Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

IL MATESE, I COSTUMI E GLI SCARPITTI

Posted by on Ago 3, 2021

IL MATESE, I COSTUMI E GLI SCARPITTI

Costumi

L’abito era preferibilmente di panno di lana o di cotone grossolano, a seconda della stagione. La camicia era di cotone di bianco, ravvivata da un fazzoletto legato sotto il mento di colore rosso.
Al di sopra della camicia si indossava un panciotto di pelle o di panno.


I pantaloni, sempre scuri, di panno di lana o di cotone, erano lunghi fino a sotto il ginocchio, con spacchetti ai lati che permettevano facilità di movimento, abbelliti da nastri rossi.
Le calze erano bianche, di lana o di cotone, mentre ai piedi si calzavano gli scarpitti. Immancabile era una cappa di lana tessuta in casa, o di panno scuro, identico ai pantaloni. Il colletto era alto a pistagnina e in qualche occasione con una duplice mantellina sulle spalle.
Il cappello di feltro poteva essere di colore nero o marrone con falde spioventi.

Le Calzature “Gli Scarpitti”

Prima dell’uso delle scarpe furono adoperati gli zampitti, calzature prettamente campagnole, analoghe alle ciocie laziali, ispirate all’antico modello dei calzari romani, nonché greci, cioè una specie di sandali con strisce di cuoio incrociate, dei quali troviamo larga testimonianza nell’iconografia dell’Italia del quattrocento. Erano usati sia dalle donne che dagli uomini.
A Scapoli vengono indicati con il termine di ciocie o ancora più comunemente scarpitti. Erano pezzi di pelle di asino, di bue, di cavallo o di maiale, poco più grandi della pianta del piede in modo da poter essere sollevati tutt’intorno, tenuti stretti su di essi e fermi mediante cordicelle annodate. Le stringhe, lucidate ed ammorbidite con olio di oliva o con grasso di maiale mescolato con fuliggine, salivano lungo la gamba in vari ed originali intrecci, per tenere ferme anche calze di pezza e si allacciavano al di sopra del polpaccio. L’uso degli scarpitti è attestato anche prima della seconda guerra mondiale; l’unica modifica del XX secolo, è rappresentata dalla sostituzione del cuoio con la gomma dei pneumatici d’auto.

scarpitti

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.