Alta Terra di Lavoro

già Terra Laboris,già Liburia, già Leboria olim Campania Felix

L’equazione del tempo a P.zza Dante a Napoli

Posted by on Lug 2, 2016

L’equazione del tempo a P.zza Dante a Napoli

articolo importante preso da un sito meritevole di attenzioni, alla fine i riferimenti

 

Piazza Dante, conosciuta un tempo come Foro Carolino o Largo Mercatello, nasconde un segreto, nato non da torbide passioni o da oscuri passati, ma da un’arte che si diffuse nel corso dei secoli fino a diventare oggi la base di qualsiasi nostra azione: la scienza.

L’ingresso del Convitto Vittorio Emanuele è sormontato da un torrino con due orologi, ma perchè due?

Ebbene, è qui che nasce il segreto, custodito in un piccolo orologio realizzato nel 1853. Il marchingegno, così piccolo rispetto al compagno che lo sovrasta e che all’apparenza potrebbe sembrare che segni l’ora sbagliata, è unico in Europa.

Difatti l’orologino vanta di essere l’unico strumento, nel giro di chilometri e chilometri, in grado di segnare l’Equazione del tempo.

Questa teoria che andrebbe spiegata attraverso complessi ragionamenti e analisi sull’inclinazione dell’asse terrestre, può essere riassunta in una semplice constatazione: quello che noi chiamiamo mezzogiorno, l’esatto istante in cui nei nostri orologi le due lancette si sovrappongono, l’istante in cui il nostro stomaco comincia a brontolare per la fame, è in realtà un mezzogiorno convenzionale. Convenzionale, poichè ogni giorno solare non ha la stessa durata di quello precedente, e stando a questi cambiamenti l’istante “mezziogiorno” sarebbe sempre diverso: una differenza di pochi secondi, ma se calcolata nell’arco di mesi, può arrivare anche a 15 minuti. Per renderci conto: la differenza tra il mezzogiorno solare e il mezzogiorno convenzionale su Marte raggiunge anche 50 minuti.

L’Equazione del tempo racchiude appunto questa differenza: nata dall’azione combinata tra l’inclinazione dell’asse e l’eccentricità dell’orbita della Terra. Per anni il prezioso oggetto che la adopera è rimasto fermo, ma un giorno una docente del Convitto decise di studiare a fondo la vicenda, riportando in funzione questo magnifico manufatto che rende Piazza Dante l’unico luogo d’Europa in cui si può conoscere l’ora esatta.

Roberta Montesano

fonte storiedinapoli.it

 

orologo

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.