Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

’e stelle cadente:poesia napoletana di EDOARDO NICOLARDI

Posted by on Ago 22, 2021

’e stelle cadente:poesia napoletana di EDOARDO NICOLARDI

Me pare ca ’o rilorgio ’o Salvatore
primm’una n’ha sunata, e doppo nove.
Songo ’e nove e nu cuarto… E che calore!
Mo fanno ottanta juorne ca nun chiove…
Si scennesse ’o maestrale ’a via ’e punente,
refrescarria ’sta notte ’e San Lurenzo…
E aggio cuntato seie stelle cadente;
ma nun te penzo, ’o ssà… Ma nun te penzo!
Mo sti penziere mieie
so’ p’ ’e ccose passate.
N’aggio cuntate seie,
seie nnammurate…

E tutte so’ cadute
comm’ ’e stelle cadente, a una a una!
Va trova addó so’ gghiute
a ffa’ furtuna!
Tanto meglio è pe’ mme. Bona salute!
Una teneva, – e a me me pare aiere, –
’na matasse ’e capille; e s’ ’e ttagliaie!
Tutt’arruvina soia fuie ’nu barbiere!
Fuie ’nu lappese russo ch’accattaie.
N’ata, ca tanno asceva d’ ’o culleggio,
se jette a scapezzà cu ’nu birbante.
E nce fuie n’ata ca facette peggio,
pecché se scapezzaie cu ttuttequante.
Chilli principie mieie
nun fuieno apprezzate!
n’aggio perdute seie,
seie nnammurate.
E tutte so’ cadute
comm’ ’e stelle cadente a una a una!
Va trova addó so’ gghiute
a ffa’ furtuna!…
Tanto meglio è pe’ mme. Bona salute!
Chi cu n’anziano, chi cu ’nu studente,
ognuna ha fatta a’ fine c’ha vuluta.
Ah, sciorta sciorta d’ ’a stella cadente!
Cade, corre, fa luce, e po’ se stuta.
’A i’ n’ata! ’A vi’ ccà n’ata! E che sblennore!
Sette ne songo… Sette n’aggio viste!
Ma me pare ’e sentì pognere o’ core…
E chesta stella ccà me fa fa’ triste…
Tutte ’e speranze meie
tu ’e ttiene risarbate!
Tu viene doppo seie,
seie nnammurate.
E tutte so’ cadute
comm’ ’e stelle cadente a una a una!
Va trova addó so’ gghiute
a ffa’ furtuna!…
Nun t’ ’o vulesse dì: – Bona salute! –

Traduzione
. Mi sembra che l’orologio (della chiesa) del Salvatore / ha fatto prima un rintocco e poi nove. / Sono le nove e un quarto … E che caldo! / Sono
ottanta giorni che non piove… // Se scendesse il maestrale da ponente, / questa notte di San Lorenzo rinfrescherebbe… / E ho contato sei stelle cadenti; / ma non ti penso, sappilo …
Non ti penso! // Ora questi miei pensieri / sono rivolti al passato. / Sei ne ho contate, / sei innamorate…
/ E tutte sono cadute / come stelle cadenti, a una a una! / Va a capire dove sono andate / a fare fortuna! / E tanto meglio per me. Buona salute! // II. Una aveva – e mi sembra ieri – / una matassa di capelli; e li tagliò! / La sua rovina fu un barbiere! / Fu una matita rossa che acquistò.
// Un’altra, che allora usciva dal collegio, / perse la testa per un delinquente. / E ci fu un’altra che fece peggio, / perché perse la testa per tutti. // Quei miei princìpi / non furono apprezzati! /
Sei ne ho perdute, / sei innamorate. / E tutte sono cadute / come stelle cadenti, a una a una! / Va a capire dove sono andate / a fare fortuna!… / Tanto meglio per me. Buona salute! // III. Chi con un anziano, chi con uno studente, / ognuna ha fatto la fine che ha voluto. / Ah, destino destino
della stella cadente! / Cade, corre, fa luce e poi si spegne … // Guarda, un’altra! Eccola qua un’altra ! E che splendore! / Ne sono sette… Ne ho viste sette! / Ma mi sembra di sentire una fitta al cuore… / E questa stella qui mi rende triste… // Tutte le mie speranze / le conservi tu! /
Tu vieni dopo sei, sei innamorate. E sono cadute tutte / come stelle cadenti, a una a una! / Va a capire dove sono andate / a fare fortuna!… / Non vorrei dirtelo: – Buona salute! –

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.