Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

Dint’ ‘o treno una poesia un po’(capisce a me)di Ferdinando Russo

Posted by on Gen 5, 2022

Dint’ ‘o treno una poesia un po’(capisce a me)di Ferdinando Russo

Quanno nu treno va ‘e corza sfrenata
e te truove int”o cesso, sulo sulo,
siento ‘o vero piacere d”a cacata…
Qualunque strunzo te se ngrassa nculo!
E ‘o rummore d”a machina vullente,
chillo d”e rrote, fanno cacà ‘e core;
si’ sicuro ch”a gente nun te sente
miscannose rummore cu rummore …



Sicuro ‘e te, cache comme a nu ddio!
È n’ ata cosa, te s’allarga ‘o core;
e dice: ‘o sente sulo ‘o naso mio,
nisciuno ave ‘o piacere ‘e senti ‘addore …

Embè, me ce starria tutt”a jurnata!
Beneditto chi è stato l’inventore!
Pe me fa spisso sta specie ‘e cacata
me faciarria cummesso viaggiatore.

E po’, viaggianno, sa’ che vularria?
Ca ‘unn’ arrivasse mai a destinazione …
pe’ nguacchià ‘e mmerda tutt”a ferrovia
e pe lassà nu strunzo ogne stazione.

Ma nun ce sta na gioia senza dulore;
e pure chesto astipa ‘o mmalamente!
Ca mentre ca t’hê fatto tanto ‘e core,
guarde int”o cesso e nun ce truove niente!

Tutto cuntento ca stu cesso gruosso
t’ha fatto fà na cacata abbunnante,
vaje pe guardà, e comme niente fosse,
faje Il’uocchie chine … e ‘o cesso sta vacante!..

Pecché nun tene funno, ‘o traditore.
E viaggianno ‘ncopp’ ‘a ferrovia,
stu nfamo, cu nu scellarato ‘e core,
te lassa ‘e strunze mmiez”a via!

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.