Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

FRA’ DIAVOLO PROMOSSE A “CAPITANO” IL FORMIANO GIUSEPPE D’ELIA

Posted by on Feb 18, 2021

FRA’ DIAVOLO PROMOSSE A “CAPITANO” IL FORMIANO GIUSEPPE D’ELIA

Successe dopo l’assedio di Gaeta del 1799 quando Fra’ Diavolo con le sue armate riuscì a far uscire da Gaeta gli occupanti francesi comandati dal generale Girardon.

Quest’ultimo non volle che la resa fosse firmata da Fra’ Diavolo, per cui intervennero l’ammiraglio Nelson e il ministro Acton che firmarono come rappresentanti del Regno Borbonico.
Così Michele Pezza alias Fra’ Diavolo , scrisse un documento appena conclusa l’operazione militare contro i francesi, nell’assedio di Gaeta :

“Certifico qualmente che la persona di D.Giuseppe D’Elia della Terra di Mola di Gaeta nel mese di aprile si portò sotto il mio comando con sessanta uomini , e siccome continuò fino alla resa della Piazza di Gaeta, ed in tutti gli attacchi che si sono avuti con i francesi si è mostrato valoroso, come a tutti i comandi a volo ha obbedito, e perciò da me fu graduato Capitano.Dal quartier generale di Castellone li 8 agosto 1799 Michele Pezza Comandante della Truppa in Massa del Ripartimento del Garigliano accampata nella spiaggia di Gaeta “

Altre notizie su Giuseppe D’Elia e Filippo Giovannandrea , entrambi di Mola di Gaeta:”

A combattere con Fra’ Diavolo vi furono nobili come Nofi e De Bellis , e signori come D. Vincenzo De Fabritiis e De Spagnolis , il diacono Castelli , i sacerdoti Costanzo , Moretti e Cassetta.

Inoltre un tal Filippo Giovannandrea, figlio di un dottore di Formia, che, uscito dal Regio Collegio di Gaeta, all’arrivo dei francesi , si arruolò nel Corpo della Società Realista , formato dal marchese di S. Luca , e combatté poi con Fra’ Diavolo, nell’assedio di Gaeta.

Anche D. Giuseppe D’Elia , benestante e impiegato della Dogana di Formia, elogiato dal Vescovo di Gaeta per condotta e valore, fu col Pezza.

Sempre con Michele Pezza combatterono altresì gli itrani Raffaele Tatta detto Ciocio’, Fidaleo detto Capo di Zappo, Francesco Cifu’ detto Funiello, e Clemente Addessi soprannominato Corso, perché lo si paragonava a quei cani mastini detti ” corsi “.

Il Tenente Clemente Addessi comandava un gruppo di 157 uomini.Suddette notizie sono prese da:” Gli assedi di Gaeta ” scritto da Giovanni De Matteo” Fra’ Diavolo : Vita ed imprese del Colonnello Michele Pezza” scritto da Alfredo Saccoccio ” Michele Pezza “ scritto da Francesco Barra.

Raffaele Capolino

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.