Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

Le chiacchiere napoletane

Posted by on Mar 14, 2021

Le chiacchiere napoletane

Nell’epoca romana le chiacchiere venivano chiamate frictilia perché fritte nel grasso di maiale. Si presume venissero preparate durante i Saturnali, feste dalle quali è scaturito il nostro Carnevale. Tuttavia hanno assunto il nome che conosciamo noi grazie alla Regina Margherita di Savoia.

Racconta la leggenda che a Napoli la Regina chiese al fidato cuoco di corte Raffaele Esposito un dolce che accompagnasse alla perfezione le chiacchierate pomeridiane con i suoi ospiti: di lì lo chef reale ebbe l’intuizione geniale arrivata fino a noi.

Oltre che con il nome di chiacchiere, queste frittelle dolci sono conosciute anche come bugie, frappe, cioffe, strufoli o fiocchetti. Anche all’interno della stessa regione, poi, le chiacchiere possono essere chiamate con nomi diversi. Un esempio? In Piemonte va bene chiamarle sia risòle che gale che bugie; in Emilia si chiamano sfrappole, intrigoni oppure pizze fritte. A Venezia, invece, le chiacchiere vengono chiamate galàni o crostòli.

Quale che sia il nome con cui siamo abituati a chiamare le chiacchiere, la loro preparazione è facile.

Ingredienti

450 g di farina

50 g di burro

3 uova

60 g di zucchero

40 g di liquore (brandy o anice o grappa)

Una buccia grattugiata molto finemente d’arancia o limone

Succo di mezzo limone

Un pizzico di sale

Olio di semi per friggere

Zucchero a velo


Versare la farina in una ciottola. Aggiungere le due uova con lo zucchero, la buccia di arancia o limone grattugiata, il succo di mezzo limone, un pizzico di sale e mescolare leggermente gli ingredienti con una forchetta.

Aggiungere il burro precedentemente riscaldato a bagnomaria e il liquore e impastare tutto fino a quando l’impasto risulterà ben amalgamato. Formare una palla con l’impasto e avvolgerlo in pellicola da cucina. Lasciare riposare in frigo per 30 minuti.

Trascorso questo tempo, prendere l’impasto e iniziare a stendere le chiacchiere sottili con l’aiuto della macchina per la pasta o con un semplice matterello infarinando bene le sfoglie. Prendere una rotella dentellata (o anche semplicemente un coltello) e tagliare la sfoglia creando le varie forme delle chiacchiere.

Solitamente le forme sono dei quadrati o dei rettangoli con delle incisioni al centro. 

Nel frattempo prendere un pentolino o la friggitrice e iniziare a friggere le chiacchiere in olio di semi.

Lasciarle scolare accuratamente su carta assorbente. Quando saranno cotte, si potranno spolverare con zucchero a velo, prima di servirle. Sono buone anche fredde.

Liana Marabini

fonte

https://lanuovabq.it/it/le-chiacchiere-napoletane

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.