Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

LA STAMPA E’LIBERA?

Posted by on Ott 19, 2021

LA STAMPA E’LIBERA?

È una vergogna come la stampa ufficiale, salvo poche eccezioni, e la televisione pubblica in particolare si siano venduti all’attuale governo, per non parlare dei sindacati, che meriterebbero di essere abbandonati dai loro iscritti. Non capisco perché tutti mentono e inneggiano a Draghi, che nei prossimi anni sarà ricordato come il tiranno democratico d’Italia. Proprio non capisco. Tutti mentono e tutti inneggiano a quest’uomo, il novello messia dei nostri giorni. Quanta ipocrisia. Si è persa la capacità di pensare con la propria testa. Ieri, Monti si imponeva con la tassazione, oggi Draghi s’impone con il dispotismo e il ricatto.

Chiunque saprebbe governare con questi sistemi. Che bravura c’è in tutto ciò? Come giustificare questo accanimento contro la popolazione, che calpesta i principi fondamentali delle libertà costituzionali. Applaudite, applaudite! Allo stesso modo, anche Conte avrebbe potuto continuare a governare! E no, sento una voce che dice: «Con Conte non tutti avevano una poltrona nel governo». Oggi si, e vanno tutti d’amore e d’accordo con Draghi. Fuori dal governo è rimasto solo un partito. Pensate come sarebbe stato se non ci fosse stato nessun partito ALL’OPPOSIZIONE. Una vera dittatura democratica! C’era bisogno di un Draghi che sputasse fuoco dalle fauci per tiranneggiare gli italiani? Chiunque avrebbe saputo fare la stessa cosa. Che dire? Guardiamoci intorno, uno spettacolo indecoroso ci offrono ogni giorno gli uomini di partito: doppiezza, falsità, ambizione e sete di potere! Con il green pass la popolazione non ha acquisito nessuna libertà, una parte ha accettato liberamente il ricatto per convenienza prima dell’estate senza riflettere sulle conseguenze. La televisione e i giornali non hanno fatto altro che influenzare ogni giorno la popolazione con le loro trasmissioni e parole. Quanti vaccini ha comprato il governo e a quali condizioni? Se gli italiani non si vaccineranno tutti, che succederà?

In prossimità dell’estate scorsa, i vaccinati erano ancora pochi. In qualche modo bisognava costringere la popolazione a farlo. Ecco il ricatto, un green pass che attesti l’avvenuta vaccinazione; pensato inizialmente per andare all’estero, diventa un lasciapassare per tutto: se non ti vaccini non puoi viaggiare, non puoi andare al ristorante, al cinema, al teatro, al museo, al bar… E gli italiani per essere “liberi” hanno accettato il ricatto. Con questo non dico che il cittadino non doveva vaccinarsi, assolutamente no, ma doveva essere libero di farlo o di non farlo. Vaccinarsi? Su questo ci sarebbe da discutere non poco. È un vaccino sterilizzante alla vecchia maniera o una terapia preventiva, detta vaccino, senza garanzie? È l’unica arma che abbiamo al momento, si diceva. Ma non si sono preoccupati di cercarne un’altra. Perché? Questo è il punto. Ogni terapia sperimentata dalle équipe mediche è stata affossata. Cui prodest?

Molti, soprattutto i giovani, pur di essere liberi di muoversi durante l’estate hanno “liberamente” accettato il ricatto, ma l’espediente non ha sortito l’effetto desiderato dal governo. L’estate è passata, resta una buona fetta di italiani, che non si fida di questo vaccino e non si è vaccinata. Non ci sono garanzie sugli effetti futuri. Il governo insoddisfatto del risultato escogita un secondo ricatto: Chi non si vaccina non può lavorare. Che dice la Costituzione? 1. L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione. — 3. Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. Pari dignità? Una Repubblica democratica fondata sul lavoro? Il ricatto del governo è un atto dispotico, che la popolazione non può accettare. Giornali, Tv, politici, sindacalisti e uomini influenti, fatte poche eccezioni, volutamente ignorano queste parole e sostengono i ricatti del governo; anche la magistratura tace. La Costituzione è passata di moda. Che uomo questo Draghi. Eppure non sono passati molti anni dall’ultima guerra e vivo è ancora il ricordo della passata dittatura fascista. Questo governo e quelli che lo sostengono condannano pubblicamente il fascismo ma di fatto usano gli stessi mezzi dispotici e intimidatori del fascismo. Giù la maschera, uomini di potere, l’ipocrisia e la falsità sono vostre prerogative. Sentirvi parlare è umiliante, vi atteggiate a liberali e “impicchereste” senza rimpianti chi la pensa diversamente da voi.

Quale fiducia si può dare a chi come lo stimato prof. Tremonti, ex ministro, per risolvere il problema dei non vaccinati vorrebbe una legge che obbligasse tutti a vaccinarsi? La sovranità appartiene al popolo… (che la esercita solo quando vota, dopo di che, compiuta la sua missione, non serve più) dice la Costituzione, ma per “opprimere” il popolo basta fare una legge. Al posto del ministro Tremonti e di altri che la pensano come lui, avrei piuttosto proposto al governo di regalare un milione di euro a chi avesse scoperto una cura efficiente per curare l’influenza da covid. Ma perché cercare una cura se c’è un vaccino? Basta vaccinare tutti…

Non capisco perché, chi è vaccinato può contrarre il virus e trasmetterlo agli altri ma avendo il green pass può andare dove vuole mentre chi non è vaccinato può trasmettere il virus al pari del primo ma non può andare al lavoro. Perché il primo può lavorare e il secondo no? Dov’è il problema? Il primo ha meno probabilità di occupare un posto in ospedale, il secondo ne ha di più. Ma se ci fosse una buona cura domiciliare, avrebbero ambedue le stesse probabilità e il vaccino non servirebbe. Che dire?

Tutti mentono. Cento milioni di green pass scaricati, si è detto oggi alla Tv. Ma gli italiani non sono circa 60 milioni?

Salerno 17 ottobre 2021

Vincenzo Giannone

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.