Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

GIUSEPPE CAPECELATRO E IL DISCORSO ISTORICO-POLITICO DELL’ORIGINE, DEL PROGRESSO E DELLA DECADENZA DEL POTERE DE’ CHIERICI SU LE SIGNORIE TEMPORALI (1788)

Posted by on Mag 26, 2020

GIUSEPPE CAPECELATRO E IL DISCORSO ISTORICO-POLITICO DELL’ORIGINE, DEL PROGRESSO E DELLA DECADENZA DEL POTERE DE’ CHIERICI SU LE SIGNORIE TEMPORALI (1788)

1.    La polemica giurisdizionalista tra governo borbonico e Santa Sede

Tra i numerosi scritti di Giuseppe Capecelatro1, arcivescovo di Taranto dal 1778 al 18172, particolare interesse assume il Discorso……….

1 Per un elenco completo degli scritti di Capecelatro cf. D. PISANI, Note bio- bibliografiche su Giuseppe Capecelatro, in G. CAPECELATRO, Discorso istorico-politico dell’origine, del progresso, e della decadenza del potere de’ chierici su le signorie temporali con un ristretto dell’istoria delle Due Sicilie (rist. anastatica), InkLine, Taranto 2008, XI-XIII.

2  Notizie biografiche su Giuseppe Capecelatro in A. SGURA, Relazione sulla condotta dell’arcivescovo di Taranto Mons. Giuseppe Capecelatro nelle famose vicende del regno di Napoli nell’anno 1799, Napoli 1826; N. CANDIA, Elogio storico del- l’Arcivescovo Giuseppe Capece-Latro, tip. Porcelli, Napoli 1837; A. CRISCUOLO, Ebali ed Ebaliche, Vecchi, Trani 1877; F. PALUMBO, “Monsignor Capecelatro”, in Rivista storico salentina VI (1909) n. 5-6; P. PIERI, “Taranto nel 1799 e Monsignor Capecela- tro”, in Archivio storico italiano LXXXII (1924) I; A. PARENTE, La rinunzia di Giuseppe Capecelatro all’Arcivescovo di Taranto e i suoi rapporti con la corte pontificia, Tip. Sani- taria, Napoli 1928; P. SAVIO, Devozione di A. Turchi alla S. Sede, L’Italia francescana, Roma 1938; G. AULETTA, Un giansenista napoletano del Settecento: Mons. Giuseppe Capecelatro arcivescovo di Taranto, tip. Pelosi, Napoli 1940; B. CROCE, Uomini e cose della vecchia Italia, Laterza, Bari 1943, II, 158-182; M. ZAZZETTA, “Capecelatro Giu-

istorico-politico dell’origine, del progresso e della decadenza del potere de’ chierici su le signorie temporali, pubblicato anonimo nel 1788 (ma con molti riferimenti in nota ad alcuni scritti dell’Arcivescovo di Ta- ranto), con l’indicazione fittizia di Filadelfia quale luogo di edizio- ne, ma in realtà Napoli3, nel quale l’autore prese parte alla polemi- ca giurisdizionalista condotta dal governo borbonico nei riguardi della Chiesa sul cosideddetto omaggio della Chinea. Si tratta di un testo sinora scarsamente oggetto di studio e caratterizzato da te- matiche care a Pietro Giannone4. L’opera sarebbe stata scritta su espresso invito del ministro Acton, come attesta lo stesso Arcive-

seppe”, Enciclopedia Cattolica, III, Sansoni, Città del Vaticano 1949; N. VACCA, Ter- ra d’Otranto. Fine Settecento inizi Ottocento (Spigolature da tre carteggi), Società di Storia Patria per la Puglia, Bari 1966; P. STELLA, “Capecelatro Giuseppe”, Diziona- rio Biografico degli Italiani, XVIII, Istituto della Enciclopedia Italiana, Roma 1975, 445-452; C. LANEVE, “Le visite pastorali di mons. Giuseppe Capecelatro nella Dio- cesi di Taranto alla fine del Settecento”, in Ricerche di storia sociale e religiosa, 13 (1978), 195-226; G. PELUSO, Giuseppe Capecelatro arcivescovo di Taranto e ministro di due re, Cressati, Taranto 1980; V. DE MARCO, La Diocesi di Taranto nel Settecento: 1713-1816, Edizioni di storia e letteratura, Roma 1990; A. PEPE, Il clero giacobino: documenti inediti, I, I riformatori: Capecelatro, Rosini, Serrao, Procaccini, Napoli 1999.
3 Il Discorso fu stampato anonimo a Napoli nel 1788 e ristampato ancora ano- nimo nel 1820 in Napoli dai Torchi di Luca Marotta. Una terza edizione non più anonima fu curata da Mons. Solito de Solis con l’aggiunta delle Riflessioni sul Di- scorso e pubblicata in Napoli dalla stamperia reale nel 1863. Le notizie relative alla data, all’autore e al luogo di edizione si debbono a G. MELZI, Dizionario di opere anonime e pseudonime di scrittori italiani o come che sia aventi relazione all’Italia, vol. I, Pirola, Milano 1848, 310. Cf. M. PARENTI, Dizionario dei luoghi di stampa falsi inven- tati o supposti in opere di autori e traduttori italiani: con un’appendice sulla data Italia e un saggio sui falsi luoghi italiani usati all’estero, o in Italia, da autori stranieri, Le lettere, Firenze 1951, 85.
4 Molti autori hanno definito il Capecelatro giansenista, soprattutto a partire dall’opera dell’AULETTA, Un giansenista, cit., il cui severo giudizio critico sul prela- to ha certamente condizionato tutti gli scritti successivi, tanto che G. CACCIATORE,S. Alfonso de’ Liguori e il giansenismo. Le ultime fortune del moto giansenista e la restituzione del pensiero cattolico nel secolo XVIII, Libreria editrice fiorentina, Firenze 1944, 188-191 e 204-215 lo inseriva in un dettagliato elenco di giansenisti napoletani. Occorre però osservare che Capecelatro non si definì mai tale e non fu mai processato dal Sant’Uffizio per tale accusa. Le sue inclinazioni regaliste e anticu- rialiste di stampo giannoniano – acquisite attraverso le lezioni di Antonio Genovesi possono aver portato ad una coincidenza di idee con il giansenismo che esulano però dal campo teologico, al cui acceso dibattito l’arcivescovo di Taranto non prese mai parte, cf. R. DE MAIO, Società e vita religiosa a Napoli nell’età moderna (1656-1799), ESI, Napoli 1971, 185; DE MARCO, La Diocesi, cit., 112; P. STELLA, Il giansenismo in Italia. II. Il movimento giansenista e la produzione libraria, Edizioni di storia e letteratura, Roma 2006, 235.

scovo in una lettera del 12 settembre 1835 indirizzata al papa Gre- gorio XVI:
Per comando di S.M. Ferdinando IV di allora mi fu imposto dal primo Ministro Generale Giovanni Acton, di sostenere li diritti della Corona, che si reputarono lesi da una scrittura dell’ottimo fu cardi- nal Borgia, lui ancora avvertito, che S.M. era malcontento dei scritti sin allora pubblicati, come quelli, che contenevano espressioni indecenti5.

Numerosi, infatti, erano gli scritti comparsi a favore della corona borbonica nella polemica sorta nel 1776 tra il Regno di Napoli e la Santa Sede a seguito dell’abolizione – per opera del ministro Bernardo Tanucci6 – dell’omaggio vassallatico della c.d. Chinea7 fi- no ad allora reso dal Re di Napoli al Pontefice il giorno dei Santi Pietro e Paolo attraverso una cerimonia solenne nella quale un ca- vallo ambiatore portava al Papa una somma di denaro che negli ultimi tempi ammontava a circa 7000 ducati d’oro8. Ricorda Pietro

5 Archivio Vaticano, Nunziatura Napoli, Diocesi, mz. 50. Cf. PEPE, Il clero, cit., 131.
6 Su Bernardo Tanucci cf. M. VINCIGUERRA, La Reggenza borbonica nella minore età di Ferdinando IV, Pierro, Napoli, 1918, appendice; A. V. MIGLIORINI, Epistolario di Bernardo Tanucci, 1752-56, vol. III, Edizioni di storia e letteratura, Roma 1985, 489; R. AJELLO – M. D’ADDIO (ed.), Bernardo Tanucci statista letterato giurista: atti del Convegno internazionale di studi per il secondo centenario, 1783-1983, Jovene, Napoli 1986; M. G. MAIORINI, La reggenza borbonica, Giannini, Napoli 1991; R. AJELLO, “I filosofi e la Regina. Il governo delle Due Sicilie da Tanucci a Caracciolo (1776- 1786)”, Rivista Storica Italiana (1991) II 389-454 e III 657-738.

7 Chinea, in senso letterale, era la mula bianca o cavallo ambiatore delle Astu- rie che un ambasciatore straordinario del Regno di Napoli presentava ogni anno in forma solenne al Papa per il pagamento del censo. L’uso risaliva al tempo dei Normanni i quali, dopo la conquista, avevano ricevuto il Regno in feudo dal pon- tefice in cambio di un cavallo ambiatore e di una consistente offerta in denaro. Sull’argomento D. LIOY, “L’abolizione dell’omaggio della Chinea”, Archivio storico per le province napoletane VII (1882) 263-92, 497-530 e 713-75; M. SCHIPA, Nel Regno di Ferdinando IV Borbone, Vallecchi, Firenze 1938, 77-323; F. MASTROBERTI, “Il dia- rio e la biografia di Carlo De Nicola. La sofferta transizione delle mentalità giuri- diche dall’antico al nuovo regime”, Frontiera d’Europa (2005) 2 139.
8 P. COLLETTA, Storia del reame di Napoli (a cura di A. BRAVO), UTET, Torino 1975, 56: “Usavano i re di Napoli, come è noto per le nostre istorie, presentare al papa in ogni anno la chinea (cavallo bianco riccamente bardato) e settemila ducati d’oro. La cerimonia era pomposa, perciocché un ambasciatore, nel 29 di giugno, giorno di san Pietro, offeriva quel dono in nome del re al pontefice, che, negli atri della basilica vaticana ricevendolo diceva: – essere il censo a lui dovuto per diretto dominio sul regno delle due Sicilie”.

Colletta nella sua Storia del reame di Napoli che nell’anno 1776, “mentre il principe Colonna, gran contestabile del regno e amba- sciatore del re, cavalcava alla basilica, disputazione di precedenza tra i servi dell’ambasciatore di Spagna e del governatore di Roma produsse nel popolo ivi adunato moti di calca e romori di voci, che subito quietarono”9. Terminata la cerimonia, l’ambasciatore riferì  le popolari turbolenze al re che, per dispaccio del suo ministro, rispose:

Le controversie alla occasione della chinea, hanno afflitto l’animo divoto del re, perché, a cagione de’ luoghi, del tempo, delle circo- stanze potevano apportare disgustose conseguenze da turbare la quiete dei due sovrani e de’ due Stati. E poiché l’esempio ha dimo- strato che un atto di sua mera divozione, qual è il presente della chinea, può essere motivo a scandalo ed a discordie, egli ha delibe- rato e risoluto che la cerimonia cessi per lo avvenire, e che a quell’at- to di sua divozione verso i santi apostoli egli adempisca quando gliene venga desiderio per mezzo del suo agente o ministro. Gli esempi, la ragione, le riflessioni, le cautele, la umanità, la rettitudine, hanno concorso a muovere il regio animo a tale deliberazione, di quell’atto dipendendo unicamente la forma dalla sovrana volontà, e dall’impulso di sua pietà, e della religiosa compiacenza. Questi sensi di figliale venerazione verso il capo supremo della Chiesa sieno co- municati alla corte di Roma. Da Napoli 29 di luglio del 177610.

Nonostante la formale abolizione, la Chinea continuò ad essere prestata – anche per la mediazione di Carlo III di Spagna – fino al 1787: l’anno successivo, invece, il Re di Napoli offrì solo i 7000 du- cati a titolo esclusivamente privato, facendo a meno della cerimo- nia di consegna11.
In realtà il contrasto tra Regno e Chiesa risultava fondato su

9 Idem.

10 Idem.

11 Idem: “Anni appresso il re privatamente offerse settemila ducati d’oro senza chinea o cerimonia, come dono di principe devoto alla Chiesa; e il Papa, rifiutan- doli, dichiarò più che mai solennemente le sue ragioni, e la disobbedienza (così la diceva) della corte di Napoli”. Scrive LIOY, L’abolizione, cit., 275: “Ora la verità si è che l’omaggio della chinea non venne abolito nel tempo indicato dal Colletta ma fu prestato fino a tutto il 1787, quando il Durel era a Roma, e cessò l’anno seguen- te. Sicché la risoluzione presa nel 1776 dal governo di Napoli, di cui parla il Col- letta, e che è vera, non venne mandata ad effetto e si ridusse ad una semplice minaccia”.

questioni ben più concrete che traevano origine nel mancato ri- spetto da parte dei napoletani del concordato con la Santa Sede stipulato nel 1741 e che avevano nell’omaggio vassallatico solo lo specchio formale. Gli attriti fra i governi borbonico e pontificio si erano acuiti soprattutto nel 1788 a seguito della brusca interruzio- ne delle trattative intavolate con la Santa Sede per la revisione del concordato sulle tematiche relative alle Commende Costantiniane, all’elezione dei Vescovi e alla nomina delle Badie e Prelature del Regno12. Ed è proprio in quell’anno che il cardinal Stefano Borgia, menzionato dal Capecelatro nella citata lettera, scriveva la sua Bre- ve Istoria del dominio temporale della Sede Apostolica nelle Due Sicilie nel quale difendeva la legittimità delle pretese papali in risposta al saggio del 1785 di Giuseppe Cestari dal titolo Esame della pretesa donazione fatta da S. Arrigo imperatore alla S. Sede. A questi scritti e- rano seguiti numerosi opuscoli anticurialisti13, spesso pubblicati anonimi e senza indicazione della data come il Discorso sulla chinea pretesa da Roma, la Lettera di un amico di Napoli ad un amico di Roma su la pretesa chinea e la consegnazione dei Vescovi, la Memoria su la chinea, l’Allocuzione del cardinale N.N. al Papa, la Risposta al Papa all’allocuzione del cardinale N.N., I vescovi consacrati indipendentemen- te da Roma, La nuova forma della chinea che dà idea grande de’ veri fatti e non capricciosi, come quelli apposti nell’altre stampate, e colla nuova allocuzione del cardinale N.N. al papa Pio VI e con nuova lettera di sommo pontefice, Al Papa il Re – Discorso, Il viaggio dell’internunzio os- sia memoria su lo scioglimento di un matrimonio14, che – a dire del Ca-

12 Ibidem, 502: “La corte di Roma per usare una pressione sul Governo di Na- poli, ed indurlo indirettamente a cedere alle sue pretensioni, non provvedeva di Vescovi le sedi vacanti, e quanto più si facevano premure su questo proposito tanto più la Curia Romana teneva duro. Le cose erano giunte a questo punto, quando venne il tempo della presentazione della Chinea, ed il governo di Napoli cercò allora di prendere una rivincita, ordinandone l’abolizione”.
13 Un elenco di questi scritti si trova in O.M. CHIARIZIA, Giannone da’ campi elisj, ovvero conferenze segrete tra un savio ministro di Stato e l’avvocato Pietro Giannone, intorno ad importantissimi obbietti che riguardano il ben essere della nazione Napoletana, sl, 1791, 40-42 e in S. BORGIA, Difesa del dominio temporale della Sede Apostolica nelle Due Sicilie in risposta alle scritture pubblicate in contrario, Roma 1791, XLVI-XLVIII.
14 Secondo lo studio di MELZI, Dizionario, cit., 341-344 questi scritti sarebbero attribuibili rispettivamente a Bernardo Brusone, all’abate Saverio Polito, al barone Michelangelo Colletti e all’abate Francesco Saverio Salfi. Tutti questi opuscoli fu- rono pubblicati s.d. a spese di Salvatore Palermo, nel Corridoio del S.R.C. e si tro-

pecelatro – non avrebbero soddisfatto il Sovrano, oltre a contenere espressioni indecenti, tanto da richiedere un dotto contributo sull’argomento direttamente al nostro arcivescovo. E tale velata nota di sdegno verso i contributi scritti dai precedenti chineisti fu condivisa anche dall’avvocato Carlo De Nicola (1758-1849) che nello stesso 1788 dava alle stampe – sotto il falso nome di Ciro Econ- dalla – una Epitome istorica sul censo napoletano15 nella quale, se- guendo l’Istoria civile del Giannone, individuava le ragioni del- l’infondatezza delle pretese della Chiesa di Roma16. Stampo che risulta evidente anche nel Discorso del Capecelatro che ritenne di citare Pietro Giannone accanto a Galileo Galilei e considerarli mar- tiri della nuova scienza contro l’ignoranza17.

1. I contenuti del ‘Discorso’

La struttura del saggio del Capecelatro risulta semplice e ben articolata. Come lo stesso autore spiega nella prefazione al testo,   il Discorso si divide in due parti, “la prima politica, istorica la se- conda”18:

Noi daremo nella prima parte un saggio dell’origine di questo potere19, ricavando dall’istoria de’ fatti, e dalla condizione de’ tempi. Se taluno vorrà opporsi al nostro sistema, dovrà certamente o nega- re l’esistenza delle passate memorie, o formare una nuova Istoria de’ tempi andati. Tanto saggiamente avvertì il dottissimo Muratori, al- lorché molte usurpazioni sorsero contro le opere di quel valente e

vano conservati nella Biblioteca della Società Napoletana di Storia Patria, coll. Sa- la Banco Napoli XIV C 15, cf. STELLA, Il giansenismo, cit., 258; MASTROBERTI, Il dia- rio, cit., 144.
15 C. DE NICOLA, Epitome istorica di Ciro Econdalla sul censo napoletano, Napoli 1788. L’attribuzione dell’opera al de Nicola fu fatta da MELZI, Dizionario, 341-344. Sull’argomento MASTROBERTI, Il diario, cit., 139.
16 Cf. DE NICOLA, Epitome, cit., 3. MASTROBERTI, Il diario, 143.
17 Cf. CAPECELATRO, Discorso, cit., 66: “Simile trattamento soffrì ne’ tempi più a noi vicini il celebre Galileo, splendore e decoro della nostra Italia, senza parlare dell’illustre Pietro Giannone, al quale tanto deve il trono de’ Re Napoletani”.

18 Ibidem, IV.
19 L’autore si riferisce al “potere Chiericale, che tanto s’innalzò su le rovine delle illibate massime del Vangelo”: Idem.

pio Sacerdote20. Nella seconda parte daremo un ristretto dell’Istoria del Regno a solo fine di giustificare il supremo diritto della ragion di Stato, che suggerì a Ferdinando IV l’abolizione di una vecchia usan- za, che tanti danni recò a queste felicissime contrade dell’Italia21.

La parte più originale dell’opera rispetto agli altri scritti chineisti risulta sicuramente la prima, nella quale l’Arcivescovo presenta una approfondita trattazione sul potere chiericale la cui origine ebbe causa “dall’ignorante condizione de’ tempi, dalla rivoluzione de’ Principati temporali, e dalle concessioni de’ Principi regnan- ti”22. I “tempi” ai quali l’autore faceva riferimento erano quelli pre- cedenti e successivi alla pace di Costanza: infatti, “giacché quella pace fomentò le divisioni e preparò nuove ruine”, l’Italia fu tal- mente sconvolta dal cambiamento delle leggi e del governo che i popoli caddero nello stato di una somma ignoranza che favorì il prestigio dei vescovi e del clero costretti per il proprio ministero ad essere ritenuti “fra le comuni ruine una scintilla di letteratura”. La cultura del clero rispetto all’ignoranza dei laici comportò che “il maneggio de’ pubblici affari venisse ai Vescovi affidato, e le cose private fussero da’ Parrochi regolate: perciò fra le tenebre di que’ tempi noi vediamo che i vescovi sostengono la figura di ministri, e i Parrochi quella di notaj”23. Ed ancora la stessa ignoranza alterò la purità della dottrina della Chiesa con il diffondersi della credenza secondo cui potesse acquistarsi la salvezza dell’anima attraverso donazioni da parte dei privati che pagavano così il prezzo dei propri peccati. Ed i Principi fecero altrettanto “procurandosi la compra della salvezza eterna con offerire alle Chiese regalie di Cit- tà, e di Stati”24. E fu così che si creò una forte confusione fra i pote- ri: infatti, gli stessi Vescovi cominciarono a “mischiarsi nella ele-

20 Ancora una volta il saggio si presenta in linea con quello di de Nicola i cui riferimenti al Muratori sono numerosi nella ricostruzione delle vicende del regno meridionale nel medioevo, cf. MASTROBERTI, Il diario, cit., 145-6.

21 CAPECELATRO, Discorso, cit., VII-VIII.
22 Ibidem, 11. il riferimento è alla “favolosa” donazione di Costantino che costi- tuì il presupposto dei primi influssi della potestà chiesastica in generale che in- dussero il Papa ed i Vescovi a prendere “l’aria di Signori temporali, e disposero degli affari di Stato”.
23 “Ecco un accidente tutto naturale destinato dalla combinazione delle umane vicende a formare il gran colosso della Potestà Sacerdotale”: Ibidem, 17.
24 Ibidem, 18.

zione del Sovrano, e spesso fu eletto quegli, che più seppe donare o promettere”, i quali finirono per ricoprire direttamente cariche istituzionali regie quali quelle di messo o inquisitore imperiale, ambasciatore o legato25. Molti furono i Principi che concessero feudi ai prelati della chiesa con vassallaggio e giurisdizione baro- nale26, tanto nel Regno di Napoli, quanto nelle altre parti d’Italia. Ma queste signorie dei prelati non avevano lunga durata “poiché l’opinione di cui godeva un Vescovo, non era di quel grado, e di quel peso, che potesse assicurarne il proseguimento”. Il Papa al contrario “fece maggior impressione su l’animo dei Principi e delle Nazioni; onde tutti concorsero a renderlo potentissimo cogli atti del più umile rispetto, e delle più generose donazioni”27. Questo spirito contribuì ad accrescere il potere temporale del Papato che divenne presto un “immenso Colosso” fino a creare uno “Stato nello Stato, un Impero nell’Impero”28.

La seconda parte del saggio – che richiama in più passi il “libro de’ censi” (1192) di Cencio Camerario29, non menzionato dal Mura- tori e dal Giannone, i quali forse “non ebbero allora presente” que- sto volume30 – affronta più in particolare il problema dell’origine dell’omaggio della Chinea, la cui genesi viene fatta risalire alla ve- nuta dei Longobardi in Italia, allorché le massime feudali diedero stura ad usanze e prestazioni religiose31:

25 L’autore cita gli esempi di Notingo vescovo di Brescia che fu inviato da Lo- dovico II a Lodovico Re di Germania; di Adalberto Vescovo di Verona che fu le- gato di Carlo il Grosso Imperadore appresso Giovanni VIII Papa, Ibidem, 19.
26 Ibidem, 22: “Noi abbiamo avuta l’occasione di osservare le carte di molti Ar- chivj Prelatizj, e possiamo, senza timore d’ingannarci, assicurare i nostri Lettori, che la maggior parte de’ feudi del Regno furono in potere de’ Vescovi, de’ Mona- ci, e degli Abati Commendatarj”.
27  Ibidem, 25.
28  Ibidem, 65.

29 Si tratta del Liber censuum romanae ecclesiae, in diciotto volumi, noto anche come Liber Censuum o Codice di Cencio dal nome del suo autore il cardinal Cencio Savelli (1150-1227, futuro Papa Onorio III), all’epoca camerario dei Papi Clemente III e Celestino III, cf. A. PARAVICINI BAGLIANI, Il papato nel secolo XIII. Cent’anni di bibliografia (1875-2009), SISMEL, Firenze 2010.
30 Cf. CAPECELATRO, Discorso, cit., 102.
31 L’origine delle investiture “deve ripetersi da quel principio, che fece credere ai Papi, che nel dare i titoli di Duchi, di Conti, di Re rappresentassero non sola- mente la figura di quei primi Sacerdoti d’Israello, che ungevano coll’olio sacro la testa de’ regnanti, ma che simile atto indicasse eziandio un titolo di sovranità ge-

Le Chiese più insigni vantarono quasi un aria di dominio sopra le Chiese minori, e queste furono soggette ad alcune contribuzioni destinate a riconoscere in certo modo l’alto dominio della Chiesa maggiore. […] Quella che oggi chiamasi obbedienza stabilita nelle diverse Chiese nel giorno per lo più del Santo Protettore ritiene an- cora un luminoso argomento. I Vescovi ricevono in quel giorno un atto di omaggio da tutto il Clero secolare e regolare, e dalle Congre- gazioni de’ laici con qualche segno di offerta indicante una specie di tributo. I Papi molto più grandi nella potenza, vollero questo segno di ossequio nel giorno di S. Pietro da’ Principi della Terra, e perciò quella per lo più fu la solennità stabilita per simili obbligazioni, e diventò la più brillante fra tutte le feste della Chiesa Romana32.

Tale antico uso di offrire collette volontarie “a favor di S. Pie- tro” in vigore nelle province di Puglia fu recepito da Roberto il Guiscardo che “rimise in osservanza” un donativo da versare al Papa Nicolò II ed ai suoi successori “per ciascun paio di bovi dodi- ci denari di moneta di Pavia”. Coll’andare del tempo, “allorchè Papa Innocenzo andava in Callutio”, Ruggiero Re di Sicilia stabilì di dargli annualmente per la Puglia e per la Calabria seicento schi- fati, somma che fu portata a 400 schifati dal figlio Guglielmo “a- vendo occupata Marsia”33. L’origine di tale prestazione non deve quindi essere ricollegata all’investitura di Re Roberto ricevuta da Papa Leone IX: infatti secondo quanto scritto “dal Malaterra, da Ermanno Contratto, e dagli altri monumenti di quel tempo” Papa Leone rinunziò a favore de’ Normanni l’esazione di quelle offerte che la Chiesa Romana riceveva dalle varie terre della Puglia34. E la riprova della fondatezza di tale tesi dell’origine longobarda della colletta stabilita a favore del Papa deriva dalla constatazione che la

nerale sopra tutti i regni del mondo, essendo già divenuta comune l’opinione, che a S. Pietro furono date le chiavi del cielo, e le corone della della terra”: Ibidem, 84.
32 Ibidem, 76.
33 Le notizie sono riprese da Cencio Camerario, che l’autore utilizza come fondamento delle sue riflessioni sull’argomento: Ibidem, 78.
34 Ibidem, 79: “Tuttavia Papa Lione IX, vedendosi trattato con tanta umanità dal suo vincitore Roberto Guiscardo, niun conto volle tenere delle accennate esa- zioni, che si riscotevano a favor di S. Pietro sulle varie terre conquistate dai Nor- manni. Perciò egli lo assolve; gli accorda la sua pontificia benedizione, e niun se- gno noi ritroviamo in questa prima così detta investitura, né di giuramento di fedeltà, né di promessa di servigio militare, né di offerta di censo, né di altra ca- ratteristica, che indicar possa una investitura”.

citazione di Cencio Camerario del “danaro di Pavia” richiama la sede di questi Principi che istituirono “la moneta destinata a que- ste religiose contribuzioni”35. Osserva Capecelatro:

In altro caso, se la contribuzione era nuova, Roberto Guiscardo l’avrebbe regolata colla moneta corrente, e non già colla moneta de’ Longobardi, tanto più che in que’ tempi ogni comunicazione erasi spenta fra questi stati, e i Re d’Italia, per cui strano sembrerebbe, che un censo nuovamente stabilito si fosse regolato colla vecchia moneta de’Longobardi”36.

Attraverso un “ristretto istorico delle varie famiglie che domi- narono su i due Regni di Napoli, e della Sicilia” dai Re normanni ai Borbone, l’autore evidenzia l’alto grado acquisito dal potere pa- pale soprattutto in età viceregnale, favorito da un sovrano assente che rendeva vani tutti gli sforzi posti in essere dal Magistrato su- premo del Collaterale tesi ad opporsi ai progressi di quel potere37. Re Carlo di Borbone riconobbe “i torti che si erano recati a questa Monarchia, ma poiché molto attaccato Egli alla persona del Re- gnante Pontefice Benedetto XIV. Lambertini si contentò di un con- cordato, col quale furono in parte limitati i confini delle due pote- stà”38, nonostante i suoi ministri avrebbero certamente suggerito operazioni più grandi nei riguardi delle pretese regalie. La frattura con la Chiesa si ebbe al momento della rinuncia al trono di Carlo – chiamato al trono di Spagna – in favore del piccolo Ferdinando, che nel 1759 fu riconosciuto e proclamato sovrano delle Due Sicilie senza nessuna menzione di censo o d’investitura papale. Osserva Capecelatro che la corte romana fece “destramente alcuni maneggi presso quel Monarca affine di ottenere, che il nuovo Re Ferdinan-

35 Ibidem, 82.
36 Idem. Anche il fatto che Re Ruggero regolò il suo censo per la Puglia e per la Calabria con gli “schifati” – che era la moneta corrente sotto il dominio degli Im- peratori Greci ai quali fu tolta dai Normanni la Calabria – dimostra che queste prestazioni erano già in uso nelle varie provincie e si regolavano con le antiche monete.
37 Ibidem, 150: “Ma il Sovrano lontano, un Nunzio sempre in Napoli con una forza superiore a qualunque Tribunale, gli affari più premurosi oi della Monar- chia della Spagna, o dell’Impero, tutto contribuiva a render vane e sterili le accor- te mire del saggio Ministero”.
38 Idem.

do chiedesse al Papa la così detta Investitura”39. Nonostante la ferma opposizione del ministro Tanucci – il quale manifestò “l’inutilità di questa malfondata costumanza, l’oscura origine, e l’insussistenza di simile sognato diritto”40 – l’investitura fu accetta- ta dal giovane Re, ma dallo stesso non ratificata al raggiungimento della maggiore età: sarebbe stato, infatti, “troppo debole e vacillan- te lo scettro dei Monarchi delle due Sicilie, se dovesse ripetere la sua forza da una carta papale, che fu ne’ tempi andati esposta all’avidità de’ più offerenti, e turbò la pace de’ Principi e della na- zione”41.

Alcuni passi avanzati dalla Corte di Parma contro le pretese re- galie di S. Pietro mossero il Papa Rezzonico Clemente XIV ad usare contro quel Duca Sovrano le armi spirituali, che furono ne’ tempi andati i mezzi più sicuri per avvilire i principi imbecilli. Le Corti Borboniche mal soffrendo sì strana procedura tolsero al Papa il do- minio di Avignone e di Benevento. Il Monarca Cattolico avvertito delle rivoluzioni di Portogallo, e delle mosse, che si svegliavano ne’ suoi Stati, cacciò i Gesuiti da tutti i suoi Regni, come disturbatori della pubblica tranquillità, e chiese solennemente l’abolizione di un ordine pernicioso al riposo de’ popoli, ed alla sacra regalia del Tro- no42.

Tutte queste circostanze favorirono il proposito del ministro Tanucci di abolire tanti abusi introdotti nel Regno dalla pretesa feudalità papale su tutte le proprietà consacrate alle Chiese: fu quindi tolta ogni giurisdizione al Nunzio del Papa, fu posto freno agli eccessivi acquisti degli ecclesiastici, si fece osservare l’antico divieto di non poter conferire benefici del regno ai forestieri e co- minciò a sostenersi la regia nomina su tutte le Chiese e sui “bene- fizi” del regno. Fu quindi abolita “la vecchia usanza dell’offerta annuale detta la Chinea, che riputossi l’origine di tutte le traversie del Regno Napoletano”43 e ciò produsse “nuove mosse della Corte di Roma” che “volle sostenere il diritto della Chinea colle oscure

39 Ibidem, 152.
40 Idem.
41  Ibidem, 154.
42  Ibidem, 155.
43  Ibidem, 159.

carte fabbricate ne’ tempi della confusione di tutte le umane, e le divine cose”44.

Le considerazioni del Capecelatro se da un lato fecero guada- gnare al suo saggio l’elogio da parte degli Annali ecclesiastici di Fi- renze, i cui autori “rappresentavano allora l’estrema sinistra, plau- dente a qualsiasi tentativo, da qualunque parte venisse, di gettar fango sulla Chiesa e le cose ecclesiastiche”45, dall’altro lo esposero a violente critiche. Infatti il 18 novembre 1788, dopo pochi giorni dalla pubblicazione del libro, scriveva mons. Brancaccio in una let- tera a mons. Caleppi: “Dicesi che quello di Taranto sia dello istesso sentimento, ma costui è troppo noto specialmente dopo l’empio suo libro sulla temporalità della Chiesa nel quale ha fatto un indi- gesto impasto. Copiato dalla Babilonia di Lutero, da Arnaldo da Brescia, Febronio e dagli più accaniti, inurbani e sciocchi nemici della Chiesa. Né vi è pagina senza quattro eresie, errori di logica e della storia. È un vituperio non dico dello Stato ecclesiastico, ma dell’umanità. Dio illumini”46. Il Giornale ecclesiastico di Roma in due articoli comparsi nei numeri 28 e 29 del 10 e 17 gennaio 1789 pub- blicò un severo giudizio contro il Discorso: “sono infiniti gli impro- peri, le calunnie e le bestemmie che l’autore vomita contro la Santa Sede, contro i diritti inconcussi che Dio le ha dato, e contro la de- vozione dei cristiani verso di essa. Si stenterà a trovare un libro scritto con più livore e amarezza di questo. Ma dunque l’autore di un libro così empio sarà davvero l’arcivescovo di Taranto?”47. A fronte di ciò l’opera meritò la condanna da parte della S. Congre- gazione del Sant’Uffizio – che fino a quel momento aveva rispar- miato tutti gli altri saggi sulla chinea – intervenuta il 29 gennaio 1789 sulla base della motivazione:

tamquam continentem propositiones respective falsas, calumniosas, temerarias, piarum aurium offensivas, scandalosas, perniciosas, in utramque potestatem seditiosas, praesertim vero ecclesiasticae ever-

44 Idem.
45 Annali ecclesiastici di Firenze, 5-12 dic. 1788, n. 49 e 50. Cf. AULETTA, Un giansenista, cit., 78.
46 Lettera di Mons. Brancaccio a Mons Caleppi, 18 nov. 1788 in Archivio Vati- cano, Nunziatura Napoli, 601 autogr, cf. SAVIO, Devozione, cit., 251.
47 Giornale ecclesiastico di Roma, 10-17 gen. 1789 n. 28 e 29, cf. AULETTA, Un giansenista, cit., 78.

sivas, Sedi Apostolicae, Summo Pontifici, universo clero et toti Ec- clesiae summopere iniuriosas, iurisdictionis, libertatis, immunitatis ecclesiasticae, unitatis Ecclesiae, et primatus romani Pontifices de- structivas, in schisma et in rebellionem manifestum tendentes, sa- pientes haeresim, erroneas, haeresi proximas, blasphemas, impias et etiam haereticas48.

2. Le ‘Riflessioni’ sul ‘Discorso istorico-politico’

Gli attacchi verso il Discorso spinsero l’autore a porre mano ad un commento alla sua opera, in cui – partendo dalla citazione di San Gregorio di Nazianzo che attribuisce a se stesso: “il molesto vien subito tacciato, qual miscredente” – ribadì e difese quanto a- veva già scritto. Il saggio, pubblicato anonimo nel 1789 sempre a Filadelfia (ovvero a Napoli), si intitolò Riflessioni sul discorso istori- co-politico e fu redatto sotto forma di Dialogo del sig. Censorini italia- no col sig. Ramour francese:

Fu mesi sono pubblicato un libro che porta il titolo: Discorso Isto- rico-politico dell’origine, del progresso, e della decadenza del potere de’ chierici su le signorie temporali, con un ristretto dell’istoria delle due Sicilie. L’opera occupò i pensieri di molti, e svegliò de’ partiti. Il signor Censorini n’ebbe notizia fin in Francia, dove presentata gli si era l’occasione di stringer amicizia col Signor Ramour, noto abbas- stanza per i suoi talenti. Il Censorini amante della verità fra le diver- se materie, che formavan argomento alla conversazione, fe menzio- ne della contesa italiana, e pregò il Ramour, che dopo aver ponderata l’opera, gliene comunicasse con sincerità il suo giudizio. Ecco l’origine della conferenza amichevole, nella quale vien ad esa- me ciocchè al libro si è cercato di opporre49.

Il colloquio fra i due protagonisti si apre con la richiesta da par- te del sig. Ramour di conoscere “donde nacque la rabbiosa conte-

48 Giornale ecclesiastico di Roma, mar. 1789, cf. AULETTA, Un giansenista, cit., 78; A. PEPE, “Istituzioni ed Ecclesiastici durante la Repubblica Partenopea”, Rasse- gna storica dei comuni, 15 (1989) 42.
49 G. CAPECELATRO, Riflessioni sul discorso istorico-politico dell’origine, del progresso, e della decadenza del potere de’ chierici su le signorie temporali, con un ristretto dell’istoria delle due Sicilie. Dialogo del Signor Censorini italiano col Signor Ramour Francese, Filadelfia sd, 3.

sa, e quali furono le proposizioni, che si vollero attaccare”50. Dopo aver affrontato la questione relativa a “quella lunga diceria sul ce- libato de’ Preti”, i due interlocutori dibattono sul problema dell’indipendenza della sovranità dei principi dal potere spiritua- le. Spiega Censorini: “Egli disse, che i Principi […] diventano l’immagine della Divinità, qualora […] procurano la pubblica felicità col premio alla virtù e col pronto gastigo del vizio”51. L’errore sarebbe con- sistito nel fatto che l’autore avrebbe dovuto sostenere che i principi sono stabiliti da Dio, senza entrare in altro dettaglio. Secondo il sig. Ramour quanto scritto dall’autore del Discorso corrisponde al vero, ed esprime il suo parere attraverso dotte citazioni di Seneca, Tacito, Platone e Cicerone: “I principi rappresentano la potenza divina […] perché tutte le nazioni convengono, che sia necessaria una forma di governo, addetta a mantenere la comune felicità del- la Repubblica. Iddio […] comunica i suoi diritti alla forma del go- verno; onde fu sempre saggiamente creduto, che fossero i principi stabi- liti da Dio, siccome dichiara il vostro Autore”52. Con particolare riferimento alla Chinea, Censorini pone in evidenza un altro argo- mento oggetto di critica: la presunta origine longobarda del- l’omaggio, che troverebbe giustificazione nell’utilizzo da parte di Roberto il Guiscardo della moneta di Pavia. Sul punto ritiene che l’argomento sia molto debole e che da esso non possa dedursi che la tassa fosse antica, visto che, anche in tempi recenti, spesso acca- deva che si convenisse di effettuare un pagamento con moneta e- stera, vale a dire con zecchini di Firenze, di Roma, di Venezia, di Olanda53. Il sig. Ramour contesta tale critica, ritenendo che “tanto succede, quando si vuol parlare del valore, e della proporzione delle monete, che si usavano nel secolo undecimo, colle idee de’ tempi correnti! Chi non sa la decadenza del lustro, e del lavoro delle zecche, accaduta in Italia?”54.

50 Ibidem, 5.
51  Ibidem, 40.
52  Ibidem, 42.
53  Ibidem, 76.
54 Ibidem, 77-78: “Un erudito scrittore, che trattò a lungo codesta materia sì va- sta, e scabrosa, crede, che le Zecche d’Italia abbiano scemato di lega dopo le sco- perte d’America, e del passaggio al Capo di Buona Speranza. Questa opinione distrugge quella vecchia prevenzion popolare, che dopo l’inondazione de’ metalli

Nella difesa del Discorso, le Riflessioni apportavano anche una appendice costituita da Documenti tratti dall’ultimo Concilio di Pisto- ja dell’anno 1786 pubblicato colla suprema autorità di Sua Altezza Reale il religioso ed illuminato Sovrano della Toscana Pietro Leopoldo, che con- fermano la vera dottrina del Vangelo, e le massime spese nel Discorso I- storico-Politico55. Il richiamo al sinodo di Scipione de’ Ricci – che re- se Capecelatro l’unico tra i vescovi italiani ad aver ardito pubblicarne ampi brani56 – consisteva in uno stralcio della Sessione V sulle Indulgenze, di cui si criticavano le larghe concessioni dietro la falsa lusinga di fare grandi guadagni; sul Celibato, la cui esatta osservanza, secondo Capecelatro, era spesso sorgente di amarissi- me lagrime; sulla riforma dei Regolari, ritenuta necessaria per limi- tare l’abuso dei privilegi e delle esenzioni cercati spesso per vanità, ed accordati per interesse e mire politiche. L’ultimo documento ri- guardava uno stralcio della Sessione III sulla limitazione del potere temporale della Chiesa, le cui pretese dovevano ritenersi irregolari, in quanto nate a seminare lo scandalo e la divisione delle società57.

Tale ulteriore scritto suscitò reazioni più aspre di quelle che a- vevano colpito per il suo precedente Discorso: infatti il Giornale Ec- clesiastico di Roma nel numero del 18 luglio 1789 lo criticò dura- mente, lamentando che “l’autore sempre nascosto, ma sempre bastantemente cognito […] invece di contestare cristianamente i

d’America siasi in Italia accresciuta notabilmente la quantità dell’oro, e dell’argento. Egli dimostra, che trecent’anni fa l’Italia era molto più ricca, e per conseguenza maggior quantità di metallo vi fosse; e che i generi valessero molto più, che ora. Le nostre proporzioni di zecchini, e di dobble non hanno che fare con la natura di que’ tempi di Roberto Guiscardo, e perciò il paragone non ha forza”.
55 Sul sinodo di Pistoia (19 – 28 settembre 1786) P. STELLA, L’oscuramento delle verità nella Chiesa dal Sinodo di Pistoia alla bolla Auctorem fidei (1786-1794), Libreria ateneo salesiano, Roma 1981; M. VERGA – B. B. BOCCHINI CAMAIANI, Lettere di Sci- pione de’ Ricci a Pietro Leopoldo, 1780-1791, Olschki, Firenze 1990; AA.VV., Il Sinodo di Pistoia del 1786: atti del Convegno internazionale per il secondo centenario: Pistoia- Prato, 25-27 settembre 1986, Herder, Roma 1991.
56 STELLA, Il giansenismo, cit., 258.

57 Osserva AULETTA, Un giansenista, cit., 91: “Ma più che dal conciliabolo di Pistoia, questa dottrina il Capecelatro l’aveva imparata alla scuola del Genovesi, secondo il quale: al sacerdozio non conviene altra cura salvo quella delle cose spi- rituali e tutto ciò che è temporale è sottoposto al governo dei sovrani”. Il riferi- mento è ad A. GENOVESI, Della diocesina ossia della filosofia del giusto e dell’onesto,  tip. Chianese, Napoli 1817, 87.

suoi errori e ritrattarli prende a sostenerli con maniere le più com- passionevoli e più indecenti con l’aggiungere errori ad errori”58. E cinque anni dopo, il 20 febbraio 1794, sopraggiunse anche la con- danna da parte della Sacra Congregazione del Sant’Uffizio con la seguente motivazione:

[…] nempe tamquam continentem propositiones pariter respec- tive falsas calumniosas, temerarias, piarum aurium offensivas, scandalosas, perniciosas, in utramque Potestatem seditiosas, prae- sertim vero Ecclesiasticae eversivas, Sedi Apostolicae, ac Summis Pontificibus, Universo Clero, & toti Ecclesiae summopere injuriosas, Iurisdictionis, Libertatis, Immunitatis Ecclesiasticae, Unitatis Eccle- siae, & Primatus Romani Pontificis destructivas, in Schisma, & in Rebellionem manifeste tendentes, sapientes Haeresim, erroneas, Haeresi proximas, blasphemas, impias, & etiam Haereticas. Hunc i- taque Librum sic prohibitum, & damnatum59.

Il coraggio del Capecelatro nel dare alle stampe un secondo saggio sul problema della Chinea – accumunabile forse solo a quel- lo dimostrato da Carlo de Nicola che, nella più che probabile co- mune ambizione di volersi mettere in mostra presso il governo borbonico, dopo l’edizione della citata Epitome istorica sul censo na- poletano del 1788, ne aveva dato alle stampe un’altra qualche anno dopo, tra il 1789 e il 1791, con l’aggiunta di un paragrafo intitolato I Vescovi consacrati indipendentemente da Roma60 – non tenne però conto del fatto che il quadro politico dei rapporti tra le due Corti romana e napoletana andava modificandosi proprio in quegli anni. Ma cosa era accaduto? A seguito di ulteriori screzi tra Regno e Chiesa che erano culminati nell’emanazione del dispaccio dell’11 ottobre 1788, con cui il governo napoletano aveva ordinato ai Ve- scovi di prendersi cura delle diocesi vacanti vicine a quelle che si amministravano61, le trattative tra i due governi erano ricominciate fino a concludersi il 28 aprile 1791 con un’intesa segreta fra il Papa

58  Giornale ecclesiastico di Roma, 18 luglio 1789, 217, cf. AULETTA, Un giansenista, cit., 80.
59 Archivio della Congregazione del Santo Uffizio, Censura librorum, 1794-95 n.1. Sull’argomento F. HEINRICH REUSCH, Der Index der verboten Bücher. Ein Beitrag zur Kirchen und Literaturgeschichte, Cohen, Bonn 1885, II, 931.
60 Sull’argomento rinvio a MASTROBERTI, Il diario, cit., 147.
61 LIOY, L’abolizione, cit., 719; MASTROBERTI, Il diario, cit., 147.

e il Sovrano, perfezionata con un accordo reso pubblico l’anno successivo62. Tale accomodamento – che previde l’attribuzione al Re della facoltà di nominare i Vescovi, salvo approvazione e con- sacrazione papale, con assoluto silenzio sulla questione relativa al- la Chinea – comportò inevitabilmente un mutamento nell’at- teggiamento da parte del governo napoletano verso gli autori delle opere sulla Chinea che furono pubblicate proprio in quegli anni, nell’ottica di non voler più irritare il Pontefice. Ma le Riflessioni del Capecelatro erano già state date alle stampe nel 1789 ed avevano circolato tantissimo, visto l’elevato numero di copie ancora oggi disponibili in Italia e in Europa. Con molta probabilità questa cir- costanza non poté che incidere negativamente sui rapporti tra il Capecelatro e l’Acton, che – scrive Mastroberti – era diventato im- provvisamente molto conciliante63. Ed infatti nel 1791, quando or- mai era tornato il sereno tra le due Corti, Ottavio M. Chiarizia nel- la sua opera intitolata Giannone da’ campi elisj, ovvero conferenze segrete tra un savio ministro di Stato e l’avvocato Pietro Giannone, in- torno ad importantissimi obbietti che riguardano il ben essere della na- zione Napoletana, in cui immaginò un dialogo tra Giannone con Ta- nucci e Caracciolo, definì i chineisti “importuni cicaloni” e “cagnacci” nei confronti dei quali il goveno provava disprezzo ed aveva “pronti li castighi per punirli”64.

L’acrimonia nei confronti  del  Capecelatro, che purtroppo  vide
trasformare quel suo atto di lealtà verso il Re in un vero e proprio tradimento, risulta fortemente evidente dal tenore di un’opera in due tomi di circa 700 pagine ciascuno, comparsa anonima e senza indicazione del luogo di stampa nello stesso 1794 – anno della condanna delle Riflessioni dal Sant’Uffizio – dal titolo Confutazione degli errori e calunnie contro la Chiesa e la Sovranità sparse in due libelli intitolati l’uno Discorso istorico-politico dell’origine, del progresso, e del- la decadenza del potere de’ Chierici su le signorie temporali con un ri- stretto dell’istoria delle Due Sicilie l’altro Riflessioni sul Discorso istori- co-politico & c. Dialogo del signor Censorini italiano col signor Ramour

62 Idem.
63 Ibidem, 154.
64 CHIARIZIA, Giannone, cit., 259-260. Cf. MASTROBERTI, Il diario, cit., 155.

francese65, attribuita dal Melzi66 al teologo domenicano Tommaso Maria Soldati67, già membro della commissione cardinalizia che aveva predisposto la bolla Auctorem Fidei di condanna del sinodo pistoiese, emanata anch’essa nel 179468. Ed, infatti, fu proprio il ri- chiamo a Scipione de’ Ricci, il fervente giansenista vescovo di Pi- stoia, del quale il Capecelatro aveva pubblicato in appendice alle sue Riflessioni alcuni decreti dello stesso concilio pistoiese, a spige- re il “teologo romano” ad avviare un’opera di demolizione dei due saggi dell’arcivescovo di Taranto. Si legge nel Ragionamento preli- minare alla Confutazione di Soldati:

Frattanto dall’adottazione de’ medesimi abbiamo una sicura ri- prova della lega, che passa fra il nostro Anonimo, e Monsignor Sci- pione de’ Ricci già Vescovo di Pistoja, e di Prato: onde nell’animo di chi volesse tenere per Padre o naturale o adottivo del Discorso, e delle Riflessioni sopra il medesimo un certo Arcivescovo, niuna im- pressione faranno gli elogi, che ad esso si profondono negli Annali Ecclesiastici, o per meglio dire nella Gazzetta Anti-Ecclesiastica di Firenze69.

Paragonata dallo stesso autore al Trattato della Politica della Chie- sa di Gian Antonio Bianchi con il quale veniva confutata l’Istoria civile del Giannone, la Confutazione di Soldati – ricca di note e cita- zioni teologiche e canonistiche – si proponeva di “far costare alla

65 Sull’opera cf. STELLA, Il giansenismo, cit., 261.
66 MELZI, Dizionario, cit., 241. L’opera fu stampata in realtà a Roma per i tipi  del Pagliarini.
67 Tommaso Maria Soldati (1735-1807), domenicano, teologo personale dell’Antonelli al tempo della redazione della bolla Autorem fidei (1794) di condan- na del sinodo di Pistoia e consultore teologo di mons. Caleppi durante le trattati- ve con i francesi a Firenze nel settembre 1796. Per questo motivo venne consultato dall’apposita congregazione. Nel 1801 ebbe la carica di segretario dell’Indice. Scrisse molto di politica e di teologia, quasi sempre anonimo. Gli scrittori del suo tempo lo chiamarono per antonomasia il “Teologo Romano”. Cf. Giornale arcadico di scienze, lettere ed arti, tomo CLXII della nuova serie, XVI (1859), 88; E.O. DE RI- CHEMONT, “Le première rencontre du pape et de la république française: Bonapar- te et Caleppi à Tolentino”, in Le Correspondant 152 (1897) 821.

68 STELLA, Il giansenismo, cit., 261 e 282.
69 SOLDATI, Confutazione, cit., 39. Scrive P. Stella, Il giansenismo, cit., 261: In ef- fetti un confronto tra gli assunti di riforma perseguiti da Ricci e quelli avanzati da Capecelatro non avrebbe tardato a rivelare il divario che esisteva negli orienta- menti di fondo tra i due prelati”.

Europa, che il Discorsivo Riflessionista di Filadelfia70 aveva tentato di sedurla con massime anti-cattoliche, e di sorprederla con impo- sture, forza era addurre le prove, e i documenti, onde risultasse, che le dottrine da lui proposte circa molti punti della nostra Reli- gione diametralmente ripugnavano a quelle, che la vera Chiesa di Cristo fondata sulla sacra Scrittura, e sulla costante tradizione in- segna, e che quasi tutti i di lui racconti non meritavano fede, per- ché contraddetti dalle memorie sicure dei tempi andati”71.

Si chiude così questo breve contributo sugli scritti chineisti del Capecelatro, opere fino ad oggi poco studiate che meriterebbero ulteriori approfondimenti.

70 Scrive SOLDATI, Confutazione, cit., 1: “Ho detto, che l’Autore del Discorso I- storico-Politico si mostrava istruito de’ Dogmi, che la Cattolica Chiesa insegna, non che li professava, perché dal Discorso, e dalla Difesa del Discorso, non solo non si ricava, che l’Autore delle dette Opere sia Cattolico, ma si deduce l’opposto, essendo tanto il Discorso, quanto le Riflessioni piene zeppe di proposizioni or da Gentile, or da Donatista, Valdese, Arnaldista, Wicleffiano, Luterano, e Calvinista, ed ora da miscredente, e da nemico di ogni Religione. Quindi non essendomi al- tronde nota la sua Cattolicità, non potevo darlo per Cattolico”.
71 SOLDATI, Confutazione, cit., XII. L’autore osserva che molte parti dei due sag- gi del Capecelatro coincidevano con un altro coevo opuscolo anonimo intitolato Discorso della Monarchia universale dei Papi, già confutato dall’abate F. Zaccaria. Tale opera anonima viene attribuita da MELZI, Dizionario, cit., II, 205 al “proposto siciliano Minei […] ajutato co’ lumi del sacerdote procidano D. Marcello Eusebio Scotti autore del Catechismo nautico, e della Osservazione corofrafica sopra Mi- seno e Cuma”. La possibile influenza dello Scotti sul Capecelatro trova riscontro nel fatto che anche quest’ultimo aveva dato alle stampe anni addietro un saggio sul Porto del Miseno, Napoli, sd.

Stefano Vinci
Ricercatore di Storia del Diritto Medievale e Moderno, II Facoltà di Giuri- sprudenza, Università degli Studi di Bari Aldo Moro.

fonte

https://www.researchgate.net/publication/230601348

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.