Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

LA FACCIATA SOFFOCATA

Posted by on Mag 30, 2019

LA FACCIATA SOFFOCATA

I segni della damnatio memoriae che i Savoia all’indomani dell’unità d’Italia (annessione del Regno delle Due Sicilie al Regno di Sardegna), perpetrarono ai danni della dinastia Borbonica sono davvero tanti; stemmi ricoperti, toponomastica cambiata, re fatti cadere nell’oblio. Mi riferisco ai re successivi a Carlo, che comunque viene ricordato come re di Spagna, e non come il primo re borbonico che ridiede dignità e indipendenza al Regno delle Due Sicilie sottraendolo dalla sfera di influenza spagnola.

 I discendenti di Carlo, da Ferdinando in poi, quelli che diedero vita al ramo dei Borbone di Napoli e che seppero continuare quel periodo di governo lungimirante improntato all’innovazione e alla cultura inaugurato proprio da Carlo di Borbone (non III di Spagna; ahimè, io sono proprio originaria di quella piazza napoletana che reca nell’intitolazione al sovrano, proprio tale numerazione), per i Savoia dovevano scomparire dalla memoria di tutti i napoletani (come si può notare osservando i sovrani di Napoli fatti posizionare nelle nicchie della facciata del palazzo reale cittadino da casa Savoia). Ma l’arte non si distrugge cari miei, ed ecco che dal Largo di Palazzo (Piazza del plebiscito se preferite) ergono trionfanti le due statue equestri raffiguranti padre e figlio, Carlo e Ferdinando, in posa e in abiti classici, in una delle più grandi piazze di Napoli, apoteosi del Neoclassicismo, non per niente fatte eseguire da Canova, e portate a compimento dal suo allievo Calì.

Ma l’arte a volte si può coprire, occultare con degli artifizi, offuscare alla vista mediante stratagemmi. Questo è il caso per me più eclatante, di cui tanti napoletani ancora oggi non si accorgono, di come i Savoia scalzarono in ogni modo la memoria storica di una dinastia che per la città e per tutto il regno aveva fatto tanto bene.

Avete presente il Real Teatro di San Carlo, la prima grande impresa artistica in cui si imbarcò Carlo appena diventato sovrano, con esiti straordinari, sia per realizzazione che per tempistica, perché capì che una grande corte europea, prima di una reggia aveva bisogno del suo gran salotto, un luogo d’arte, dove potersi intrattenere anche per altro, che accogliesse in special modo il fior fiore della diplomazia straniera.

Teatro che ahimè andò distrutto in un incendio successivamente, ma che il figlio e successore di Carlo, Ferdinando, seppe far ricostruire con la stessa tenacia e velocità di suo padre.

Quel Teatro, simbolo nella città della grandezza e magnificenza della corte borbonica, fu volutamente sfregiato dai Savoia; no certo, mica lo toccarono o modificarono. La cosa non doveva apparire, doveva sfuggire, doveva essere in una parola subdola.

I grandi monumenti e le grandi architetture hanno bisogno di aria, del loro spazio per poter essere ammirate, per poterne apprezzare l’intero aspetto prospettico, nonché senz’altro la facciata principale dell’opera. 

Ora io non sono un architetto ma una semplice estimatrice dell’arte e di tutto ciò che di bello ci circonda, ma il fatto  di non poter godere della vista della facciata del Teatro San Carlo in lontananza, mi fa un po’arrabbiare; dopo l’arrabbiatura, rifletto, e penso, sempre non da intenditrice, che forse quella vista avrei potuto godermela se tra il 1887 e il 1890, qualcuno non avesse fatto costruire la Galleria Umberto I, proprio in quel punto, di fronte la facciata del magnifico teatro della mia città, il più antico teatro lirico d’Europa.

Ripeto, io non sono una cima in merito, ma perché costruire un monumento maestoso quasi attaccato ad un altro? Che senso ha? Personalmente non credo di averlo riscontrato altrove; se non ci avete mai fatto caso, rifletteteci, forse il mio discorso non è completamente campato in aria.

Una domanda: qualcuno si ricorda dove si trova l’altra galleria saboiarda fatta costruire nella città di Napoli? Semplice, probabilmente di fronte a un’altra architettura costruita durante il governo di un re Borbone… controlliamo?

Cinzia Perrone

fontehttps://giustinutrimenti.blogspot.com/2018/09/la-facciata-soffocata.html?fbclid=IwAR3Ijlrmn8kadx9DcezcUiIXFn79mGvLrKwOpQVMHxmK6-NxehL7uxnbG6I

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.