Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria

Il rischio della fede “fai da te”: creare Dio a propria convenienza

Posted by on Set 10, 2016

Il rischio della fede “fai da te”: creare Dio a propria convenienza

ormai la Chiesa è attaccata da tutte le parti e Papa Francesco che si sente prima di tutto vescovo di Roma, in pochi comprendono la portata di questa posizione, è l’unica voce dissonante in questo pensiero unico e debole. Un gesuita con il nome Francesco non poteva non spaccare anche al suo interno e in tanti come me pregano per Papa Francesco che possa proseguire nella sua strada perché in questo caos globale c’è un vuoto che ancora nessuno è in grado di colmare. di seguito un interessante articolo con i riferimenti.

Claudio Saltarelli

Papa Francesco durante la propria riflessione in occasione della Udienza Generale di oggi ha ammonito i cristiani dal rischio di crearsi “una fede “fai di te” che riduce Dio nello spazio limitato dei propri desideri e delle proprie convinzioni“: meditando sul dubbio di Giovanni Battista se  Gesù fosse davvero il Messia, Bergoglio sottolinea come “anche oggi l’uomo costruisce immagini di Dio che gli impediscono di gustare la sua reale presenza” aderendo così ad una fede “che non è conversione al Signore che si rivela” e che finisce per impedire “di provocare la nostra vita e la nostra coscienza“.

Nel Vangelo di Matteo ascoltiamo la domanda di Giovanni Battista, “Sei tu colui che deve venire?” – ha commentato il Vescovo di Roma – Gesù risponde indicando le opere di misericordia eseguite con malati e bisognosi, e delle quali sono testimoni i discepoli del profeta.

Gesù, il Messia atteso, è lo strumento concreto della misericordia del Padre, che viene a incontrare tutti portando consolazione e salvezza, e attraverso i segni della bontà divina, chiama tutti alla conversione, per trovare il cammino di ritorno al Padre.

Il modus operandi di Gesù potrebbe scioccare molti, perché non è conforme all’idea che si erano creati di lui, ma ci invita ad accettarlo come il Messia che si rivela nelle opere compiute, rispettando la volontà del Padre.

Il cristiano crede nel Dio di Gesù Cristo, e ha il desiderio di crescere nella esperienza viva del Suo mistero di amore, che lo spinge alla missione di trasformare il mondo e la storia.

Vi invito a meravigliarvi delle opere di misericordia che Gesù compie nelle nostre vite per convertirci e divenire noi stessi degli artigiani di misericordia. – ha concluso Papa Francesco nei saluti – Affidandovi all’amore compassionevole di Dio Padre, prego perché siate colmi di pace e di gioia, e diventiate missionari della misericordia di Gesù verso tutti coloro che abitano nelle vostre case e comunità. Dio vi benedica!

e che la maronna v’accumpagna  (questa è mia)

fonte

papafrancesco.net

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: