Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

Due passi avanti sul gender ed uno indietro sulla vita

Posted by on Mag 14, 2021

Due passi avanti sul gender ed uno indietro sulla vita

Decisamente una settimana “no”, quella appena trascorsa, per l’ideologia gender…

L’ultraprogressista Svezia ha deciso, infatti, di fermare il ricorso ai trattamenti, in grado di bloccare lo sviluppo adolescenziale in soggetti al di sotto dei 16 anni, in quanto ritenuti «controversi» e tali da comportare «significative conseguenze, avverse, estese ed irreversibili», dalle malattie cardiovascolari all’osteoporosi, dall’infertilità ad un accresciuto rischio di tumori e trombosi. Un comunicato, emesso dall’ospedale universitario «Karolinska» di Stoccolma, ha precisato le ragioni cliniche, che hanno motivato il provvedimento.

Si tratta di una svolta inattesa, ma importante per evitare agli adolescenti, dichiarati affetti da disforia «di genere», di doversi sottoporre alle procedure preliminari di «riassegnazione sessuale» previste dalle direttive del Wpath-World Professional Association for Transgender Health, nonché dal cosiddetto «protocollo olandese». Tale protocollo, sviluppato diversi anni fa in una clinica nei pressi di Amsterdam, il VU Medical Center, prevede la «sospensione della pubertà» a partire dai 12 anni. Il valore di tale documento è già stato messo in discussione da diversi esperti (scienziati e medici, ma anche psichiatri infantili e adolescenziali come Angela Sämfjord dell’ospedale universitario Sahlgrenska), ma anche, lo scorso dicembre, dall’Alta Corte britannica, chiamata a deliberare sul caso di Keira Bell: in tale occasione ha avanzato forti dubbi circa il fatto che gli adolescenti possano comprendere appieno i rischi e le conseguenze a lungo termine provocati dai trattamenti proposti dal protocollo olandese.

Del resto, anche in Svezia oggi la popolazione pare avere sempre più chiaro verso quale deriva morale stiano conducendo certe “innovazioni”: a livello nazionale, infatti, si è registrato negli ultimi anni un costante calo nel ricorso ai trattamenti della disforia di genere ed un prevalere della cautela. L’auspicio è che anche altri Paesi europei ne seguano presto l’esempio.

Un’altra buona notizia giunge dalla Francia ed, in particolare, dal ministro dell’Educazione, della Gioventù e dello Sport, Jean-Michel Blanquer, che ha vietato il ricorso al linguaggio – cosiddetto – “inclusivo” in tutte le scuole d’Oltralpe, di qualsiasi ordine e grado. Ciò, in quanto ritiene, giustamente, che, anziché agevolare, questo ostacoli gravemente l’apprendimento degli studenti.

Con una lettera ufficiale ha detto “basta”, quindi, all’utilizzo del punto medio, per indicare simultaneamente le forme maschile e femminile di una parola utilizzata in senso generico. Si tratta, ha specificato, di una modalità inappropriata, di «un ostacolo alla comprensione della scrittura» ed alla lettura, trattandosi di un segno grafico impronunciabile. A farne le spese, ha precisato, sono soprattutto i più piccoli oppure gli alunni con difficoltà di apprendimento.

Certo non ci sono state solo luci in questo periodo: a far problema sono le modifiche pensate per il Codice internazionale di etica medica, al vaglio degli “addetti ai lavori”. Modifiche per nulla incoraggianti, in verità, poiché, se da una parte si specifica che «i medici hanno l’obbligo etico di ridurre al minimo le interruzioni nella cura dei paziente», dall’altra la possibilità di ricorso all’obiezione di coscienza viene limitata ai casi in cui «il singolo paziente non venga discriminato o svantaggiato, la sua salute non sia in pericolo e la continuità delle cure senza ritardi venga assicurata da un efficace e tempestivo rimando ad un altro medico qualificato» e disponibile. Una restrizione, nel ricorso all’obiezione, ingiustificata e pericolosa. Ora la modifica deve essere sottoposta a consultazione pubblica tra i sanitari, che speriamo provvedano a rettificare o, meglio ancora, a cancellare le asperità del testo, per evitare che le coscienze vengano calpestate.

Già durante la Convenzione di Ginevra del 2017 furono apportate inquietanti modifiche al Codice di etica medica, in particolare al paragrafo relativo alla tutela della vita, reso molto più ambiguo e molto meno vincolante: da «manterrò il massimo rispetto per la vita umana dal momento del suo concepimento, anche sotto minaccia» è divenuto un ben più generico ed assai meno impegnativo «manterrò il massimo rispetto per la vita umana», senza aggiunger altro. Una formulazione a dir poco insoddisfacente e per nulla rassicurante. 

Mauro Faverzani

fonte

https://www.corrispondenzaromana.it/due-passi-avanti-sul-gender-ed-uno-indietro-sulla-vita/

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.