Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

Il plebiscito dei legittimisti

Posted by on Feb 5, 2021

Il plebiscito dei legittimisti

A’ 21 ottobre seguì il plebiscito, a mo’ di Franza, con suffragio universale, fuorché ne’ luoghi tenuti dal Re. Ciò dopo decretata l’annessione, con carceri piene de’ più considerati personaggi del Reame, con la potestà stretta nella setta, con dittatorio governo, con cinquantamila garibaldini, e migliaia di onnipotenti camorristi sparsi per ogni parte; ciò quando Vittorio, re da proclamarsi, stava con altri cinquantamila soldati sardi di guarnigione entro Napoli; con la guerra fervente, col terrore universale, tra il sangue e le persecuzioni. 

Cotante arme straniere a guarentigia delle fellonie, a sicurezza della conquista, assistevano al “libero” voto. Fu giorno di spavento. In ogni pur minimo paesello i faziosi, prese le sedi municipali ed i gradi Nazionali, sforzavano le volontà. Con essi erano contrabbandieri, speranti sempre durasse la cuccagna, proletari per mangiar senza fatica, ambiziosi per guadagnar soldi e croci, talun possidente illuso da promesse d’abolirsi le tasse fondiarie, galeotti fuor d’ergastolo, e facinorosi credendo più non fosser leggi: cotai genti, che n’ha ogni paese, davano vita al plebiscito. Dall’altra parte nessun uomo onesto metteva importanza legale a quell’abbozzo di comizii non più visti, opera di forza da durare quanto la forza; ciascun buono schifando quei brogli di piazza si serrava in casa. In tempi ch’a un girar di palpebra l’uomo era morto, e che, non che impunità, premio ne veniva all’assassino, salvar la persona era il pensiero generale. Talun minacaato andò per paura a dare la sua scheda; pensava: che guadagna Francesco col mio “No”? metto il “Si”, e sto quieto. In Napoli più giorni prima affissero cartelli, dichiaranti “nemico della patria” chi s’astenesse, o desse il voto contrario. Al mattino del 21 cominciarono i camorristi con suoni e bandiere a scorrere la città; poi primo il Dittatore pose il voto; poi il Prodittatore col municipio in forma pubblica; poi Garibaldini d’ogni nazione e lingua: Sirtori, Bixio, Turr, Eber, Eberardt, Rustow, Peard, Teleky, Megiorody, Dunn, Csudafy e quanti altri di tai barbari nomi eran li. Votarono stranieri quanti ne vollero venire, domiciliati o no; votarano giovincelli imberbi, e donne, e la “Sangiovannara”! In ogni luogo di comizio due urne palesi, acciò la paura vincesse la coscienza; e chi osava stender la mano a “NO”? ne tenevan coperta l’urna Nazionali e camorristi; questi porgevano le cartelle affermative, niuno le leggeva; dove qualche imprudente osò dimandare la cartella del “NO”, provò il bastone e il coltello. Con più ferite fu scacciato dal comizio di Montecalvario un vecchio, presenti gli eletti e i Nazionali. Nulla per far numero i dominatori dimenticarono; solo non piantarono l’urne nelle carceri piene di reazionarii, a sforzarli a’ “SI”. Eppure l’urne eran deserte: sul tardi i camorristi di quartiere in quartiere dettero il voto in tutti i dodici comizii. Non si confrontavano le tessere con le liste, né con le persone; né pure le tessere dimandavano; qualunque compariva era festeggiato. Da ultimo i sovrastanti, impazienti, riempivano l’urna a piene mani. Se ciò in Napoli, che nelle province? Il Rustow garibaldino (nel 2′ vol. pag. 114 delle sue Rimembranze) narra che a Caserta lo stato maggiore della sua divisione, ch’era di 51 uffiziali, né pur tutti presenti, si trovò d’aver dato 167 voti. Ne’ paeselli afferravano i passaggieri, e tiravanli a’ voti; e poi scorrazzando per le comuni vicine andavan per tutto empiendo l’urna. Ingannavano anche i contadini, dicendo i “Si” accennassero al ritorno di Re Francesco; e l’ignaro villico contento si pensava col suo voto richiamare il suo Re. Quei voti, moltiplicati con le mani, fu più lieve moltiplicare con la penna, per aggiustare una bella maggioranza.

fonte

http://www.brigantaggio.net/Brigantaggio/Documenti/Pebliscito.htm#legittimisti

1 Comment

  1. Basta leggere Curletti tuttofare di Cavour per sapere come venivano fatti i plebisciti in Italia!… ed e’ comunque un metodo scorrettissimo che si protrasse anche in occasioni successive all’unita’!.. colpa dell’analfabetismo o dell’intimidazione…e dell’assoluta mancanza di segretezza… caterina ossi

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.