Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria

FRA DIAVOLO, SCHERZO A CARNEVALE di RINO RELLI (12)

Posted by on Mar 18, 2019

FRA DIAVOLO, SCHERZO A CARNEVALE di RINO RELLI  (12)

1

Le maschere escono (13) ballando. (Sull’aria della Carmen)

Coro:                      Viva, viva Carnevale, cantiam tutti con amor

Viva il nume del liquore che ci fa sempre cantar.

Onori rendiamo a te Carnevale

Con blande canzoni le danze tue intrecciamo.

Con tazze e bicchieri, con te noi brindiam.

Gran nume del piacere te solo adoriam.

Lui con l’orgia e con il riso ci trasporta in paradiso.

Bis°.

Oh Carneval giocondo quando passi tu

Ride il cielo, ride il mare, gaio di gioventù

Piedimonte e una canzone che noi qui canterem

È una malia è una follia

Per noi bella è l’allegria e ci infischiam del mondo intero.

È Carnevale. Questo si fa.

Signora:                             Si sente bussare alla porta, ma non diamogli retta, cantiamo.

[Coro]                                Tutti i dolori per noi niente son. Inneggiamo cantiamo

                                           L’ eterne tue canzon

                                           Per noi bella è l’allegria e vogliamo sempre cantar

                                           È Carnevale, vogliam cantar.

Sig.ra:                                 Di nuovo si sente bussare alla porta, vediamo

                                            chi è questo volgare insultatore che insiste di

                                            entrare  qui a rompere la nostra compagnia.,

                                            lo facciamo entrare? 

Tutti:                                   Si, si, facciamolo entrare.

2-

Uno:                                  Avanti, entrate.                                                                                                                                                               

Spagnolo:                          C’è permesso?

Tutti:                                  Avanti.

Spagnolo:                          Sono entrato qui attratto da questo rumoroso baccano

                                           E vedo che proprio voi ne siete gli autori

                                           Mi permettete che vi esprima il mio giudizio ?

Tutti:                                  Avanti, spiegatevi.

Spagnolo:                          Voi inneggiate ad un dio falso e bugiardo il quale è questo

                                           Carnevale, mito a me sconosciuto. Inneggiate piuttosto ad un

                                           Uomo che fra poco lo vedremo giungere in mezzo a noi

                                           Per chiedervi un po’ di ospitalità.

Uno:                                   E chi è costui ?

Spagnolo:                           È Fra Diavolo, amici, evviva Fra Diavolo.

                                           O bella, nessuno mi risponde? Ebbene, fra poco lo vedrete

                                           E imparerete ad amarlo.

(rullano i tamburi)

Fra Diavolo:                     Tremate, tremate. Spalancate gli abissi. Sono io che sorgo

                                           Dal regno delle pene. Tremate, tremate.

(Si balla)                             ………………………………………………

Capo sala:                         Oggi mi sembra giornata delle meraviglie, ora col C’è permesso ?”

                                           Ora col “Tremate”. Signore, a nome di tutti vi dico: Chi siete e che

                                           Cosa Volete ?”

Fra Diavolo:                      Appunto. In poche parole vi spiego tutto. Il nome mio è noto a tutti

                                           Ed eccomi pure in mezzo a voi per un istante a festeggiare  questo

                                           Carnevale che non è stato festeggiato [mai] con tanto splendore come

                                            [in] questo anno. Da elegantissime maschere mi vedo circondato

                                            E vorrei per sempre restare in mezzo a voi, ma, ahi sorte crudele

                                            Che mi perseguita, è che io nel più bello della mia vita debbo

                                            Abbandonarvi per procedere per altre regioni, ma prima che io

                                            Vi abbandoni ascoltate con attenzione la mia parola. Io voglio 

                                            Cantarvi il mio carme, il mio preferito madrigale.

3-

(Canta Fra Diavolo)

                                           Quell’uom dal fiero aspetto guardate sul cammino               Re m.

                                           Lo stocco ed il moschetto ho sempre a me vicin,

                                           Guardate il fiocco rosso che io porto sul cappello

                                           E di velluto indosso ricchissimo mantel.

                                           Tremate, fin dal sentir del tuono                                             La.

                                           Che dell’eco viene il suono. Diavolo, Diavolo, Diavolo…

Si balla.                              ………………………………………………..

Fra Diavolo:                       Se do minaccia spesso a chi guerra mi fa

                                            Di me verso il bel sesso un più gentil non v’è…

                                            Più di una che io sorpresi la Nina lo può dire

                                            Tornata al suo paese col cuor pien di sospir.

Nina:                                   Tremate, dinanzi a lui sapete

                                            Quel che ognun di noi ripete Diavolo, Diavolo, Diavolo…

Un Cavaliere:                      Amici, ora che abbiamo conosciuto il caro Fra Diavolo,

                                             Cantiamoci inni, e brindiamo alla sua dipartita.

Tutti:                                     Si, si facciamoci brinnisi…

                                              Si,  facciamoci brinnisi.

Una donna:                          Attenzione ai bicchieri !

Tutti in coro: (sul motivo di piccolo vagabondo )

                                           Viva viva Fra Diavolo, Uomo pieno di conforto

 Prima che lo abbandoniamo  vogliamo a lui brindare

 Con l’orge e l’allegria cantiam le sue canzoni

 Viva viva Fra Diavolo ed il suo buon umore

 Viva il bandito Fra Diavolo, uomo sempre spensierato

 Cosa importa che sei bandito? Tu sollevi i nostri affanni

 Siamo nati per morire, con te vivere beato

 E felice per mille anni, per mille anni

 Tu ci trasformi(14) con ebbrezza, la tua eterna contentezza,

 Tu ci trasformi con ebbrezza, la tua eterna contentezza.

Balletto                                            ………………………………………………..

Tutti in coro:                      Tu ridoni ai nostri cuori,tu ridoni ai nostri cuori

 La dolcezza e l’esultanza, la dolcezza e l’esultanza,

 Ravvivi i nostri amori, con la fe’, con la speranza

 Tu col dolce tuo sorriso, ci trasporti in paradiso …           Bis

4-

(Quartetto della Lucia di Lammermoor)

(Canta Fra Diavolo)    

                                           Grazie, grazie a voi pure, miei seguaci spensierati,

                                           Degli elogi che voi fate, a me nume, a me nume del piacere.

                                           Viva le maschere,

                                           Amici evviva, evviva l’armonia, amici evviva, evviva il buon umore

                                           Viva il buon umore.

Tutti:                                  Viva il liquor, Viva viva l’amor

                                           Noi non siamo le maschere Tal proprio segnate,

                                           Siamo esse ammirate sul suolo e sul mare…

(Brinneso)

Fra Diavolo:                       Viva, viva il liquor,  viva l’amor…

Tutti in coro:                       Per questo bel signore nostro compagnone maschere allegre

                                            Siamo, Beviam, beviam, beviam,

                                            I calici ricolmi di questo bel liquore                                    Fa mg.

                                            Tutto d’un fiato vogliam tracannar

                                            Evviva Fra Diavolo.

Solo fra Diavolo:                Evviva voi tutti, lo sapete, perché no?

                                            Perché col bel liquore previen l’orgia e cantare

                                            Maschere allegre siamo beviam, beviam, beviam.

Tutti:                                   Perché col bel liquore previen l’orgia e cantare

                                            Maschere allegre siamo beviam, beviam, beviam.                                                                                                                                                              5-

                                             Con i liquori belli, belli e scintillanti

                                             Che nelle coppe limpide, limpide e brillanti

                                             Evviva, evviva l’armonia, l’allegria, il buonumor

                                             Evviva, evviva l’allegria, l’armonia, il buonumor.                (Bis)

                                             Or che noi siamo in buon umore, in buon umore

                                             Ti salutiamo Fra Diavolo con cuore

                                             Evviva, evviva , evviva il Fra Diavolo, il Fra Diavolo, il Fra Diavolo.

                                             Or che siamo in buonumore, evviva il liquore

                                             E di casa il buon padrone.

                                             E a questo eccelso nume facciamogli onor.

Quadriglie                           ……………………………………

                                                                                                                    Firma indecifrabile.

————–

1- Cfr. O. Casale –a cura di– Canti carnascialeschi napoletani, Roma, Bulzoni, 1977. 2- Da G. Miranda, Breve storia del Carnevale a Napoli, Napoli, 1893, in AA. VV., Monumenti e miti della Campania, Felix. Le feste, Napoli, Pierro, 1996, pp. 63-76)   3- Cfr. P. Toschi, Le origini del teatro italiano, Torino, Boringhieri, 1976. A. Rossi, R. De Simone, carnevale si chiamava vicienzo, Roma, De Luca, 1977. 4- D. Marrocco, Piedimonte. Storia – Attualità, Napoli, Treves, 1961, pp. 404 e 406-7. 5- Cfr. documenti in F. Barra, Cronache del brigantaggio meridionale. 1806-1815, Napoli, SEM, 1981, pp. 297-301 e in P. Pecchia, Il Colonnello Michele Pezza,( fra Diavolo), Fondi, Kolbe, 2005, pp. 21-91. 6- R. Di Lello, Briganti in Irpinia al tempo dei Borbone, in “Otto pagine”, Avellino, L’Approdo Ed., XIII (2007) 222, p. 19;  228, p. 7;  235, p. 7; 242, p. 9. 7- Cfr. documenti in P. Pecchia, pp. 226,228 e 231. Cfr. altresì B. Amante, Fra Diavolo e il suo tempo, Firenze 1904 – Napoli, ABE, 1974, pp. 370-372. 8 Cfr. P. Pecchia, pp. 181-191. Id., Cimeli di frà Diavolo. Memorie del bicentenario della morte di Michele Pezza (1806-2006) Fondi, Kolbe, 2009, p.70. 9  Cfr. G. Dauli, Fra Diavolo, Milano, Aurora, 1934,  p. 174) 10- Cfr. AA.VV., Brigantaggio Lealismo Repressione, s.l., Macchiaroli, 1984, pp. 302-303, n. 622;  307, n. 631; 308-309, nn. 633-635; 310, n. 640. 11- Fornitomi in fotocopia con le musiche, per la pubblicazione, dalla professoressa Netta Antonucci da Piedimonte, la quale l’ebbe, quando prese parte a una recita, nel 1967. 12- Pseudonimo di Gennarino Caprarelli. 13- Modo di dire che allude all’uscita sulla scena. 14- Forse da leggere: trasfondi, anche nel verso seguente.

fonte http://www.visitaitri.it/rosario_di_lello.htm

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: