tre lire!
Ve l’ha fatte quase nove!
Nce ha mettuto ‘e guardiuncielle,
‘e ppuntette, tacche e chiuove! »

L’ angiulillo, aizanno vuolo,
va addu Dio. – Quanto ne vo’?
– Vo’ tre lire … – Ma ch’ è pazzo
– Che nne saccio, neh, Signò?

Chillo sta accussì arraggiato !
N’ ato ppoco me magnava !…
Si Il’ avìsseve sentuto
comme ddiece jastemmava !

– Lassa sta’! Mo ce vach’ io …
E scennette. – San Crispì ! ?
– Gnò ! – Ched’ è sta jacuvella?
Sti denare ‘e vvuò accussì? …

– Accussì? Mannaggia ‘a morte!
Vi’ che capa gluriosa !. ..
O pavate, o, n’ ata vota,
mo ve scoso tuttecosa !

Tu capisce? lo nun t’ ‘o spieco !
Cammurristo, chistu ccà ! ‘
N’ ‘a fa bona manco a Dio!
Miette a bevere, paisà !


‘E SFUGLIATELLE

N’ ata vota ‘n Paraviso,
era ‘o tiempo de li rrose
e nce nn’ erano a mmigliare
ncrispatelle e addurose,

succedette nu revuoto
dint’ a ll’ ora d’ ‘a cuntrora,
e San Pietro, che durmeva,
se susette e ascette fora.

Fora ‘o ffrisco ‘e nu limone,
San Francisco se sbrucava,
ca vuleva fa’ capace
a San Ciro c’ alluccava.

– Tu che vuo’? Songo d’ ‘e ttoie?
Ma guardate c’ ata cosa! .
Mo a nu santo n’è permesso
cchiù de cogliere na rosa !

San Francisco rispunneva:
– Ciro mio, te sto preganno!
Songo ‘o santo ‘e tutt’ ‘e sciure !
e sti ccose tutt’ ‘e ssanno !

Posa ‘a rosa, t’ aggio ditto,
e sarrà meglio pe’ tte !
– Ma sta scritto a quacche parte?
– Accussì piace a mme !

– Ma guardate ! Se fa forte
pecché è frato a Giesù Cristo !
– Mo te sono na carocchia !
– Tu si’ ‘o primmo cammurristo!

Pe’ sti strille, pe’ st’ allucche,
Santo Pietro se scetaie.
– Che mmalora ! St’ ammuina
a chest’ ora! E quanno maie !

Pace, pace, amice mieie !
Sante e sante, nun sta bene!. ..
Site surde? E datevelle,
ccà nisciuno ve mantene !

Sulamente, Ciccio mio,
t’ aggia di’ chello che d’ è!
Sta mancanza è grossa assaie,
e me maraviglio ‘e te!

Tu ca ‘e fatto chella vita,
mo nce vo’, sempe tentato
da ‘o diavolo curnuto
ca vulea farte dannato !

Tu c’ attuorno pe’ lu munno
si’ curruto predecanno
a crianza, ‘a fratellanza,
‘a pacienza, e raggiunanno

miez’ ‘a folla cchiù feroce
e cchiù pazza, si’ passato,
sempe a nomme d’ ‘o Signore,
perdunanno e turmentato ;

mo tu pure tiene ‘e nierve !
Pure a tte ‘a nevrastenia,
guaio niro ‘e tutto ‘o munno ?
Cicciariéee ! .. . Madonna mia !

E vutanno ‘e spalle, steva
quase pe’ se ne turnà,
quanne Dio da copp’ ‘a loggia
s’ appennette p’ ‘o chiammà.

Guardapò, di’ a chisti duie
ca ‘e cuntrora nun s’ allucca !
Mo aggio avuto na canesta,
m’ha mannata ‘a Croce ‘e Lucca!

Songo cierti sfogliatelle !
Quann’ è ogge ca ‘e spartimmo,
di’ a sti guappe, ‘a parte mia,
ca ccà guappe ‘un ne vulimmo !


‘O SVENIMENTO

Na signora mmaretata,
– era ‘e sabbato — arrivaie.
Tuppe-tu … – Signò, trasite !
Gué, chell’ era bona assaie !

Cierti bracce ! ‘E ttrezze nere !
Ll’ uocchie tante … Nu bisciù !
E che pietto ! E che ghiancore !
Io… nun ne putevo cchiù !

– Favorite, bella mia …
– Ho ll’ onore di parlare
a San Pietro? – Onore è mio,
mi potete comandare !

– Eccuccà … ! Nc’ è mio marito
impiacato d’ ‘a Dogana …
Si ‘o potreste fare intrare …
‘A cuscienza ‘a tene sana?

Eccuccà … qualche peccato
tuttuquante l ‘ hanno fatto .
Lui , verete, veramente,
non falzificò ‘o cuntratto …

Chillo mpiso d’ ‘o nutaro
fece tutto… Mio marito
s’è ttruvato cumpricato,
e poi fu ristituito !

Eccuccà… d’allora in poi,
‘a famiglia andò pezzenno …
Lui cu ‘e spalle nfaccia ‘o muro
e cu mme sempe chiagnenno,

nun putendo in certo modo
più lucrarsi nu carlino,
pe’ dimenticarse ‘e guate,
eccuccà… se diede al vino …

Noi stavamo allora ‘e casa
dentro ‘o Borgo di Loreto,
e nce steva ‘o prupitario
don Custanzo de Pineto,

che avanzava cchiù de n’ anno!
Na carnetta nummer’ uno!
Era proprio fatto apposta
pe’ nun fa’ bbene a nessuno !

Na matina, miez’ ‘e ggrade,
s’ incontrò cu mio marito,
e Ile fece na scenata
che ‘a sentì pure don Vito,

quello ch’ era a pporta a noi,
moldo inteso int’ ‘o quartiere!
Voi capite: un gentiluomo
nun puteva prevedere

ca nu mascalzone tale
le facesse quella parte !
Mio marito nun è sciocco …
Lle voldarono li quarte,

e afferrato a don Custanzo
comm’ io mo afferrasse a vuie,
‘o ruciuliò p’ ‘e scale,
e morì, salute a nuie !

Figurateve ‘o spavento!
Arrestato a fresco a fresco,
ora mo, stu mio marito,
fu portato a « San Francesco ,

E cosi, San Pietro mio,
se rovinano ‘e ffamiglie !
Eccuccà … lo restò ssola,
miez’ ‘a strada, assieme a ‘e figlie!

Quatte chiuove ‘e Giesù Cristo,
tuttuquante ‘e poca aità !
Pe’ dà pane a tanta vocche,
dite voi … ch’ avev’ ‘a fa’?

lo, sentenno, m’ ‘a guardavo.
Gué, chell’ era proprio bella!
Nu buccone ‘e cardinale !
Nu burriello ‘e muzzarella !

E te dico chiaro e tunno,
ca si dipendeva ‘a me,
l’ avarria già cuntentata,
tu capisce lu pecché !

Rispunnette: – Sora mia,
io nun pozzo farve niente!
Si se fosse limitato
a sciaccarlo sulamente,

meno male! Ma l’ha acciso
e ntra nuie nun ce pò sta’.
Favorite voi! Ve ggiuro
ca ve faccio recrià !

Chella, invece, se fa janca
comm’ ‘a carta, dà nu strillo,
stenne ‘e ggamme, stenne ‘e bbraccia,
e Ile vene nu sturzillo !

Capirai, tetillo mio,
pe’ scetà sta culumbrina,
( stevo sulo … ) nce vuleva
tanto ‘e chiave masculina !

Che facevo? ‘A strufinavo
cu sta chiave? … Chesta ccà !
Nce ‘a mettevo dint’ ‘e rine,
e ‘a putevò struppià !

Me mettette a chiammà aiuto:
– Gente! Gente! A me! Currite!
Ccà na femmena è svenuta!
Vuie vedite, vuie vedite ! …

Vene gente. – Ch’è succieso?
– Ccà le manca lu rispiro !
– Lesto! ‘O miedeco ! – Currite,
e purtateme a San Ciro ! …

Doppo n’ ora – chesti ccose,
si se contano so’ belle!
finalmente Ciro arriva !
Me pareva Cardarelle !

– Viene ccà! Rùmpete ‘e ggamme!
Tu te dài tant’ impurtanza !
– Bè, che c’è? .. . – Chest’è svenuta!
Lle vuo’ dà na misculanza,

na papocchia, na mistura,
na cartella, nu sceruppo?
Ciro mio, scusame tanto!
Tu, ogne cosa truove ntuppo !

Ma chi si’? Guido Baccelli?
Tu si’ appena nu straviso !
Tanta boria addò l’ appuoie?
Uh, che puozze murì stiso !

Embè chillo, che te cride?
nun risponne, e muollo muollo,
abbistanno ‘o piezzo ‘e burro
se nce abbocca tutto ncuollo,

e cu ‘a scusa ca tastava
pe’ vedé che nc’ era ‘e bello,
stu mmalora ‘accidacane
se pigliava ‘o passaggiello !

Pe’ fortuna, ca madama
apre n’ uocchio, n’apre n’ ato,
guarda attuorno, me cunosce,
e me fa: – Tutto sommato,

so’ venuta inutilmente?
N’ ‘o vulite fa’ trasì? …
E che razza ‘e sante site?
Mo nce vo’, dico buon’ i’,

ca quann’ uno sta in bisogno
nun pò avé cchiù bona cèra !
Sciù, tre vvote a’ faccia vosta!
Site tutte ‘e na livrera !


CUNFIDENZE

A poco a poco tramuntava ‘o Sole,
spannenno l’ombra pe’ dint’ ‘o ciardino.
‘O Rumito cu ‘a risa e cu ‘e pparole
s’era addurmuto c’ ‘o puorco vicino.

San Pietro se metteva ancora vino
cu ‘a gamma accavallata a nu denucchio,
e c’ ‘o pietto appuiato ‘o tavulino
io me stevo aggarbanno nu fenucchio.

– E chesta è ‘a storia, d’ ‘a matina a’ sera,
diceva, seguitanno, ‘o Guardaporta.
Bellezza mia, nun c’ è sciorta cchiù nera !
Siente a fràteto tuio, ch’ è meglio ‘a morta!

Quanno avimmo tenuto ‘a mala sciorta
che nce vuò fa? Sa fa comme facc’ io!
Me l’ avoto a libretto! Che me mporta?
Me so’ mparato a di’: «Lassa fa’ a Dio!»

Manco cchiù te può fa’ na parlatella
cu quacche Santa femmena ! È peccato!
Ccà se sta cumm’ a ddint’ a na cappella,
li ffemmene ‘a nu lato, e nuie ‘a n’ ato!

‘E visto maie a nu cane arraggiato ?
Vide a mme, vide a isso! ‘O fatto è chisto.
Quanno sto cchiù d’ ‘o ssoleto abbattuto,
me ne vaco a sfucà cu Giesù Cristo !

Chillo si! Chillo è n’ ommo cu ‘e mustacce!
Te vede, e te fa sempe bboni ccère !
E n’ ha passate guaie! Fatto a ppetacce,
mettuto ncroce de tutt’ ‘e mmanere !

Embè, si ‘o vide, nun te pare overe!
Nu curazzone ca te fa spassà !
Lle può d’ ‘o munno di’ ‘e ccose cchiù nere,
Isso risponne ch’ è l’Umanità!

Nce sta cchiù ppuorco ‘e Giuda Scariota
ca s’ ‘o vennette pe’ ttrenta denare?
Embè, parlanno ‘e chisto, Isso na vota
che me dice? T’ ‘a dongo a nduvinare !

Me dice a mme: « Nun me ce fa’ penzare !
Steva nzellato ‘e diebbete, Tetì !
Ll’ aggio chiagnuto cu llacreme amare,
ma steva scritto! Aveva jì accussì! »

‘A vita ch’ ìmmo fatto nuie allora,
nun ‘a facimmo cchiù, t’ ‘assicur’ io!
Sulo arapenno ‘a vocca, a la bon’ ora,
te faceva passare ogne vulìo !

Ma c’ ‘o piglie pe’ nniente, ‘o Figlio ‘e Dio?
Miracule allicchette, chilli lià !
Se n’è perza ‘a semmenta, bellu mio!
Mo se sanno sultanto raccuntà !

Tanno cu cinco pane e cinco pisce,
sfamàvamo a migliare ‘e perzunagge !
Mo si Ile fai de bene, me capisce?
appriesso ‘o ppane cercano ‘o ffurmagge!

Mo s’è cagnato ‘o munno ‘a dinto fore !
D’ ‘o stato suio, chi se cuntenta cchiù?
Saglie ‘o pezzente e te vo’ fa’ ‘o signore!
Povere a vuie ! Giesù ! Giesù ! Giesù !


‘O CUSETORE

A pparola mia d’ onore,
stu trascurzo ‘mpressiunava !
Quanta cose, a core a core,
Santu Pietro allicurdava !

– Vide ccà, bello d’ ‘o zio,
mo ‘o menistro va ‘ncarrozza !
Tanno no! ‘O menistro ‘e Ddio
jeva scàuzo! Mo s’ annozza

chi fa morze troppe grosse !
Tanno jévamo liggiere !
Mo Il’ aunesto è scamazzato,
e ‘o mbruglione è cavaliere!

Tanno ‘o figlio d’ ‘o Signore,
strascenato e cuffiato,
suppurtava a tuttequante !
E ch’ ha fatto? Ha perdunato !

Mo chi arrobba na pagnotta
è nu latro e va ngalera !
E chi arrobba ‘o melione
se ne va ‘o triato ‘a sera!

Ma ched’ è? Tu nun me siente?
Stai nu poco nfuscatiello ?
– Chi Il’ ha ditto? Sto sentenno !
Jate pròpeto a ciammiello !

Ma dich’ io: Stu Pat’ Eterno
( cu rispetto e reverenza)
nun putrebbe acalà ll’ uocchie
ncopp’ a tutta sta ‘ndicenza,

e guardà nu poco abbascio
miezo a chella misculanza?
Cu na botta nfaccio ‘o piso
ll’ agghiustasse, sta valanza!

– Figlio mio, te pare niente?
Chillo ‘o Viecchio s’è scucciato !
E Il’ ha ditto tanta vote !
«Troppo assai me so’ apprettato!

Jesse ‘o munno comme jesse !
Nun ne voglio cchiù sapé ! »
E pirciò vutammo fuoglio !
Voca fora, ca megli’ è!

Discurrenno ‘o tiempo passa!
Già se n’era sciso ‘o Sole.
Ma che ssà ! … Nun annuttava !
Me runzavano ‘e pparole

de San Pietro, int’ ‘o cerviello,
‘o guardavo, ‘o smicciavo,
po’ dicette: – ‘O tiempo è luongo …
E nfuscato m’ avutavo.

Santu Pietro, che capette,
rispunnette: – Vuo’ durml?
Ccà pe’ nnui nun è mai notte !
Che vuo’ fa’? Te ne vuo’ jì?

O vuo’ starte n’ ato ppoco?
Dillo, parla francamente …
– No… so’ stanco… Sto stunato …
– E nun vuo’ vedé cchiù niente?

Manco quacche amico tuio,
quacche bella figliulella …
‘O spettaculo è allicchetto !
Saglie ccà sta muntagnella.

Da ccà ncoppa ‘a vista toia
se pò stennere addò vo’ !
E sagliettemo vulanno’
Me ricordo comm’ a mmo !

Ncopp’ a nnuvole rusate,
ncopp’ a strisce ‘e cielo chiaro
veco ‘a ggente a meliune !
Che spettaculo strararo !

Quanta facce ! E miezo a lloro
quanta vecchie canuscenze !
Femmene, uommene, guagliune,
sié-Marie e sié-Vicenze;

gente antiche, cu perucche,
rrobbe ‘e seta e falbalà;
serviture cu’ ‘a livrera
de treciento e cchiù anne fa;

munacelle morte sante,
piccerelle morte ‘ammore,
angiulille nate muorte,
ll’ uocchio dritto d’ ‘o Signore …

E na luce attuorno attuorno,
e na gloria ‘e cante e ssuone,
e che ssà quant’ ata cose
tutte belle e tutte bbone !

Sotto a mme vedette pure
‘a bon’ anema d’ ‘o nonno,
Marianna, ‘a serva nosta,
ca scappava sempe a ssuonno

e pirciò nun arrubbava
ncopp’ ‘a spesa o int’ ‘a cucina;
po’ vedette, arravugliata
dint’ ‘o sciallo, a Teresina,

‘a bizzoca ‘e chelle a pporta
ca magnava baccalà
e perciò se ne murette
cu na puzza … ‘e santità;

cierti prievete, ‘o maestro
ca me dette ‘o primmo zero,
e ‘a famiglia d’ ‘o cumpare
quann’ io jette ‘o battistero.

Ncuntrai pure ‘o sarto mio
c’avanzava cierti llire …
Chisto ccà me canuscette !
Neh, possiamo riverire?

Riverire? (Chi t’ è bbivo !
Vi’ che vvista ! ) Gué, Totò !. ..
Comme stai ? ! … Da quanto tiempo ! …
Stai cchiù chiatto ! Ma … che vuo’?

– Chillu tale cunticino …
– Uh mannaggia chi t’ è nato !
Chisto è muorto e parla ancora !
Comme ! E nun me l’ ‘e abbunato?

– Niente affatto!… Sta in sospeso
cu ‘e custume ‘e merinò,
tre stiffèlie, quatto fracche …
– Tu c’ accucchie, don Antò?

‘E stiffèlie t’ ‘e ppavaie!
– No, signò, siete in erranza!
Tu qua’ erranza! Io tengo ‘e nnote!
– Vi sbagliate! È una sbaglianza !

– Vide buono ! E nun fa ‘o zeza
cu sta lengua smaledetta !
Chistu vizzio ‘e sti scuntrùffule
pure ‘ncielo ! È na disdetta!

– Ma non so … parlo pulito,
con rispetto per gli acconti !
Mi allicordo estrattamente
pelo a pelo i vostri conti!

Sono mille e rotte lire,
da tre anni, e capirete …
ogni pezzo di lavoro
m’è costato, e lo sapete!

Ve piaceva ‘e vestl bene!
Sulo ‘e raso so’ seiciento …
– Don Antò, fallo pe’ Dio!
Po’ parlammo!. .. – · Ma un momento !

So’ defunto, e perciò voi
non volete più pagà?
– Don Antò, te faccio pazzo!
Che nce nc’ entra chestu ccà ! ?

– ‘O vvedete? Poi mi dite,
ca, che ssaccio, so’ spuntuto !
Ah, mannaggia ‘o Quarantotto!
Vi’ che bene avimmo avuto!

Voi negate a petto a petto! …
– Io non nego ! Sulamente,
trovo molto esagerato!
Nce accunciammo, e tutto è niente!
– Comme, niente?! Ma gli eredi?
lo vi cito, ‘on Ferdinà !
– Don Antò, penza a’ salute!
Don Antò, nun me scuccià !


LUVISELLA

Fui Sant’ Anna! Uno ‘o chiammaie
e sta zecca se ne jette !
Io currevo ‘a ll’ ato lato,
ma San Pietro me dicette :

– Figlio mio, si tiene diebbete
te cunziglio d’ ‘e ppavà !
– Sissignore, cumpatiteme,
ma se tratta ‘e raggiunà !

– Già, s’intende! A tiempo mio
chestu ccà però nun c’ era !
Pecché tutte sti vestite,
‘e matina, ‘e juorno, ‘e sera?

Nce abbastava nu lenzulo!
E llà dinto arravugliate,
cammenàvamo p’ ‘o munno
cchiù putiente e rispettate !

Basta, va, venimmo a nuie …
Guarda ccà sta piccerella …
M’ avutaie… – Madonna mia !
Si nun sbaglio… è Luvisella !

– Luvisè ! … – Guè ! Ferdinando!
– Si, bellezza! – E comme va?
Che piacere ca m’ ‘e dato!
– Luvisè, pecché stai ccà?

– Fuie Ciccillo ! Chillo mpiso ! …
Cu na botta sott’ ‘o core!
– Tu che dice? – Già, appuraie
ch’ io cu tte facevo ‘ammore !

– Mo che scengo l’ acconc’ io ! …
– No, Teti, pe’ carità!
Si tu ancora me vuò bene,
nun ‘o ffa ! No, nun ‘o ffa !

– S’ io te voglio ancora bene?
Sempe ! Sempe, bella mia !
Già, tu ‘o ssaie, pe’ me si’ stata
‘a cchiù mmeglia simpatia!

Te ricuorde che sserate,
ncopp’ ‘o Vommero, cu ‘a luna? …
Mo’ nce sta ‘o Rione nuovo …
Te ricuorde ‘a Sié-Furtuna?

Chella bella cammarella
cu ‘a fenesta a mezzugiorno?
Te ricuorde ‘e pprimme vote?
Te mettive sempe scuorno !

Che ghiurnate ! Che delizie !
Chilli fritte addu Pallino !
Io ca te vasavo mmocca
quanno tu mettive ‘o vino!

– Chella vesta ca me diste ! …
– ‘O cappiello cu ‘a nucchetta !
– L’ anelluccio, ‘e sciucquaglielle …
– E ‘a canzone d’ ‘a «Frangetta»?

Te ricuorde? Io t’ ‘a cantavo
chiano chiano, e tu redive …
– Dimme, mo, che fa Di Giacomo?
– Ch’ha da fa’! Fa ‘ammore e scrive!

– Belli tiempe ! Io ccà me secco!
Nun me fido proprio cchiù !
Prega a Dio ca te chiammasse,
saglietenne pure tu !

– Nun me vonno, bella mia!
Cu stu cuòfene ‘e peccate!
Si sapisse ! A’ parte ‘e vascio
simmo già scummunicate …

– Tu che dice, bene mio!
E San Pietro sape niente ?
– Nun me n’ ha parlato ancora!
Nun ‘o ssape, p’ ‘o mumente !

Viene ‘a ccà, damme nu vaso!
Sta vutato ‘e spalle a nuie !
– No, Tetì ! Ca si s’ avota
nce ne caccia a tutt’ ‘e dduie ! …

– Zitta, zi’ ! Parla cchiù zitto!…
E dammillo, nu vasillo ! …
Accussì, senza remmore !
Piccerillo, piccerillo …

Ma San Pietro, ‘o marpione,
neh, che fa? S’ avota ‘ntrunco!
– Sfrenatielle smazzatielle !
Si tenesse mmano ‘o junco

sentarrlsseve ‘e ppalate!
Ve farria na vertulina ! …
Lazzarone scustumato!
Facciatosta culumbrina !

Chella scappa comm’ ‘o viento,
io vulesse sprufunnà,
ma San Pietro pe’ na recchia
m’ha afferrato: – Viene ‘a ccà ! …

Si te pare, bello mio,
m’ ‘o ssai di’! Pe’ ccà s’accorcia!
Muove ‘e ggamme e votta ‘e mmane!
Me fai tènere sta torcia?!


‘A PARTENZA

Abbeluto, io ‘o jeva appriesso,
ma ogne tanto m’ avutava …
Luvisella, da luntano,
cu ‘e mmanelle salutava.

‘A fernisce, o n’ ‘a fernisce?
Si’ nu zimmaro, guagliò !
-Quant’è bella! io suspirava.
E San Pietro : Mena mo !

Chi sa quante ‘e chesti lloco
ncopp’ ‘o munno hai ncuitate !
Songo ‘e stesse tuttuquante !
O cajòtole, o sfacciate!

Chella è morta, e doppo morta
te va ancora secutanno !
– Ah! San Pié ! Che ne sapite !
Nce facette ‘ammore n’ anno!

Na fatella ! Nu cunfietto !
Na nanassa ! Na curvina !
Che bellezza d’ uocchie nire !
Che vetella fìna fìna !

Steva ‘e casa a’ Vecaria …
– Bella cosa! Int’ a qua’ vico?
– No, San Pié, famiglia aunesta !
M’ îte ‘a credere, si ‘o ddico!

E po, certo, ‘o Pat’ Eterno
p’ ‘a chiammà ccà ncoppa ccà,
cchiù d’ ogn’ ato era sicuro
d’ ‘a bbuntà, de Il’ unestà …

‘O ccapisco, nce ne stanno
sfacciatelle e cap’ allerte!
Ma, fernuta ‘a jacuvella,
doppo morte vanno sperte

all’Inferno, a ‘o Purgatorio …
Sulo llà ponno tuzzà !
Luvisella, ch’ è na stella,
‘n Paraviso nce pò stà !

– Io, che ssaccio, a munno mio,
se faceva n’ ato ammore? !
Mo, so’ asciute cierti ccose !
– Pecché mo nce sta cchiù ccore …

– Mo? … Guagliò, tu che m’ accucchie?
site tanta sbruvignate!
Che te cride ca da ‘o cielo
vuie nun site mai guardate?

Nui parimmo muolle muolle,
nce credite ‘ndifferente,
ma, Tetì, pe’ norma toia,
nun ce scappa proprio niente!

Tutt’ ‘e mbroglie, tutt’ ‘e nciuce,
tutt’ ‘e pile e tutt’ ‘e trave
nuie sapimmo, bellu mio ;
chi magn’ òstreche e chi fave,

chi è canzirro, chi è mbruglione,
chi è cuntento d’ ‘a mugliera
ca cu ‘e ffiglie zitellucce
fa saglì ‘o cumpare a’ sera!

Canuscimmo all’affarista,
chi dà cinco e piglia ciento,
chi fa Il’ arte ‘e Michelasso,
chi s’ avota a ‘o meglio viento,

chi se veste da sant’ ommo
e fa cose ‘e curtellate,
‘o bizzuoco fauzo e nzisto,
‘e ssignore timurate

e’ ‘a vicchiaia se fanno sante
pe’ scuntà ‘e bbattaglie antiche,
cierti viecchie titulate
ca passéano ncopp’ ‘e viche …

Bellu mio, va, scinnetenne,
pecché è meglio ca te lasso !
E si no, si troppo parlo,
tutt ‘ ‘o munno te scunquasso !

Putria farte na nzalata,
quann’ ‘a lengua nun mantene,
e tu doppo ‘o vvai dicenno !
Chesto a me nun me cunvène !

Accussì, parlanno nzieme,
nce avviàimo add’ ‘o Signore.
– Mo addenòcchiate, e dincello:
«Ve ringrazio dell ‘ onore! »

Arrivàimo – Nc’ è permesso ?
fa San Pietro arreto ‘a porta.
E ‘o Signore dice: – Avanti!
Che se tratta? ‘E vita o ‘e morta?

– No, nce sta stu lazzariello …
Ve vo’ fa’ na riverenza .. .
– Bè, trasesse ! … Hai visto tutto?
– Tutto, Vostra Onnipotenza!

– E che ffai ? Te dice ‘o core
de turnarce doppo muorto?
– Fosse ‘o Ddio ! Dipende ‘a Vuie …
– E va bbè, nun ghi’ mai stuorto !

Statte buono, e nce penz’ io! …
Guardapò, accumpagna a chisto !
Beneditto, beneditto …
Vasa ‘a mana a Giesù Cristo!


‘O SALUTO

Nce ne jammo. E nfaccia ‘a porta
veco tanto n’ avuciello,
gruosso quant’ a nu cavallo,
e cu ‘e scelle ‘e cestariello.

– Saglie ngroppa, statte attiento,
e va, scrive bboni ccose, –
me dicette Santu Pietro;
– e che ssiano rispettose !

Nun fa’ diebbete, va chiane,
e rispetta ‘e Sacramente;
fatte sempe ‘o fatto tuio,
e n’avé paura ‘e niente!

Chi cammina p’ ‘o dderitto
nun pò mai ntruppechià !
Chisto è frateto ca parla !
Che te pozzo aggevulà?

– Santu Pié … na grazia voglio .. .
– Va dicenno, figlio mio …
– ‘O cerviello e ‘a bbona sciorta …
– E va bbuo ‘, lassa fa’ a Dio !

E stennènnome na mano
me dicette : – Afferra ‘a bbriglia !
Tiene forte, e buon viaggio!
Tanti ossequii alla famiglia!


L’ARRIVO

Accussi me ne scennette
e arrivai mmiez’ ‘o Pennino
a cavallo a stu cavallo,
comm’ Astolfo ‘o Palatino.

Era ‘e state; arbava juorno …
Quaccheduno già passava …
Io sentette ‘o cafettiere,
da luntano, ca fìscava.

Già s’ aprevano ‘e pputeche:
Pascariello ‘o cajunzaro
già sciacquava ‘o callo ‘e trippa ;
e già Cuòsemo ‘o scarparo

se metteva a spugnà ‘e ssòle,
accustato a ‘o palazziello.
‘Ntuniella ‘a lavannara
priparava nu cupiello.

Ma ‘a zi-Nnacca, fora ‘o vascio,
nun appena me vedette,
« Benu mio!… Chiste so’ nnummere! »
alluccaie. Po’ se mettette

cu ‘e ddoi mane dint’ ‘e scianche,
(me pareva n’ alifante ! )
e da vera strillazzara :
– « Neh, currite tuttuquame!

« Bona ggè ! Femmene belle !
« Ccà da cielo scenne ‘o bbene !
«Afferrate ‘e mmazze ‘e scopa!
Catari, viéstete e viene!

« Zi-Pascà, chiammate ‘a guardia!
« Io pe’ rridere so’ stracqua !
« Piccerl, arùnate ‘e ttorze !
« Carmenè, nu cato d’acqua! »

Dinto a manco nu minuto
se facette ‘a folla attuorno !
Io cercavo ‘e me difennere,
arraggiato e russo ‘e scuorno,

ma vedenno ‘e menà ‘e pprete
e sentènnome affucato
da na chiorma de janare,
me credette subissato!

E alluccai: – Sure’ ! Surelle …
Chi de vuie me vo’ fa tuorto? !. ..
Jammo a ffranco ! E che maniera!
Io so’ nato abbascio Puorto !

fonte

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.