Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

“Infinito” di Leopardi dall’italiano al napoletano con Maria e Massimo

Posted by on Giu 9, 2019

“Infinito” di Leopardi dall’italiano al napoletano con Maria e Massimo

L’INFINITO  

Sempre caro mi fu quest’ermo colle, e questa siepe, che da tanta parte Dell’ultimo orizzonte il guardo esclude.

= = = = = = = = = = = = = == = = = =

Ma sedendo e mirando, interminati Spazi di là da quella, e sovrumani Silenzi, e profondissima quiete Io nel pensier mi fingo; ove per poco Il cor non si spaura.

= = = = = = = = = = = = = == = = = =

E come il vento odo stormir tra queste piante, io quello infinito silenzio a questa voce vo comparando: e mi sovvien l’eterno, E le morte stagioni, e la presente E viva, e il suon di lei.

= = = = = = = = = = = = = == = = = =

Così tra questa Immensità s’annega il pensier mio: E il naufragar m’è dolce in questo mare.

Giacomo Leopardi

Autore della trasposizione l’Ing. Paolo Martino di Napoli

CHELLO CA NUN TENE FINE

=====================================

L’aggio tenuto sempe dint’ ’o core stu pizzo ’e muntagnella sulitaria e st’arravuoglio ’e frasche ch’è nu muro ca m’annasconne addó fernesce ’o mare.

=======================================

Ma si m’assetto e guardo i’ me figuro ’na luntananza ca nun tene fine, ’nu silenzio ca mai nisciuno ha ’ntiso, ’na pace ’e Dio ca manco mparaviso. Troppo pe’ n’ommo, quase fa paura.

======================================

E quanno ventulea mmiez’ a ’sti fronne chillu silenzio ca me dà ’o scapizzo cu ’sta voce d’ ’o viento se cunfronna e me veneno a mente ’e ccose eterne ’nzieme cu chelle ca se so’ perdute e penzo ’e tiempe ’e mo e ne sento ll’eco. ======================================

Cu ’o penziero me sperdo int’ ’o sprufunno e doce doce me ne vaco ’nfunno.

Traduzione di Paolo Martino

Paolo Martino è professore ordinario di linguistica e glottologia all’Università LUSMA di Roma; 

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.