Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

I meridionali e siciliani prigionieri a Fenestrelle non vivevano più di tre mesi

Posted by on Gen 10, 2021

I meridionali e siciliani prigionieri a Fenestrelle non vivevano più di tre mesi

Per oltre 150 anni l’Italia ha nascosto la verità su Fenestrelle, una fortezza che si trova a pochi chilometri da Torino nella quale i piemontesi, subito dopo la ‘presunta’ unità d’Italia rinchiudevano i militari ‘prigionieri’ meridionali e siciliani che si rifiutavano di aderire a casa Savoia

“A Fenestrelle la vita media non superava i tre mesi. Alla fine, come riferì il ministro Della Rovere, circa 80.000 meridionali rifiutarono di servire sotto la bandiera italiana. Fuori dai campi di prigionia, i militari si rifugiavano nello Stato pontificio, magari offrendo i propri servigi al proprio re in esilio a Roma. Oppure finivano nelle bande di briganti a combattere i soldati italiani, che continuavano a chiamare piemontesi. In tanti non tornarono vivi da quella prigionia. Altre vittime della guerra di conquista del Mezzogiorno. Vittime di un Risorgimento violento cui si opponevano da sconfitti della storia”.

Gigi Di Fiore Controstoria dell’Unità d’Italia – Fatti e misfatti del Risorgimento. Focus Storia, pag. 178.

fonte

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.