Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

LE LACRIME DI LINA SASTRI PER LA NOSTRA STORIA

Posted by on Apr 9, 2022

LE LACRIME DI LINA SASTRI PER LA NOSTRA STORIA

La Profezia di Luigi Ceccarelli ne l’epilogo “li chiamarono briganti”

‘O sanghe è passato ancora, ‘ncoppa a ‘sta terra amara.

‘A morte se fa destino, ‘o sfreggio addiventa storia;

‘o fierro ha scannato ê pate ‘nnanze a ll’uocchie d’‘e criature;

chiagneno senza arricietto, ‘e piccerille …annure.

L’Italia s’accresciarrà c’‘o latte d’arraggio e ‘o rancore:

sarranno cittadine senza nisciun’onore,

Sarranno terre luntane e lacreme e bastimente

o mezzo pe te scurdà ‘e tuorte e ‘e tradimente,

pe nun assaggià ‘e cumanne d’‘e suldate dinto ê ccase noste,

‘e ‘nzulte, ‘e turmiente ‘e scuorne ca traseno dinto all’ossa.

E sarrà l’arte ‘e campà, nun credere cchiù a nisciuno;

sarrà ll’arte ‘e ‘mbruglià, pe nun se cuccà diune;

sarranno guappe e ‘mpechere, mariuole, sante, ruffiane;

sarranno duche e zandraglie, prievete e ciarlatane,

prufume dint’ê palazze, puttane e parapalle,

vasce ummide e scure, vocche cu ‘o sciato ‘e cepolle,

‘na pizza cu ‘o nomme ‘e riggina ‘e chi fuje ‘o nemico d’ajere;

‘e nepute ‘e chi fuje Brigante sarranno carabbiniere.

Sarrà ‘na ferita aperta, sotto a ll’acqua e ô sole,

 ‘nu cuorpo ca se stuta senza jettà ‘n addore,

‘n allucco senza voce ca passa pe terra e ‘e città,

‘na ‘nziria senza nomme tutt‘a notte te vene a truvà.

Gente senza pace truvarrà giuste ‘e pparole

pe meglio annasconnere ‘e ccose ca dicere nun vole.

S’arape sempe ‘a capa pe chello c’ha fatto ‘o core.

Sarrà te scurdà ‘a ‘nnucenza, sarrà ll’ammore,

sarrà recità ‘a cummeddia p’‘e strate e pe dinto ê liette,

sarrà fà suffrì a chill’ato sulo pe fà dispietto

e ‘o friddo scava ‘a cuscienza mentre l’estate l’appiccia.

Ma pe ll’uommene d’‘a terra mia nun sarrà cchiù giustizia.

Ma io canto, canto, canto. Canto pe tutte quante,

canto pe dà curaggio, canto pe dà speranza,

canto p’‘a dignità c’avimmo avuto tanto:

canto ‘nu canto d’uommene ca so’ state Brigante!

La profezia (tradotta in italiano)
dal film “Li chiamarono briganti” recitata da Lina Sastri.

Il sangue è scorso nuovamente su questa terra amara.

La morte si fa destino, lo sfregio diventa storia;

il ferro ha sgozzato i padri davanti agli occhi dei bambini.

Piangono disperatamente i piccoli, nudi.

L’Italia crescerà con il latte della rabbia e del rancore.

Saranno cittadini senza nessun onore,

saranno terre lontane e lacrime e bastimenti

il mezzo per dimenticarti i torti e i tradimenti,

per non assaggiare i comandi dei soldati nelle nostre case,

gli insulti, i tormenti, le vergogne che penetrano nelle ossa.

E sarà l’arte di campare e di non credere più a nessuno,

sarà l’arte di imbrogliare per non andare a letto digiuni,

saranno guappi e mestatrici, ladri, santi, ruffiani,

saranno duchi e femmine da trivio, preti e ciarlatani.

Profumi nei palazzi, puttane e gonne ampie,

bassi umidi e scuri, bocche con l’alito di cipolla,

una pizza col nome della regina di chi fu il nemico di ieri;

i nipoti di chi fu Brigante saranno carabinieri.

Sarà una ferita aperta sotto l’acqua e il sole,

un corpo che si spegne senza alcun odore,

un grido silenzioso che attraversa campagne e città,

una stizza senza nome che ogni notte viene a trovarti.

Gente senza pace troverà giuste parole

per meglio nascondere ciò che non vuol dire.

Ci si scervellerà sempre per ciò che ha fatto il cuore,

sarà dimenticarti l’innocenza, sarà l’amore,

sarà recitare la commedia per strada e nei letti,

sarà per far soffrire l’altro solo per fargli dispetto

ed il freddo scava la coscienza mentre l’estate ti accende,

ma per gli uomini della mia terra non ci sarà giustizia.

Io, però, canto, canto, canto. Canto per tutti quanti,

canto per dare coraggio, canto per dare speranza,

canto per la dignità… che abbiamo avuta tanta:

canto un canto di uomini che sono stati Briganti!

ricercata e prima traduzione di

Gianandrea de Antonellis

tocco finale di

Erminio De Biase

2 Comments

  1. Grande Lina Sastri. Una voce straziante per la tragedia di un popolo.

  2. Anche senza leggere le parole di cui pero’ ringrazio per averle postate…bastava la voce e l’emozione calzante in uno scenario di solitudine e di storia a coinvolgerci e partecipare in un crescendo…fino al canto?..o forse e’un grido liberatorio!..
    Stupendo! caterina ossi

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.